Vado a scuola

Film 2013 | Documentario 75 min.

Titolo originaleSur le chemin de l'école
Anno2013
GenereDocumentario
ProduzioneFrancia, Cina, Sudafrica, Brasile, Colombia
Durata75 minuti
Regia diPascal Plisson
Uscitagiovedì 26 settembre 2013
TagDa vedere 2013
DistribuzioneAcademy Two
MYmonetro 3,25 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Pascal Plisson. Un film Da vedere 2013 Titolo originale: Sur le chemin de l'école. Genere Documentario - Francia, Cina, Sudafrica, Brasile, Colombia, 2013, durata 75 minuti. Uscita cinema giovedì 26 settembre 2013 distribuito da Academy Two. - MYmonetro 3,25 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Vado a scuola tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Il film narra la toccante storia di quattro bambini, provenienti da angoli del pianeta differenti, ma uniti dalla stessa sete di conoscenza. Ha vinto un premio ai Cesar, In Italia al Box Office Vado a scuola ha incassato 598 mila euro .

Vado a scuola è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,25/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,00
PUBBLICO 4,00
CONSIGLIATO SÌ
Plisson racconta con efficacia la dura realtà quotidiana di quattro bambini che hanno il desiderio di imparare.
Recensione di Giancarlo Zappoli
lunedì 23 settembre 2013
Recensione di Giancarlo Zappoli
lunedì 23 settembre 2013

Dalla savana del Kenia ai sentieri che solcano la catena dell'Atlante in Marocco; dall'altopiano della Patagonia al calore dell'India meridionale seguiamo Jackson, Zahira, Carlito e Samuel , quattro bambini con il desiderio di imparare. Per soddisfare questo desiderio (e come milioni di loro coetanei nel mondo) affrontano, nella maggioranza dei casi quotidianamente, percorsi lunghissimi e spesso pericolosi. Ognuno di loro ha un sogno di emancipazione che nessun ostacolo può frenare Jackson 10 anni, percorre, mattina e sera con la sorellina, quindici chilometri in mezzo alla savana e agli animali selvaggi; Zahira 11 anni, che percorre una giornata di faticoso cammino per raggiungere la scuola in cui resterà per la settimana, con le sue due amiche. Samuel, 11 anni, ogni giorno viaggia in India per otto chilometri, anche se non ha l'uso delle gambe, spinto nella sua carrozzina dai due fratelli minori e Carlito, 11 anni, attraversa le pianure della Patagonia per oltre venticinque chilometri, portando con se la sua sorellina.
Potrebbero essere sufficienti le informazioni di cui sopra per fare emergere l'interesse che un documentario come questo dovrebbe suscitare in chi ha a cuore la crescita dei nostri giovani. Perché non c'è nulla di meglio che vedere le difficoltà che questi bambini e bambine debbono superare per andare a ricevere un'istruzione per far comprendere quanto sia sbagliato l'atteggiamento non tanto di rifiuto nei confronti di questo o quell'elemento della scuola (tutti abbiamo trovato l'insegnante o la materia che non amavamo) quanto piuttosto quello dell'annoiata indifferenza. Uno spettacolo di Dario Fo del 1969 si intitolava "L'operaio conosce 300 parole, il padrone 1000: per questo è lui il padrone". I protagonisti di questo film, girato da Pascal Plisson dopo una lunga permanenza nelle quattro zone, hanno la determinazione giusta, dettata da una povertà che potremmo definire anche con il termine di miseria nella quale però non intendono restare passivamente a pietire. Gli spazi che debbono attraversare possono anche apparire affascinanti a chi vive comodamente e trova che dover andare a scuola senza un mezzo motorizzato sia una inutile fatica.
Plisson marca i percorsi con cifre precise e anche quando si ha l'impressione (che è qualcosa di più di un'impressione) che si siano 'costruite' le inquadrature un po' come si fa in certi documentari naturalistici è bene pensare che proprio la conoscenza approfondita delle vite di questi bambini e bambine ha permesso di riprendere, anche con qualche accorgimento visivo, quella che per loro è e resta una quotidiana, dura realtà. Che ha però davanti a sé una meta da raggiungere per l'immediato presente ma, anche e soprattutto, per il futuro.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

4 ragazzini dai 4 angoli del mondo - Jackson in Kenya, Zahira in Marocco, Carlos in Argentina e Samuel in India - devono affrontare un lungo cammino per raggiungere le rispettive scuole. Ore e chilometri macinati a piedi, a cavallo, sulla sedia a rotelle nella speranza di raggiungere un futuro migliore. Plisson documenta la partenza da casa e i percorsi per arrivare a scuola, lo fa con attenzione, empatia e ottimismo. Aggiunge solo qualche drammatizzazione naturale (l'insidia degli elefanti), o accidentale (la foratura di una gomma), che non intaccano l'intensità di fondo. Distribuito da Academy 2.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
VADO A SCUOLA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 1 ottobre 2013
Flyanto

 Film in cui si narra della difficoltà che hanno alcuni bambini, residenti nelle aree più remote dei vari continenti nel mondo, a raggiungere quotidianamente o meno la propria scuola. Nel corso della pellicola così allo spettatore vengono presentati 4 casi distinti, e cioè: quello di due fratelli abitanti in una savana sperduta in Kenya, quello di due fratelli abitanti [...] Vai alla recensione »

sabato 19 ottobre 2013
dodix2013

Spesso, quando in un film si parla di bambini e ragazzini "svantaggiati" per motivi di salute o di status sociale o altro, si corre il rischio di cadere nel patetico e nel buonismo. E anche "vado a scuola" c'é cascato. Intendiamoci. Film fatto bene, con le migliori intenzioni ma troppo oleografico, con dialoghi improbabili, con un finale scontato.

lunedì 28 ottobre 2013
JunliangJi19

è STATO TROPPO COMMUOVENTE

sabato 16 novembre 2013
Samuelè

Questo film mi ha davvero comosso,mi piacerebbe visitare ognuni\e di questi\e bambini\e e so che un giorno andrò in India a visitare Samuel. Nel Marocco a visitare Zahira. Nel Kenia a visitare Jackson. E in Patagonia in Argentina sarà il paese più facile da visitare perchè Carlito abita vicino al mio paese il Brasile.

mercoledì 27 novembre 2013
M.Barenghi

E' la descrizione paesaggisticamente dettagliata dei percorsi che quattro bambini "del mondo" (Jackson -keniano-, Zahira -marocchina delle montagne-, Carlito -argentino patagone- e Samuel-bengalese)  compiono quotidianamente (una sola, Zahira, settimanalmente) per poter realizzare il proprio sogno di un domani migliore attraverso uno studio impegnato e consapevole, senza scorciatoie [...] Vai alla recensione »

domenica 29 settembre 2013
Jennifer Lawrence

Un film che ti colpisce,ti lascia senza parole... Tutto da gustare!

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Alessandra Levantesi
La Stampa

È una lezione di vita quella che impartisce Vado a scuola, film con cui il cineasta Pascal Plisson segue quattro ragazzini, abitanti in disagiate plaghe del globo, nel loro travagliato percorso (in senso letterale e metaforico) scolastico. Ogni mattina il keniota Jackson e la sorella attraversano a piedi 15 chilometri di savana con il rischio di imbattersi in elefanti e leoni; sulle montagne dell'Atlante [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Quattro storie per una docu-fiction dal sapore antico. Tema: la difficoltà, la fatica (fisica) di andare a scuola. I piccoli kenyoti Jackson e Salomè marciano ogni mattina 2 ore nella savana stando attenti ai pericolosissimi elefanti. Zahira e altre due udicenni scarpinano tre ore ogni lunedì tra le rocce dell'Atlante marocchino. Carlito invece, il più "fortunato" del gruppo, porta la sorellina Micaela [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

Ancora un documentario e ancora una volta un'accorta e convincente fuoriuscita dai limiti autoreferenziali del passato. In «Vado a scuola», infatti, l'esperto a autorevole Pascal Plisson non si limita a raccontare bellissime storie ambientate in luoghi arcaici e fascinosi, ma ricorre senza remore a uno strategico montaggio che intende trasformarle in sorgenti d'inedite e autonome emozioni cinematografiche. [...] Vai alla recensione »

Antonello Catacchio
Il Manifesto

Un villaggio del Kenya, lì vive Jackson, dieci anni. Vita problematica a partire dal reperimento dell'acqua. Ma Jackson è quel che si potrebbe definire un bravo figliolo, va a scuola tutti i giorni e lo fa portandosi appresso anche la sorellina più piccola. E si tratta di una piccola grande impresa quotidiana perché la scuola è lontana, sono quindici chilometri per andare e quindici per tornare, a [...] Vai alla recensione »

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Cosa accomuna il keniano Jackson, la marocchina Zahira, l'indiano Samuel e l'argentino Carlos? Sono ragazzini fra gli li ci l3anni, difamigliemodeste, cheognigiorno compiono un lungo, faticoso tragitto per andare a scuola. Il francese Pascal Plisson, sguardo acuto e pazienza infinita, racconta quattro toccanti storie intrecciate. Un documentario obbligatorio per le mamme italiane, che caricano sul [...] Vai alla recensione »

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Ancora il "vissuto". Ce lo esprime un documentarista francese, Pascal Plisson, che da anni gira il mondo per sorprendere il reale soprattutto nell'istante in cui si verifica e consegnarlo poi al cinema lasciando che le immagini parlino da sole. Come in questo "Vado a scuola" che ha avuto un successo pieno, pochi mesi or sono, al Festival di Locarno in Piazza Grande.

winner
miglior doc.
Cesar
2014
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati