The Eye

Film 2002 | Thriller 98 min.

Regia di Danny Pang, Oxide Pang Chun. Un film con Angelica Lee, Lawrence Chou, Chutcha Rujinanon, Yut Lai So, Candy Lo. Genere Thriller - Gran Bretagna, Tailandia, Cina, 2002, durata 98 minuti. - MYmonetro 3,13 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi The Eye tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Terrorizzante. Senza versare una sola goccia di sangue.The eye racconta la storia della giovane Mau, cieca dall'età di due anni. Al Box Office Usa The Eye ha incassato 31,4 milioni di dollari .

The Eye è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,13/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,95
CONSIGLIATO SÌ
Recensione di Andrea Chirichelli
Recensione di Andrea Chirichelli

Terrorizzante. Senza versare una sola goccia di sangue.The eye racconta la storia della giovane Mau, cieca dall'età di due anni, che, a seguito di un trapianto corneale, comincia ad essere perseguitata da ombre e allucinazioni. Diretto dai fratelli Pang, il film mescola perfettamente i canovacci del cinema di genere horror-soft, in cui la tensione è generata non tanto dal visibile ma dall'immaginato, con una struttura ed un'eleganza formale di rara perfezione che, alle volte, scade nel formalismo tout court soprattutto nelle scene in cui la protagonista suona il violino. Se il rapporto con il Sesto senso è abbastanza stretto dal punto di vista formale, ben altri sono i contenuti e i messaggi subliminali che offre questa spettacolare pellicola thailandese. Già il titolo fa intendere che il vero protagonista non è la ragazza ma gli occhi che le vengono trapiantati. Il grande Kubrick, in tutti i suoi film, inseriva inquadrature fisse di questo organo particolare, si pensi all'incipit di Arancia Meccanica, alla forma di Hal9000 o alla scena del colloquio tra Modine e il sergente in Full metal jacket.
The eye è un film simbolico: lo spettatore è accompagnato gradualmente, così come graduale è la "guarigione" della protagonista, agli inferi. Novella cassandra, la giovane Mau rappresenta i senza voce/nome: coloro che devono acuire i propri sensi per essere "visti" dall'esterno. Una volta persa "la luccicanza" (Stanley scusa) e le caratteristiche che le permettevano di decodificare i segni e i segnali del mondo esterno, la protagonsta resta sola. Vede senza vedere. Fortunatamente, come al solito, l'amore riscatta: ma l'amore di The eye non è il melenso e glicemico sentimento tipico dei film hollywoodiani, ma il sentimento puro che permette al film, cupo, pessimista e tragico di chiudersi con un finale consolante ma non consolatorio. The eye fa sobbalzare dalla sedia. La tensione è fortissima ed il picco raggiunto nella breve ma memorabile scena sulla metropolitana durante la quale la protagonista capisce esattamente cosa le è successo durante l'operazione merita di restare negli annali del cinema. Probabilmente il cinema orientale negli ultimi anni ha subito una forte involuzione e lo spirito innovatore degli anni 80 e inizio 90 si è perso per sempre, ma finchè resteranno sceneggiatori, registi e attori capaci di emozionare e coinvolgere il pubblico con pellicole come The eye, lo sguardo dei cinefili sarà ancora rivolto a est.

Sei d'accordo con Andrea Chirichelli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Cieca dall'età di due anni, la ventenne Mun di Hong Kong recupera la vista con un trapianto di cornea, ma comincia a vedere fantasmi di persone vittime di morte violenta (c'è anche un bambino suicida che le parla) e ad avere allucinazioni indecifrabili e inquietanti. L'origine dell'anomalia preternaturale è nella giovane thailandese con doti di preveggenza da cui ha ereditato le cornee. Scritto con Jojo Hui dai gemelli thailandesi O. e D. Pang (anche montatore) e imperniato, come Il sesto senso , sul tema - tipico della cultura religiosa asiatica - della permanenza dei morti nel mondo dei vivi, è un film fantastico incline alla disperazione più che allo spavento. Nella 1ª parte ha nella sfocatura la sua congrua cifra stilistica, ma anche l'uso degli effetti speciali è quasi sempre funzionale alla storia e alle sue atmosfere. La fiammeggiante catastrofe finale sottolinea l'uso creativo del montaggio. Titoli di testa in alfabeto Braille.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
THE EYE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
iTunes
-
-
-
-
Infinity

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€4,75
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 24 settembre 2012
DarkEnry

  Mun è una ragazza di vent'anni cieca dall'età di due anni, che, grazie ad un trapianto di cornee di un donatore sconosciuto, riacquista la vista. Dopo un pò però Mun comincia anche a vedere visioni misteriose e molto inquietanti. Infatti ora lei è in grado di vedere le anime dei morti che all'inizio, dato che non riusciva a vadere ancora bene, [...] Vai alla recensione »

lunedì 29 luglio 2019
elgatoloco

Quando si dice"fantastico-horror"o, invertendo i termini, horror fantastico, abbiamo alcuni esempi(pochi)di opere magistrali: dove l'effetto hard boiled, Gruseleffekt, l'horreur qui hante etc., deriva tutto dalla"testa", dall'interno, senza bisogno di estrinsercare con effetti violenti, ammissibili, certo, in Dario Argento e in pochi altri, insopportabili in altri.

sabato 15 febbraio 2014
gianleo67

Giovane ragazza di Hong Kong rimasta cieca in tenera età, riacquisisce la vista grazie ad un provvidenziale trapianto di cornee, iniziando però a soffrire di strane allucinazioni diurne ed inquietanti incubi notturni in cui sembra entrare in contatto con le anime di persone che hanno da poco subito una morte violenta o dolorosa. In cura presso un giovane psichiatra che si è innamorato [...] Vai alla recensione »

mercoledì 21 settembre 2011
st.jimmy

ottimo horror altro che quei filmetti da quattro soldi che fanno in america (la maggior parte)

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Fabrizio Liberti
Film Tv

I gemelli artigiani Danny e Oxide Pang (entrambi scrivono, fondamentalmente Oxide dirige e Danny monta, dopo Bangkok Dangerous e One Take Only) confermano di aver talento visivo da vendere, con questo horror che scivola verso il soprannaturale, tendenza propria del genere negli ultimi tempi. La protagonista è Mun, una ragazza cieca dall’età di due anni, che viene sottoposta a un trapianto di cornea. [...] Vai alla recensione »

RECENSIONI MYMOVIES
PUBBLICO
RASSEGNA STAMPA
SHOWTIME
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati