Moloch

Film 1999 | Storico 103 min.

Regia di Aleksandr Sokurov. Un film con Elena Rufanova, Leonid Mozgovoy, Leonid Sokol, Elena Spiridonova, Vladimir Bogdanov. Genere Storico - Russia, 1999, durata 103 minuti. - MYmonetro 2,59 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Moloch tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Storico e grottesco. Nell'eremo di Hitler in Baviera Eva Braun cerca di distrarre il suo amante-padrone dai tanti pensieri, siamo infatti nella primavera del '42. Il film è stato premiato al Festival di Cannes,

Consigliato nì!
2,59/5
MYMOVIES 2,00
CRITICA
PUBBLICO 3,18
CONSIGLIATO NÌ
Recensione di Pino Farinotti
Recensione di Pino Farinotti

Storico e grottesco. Nell'eremo di Hitler in Baviera Eva Braun cerca di distrarre il suo amante-padrone dai tanti pensieri, siamo infatti nella primavera del '42. Ma arrivano ospiti tutt'altro che rilassanti, Goebbels con sua moglie, e Borman. Tutta gente che si detesta. La riunione è sempre più tesa. Le caricature stilizzate dei tragici personaggi cercano persino di far sorridere ma riescono ad essere solo grottesche.

Sei d'accordo con Pino Farinotti?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Primavera 1942, nella fortezza di Berchtesgaden (Alpi bavaresi). 24 ore nella vita di Adolf Hitler, Eva Braun, Joseph Goebbels e sua moglie Magda, Martin Bormann, interpretati da attori russi con le voci tedesche di attori berlinesi. Il moloch - antica divinità fenicio-cananea cui si sacrificavano vittime umane - è Hitler. ("Qualsiasi potere è, in questo senso, un Moloch in potenza." A. Sokurov). L'antagonista è Eva Braun, giovane donna che lo ama e l'unica che ha il coraggio di contraddirlo perché è la sola che sa, che lo conosce come ometto ipocondriaco, una meschina nullità, lo chiama Adi e lo prende anche a calcetti nel sedere. È lei il fulcro del film, scritto da Iuri Arabov, abituale collaboratore (9 film) del regista: un lugubre incubo metastorico con irridenti risvolti di balletto, non senza rimandi al Chaplin di Il dittatore , calato in luci scialbe e colori putrefatti, ispirati ai pochi minuti in Agfacolor sul Führer in vacanza nel documentario Hitler una carriera (1977), con una colonna sonora di grande forza espressiva e allusiva. Premio della sceneggiatura a Cannes. Edizione italiana, purtroppo doppiata, a cura di Carlo Di Carlo.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO

MOLOCH disponibile in DVD o BluRay

DVD

BLU-RAY
€10,99
€10,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 19 aprile 2013
Www.coprecremo.wordpress.com

Meravigliosa opera che descrive Hitler spogliato dalle vesti di dittatore, dipinge il Fhurer per ciò che veramente è: un uomo!! per la recensione completa andare su www.coprecremo.wordpress.com

lunedì 27 febbraio 2012
Lore64

Un film esemplare, nel senso che combina i più goffi stereotipi della vulgata antinazista di regime (a partire dal concetto di banalità del male della Arendt) con tutti i connotati quintessenziali dell'arte degenerata. Purtroppo sotto l'attuale regime la cosa non garantisce affatto il rogo alla pellicola e un posto in manicomio al regista.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

Dove? Quando? L'orrenda, squallida antropologia del potere totalitario mostrata da Aleksandr Sokurov è radicata nello spazio e nel tempo: inizio del 1942, Alpi bavaresi. Tuttavia, non solo di Adolf Hitler si tratta, nel suo film duro e imprevedibile. E ancora: non solo di Eva Braun, o di Martin Bormann, o di Joseph Goebbels e signora. Le parole del dittatore (Leonid Mozgovoy) sono le stesse dei Tischgesprac [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Moloch di Alexandre Sokourov è un'analisi della tetraggine e della banalità del potere assoluto, condotta attraverso la narrazione di qualche ora trascorsa a Berch tesgaden nel 1942 da Hitler e da Eva Braun, accompagnati da Martin Bormann, da Joseph Goebbels e da sua moglie Magda. Non accade nulla di sensazionale: all'inizio Eva Braun nuda, annoiata dall'attesa, fa ginnastica e capriole, saltella, [...] Vai alla recensione »

Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Purtroppo è tutto vero. Purtroppo la macchina da presa ci svela qualcosa che è realmente accaduto. Aleksandr Sokurov, il regista di Moloch, ci porta in visita guidata nella sala comando dell'inferno. Alla corte di Satana- Hitler e dei suoi luogotenenti, dall'impresentabile Goebbels al viscido Bormann. E poi ci sono le donne, a partire da Eva Braun, la compagna del Capo supremo.

winner
miglior scenegg.ra
Festival di Cannes
1999
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati