Advertisement
Film celebri e da scoprire, il grande cinema asiatico su FESCAAAL

Dal 20 al 28 marzo in streaming su MYmovies un'imperdibile selezione di titoli provenienti dall'Oriente. ACQUISTA UN ACCREDITO. 
di Emanuele Sacchi

giovedì 18 marzo 2021 - mymovieslive

Come ogni anno la componente asiatica del Festival del Cinema Africano Asia e America Latina - in streaming su MYmovies dal 20 al 28 marzo - riserva sorprese, grazie a una grande capacità di versatilità. L’edizione 2021 sopperisce all’impossibilità di un’edizione in presenza con un ventaglio di proposte che va dalle cinematografie affermate di Giappone o Corea del Sud a nazioni per molti versi ancora misteriose, come Bhutan e Mongolia, in cui trovare i fondi per realizzare un film professionale assomiglia a un’impresa titanica da portare a termine. Nelle diverse sezioni del festival si alternano così titoli già celebrati all’estero ad altri da scoprire, anche per i cinefili più smaliziati.
 

SCOPRI IL PROGRAMMA COMPLETO


Partendo dal concorso lungometraggi “Finestre sul mondo”, spicca per interesse il primo lungometraggio realizzato da due registe, Kim Sol e Lee Ji-young: Scattered Night si inserisce in un recente filone del cinema sudcoreano che ha riscosso grande rilievo internazionale (si pensi solo a House of Hummingbird): ritratti intimi di famiglie alle prese con una rapida disgregazione, osservati dalla prospettiva dei più giovani. Qui sono fratello e sorella a cercare disperatamente di ricomporre la frattura tra i genitori, scontrandosi con una realtà complessa e insensibile.

Byambasuren Davaa è invece una documentarista, convertitasi al cinema di finzione con Veins of the World, coproduzione tra Mongolia e Germania: una dolente e bucolica riflessione sull’impossibilità di resistere allo sfruttamento delle verdi terre mongole per un gruppo di nomadi che vivono di quel che la natura è in grado di offrire. Già transitato a Berlinale Encounters 2020, The Shepherdess and the Seven Songs mette in scena attraverso sette composizioni poetiche la storia di una giovane nomade del Kashmir costretta in un matrimonio senza amore; sullo sfondo si avverte la tensione scatenata dall’eterno conflitto in corso. Fuori concorso invece spazio al Bhutan con un film semplice e istintivo, ma ricco di sentimenti vividamente espressi: Lunana – A Yak in the Classroom racconta di Ugyen, un giovane che si reca in una comunità sperduta, legata al culto dello yak, per insegnare ed entra in contatto con un mondo primitivo e affascinante. La relazione di crescita bidirezionale tra Ugyen e questo microcosmo fuori dal tempo lo condurrà verso un destino inaspettato.

Nadine Labaki è un’insegnante in 1982, un dramma ambientato proprio durante il fatidico anno dell’occupazione israeliana del Libano. La quiete di un giorno qualunque nella classe – quinta elementare – del piccolo Wassim viene sconvolta dall’arrivo dei mezzi corazzati israeliani, il segno di una svolta irreversibile nella vita di Wassim. La presenza di Labaki ha certamente aiutato il potenziale di esportazione di un lungometraggio che è transitato da diversi festival internazionali, a cominciare da Toronto International Film Festival 2019, dove si è aggiudicato il NETPAC Award. 1982 è anche il primo lungometraggio per il regista di videoclip (Lana Del Rey, David Bowie) Oualid Mouaness.


ACQUISTA UN ACCREDITO CONTINUA A LEGGERE
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati