Giorno di festa

Film 1949 | Comico, +13 83 min.

Titolo originaleJour de fête
Anno1949
GenereComico,
ProduzioneFrancia
Durata83 minuti
Regia diJacques Tati
AttoriPaul Frankeur, Jacques Tati, Guy Decomble, Santa Relli, Maine Vallée, Robert Balpo Delcassan, Jacques Beauvais, Roger Rafal.
Uscitalunedì 27 giugno 2016
TagDa vedere 1949
DistribuzioneRipley's Film
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 6 recensioni.

Regia di Jacques Tati. Un film Da vedere 1949 con Paul Frankeur, Jacques Tati, Guy Decomble, Santa Relli, Maine Vallée, Robert Balpo. Cast completo Titolo originale: Jour de fête. Genere Comico, - Francia, 1949, durata 83 minuti. Uscita cinema lunedì 27 giugno 2016 distribuito da Ripley's Film. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 6 recensioni.

Condividi

Aggiungi Giorno di festa tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Il postino di un piccolo paese assiste alla proiezione di un documentario sul servizio postale negli Stati Uniti e decide di emulare i colleghi americani. Il film è stato premiato al Festival di Venezia,

Giorno di festa è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,00
CONSIGLIATO SÌ
Tati sperimenta una pionieristica ripresa a colori che però non avrà mai una proiezione fino al 1995.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

In un piccolo centro della provincia francese sta per avere inizio la tradizionale festa che coinvolge tutta la popolazione. Si innalza il pennone sui issare la bandiera ed arrivano la giostra e qualche altra attrazione. Di queste fa parte un tendone in cui si proietta un documentario sull straordinaria efficienza e velocità della consegna della posta negli Stati Uniti. Il portalettere François ne viene particolarmente colpito e cerca di mettersi al passo con i tempi.
Quando Tati gira questo suo primo lungometraggio ha già trattato il tema della consegna della posta sostituendo René Clément alla regia de La scuola dei portalettere cortometraggio vincitore del Premio Max Linder. Questa volta però l'obiettivo è più alto e non solo perché si passa dal corto al lungo ma anche perché Tati sperimenta una pionieristica ripresa a colori che però non avrà mai una proiezione fino al 1995 per una complessa serie di ragioni.
Girato nel 1947, ma giunto nelle sale solo nel 1949, il film trova in Sainte-Sévére-sur-Indre una location particolare perché il regista vi era stato ospitato e nascosto, insieme al suo futuro co-sceneggiatore Henri Marquet, dalle truppe tedesche da cui era ricercato e aveva promesso che vi sarebbe tornato a girare un film. C'è quindi un debito di riconoscenza nella affettuosa descrizione della vita di paese che lo apre e che ne diviene il soggetto principale prima dell'entrata in scena del postino François. Il quale è sì oggetto di dileggio da parte di chi ne conosce gli impacci ma è anche descritto con tratti che non ne fanno il classico 'scemo del villaggio'.
Quando si trova dinanzi allo strabico che non riesce ad assestare un colpo che sia giusto non gli fa pesare il suo deficit visivo ma mette in atto una strategia che gli dia soddisfazione e lo stesso accade con i bambini che imbucano una finta lettera a cui lui attribuisce la patente di regolarità. Nelle gag che si susseguono Tati sviluppa una sorta di amore-odio nei confronti del burlesque portato al successo da Max Linder. Ecco allora una divertente rivalità 'professionale' con i portalettere americani che si traduce nel desiderio (riuscito) di fare proprie le tecniche di quella comicità offrendo loro una possibilità di dispiegarsi in ambito francese. Senza però tralasciare anche una sottile polemica antiamericana (che il gollismo sul piano politico non faceva nulla per nascondere).
Il documentario che François spia senza pagare il biglietto descrive l'attività dei portalettere made in Usa in modo mirabolante e François viene attratto da questo modello artificioso finendo, lui come coloro che hanno assistito alla proiezione, per crederlo vero e riproducibile. Si accorgerà in prima persona di quanto sia fasulla la parola d'ordine che sembrerebbe dover essere alla base della straordinaria efficienza. L'adorazione della "rapidità" fa dimenticare l'essenza delle relazioni umane. Tati saprà come sviluppare questo concetto nei suoi film successivi.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Nel paesino di Follainville un postino assiste ai preparativi della festa annuale, vi partecipa con zelo e vuole, imitando un documentario che ha visto, consegnare la posta "all'americana". La formula è: 2/3 di comicità d'osservazione, 1/3 di farsa. Sonoro, ma non parlato (con dialoghi quasi inaudibili perché registrati in presa diretta; sostituiti in modo spurio nell'edizione italiana). 1° film lungo di Tati dopo il cortometraggio a colori L'école des facteurs (1947) sullo stesso tema. Proiettato a Parigi per la prima volta l'11 maggio 1949, rivelò la nascita del secondo grande comico francese dopo Max Linder. Una delizia per spettatori di tutte le età. Girato a colori (col sistema sperimentale Thomsoncolor), ma distribuito in un bianco e nero virato, è stato riproposto nel 1994 nella versione originale.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
GIORNO DI FESTA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
iTunes
-
-
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

Una finestra sul mondo: questo era il cinema per Jacques Tatischeff, in arte Tati. Realismo? O capacità di godersi lo spettacolo della vita? In ogni caso, gli bastava aprire quella finestra, perché entrassero nei suoi film strade e piazze, uomini e donne, immagini e suoni, luci e colori. Così avviene, appunto, in Giorno di festa (1949). Fino a ieri ce li immaginavamo, i colori della piazza e della [...] Vai alla recensione »

Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

«Monsieur, se mai si potessero sononizzare i miei film, penserei senz’altro a lei»: queste le parole - forse non proprio le stesse, ma il significato non cambia - rivolte dal grandissimo Buster Keaton a Jacques Tati, in occasione del loro incontro in terra americana. E la prova della stima nutrita dal “comico che non rideva mai” nei riguardi dello “spilungone” francese di origine russa (vero nome Tatischeff [...] Vai alla recensione »

Mario Gromo
La Stampa

Molte altre risate a Un jour de fête, diretto e interpretato da Jacques Tati. E chi è, questo nuovo regista-attore che tenta quella quadratura del circolo che è il film comico? È un Marcantonio alto quasi due metri, figlio di un fabbricante di cornici, e, nella sua prima giovinezza, amante di ogni sport. Non aveva nessuna voglia, di mettersi a fabbricare e vendere cornici; dopo una partita.

winner
miglior scenegg.ra
Festival di Venezia
1949
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati