Per grazia ricevuta

Film 1971 | Commedia 122 min.

Regia di Nino Manfredi. Un film Da vedere 1971 con Nino Manfredi, Mario Scaccia, Lionel Stander, Mariangela Melato, Paola Borboni. Cast completo Genere Commedia - Italia, 1971, durata 122 minuti. - MYmonetro 3,53 su 1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Per grazia ricevuta tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento venerdì 19 marzo 2021

Il protagonista, da piccolo, riceve un'educazione religiosa molto repressiva che identifica il sesso col peccato. Avvicinandosi la prima comunione non... Il film è stato premiato al Festival di Cannes, ha vinto 2 Nastri d'Argento, ha vinto un premio ai David di Donatello,

Per grazia ricevuta è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it e su LaFeltrinelli.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,53/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA
PUBBLICO 4,06
CONSIGLIATO SÌ
Primo film di Manfredi regista, intelligente e insolito.

Il protagonista, da piccolo, riceve un'educazione religiosa molto repressiva che identifica il sesso col peccato. Avvicinandosi la prima comunione non ha il coraggio di dire al confessore d'aver scorto la zia nuda e, sconvolto, precipita in un burrone. Uscito incolume dalla caduta, viene considerato un miracolato, consacrato a Sant'Eusebio e affidato a un convento di frati. Da adulto diventa venditore ambulante e, nei suoi viaggi, conosce un comprensivo farmacista libero pensatore che riesce a guarirlo dalla sua ossessione religiosa e che gli dà in sposa la figlia. Sul letto di morte, però, il farmacista accetta l'estrema unzione e il genero ripiomba in preda ai dubbi.

Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Ragazzo miracolato si chiude in convento in attesa di un sogno che confermi la sua vocazione. Quando il sesso lo tenta, va in tilt. Cerca di uccidersi. Lo salvano. È un nuovo miracolo? 1° film lungo di Manfredi regista: insolito, intelligente, bene accolto dappertutto. Il tema dei tabù religiosi (o superstiziosi?) è svolto con pittoresca abilità. Dialogo arguto, caratteristi calibrati, ritmo. Premio Opera Prima a Cannes 1971.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
PER GRAZIA RICEVUTA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
iTunes
-
-
-
-
-
-
Infinity

Anche su supporto fisico

DVD

BLU-RAY
€9,99
€10,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 23 aprile 2009
taniamarina

La storia del cinema italiano, tra le tante vicende che ci ha raccontate, nasconde anche una sottile e tacita guerra tra due grandi: Alberto Sordi e Nino Manfredi.Due modi opposti di far pensare, far ridere, fare dramma. A mio avviso Manfredi, in questo suo film (anche le musiche sono sue) ha dimostrato di essere uno degli artisti più profondi ed interessanti del cinema italiano, spaziando in questo [...] Vai alla recensione »

domenica 13 maggio 2012
mansueto

Chi dell' "auto-morte" se ne intendeva, qualche tempo fa ci testimoniò che  "Il suicida è come un carcerato che, nel cortile della prigione, vede una forca, pensa erroneamente che sia destinata a lui, evade nottetempo dalla sua cella, scende giù e s'impicca da sé". Un lontano 1971, quando crebbi, un tal Benedetto di Castro de' Volsci [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 settembre 2017
Renato C.

Primo film di Nino manfredi come regista, e ottimo risultato! Il grande Nino, come molti, in gioventù ha avuto i suoi dubbi sulla Fede, soprattutto, in epoca preconciliare in cui il film è ambientato, dove l'educazione religiosa era molto rigida, specialmente per tutto ciò che riguardava il sesso, ritenuto in quel tempo uno dei peccati più gravi, in particolar modo nel [...] Vai alla recensione »

martedì 30 marzo 2021
elgatoloco

"Per grazia ricevuta"(Nino Manfredi, anche autore del soggetto e della sceneggiatura con Gigi Magni, Leonardo Benvenuti, Pietro De Bernardi, 1971)racconta di un uomo, che da ragazzo ha subito privazioni di ogni tipo , è stato educato in maniera repressiva e bigotta sul piano sessuale, oltre ad aver lavorato come manovale in un convento di frati, che però poi scopre amore e sesso [...] Vai alla recensione »

domenica 9 agosto 2015
elgatoloco

Con un film pieno di sottintesi, punti di riferimento esterni ed interni, Manfredi, in questo film d'inizio anni Settanta, poneva una serie di questione, relativa alla fede, anzi meglio alla religiosità miracolistica inerente a un certo modo di vivere il cattolicesimo, che l'attore-regista era arrivato a rifiutare(l'eventuale conversione"in articulo mortis"ha, notoriamente, [...] Vai alla recensione »

domenica 9 agosto 2015
elgatoloco

Con un film pieno di sottintesi, punti di riferimento esterni ed interni, Manfredi, in questo film d'inizio anni Settanta, poneva una serie di questione, relativa alla fede, anzi meglio alla religiosità miracolistica inerente a un certo modo di vivere il cattolicesimo, che l'attore-regista era arrivato a rifiutare(l'eventuale conversione"in articulo mortis"ha, notoriamente, [...] Vai alla recensione »

martedì 1 maggio 2012
Lorenzo76BG

Tragicomico Film con moltissime chiavi di lettura che descrive una società Italiana ancora attuale. Negativi effetti sulla psciche umana di una serie di fortunati eventi forzatamente legati alla religione. 

venerdì 19 giugno 2009
Santucci

All'epoca Per grazia ricevuta era un film che nessuno voleva vedere distribuito perchè trattante tematiche scomode ma ancora oggi bisogna ringraziare quel grande genio di Nino Manfredi che volle vederlo fortemente nelle sale e tutt'ora è uno dei più grandi successi al botteghino

lunedì 20 giugno 2011
Cryptex

  I Pink Floyd, che non abbisognano di presentazione, definirono il loro “The wall” a ragione, un'opera rock. Di pari entità e valore in tal senso, può definirsi “Per grazia ricevuta” che nel 1971 per la regia di Nino Manfredi ha ricevuto, con meritato orgoglio, il premio “Opera prima” a Cannes.

giovedì 22 aprile 2010
toty bottalla

Fu un grande tassello, un'altra gemma da aggiungere ai posteri dell'arte. Un film autobiografico trattato con grande maestria drammatica ironia e senza ipocrisia. L'estrema bravura del grande artista completa il quadro di un racconto che la fotografia e l'ambientazione rendono magico.

lunedì 25 dicembre 2017
Bruno52

Per me, questo film, non ha paragoni e non solo per il soggetto, la sceneggiatura, i costumi, la comicità, drammaticità, religiosità, l'interpretazione degli attori e attrici, la completezza in ogni sua argomentazione che non lascia niente al caso... Il film ha un filo logico e perseverante dall'inizio alla fine e non lascia proprio niente di niente al caso.

sabato 6 luglio 2013
Nico G.

Agli albori degli anni '70 finalmente fu possibile girare film su certi argomenti prima di allora considerati tabù. Con "Per grazia ricevuta", Nino Manfredi ci offrì una bellissima opera cinematografica sui dubbi umani, sulle "crepe" della religiosità e della bigotteria, ma anche su certe debolezze dell'ateismo e del libertinaggio, se notiamo bene.

Frasi
La vita, invece di viverla io me la dormo.
Una frase di Il padre di Giovanna (Lionel Stander)
dal film Per grazia ricevuta
winner
premio speciale
Festival di Cannes
1971
winner
miglior scenegg.ra
Nastri d'Argento
1972
winner
miglior soggetto originale
Nastri d'Argento
1972
winner
miglior regia
David di Donatello
1971
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati