I sogni del lago salato

Film 2015 | Documentario 72 min.

Anno2015
GenereDocumentario
ProduzioneItalia
Durata72 minuti
Regia diAndrea Segre
MYmonetro Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Andrea Segre. Un film Genere Documentario - Italia, 2015, durata 72 minuti. Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi I sogni del lago salato tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Il Kazakistan vive oggi lo stesso sviluppo dell'Italia degli anni '60, con una crescita pari al 6%, basata soprattutto sull'estrazione di petrolio e gas.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Un film a tesi. Un incastro di parallelismi e accostamenti, di affinità e divergenze tra il Kazakistan del miracolo petrolifero e l'Italia anni Sessanta.
Recensione di Emanuele Sacchi
venerdì 7 agosto 2015
Recensione di Emanuele Sacchi
venerdì 7 agosto 2015

Il Kazakistan oggi vive lo stesso euforico sviluppo dell'Italia degli anni '60, con una crescita pari al 6%, basata soprattutto sull'estrazione di petrolio e gas. Viaggiando tra Aktau e Astana, Andrea Segre dà voce a contadini, pastori e giovani donne le cui vite sono rivoluzionate dall'impatto delle multinazionali del petrolio sull'economia kazaka.
Partendo da un dato di fatto, il boom economico del Kazakistan, e da una riflessione sui corsi e ricorsi dell'economia di mercato, Andrea Segre costruisce un film a tesi. Un incastro di parallelismi e accostamenti, di affinità e divergenze. Tra il Kazakistan del miracolo petrolifero e l'Italia anni '60, con immagini di Gela e delle speranze riposte nell'Agip; tra un lago salato su cui non sorge l'alba (o meglio sorge sempre dall'altra parte) e una laguna veneta che per il regista significa infanzia e l'occasione per un found footage di immagini dei suoi genitori, colti nella loro spensierata gioventù. E infine tra i pastori kazaki, attraversati dalla ventata di nuova ricchezza ma impermeabili ad essa, e i contadini analfabeti di Gela, protagonisti di interviste di repertorio. Spunti audaci e stimolanti, forse troppi per 72 minuti di film, che Segre fatica a gestire dopo averli sapientemente introdotti. Assumendo da subito i ruoli di narratore, demiurgo ed esegeta della propria opera, il regista svela infatti ogni possibile interpretazione e traccia tutte le possibili associazioni, finendo per soffocare la soggettività dello spettatore.
Delle note testuali precedono e contestualizzano l'opera e la voce narrante la pervade, incrementando l'effetto didascalico e la sensazione, molto malcelata, di un'architettura studiata per un unico fine, che non lascia spazio a repliche o voli pindarici. Fatto che stupisce ancor di più se si pensa che uno dei punti di forza di Io sono Li, debutto dell'autore, consisteva nell'opporsi a interpretazioni lineari o manichee della vicenda narrata. Un racconto dalle grandi potenzialità rovinato da un ricorso eccessivo a spiegazioni non necessarie.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati