Cuore di cane

Film 1976 | Commedia 113 min.

Anno1976
GenereCommedia
ProduzioneItalia, Germania
Durata113 minuti
Regia diAlberto Lattuada
AttoriMario Adorf, Max von Sydow, Eleonora Giorgi, Cochi Ponzoni, Attilio Dottesio, Piero Tordi Gina Rovere, Enzo Robutti, Adolfo Lastretti, Jean-Claude Verné, Rena Niehaus, Franco Mazzieri, Vadim Glowna, Violetta Chiarini, Amerigo Tot, Vlado Stegar, Giuliano Petrelli, Howard Nelson Rubien, Samuel Lachize, Maria Pia Attanasio, Pia Attanasio, Ilona Staller, Whisky.
DistribuzioneCinecittà Luce
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Regia di Alberto Lattuada. Un film con Mario Adorf, Max von Sydow, Eleonora Giorgi, Cochi Ponzoni, Attilio Dottesio, Piero Tordi. Cast completo Genere Commedia - Italia, Germania, 1976, durata 113 minuti. distribuito da Cinecittà Luce. Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Condividi

Aggiungi Cuore di cane tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Due scienziati trapiantano alcuni organi appartenenti a un funzionario di partito a un cane randagio. Ne esce Bobikov, un alcolizzato disordinato e rissoso.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,00
CONSIGLIATO NÌ
Forte di una messa in scena estremamente accurata, anche se a tratti didascalica, Lattuada adatta la satira di Bulgakov sulla società nata dal bolscevismo.
Recensione di Annalice Furfari
Recensione di Annalice Furfari

Nella Russia post Rivoluzione d'ottobre, il professor Preobazenskij e il suo assistente Bormental, dediti agli studi scientifici sul ringiovanimento del corpo umano, eseguono un esperimento mai condotto prima: trapiantano gli organi di un burocrate morto da poche ore nel corpo di un cane randagio. Così, il furbacchione e mansueto Bobby si trasforma in una strana creatura a metà tra un cane rabbioso e un rozzo uomo incline all'alcol e al turpiloquio. Col passare del tempo, questo bizzarro risultato dell'esperimento si umanizza sempre di più: il suo aspetto è quello di un trentenne, a cui non manca il dono della parola. Il ricco professor Preobazenskij prova a educarlo e ad ammansire i suoi modi grezzi e impetuosi, con l'aiuto della sua giovane e piacente assistente Zina. Ma l'incontenibile istintività del giovane, che si fa chiamare Poligraf Poligrafovic Bobikov, e le sue amicizie rivoluzionarie sconvolgeranno l'agiata esistenza dello scienziato borghese.
Ennesimo adattamento letterario firmato dal regista Alberto Lattuada, Cuore di cane è tratto dal romanzo breve omonimo scritto nel 1928 dal russo Michail Bulgakov. Tra i principali romanzieri del Novecento, l'autore usa la fantascienza come spunto per imbastire una sferzante satira nei confronti della nuova società bolscevica e dei suoi sviluppi postrivoluzionari. La Nuova politica economica, istituita da Lenin nel 1921 dopo i disastri del comunismo di guerra, ripristina la proprietà privata in alcuni settori dell'economia, vanificando in parte il principio bolscevico del "tutti uguali", proprio come osserva l'acuto cane all'inizio del film. «Fanno la rivoluzione ma restano villani ed egoisti», nota Bobby, instillando da subito il dubbio su chi siano gli umani e chi le bestie.
Come avviene nel libro di Bulgakov, è il curioso ma calzante punto di vista del cane che filtra i rapidi mutamenti di una società in subbuglio, schiacciata tra i rigurgiti rivoluzionari, i tentativi - spesso maldestri - di organizzare il nuovo assetto sociale e le sotterranee sacche di resistenza controrivoluzionaria. Di queste fa parte, seppur non in maniera attiva, il professor Preobazenskij, scienziato snob e arrogante, che non sopporta il proletariato e non accenna a rinunciare ai suoi privilegi da ricco. Con la sua impetuosità vitale e istintiva, Bobikov smaschera la vacuità e la superba pretesa di superiorità di un mondo corrotto dall'avidità e dall'interesse personale. Un mondo che di lì a poco avrebbe convertito le velleità rivoluzionarie in una nuova forma di dittatura, contrassegnata da un'ottusa predominanza della burocrazia.
Piuttosto fedele allo spirito del romanzo, forte di una messa in scena estremamente accurata, anche se a tratti eccessivamente didascalica, Lattuada svela l'ingiustizia subita dagli ultimi, i diversi, gli emarginati, coloro che vanno controtendenza, tutti racchiusi nel personaggio di Bobikov, interpretato da un convincente Cochi Ponzoni. Se il film stempera, rispetto al libro, gli intenti satirici legati alla dimensione storico-politica, resta inalterata la denuncia di una scienza che abbandona ogni scrupolo morale pretendendo di ergersi a dio. Eppure, il regista mostra anche i punti deboli di un professor Preobazenskij «sempre tormentato e alla ricerca di qualcosa di introvabile».

Sei d'accordo con Annalice Furfari?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Dopo Puškin, Gogol', &8 echov, Lattuada affronta col suo 29° film Michail A. Bulgakov, il suo romanzo breve Sobac'e sedce (1925 - inedito in URSS). Assistito dal suo aiutante (Adorf) e dalla cameriera Zina (Giorgi), un noto endocrinologo sostituisce a Mosca l'ipofisi di un cane randagio con quella di un uomo. Ne esce Bobikov, un alcolizzato disordinato e rissoso che gli sconvolge la vita. Con un altro intervento lo ritrasforma in cane. Aiutato dal suo coproduttore Mario Gallo, Lattuada rilegge Bulgakov a modo suo. Ne smorza la satirica dimensione storico-politica, sottolinea l'odiosa, egoistica arroganza dello scienziato e marca intensamente l'umanità e la vitalità di Poligraf Poligrafovic Bobikov in cui lo spettatore può veder gli umiliati, gli esclusi, i subnormali, i "diversi" della nostra società degli anni '70. L'interpretazione di C. Ponzoni è ammirevole per finezza di modulazioni: quel che ha subìto il suo personaggio diventa un delitto.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
FANTAFILM
Cento anni di cinema di fantascienza

Nella Russia comunista, l'insigne il professor Preobrazenskij (Von Sydow) mette al servizio della causa rivoluzionaria la sua scienza, dedicandosi ad una clamorosa sperimentazione genetica. Dopo lunghi e accurati studi, ormai pronto per realizzare il grande esperimento, lo scienziato trapianta ipofisi e testicoli di un burocrate morto da poche ore nel corpo di un vecchio cane randagio dando vita ad un bizzarro umanoide (Ponzoni). La creatura, faticosamente educata e preparata all'ingresso in società, manifesta ben presto un imbarazzante sdoppiamento tra l'indole animale e la residua personalità dello zelante politico. Registrato all'anagrafe con il nome di Poligraf Poligrafovic Bobikov, diventa vice-direttore della Sottosezione Accalappiamento Animali Randagi di Mosca, circuisce la giovane domestica Zina (Eleonora Giorgi), si installa in casa del professore rivendicando il diritto alla comunanza dei beni e non esita a denunciarlo per presunte attività controrivoluzionarie. Stanco ormai dell'insopportabile ospite che non fa che seminare scompiglio, Preobrazenskij decide infine di operarlo nuovamente per restituirlo alla primitiva condizione di cane.
Lattuada amplifica gli spunti satirici del racconto di Bulgakov agganciando, su un contesto fantasociologico, la riflessione sull'indottrinamento ideologico delle coscienze in un regime dittatoriale a quella sulla manipolazione dell'uomo da parte di una scienza asservita al potere. L'opera che ne risulta è condotta sul filo della commedia grottesca, a tratti amara e inquietante, stilisticamente molto curata e interpretata con convinzione da un buon cast. Accanto ad un veterano di fama internazionale come Max Von Sydow fa buona impressione Cochi Ponzoni, attore venuto dal cabaret e dalla televisione, in seguito mai pienamente apprezzato e adeguatamente impiegato nel cinema italiano.In Germania, il film è intitolato Warum bellt Herr Bobikow?. In America è conosciuto come Dog's Heart. Il racconto di Bulgakov ha ispirato nel 1988 anche il russo Sobachye Serdtse.


CUORE DI CANE disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Cominciamo da Cuore di cane di Michail Bulgakov, un romanzo che il celebre autore del Maestro e Margherita aveva ambientato a Mosca in quegli anni Venti in cui Lenin aveva ritenuto di dover “umanizzare” con una nuova politica economica (la NEP) il collettivismo seguito al “comunismo di guerra”. Il suo protagonista era un celebre endocrinologo, il professor Preobrazenskij, che un giorno riusciva a trasformar [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati