Questo mondo è per te

Film 2011 | Commedia +13 82 min.

Anno2011
GenereCommedia
ProduzioneItalia
Durata82 minuti
Regia diFrancesco Falaschi
AttoriMatteo Petrini, Domenico Diele, Glen Blackhall, Arianna Ninchi, Paolo Migone, Massimiliano Bruno Sergio Sgrilli, Roberto Marini, Edoardo Natoli, Fabrizia Sacchi, Cecilia Dazzi, Paolo Sassanelli, Eugenia Costantini.
Uscitavenerdì 1 aprile 2011
DistribuzioneVideofactory
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,65 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Francesco Falaschi. Un film con Matteo Petrini, Domenico Diele, Glen Blackhall, Arianna Ninchi, Paolo Migone, Massimiliano Bruno. Cast completo Genere Commedia - Italia, 2011, durata 82 minuti. Uscita cinema venerdì 1 aprile 2011 distribuito da Videofactory. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,65 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Questo mondo è per te tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Francesco Falaschi racconta il periodo di formazione grazie al quale il protagonista, Teo, diventa grande. In Italia al Box Office Questo mondo è per te ha incassato nelle prime 8 settimane di programmazione 45,7 mila euro e 19 mila euro nel primo weekend.

Questo mondo è per te è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,65/5
MYMOVIES 2,25
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,87
CONSIGLIATO NÌ
Un film a basso budget con bravi attori e una buona regia.
Recensione di Marianna Cappi
giovedì 31 marzo 2011
Recensione di Marianna Cappi
giovedì 31 marzo 2011

Teo ha 19 anni, l'esame di maturità tra pochi minuti, un padre irascibile e rompiscatole e una madre in cerca di libertà, in campagna, con un altro uomo. Il sogno di Teo è quello di fare lo scrittore. Vorrebbe iscriversi alla scuola Carter, ma gli servono 7mila euro che non ha. Non ha nemmeno un lavoro. Intanto al padre viene diagnosticato un grave male e anche Chiara, la ragazza che ha appena conosciuto e che gli fa girare la testa, minaccia di andarsene, in Armenia, alla ricerca del primo vitigno dell'umanità.
Quattordici anni dopo Ovosodo, si torna in Toscana - non a Livorno ma in Maremma - per raccontare il romanzo di formazione di un ragazzo ricco di buone intenzioni e povero di mezzi reali, che si trova a dover fare i conti con una giostra di lavoretti precari e vede i compagni più benestanti trovarsi la strada spianata davanti senza dover faticare, anche se forse quella strada per loro non è giusta o non è proprio onesta.
Il film, che non aggiunge una virgola a quanto visto e rivisto, porta coraggiosamente la firma di Francesco Falaschi - autore del ben più interessante Emma sono io - ma nasce, in realtà, da un laboratorio della Scuola di Cinema di Grosseto, di cui Falaschi è direttore. Nell'ottica dell'esercitazione, tutto acquista un altro senso e un altro peso, anche se certo non migliora la visione.
Diventa, perciò, apprezzabile la modalità di ripresa, quasi totalmente in esterni, che si giustifica con il basso budget senza che i costi ridotti facciano mai apparire troppo carente il girato; e una nota di merito va anche alla voce recitazione: a Edoardo Natoli, ormai in grado di dipingere un carattere con pochissimi tocchi, e anche al protagonista, Matteo Petrini, che, nonostante indossi un personaggio assai banale (e la "precarietà sentimentale" non è più un alibi accettabile) regge bene i duetti con Dazzi e Sassanelli. (Meno bene quello di sguardi con Fabrizia Sacchi).
Si fatica invece a farsi piacere il racconto, specie perché gli avrebbe giovato andare in una direzione di semplicità e di stilizzazione e invece si affanna a riempirsi di elementi che non hanno poi uno sviluppo - come la chiamata in causa di Fante, Bukowski e Bianciardi - o, se ce l'hanno, è troppo sbrigativo, come nel caso del cinema galleggiante.
Il titolo s'ispira a una bellissima poesia di Rodolfo Wilcock, ma nel film, purtroppo, di poesia ce n'è davvero pochina.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Il 19enne grossetano Teo, fresco di diploma, ha ambizioni di scrittore, ma una grave malattia del padre lo costringe a rendersi economicamente autonomo e a entrare nella giostra dei lavori precari, spesso assurdi e grotteschi. Col suo ruvido carattere di toscanaccio si trova male ma, aiutato dall'assennata Chiara che corrisponde al suo amore, rimane a galla e nuota verso un futuro migliore. Col suo 3° film Falaschi gioca in casa. Da esperto direttore di recitazione, punta sulla parlata toscana di costa (tirrenica, un po' ripulita) dei suoi interpreti: Petrini se la cava con disinvoltura, ma anche gli altri (la Chiara di Costantini, il padre di Sassanelli, l'abituale Dazzi, i corsisti di una scuola di cinema) non sfigurano. Ne esce un vivace, simpatico, un po' frastagliato racconto di formazione.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
QUESTO MONDO È PER TE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€3,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 15 aprile 2011
momilla

  E' una commedia un po' particolare, la storia d'amore c'è ma  atipica, non assorbe tutto il flusso della narrazione. Il personaggio attorno al quale ruota tutto è Teo, antieroe per caso, che non ci guida verso un happy end, magari forse dimostra di non essersi arreso. E' un film che all'inizio  sembra più comico, poi si scava nell'am [...] Vai alla recensione »

venerdì 15 aprile 2011
chicco73r

"Questo mondo è per te"  è un film a low budget - ma non si vede -  che si avventura con  naturalezza nei terreni scivolosi del precariato e del disagio sociale e esistenziale, e ne esce vincitore  attraverso un racconto a volte toccante  e quasi sempre divertente. Il ritmo presenta le variazioni necessarie a costruire il racconto di formazione di [...] Vai alla recensione »

sabato 16 aprile 2011
MarinaD

Progetto di cinema indipendente decisamente interessante! L'interpretazione è fresca e spontanea ma, allo stesso tempo, si percepisce lo studio meticoloso dei minimi dettagli. Nulla è lasciato al caso. Impalpabili sfumature introspettive sorprendono lo spettatore, che vive l'evoluzione della trama piacevolmente in prima persona. Da vedere!

lunedì 18 aprile 2011
momilla

Quattro amici dopo l'esame di maturità  di fronte ad un futuro già  in parte prefigurato. Ma uno di loro, Teo, viene travolto dalle  sventure della sua fragile famiglia: un padre (Paolo Sassanelli, ennesima prova di attore vero) immaturamente colpito da un male incurabile  e una madre-peter pan (Cecilia Dazzi, all'altezza del ruolo) in perenne fuga da tutto. Te [...] Vai alla recensione »

venerdì 15 aprile 2011
momilla

E' una commedia un po' particolare, la storia d'amore c'è ma è atipica, non assorbe tutto il flusso della narrazione. Il personaggio attorno al quale ruota tutto è Teo, antieroe per caso, che non ci guida verso un happy end, magari forse dimostra di non essersi arreso. E' un film che all'inizio sembra più comico, poi si scava nell'amarezza delle rinunce e delle occasioni perse.

lunedì 18 aprile 2011
momilla

Finalmente un film con protagonista un  liceale ma senza giovanilismi, senza primi o ultimi baci. Senza gaglioffi visti con benevolenza e crisi ormonali assurte a centro della vicenda. In Toscana,  con andamento un pò disordinato e rapsodico,  si snoda un'estate agra dopo gli esami. Teo fa i conti con i primi tradimenti e le prime rinunce, con l'assurdità  [...] Vai alla recensione »

FOCUS
INCONTRI
martedì 29 marzo 2011
Ilaria Ravarino

Potevo fare 100.000 volantini. Invece ho fatto un film». Il signor Giuliano Vannini, che alla toscanissima conferenza di Questo mondo è per te tutti toscanamente chiamano il Vannini, di mestiere non fa il cinema. Lavora in ufficio, a Prato, come direttore finanziario di una nota catena di discount alimentari, e da giovane si sentiva portato per gli studi classici: «Quando facevo le medie i professori dicevano che sarebbe stata la mia strada.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Fabio Ferzetti
Il Messaggero

A forza di Notti prima degli esami ci eravamo dimenticati cosa significa fare la maturità, entrare nella vita, affrontare le prime occasioni e le prime rinunce. Ce lo ricorda con vivacità e un filo di non ovvia malinconia Questo mondo è per te, piccolo romanzo di formazione maremmano diretto da Francesco Falaschi (il regista di Emma sono io), film-laboratorio della Scuola di Cinema di Grosseto diventato [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
Liberazione

La commedia seriale fagocita tutto, nel cinema italiano. Soprattutto quei film intelligenti e un po' sfrontati che arrivano da registi che, pur avendo già ampiamente dimostrato talento e capacità di metter su pellicole di valore (Emma sono io più di Last Minute Marocco), continuano a dover lavorare con poche risorse. Francesco Falaschi, però, è uno capace e caparbio, senza finanziamenti - se non il [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati