Con gli occhi dell'assassino

Acquista su Ibs.it   Dvd Con gli occhi dell'assassino   Blu-Ray Con gli occhi dell'assassino  
Un film di Guillem Morales. Con Belen Rueda, Lluís Homar, Pablo Derqui, Francesc Orella, Joan Dalmau.
continua»
Titolo originale Los ojos de Julia. Horror, Ratings: Kids+16, durata 112 min. - Spagna 2010. - Moviemax uscita mercoledì 11 maggio 2011. - VM 14 - MYMONETRO Con gli occhi dell'assassino * * 1/2 - - valutazione media: 2,92 su 29 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
2,92/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * * - -
 critica * * - - -
 pubblico * * * - -
   
   
   
Quando Julia, affetta da una patologia degenerativa degli occhi, trova la sorella cieca Sara impiccata, inizia per lei un incubo che cresce al deteriorarsi della sua vista.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Un incubo gemellare che cresce al progressivo calare delle capacità visive
Rudy Salvagnini     * * * - -

Affermata professionista, Julia percepisce improvvisamente che qualcosa di grave è accaduto alla sorella gemella Sara e, anche se non la vede da mesi, si precipita con il marito Isaac nella casa dove la sorella vive da sola: la trova impiccata. La polizia ritiene che si tratti di suicidio: Sara soffriva di una perdita progressiva della vista e l'ispettore incaricato delle indagini pensa che potesse essere depressa per quello. Julia nega: Sara sperava di guarire e aspettava solo un donatore per un'operazione risolutiva. Ma anche Sara soffre di perdita progressiva della vista, pur se a uno stadio meno avanzato della sorella. Nonostante tutto, Julia vuole scoprire quale mistero nasconda la morte della sorella e comincia a indagare tra le persone che la conoscevano. Tra queste, l'anziana Soledad, anche lei cieca, che la indirizza al misterioso Centro Baumann, un luogo di cura per ciechi. Ma qualcuno sta seguendo Julia e forse è la stessa persona che ha provocato la morte di Sara, il suo misterioso fidanzato, l'uomo che nessuno ricorda.
Afraid of the Dark, The Eye, Terrore cieco, Terrore nel buio: molte sono le pellicole che hanno tratto spunto a vario titolo dalla cecità per storie dell'orrore. Con gli occhi dell'assassino si inserisce in questo piccolo filone abbinandolo a un altro elemento dal grande fascino per il cinema horror: quello del legame tra i gemelli, caratterizzato da una ipersensibilità che sembra sconfinare nel paranormale. La specularità del destino delle sorelle mette la protagonista nella possibilità di intuire prima quale potrà essere il suo futuro, che si riflette in quello tragico della sorella, per cui la sua lotta per comprendere cosa sia veramente successo alla gemella è anche una lotta per la propria sopravvivenza, per evitare a sé la medesima fine. Il mistero è ordito con abilità e più la storia procede più tutto si complica, tra personaggi ambigui e un accumulo di fatti e circostanze strane e minacciose. Metaforicamente, la luce degli occhi di Julia si spegne e il mistero diventa sempre più oscuro.
Guillem Morales - al secondo lungometraggio dopo l'interessante El habitante incierto - dirige con stile e misura assecondando la storia e cercando di rendere lo spettatore partecipe del dramma della protagonista, ma non può evitare un calo di tensione nella lunga fase centrale dove la trama - pur complessivamente densa e ricca di sviluppi - si incarta e si dilunga rimanendo sostanzialmente ferma. Quando riparte è per un terzo atto nel quale la cecità della protagonista - immersa in un incubo nel quale si trova inerme - è anche quella dello spettatore, tenuto a condividerne la totale solitudine e l'assenza di qualunque certezza. La suspense è spesso sapientemente gestita con meccanismi hitchockiani, in modo classico e con buona efficacia. La ricerca di una conferma della propria identità attraverso gli altri e la lotta contro un'irrilevanza sociale che condanna alla solitudine sono temi che danno sostanza drammatica alla vicenda e sottolineano la banalità e sfuggevolezza di un male che nessuno vede per quanto esso si rende involontariamente invisibile. Prodotto da Guillermo del Toro, il film è sorretto anche dall'intensa interpretazione di Belén Rueda (Mare dentro).

Premi e nomination Con gli occhi dell'assassino MYmovies
il MORANDINI
Incassi Con gli occhi dell'assassino
Primo Weekend Italia: € 188.000
Incasso Totale* Italia: € 440.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 17 luglio 2011
Sei d'accordo con la recensione di Rudy Salvagnini?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
66%
No
34%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
* * * * -

-del toro +balaguero'. ****

venerdì 13 maggio 2011 di giacomogabrielli

Guillermo Del Toro produce un bellissimo giallo a tinte thriller/horror. Le atmosfere ricreate sono inquietanti e davvero ben fatte. Lo stile registico, l'uso della fotografia e delle scenografie è sicuramente influenzato, oltre che da Del Toro, dallo spagnolo Jaume Baguerò. I movimenti di macchina, le atmosfere vecchie e malate e gli arredamenti che utilizzano l'antico e il legno scuro, sono tutti segni che ci dicono che il regista di REC ha dato ancora una volta il suo buon continua »

* * * - -

Con gli occhi di "nonno" hitchcock

giovedì 19 maggio 2011 di Max Taylor

Thriller-horror di maniera (corridoi bui, rumori improvvisi e inaspettate mani sulle spalle, imposte sbattute dal vento…e tutto il campionario del genere), che strizza l’occhio a Hitchcock con sapiente e moderatissime aggiunte “pulp”, “Con gli occhi dell’assassino” è un film che funziona. Uno strepitoso inizio, claustrofobico e angosciante ma con ottimo ritmo, al quale segue una suspence con rare cadute. La noia quasi mai fa capolino per tutta la durata della pellicola, sorretta da interpreti perfettamente continua »

* * * * -

Con gli occhi e il cuore di julia

venerdì 19 agosto 2011 di time_traveler

Julia e Sara,due gemelle, soffrono della medesima malattia degenerativa che,progressivamente,porta alla cecità. Il rapporto tra le due si incrina per diverso tempo, ma quando Sara viene trovata morta per impiccagione in casa propria, Julia farà di tutto per far luce sulla vicenda. La polizia non ha trovato nulla, nessun indizio che farebbe pensare ad un omicidio, eppure quello che sembrerebbe essere un caso di suicidio per depressione, nasconde dietro sé una terribile verità.Un continua »

Belen Rueda
Posso vedere l'universo nei tuoi occhi
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop

Che bidone il thriller nella Spagna dei ciechi

di Massimo Bertarelli Il Giornale

Incommensurabile boiata spagnola, che ha chiuso (male) l’ultimo Noir in Festival di Courmayeur. Nella cantina di un’imprecisata località la bionda, ormai cieca Sara sale sulla sedia sotto cui pende un cappio e medita inquieta, al contrario di qualcuno nell’ombra che con un risoluto calcione risolve per sempre i suoi dubbi. Quindi lo spettatore sa che si tratta di omicidio come del resto sospetta la sorella Julia, giunta subito col marito psicologo Isaac: come mai nello stereo c’è una canzone che la vittima detestava? La signora indaga, mentre il premuroso consorte l’invita a non lasciarsi prendere dalla tensione o, per colpa della stessa malattia degenerativa di Sara, finirà per perdere anche lei la vista. »

A occhi chiusi una donna in pericolo

di Roberto Nepoti La Repubblica

Nella prima sequenza una donna s'impicca, mentre intorno aleggiano presenze arcane. Subito dopo ritroviamo la stessa attrice (Belen Rueda) nella parte della gemella della morta, Julia: affetta da una malattia degenerativa agli occhi, la sua vista si affievolisce sempre più. Prodotto da Guillermo del Toro, che di cinema orrorifico se ne intende, il film di Morales segue la lotta contro il tempo della donna sfruttando il tema, più volte frequentato dal cinema, della non-vedente in pericolo. Le situazioni sono prevedibili, anche se l'inserimento di suggestioni soprannaturali fa vacillare un po' il senso, evocando il cinema di Dario Argento da una parte, l'horror spagnolo contemporaneo dall'altra. »

Un thriller mozzafiato con la bionda Rueda

di Gian Luigi Rondi Il Tempo

Si comincia con una cieca impiccata. La sorella, anche lei mezza cieca perché è una malattia di famiglia, nonostante le assicurazioni di suo marito e della polizia, non crede al suicidio e si dà a indagare. Non a torto perché presto seguono altre morte sospette, compresa, a quanto sembra, quella dello stesso marito. Le spiegazioni, come sempre, solo alla fine, ma se non proprio incongrue, si aggrappano a una serie di eventi dalla logica o scarsa o così ai margini della letteratura risaputa e facile da risultare difficilmente credibili, anche quando accumulano sorprese a ripetizione. »

Con gli occhi dell'assassino | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Rudy Salvagnini
Pubblico (per gradimento)
  1° | giacomogabrielli
  2° | max taylor
  3° | time_traveler
Trailer
1 | 2 |
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 |
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Uscita nelle sale
mercoledì 11 maggio 2011
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità