•  
  •  
Apri le opzioni

Damian Lewis

Damian Lewis è un attore inglese, è nato il 11 febbraio 1971 a Westminster (Gran Bretagna).
Nel 2013 ha ricevuto il premio come miglior attore in una serie televisiva drammatica al Golden Globes per il film Homeland - Caccia alla spia. Damian Lewis ha oggi 51 anni ed è del segno zodiacale Acquario.

Un attore poliedrico, britannico di intarsiata malleabilità

A cura di Federico Catocci

Uno di quegli attori, Damian Lewis, dal volto inciso, dal piglio determinato, e contraddistinti dall'imperturbabilità del multitasking. Infatti Lewis recita per cinema, TV e teatro senza che un ambiente influenzi l'altro, anzi, proveniente da quella che noi chiamiamo "gavetta", riesce a fare di ogni performance un tesoro. Rinnovandosi continuamente e studiando ogni ruolo alla perfezione, riesce a interpretare in modo convincente ed empatico ruoli che vanno dal comandante U.S.A. nella II Guerra Mondiale, al posseduto da entità extraterrestri, dal detective, a Laerte dell'Amleto.

Dalle nobili origini
Lewis è anche tra quegli attori che hanno radici afferenti alla nobiltà. Totalmente legato all'isola britannica, ha nonni paterni originari del Galles, e suo nonno materno fu Sir Ian Bowater, Lord Sindaco della Città di Londra dal 1969 al 1970. Ricercando tra gli antenati della sua nonna materna troviamo Bertrand Edward Dawson (che fu medico presso la famiglia reale britannica) e il filantropo Alfred Yarrow.

Effetti personali
Benché abbia già scelto all'età di 16 anni di fare l'attore, non ha svolto solo questo mestiere in vita sua, ma ha provato a guadagnare qualche soldo anche come venditore di impianti di allarme per auto tramite telemarketing. Lavoro abbandonato per il naturale odio verso questo impiego a cui si era avvicinato.
La professione dell'attore è tuttavia quella che poi ha finito per prevalere, anche se non ha dedicato il suo tempo solo al mestiere, ma ha trovato anche spazio per tempo libero, impegno nel sociale e famiglia.
Lewis infatti è un grande fan del Liverpool Football Club e dal 4 luglio 2007 è legato all'attrice Hellen McCroy, assieme alla quale ha avuto due figli. Dal marzo 2010 è ambasciatore per Christian Aid, istituzione inglese di beneficenza; è anche uno dei tre patroni, assieme alla moglie, dell'organizzazione di volontariato Scene & Heard di Londra. Nel 2006 e nel 2011 ha inoltre partecipato al Soccer Aid, un evento benefico che si propone di raccogliere fondi per l'UNICEF. È stato inoltre insignito, nel 2014, del titolo di Ufficiale dell'Ordine dell'Impero Britannico (OBE), per i suoi meriti e servizi nel campo della drammaturgia.

Gli inizi della vita artistica
Per quanto riguarda gli studi, ha iniziato alla Ashdown House School (Forest Row, East Sussex) e all'Eton College. Dal 1990 al 1993 ha studiato presso la Guildhall School of Music and Drama, accanto a Daniel Craig e Joseph Fiennes. Dopo essersi laureato, ha lavorato come attore teatrale per la Royal Shakespeare Company. Nel corso della collaborazione con la RSC, Lewis ha lavorato al fianco del regista Adrian Noble recitando il ruolo di Borgheim nell'opera Little Eyolf di Ibsen, e ha vestito anche i panni di Posthumus nel Cimbelino di William Shakespeare.
Per la sua apparizione sul grande schermo si è dovuto aspettare fino al 1997. In questo anno interpreta Patrick Conner nel film Robinson Crusoe sotto la direzione di Rod Hardy e di George Trumbull Miller. Nel 1998 si tuffa anche nel mondo del musical con la produzione londinese di Into the Woods, in cui interpreta il lupo cattivo e il principe di Cenerentola. Prende parte anche all'Amleto, nella produzione di Jonathan Kent, nella parte di Laerte, antagonista di Amleto, interpretato in questa occasione da Ralph Fiennes.

Il salto e la consacrazione
Proprio mentre recitava Laerte venne notato da Steven Spielberg che lo volle nel cast della miniserie Band of Brothers, grazie alla quale ottenne una certa notorietà interpretando l'americano Richard D. Winters, comandante della Compagnia Easy della 101ª Divisione Aviotrasportata.
Successivamente prese parte alla serie La saga dei Forsyte e al film Dreamcatcher, adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo di Stephen King. In quest'ultimo film, nei panni di un uomo posseduto da un diabolico extraterrestre, ha il ruolo di un altro personaggio americano che al momento della possessione però assume accento inglese. Un gioco, questo della variazione tra accento inglese/americano, che sembra riuscirgli ottimamente senza sforzo.
La partecipazione alla realizzazione di film continua e sempre più registi si interessano alla sua intarsiata malleabilità: nel 2004 è attore in Keane di Lodge Kerrigan e il ruolo, nonostante la poca riuscita del film, gli procura una nomination come Attore rivelazione (Breakthrough Actor) ai Gotham Awards. Nel 2006 recita in Stormbreaker di Geoffrey Sax, mentre nel 2008 è il protagonista della serie Life, dove interpreta il determinato Detective Charlie Crews, con alle spalle 12 anni di carcere per un omicidio che non ha mai commesso. L'anno successivo è nel cast di The Baker, film diretto da suo fratello Gareth Lewis. Sempre nel 2009 lo ritroviamo anche in teatro, dove affianca Tara Fitzgerald, Keira Knightley e Dominic Rowan ne Il misantropo di Molière, presentato al Comedy Theatre di Londra nella versione di Martin Crimp.
Anche la radio si interessa a lui e nel 2010, Lewis interpreta il Primo Ministro (dei Tory) Simon Laity, in due stagioni del dramma radiofonico Number 10, andato in onda su BBC Radio 4. Non abbandona però il cinema, e nel 2011 interpreta Gareth, il padre di un piccolo fan del Liverpool Football Club nell'inglese Will, diretto da Ellen Perry. Dal 2011 al 2013 è un protagonista (il Sergente Nicholas Brody) assieme a Claire Danes, della serie televisiva Homeland.
Per la sua interpretazione nel ruolo di Nicholas Brody vince il Golden Globe 2013 come Migliore Attore in una serie drammatica. Sempre nello stesso anno presta anche la voce per The Love Book App, una raccolta digitale di 300 poesie, citazioni, lettere e storie brevi su temi amorosi, creata da Allie Esiri. Nel 2016 è protagonista della serie Billions, prodotta da Showtime, come Homeland.

Ultimi film

Drammatico, (Gran Bretagna - 2020), 102 min.
Biografico, (USA - 2015), 125 min.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati