Le due madri

Acquista su Ibs.it   Dvd Le due madri   Blu-Ray Le due madri  
Un film di Jacques Feyder. Con Jean Forest, Victor Vina, Pierrette Houyez, Arlette Peyran.
continua»
Titolo originale Visages d'enfants. Drammatico, durata 121' min.
Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionarin.d.
 critican.d.
 pubblicon.d.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi
Le giornate del cinema muto
Locandina Le due madri

Con Visages d'enfants, straordinario film sull'infanzia, Jacques Feyder diede prova di essere uno dei migliori registi europei. Scrisse egli stesso il soggetto - imperniato su un bambino alle prese con la morte della madre e il nuovo matrimonio del padre - avvalendosi della collaborazione della moglie, l'attrice Françoise Rosay, che lo assistette anche sul set e lo sostituì, dirigendo alcune scene nello studio di Joinville, quando lui si recò a Vienna per discutere di un altro progetto. Mirabilmente realizzato, Visages d'enfants ci permette un'esperienza rara - entrare nel mondo di un bambino e osservarlo con partecipazione e comprensione. Feyder sa far recitare i suoi piccoli attori con estrema naturalezza, specie Jean Forest, indimenticabile nei panni del ragazzino incapace di accettare la morte della madre. La pellicola è ricca di momenti toccanti: struggente è quello in cui Jean, in soffitta, stringe a sé l'abito materno, così come quello in cui egli accetta finalmente la matrigna.Jean Forest (1912-1980) fu scoperto a Montmartre da Feyder, che era alla ricerca di un ragazzino per Crainquebille (id.; 1922); dopo Visages d'enfants questo sorprendente attore bambino interpretò, sempre per Feyder, Gribiche (id., 1925). Nel 1924 apparve anche nel serial di Louis Mercanton Les Deux Gosses (I due derelitti). Successivamente farà carriera presso la radio francese. Perfetti sono anche gli altri bambini del film: Pierrette Houyez, nei panni della sorellina di Jean, troppo piccola per comprendere i cambiamenti che stanno avendo luogo nella sua vita, ed Arlette Peyran, nel ruolo della sorellastra che suscita la rivalità e l'ostilità di Jean.L'ambientazione del film gioca pure un ruolo importante. Per gli esterni fu prescelta la regione svizzera dell'Alto Vallese, magnificamente fotografata da Léonce-Henri Burel (operatore di Gance in La Roue [La rosa sulla rotaia]), che seppe infondere drammaticità allo splendido scenario montano, rendendo le forze stesse della natura - un fiume, una valanga, una cascata - altrettanti perni della vicenda narrata. Feyder riduce al minimo le soluzioni virtuosistiche per ricavarvi, al momento opportuno, il massimo risultato: si veda, ad esempio, il montaggio rapido adottato quando Jean sviene al funerale della madre e, più avanti, quando si stacca la valanga; o anche il magico effetto speciale del ritratto materno che prende vita. L'elementare vicenda narrata viene svolta con una semplicità eloquente, che tocca i cuori.Il protrarsi della lavorazione a causa del clima imprevedibile confermò la reputazione di regista oneroso che Feyder si era guadagnato con L'Atlantide (Atlantide; 1921). Dopo una controversia con gli amministratori della società Les Grands Films Indépendants, il negativo della pellicola venne sequestrato; Feyder si recò in Ungheria per le riprese di un altro film e solo l'anno dopo poté montare Visages, che uscì Parigi nel marzo del 1925.Decisamente in anticipo sui tempi, Visages d'enfants fu osannato dalla critica ma si rivelò un fallimento sul piano commerciale; in seguito il negativo scomparve dalla circolazione. Per anni il film non si poté vedere che in una copia francese, scadente ed incompleta. Ricorda Kevin Brownlow che in Inghilterra girava una versione in 9,5mm, drasticamente ridotta e con citazioni da Tennyson come didascalie! Il restauro, intrapreso nel 1986 da Jacques Ledoux della Cinémathèque Royale di Bruxelles, riportò in auge la pellicola, cui però mancavano ancora due elementi essenziali: le giuste didascalie e, cosa molto importante in un muto di Feyder (come ben dimostra L'Atlantide), l'imbibizione.Nei primi anni '90, il Nederlands Filmmuseum decise di realizzare una copia imbibita, impiegando il proprio nitrato originale, splendidamente colorato, più altro materiale divenuto disponibile dopo il lavoro di Ledoux. Nel 1993, con i fondi del progetto LUMIERE, il Filmmuseum coordinò, in collaborazione con la Cinémathèque française e la Cinémathèque Royale, un nuovo restauro basato su due nitrati, il proprio e uno fornito dalla Cinémathèque, e tre rulli in acetato bianco e nero del Gosfilmofond di Mosca. Si è così ottenuta una copia quasi completa - mancano solo pochi minuti - ma si è rivelato impossibile ricostruire la versione originale perché i due nitrati provenivano da negativi diversi. C'erano anche alcune piccole differenze nelle didascalie. Queste sono state rifatte in francese ed olandese, a partire dalla copia dell'archivio francese e da quella del Filmmuseum e dai documenti della censura tedesca rinvenuti dallo studioso di cinema Lenny Borger.Arricchito dall'imbibizione originale, che ne esalta l'atmosfera e i sentimenti, Visages d'enfants ha potuto essere finalmente salutato come un capolavoro. Presentandolo a Sacile con la nuova partitura per orchestra da camera scritta da Antonio Coppola, le Giornate proseguono idealmente anche l'omaggio dello scorso anno al cinema svizzero. - CAS (Adattamento da: The LUMIERE Project: The European Film Archives at the Crossroads, Lisbona, Projecto LUMIERE, 1996)Personalmente posso dire che è la partitura più faticosa che abbia mai scritto e che durante la composizione mi sono così innamorato della vicenda da vivere la musica come se fosse appassionata spettatrice, attonita e trepidante testimone delle lacerazioni interne di un bambino che soffre le pene più atroci per la sua innocente incapacità di accettare la matrigna e una sorellastra vissuta come intollerabile ingombro. Spero di aver fatto un buon lavoro. A voi, gentile pubblico delle Giornate, l'ultima parola. - Antonio Coppola

Stampa in PDF

Premi e nomination Le due madri Giornate del cinema muto
Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Le due madri adesso. »
Shop

DVD | Le due madri

Uscita in DVD

Disponibile on line da martedì 22 marzo 2011

Cover Dvd Le due madri A partire da martedì 22 marzo 2011 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Le due madri di Jacques Feyder con Jean Forest, Victor Vina, Pierrette Houyez, Arlette Peyran. Distribuito da Cecchi Gori Home Video, il dvd è in lingue e audio Dolby Digital 2.0 - stereo. Su internet Visages D'Enfants. Due madri è acquistabile direttamente on-line su IBS.

Prezzo: 4,99 €
Aquista on line il dvd del film Le due madri

Le due madri | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Frasi | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità