La migliore offerta

Acquista su Ibs.it   Soundtrack La migliore offerta   Dvd La migliore offerta   Blu-Ray La migliore offerta  
Un film di Giuseppe Tornatore. Con Geoffrey Rush, Jim Sturgess, Sylvia Hoeks, Donald Sutherland, Philip Jackson.
continua»
Titolo originale The Best Offer. Drammatico, durata 124 min. - Italia 2012. - Warner Bros Italia uscita martedì 1 gennaio 2013. MYMONETRO La migliore offerta * * * 1/2 - valutazione media: 3,57 su 333 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Ritratti di sentimenti Valutazione 5 stelle su cinque

di psicosara


Feedback: 1209 | altri commenti e recensioni di psicosara
lunedì 23 marzo 2020

Titolo originale: The Best Offer
Regia: Giuseppe Tornatore
Genere: Drammatico - Italia, 2012
 
Colore nero predominante per la locandina del film, un ambiente scuro in cui la luce filtra solo sui lineamenti del viso, quasi fossero quadri, ritratti di volti.
Ritratti dei tre protagonisti principali dello splendido film di Giuseppe Tornatore.
L’ambiente è scuro, quasi a descrivere fin da subito quel torbido inganno che Claire e Robert ordiscono a sfavore dell’inconsapevole Oldman.
Vediamo chi sono ad uno ad uno i personaggi rappresentati in locandina:Claire Yvettson (Sylvia Hoeks) è la giovane erede di una ricca famiglia che intende far valutare le opere e gli antichi cimeli di famiglia detenuti in una grande villa, in cui la stessa più che vivere si nasconde da 15 anni. Viene rappresentata con uno sguardo che è tutt’altro che pauroso, è freddo. E lucido.
Virgil Oldman(Geoffrey Rush) è un eccentrico quanto rinomato battitore d’asta e collezionista, con il fiuto particolare per le opere rare, che viene incaricato proprio da Claire di effettuare una valutazione del patrimonio artistico contenuto nella villa. 
Robert(Jim Sturgess) è un giovane e geniale artigiano col talento nel riparare qualunque tipo di marchingegno meccanico danneggiato. E’ rappresentato (non a caso) indaffarato a organizzare qualcosa, con lo sguardo corrugato, sembra volersi accertare che tutto vada liscio.
Virgil non ha amori né amici, tranne il socio e complice Billy (Donald Sutherland), che gli è indispensabile nelle sue spericolate ricerche di capolavori trascurati e nascosti. Perché proprio Billy, l’unico amico e socio di Virgil non è presente nella locandina?
E’ una scelta di indulgenza?
Per rispondere alla domanda sarebbe utile chiedersi il perché Billy tradisce Virgil. La spinta al solo vantaggio economico non è sufficiente. C’è di più. L’ipotesi più credibile è che Billy sia rimasto in qualche modo deluso/ferito dall’amico: Billy è convinto del proprio talento ma Virgil non ha mai riconosciuto né sostenuto le ambizioni artistiche del socio. Tale senso di frustrazione perpetrato nel tempo può aver mosso le azioni di Billy, generando in lui l’idea di doverla in qualche modo “far pagare” all’amico.
Forse Billy non viene riportato in locandina nell’estremo tentativo di proteggerlo, di tenerlo comunque “fuori” dalla vicenda.  Ci deve essere del buono in una persona che più volte aveva provato a mandare un segnale a Virgil, lanciando (inconsciamente) il suo allarme: "I sentimenti umani sono come le opere, si possono simulare”. Come se volesse mettere in guardia l’amico, nonostante la sua delusione e il successivo rancore.
Dall’analisi dei volti dei personaggi in locandina emergono dei dettagli interessanti: Virgil si presenta come un uomo elegante, non c’è che dire, ma il suo sguardo rivela un’indole diffidente, se non sospettosa. E in effetti Virgil è un uomo solitario, esigente e misantropo. La sua unica emozione è nel possesso di capolavori d’arte. Una ossessione lo insegue e lo perseguita in ogni opera: la figura femminile.
Virgil ha sublimato il femmineo accumulando riproduzioni pittoriche: le colleziona, lui, le donne. Letteralmente. In una stanza segreta. Affollando le pareti di relazioni mai vissute, ma solo desiderate. E sono loro (quei ritratti) le sue relazioni, il suo affetto, il suo bisogno di compagnia, tutto ciò che ha è in quella stanza segreta.
Gli abbracci non sono che vernice. E come per contrasto, quest’uomo a sessant’anni vivrà la sua prima Sindrome di Stendhal non di fronte a un quadro, bensì di fronte al volto (celato) di una donna vera: Claire, la giovane Claire. “Pallida. Come un'incisione del Duhrer” la descriverà poi Virgil dopo averla vista. Claire, che a soli 27 anni è chiusa nel suo mondo di paure.
O almeno così dichiara.
Claire comunica infatti solo attraverso una parete o al telefono, rifuggendo da ogni contatto diretto e personale. Dichiara di soffrire di una malattia (una grave forma di agorafobia) che non le permette di uscire di casa.
Robert sembra un personaggio marginale, anche per il piccolo spazio che gli è stato riservato nell’immagine di locandina. Ma marginale non lo è affatto. E’ lui a dirigere e scandire i tempi della complicata vicenda. Forse è proprio lui il regista di tutto il raggiro. Con il pretesto della ricostruzione di un antico automa, incita Virgil ad andare nella villa a recuperarne i pezzi, dirige la curiosità di Virgil a vedere com’è fatta Claire. Fomenta l’interesse di Virgil nei confronti di Claire (un interesse progressivamente crescente), esattamente come insegue i pezzi del meccanismo che Oldman incontra in alcune stanze della villa di Claire e che si rivelano indispensabili affinché l’automa diventi completo.
La scena più epica ed emozionante del film è la scena in cui Virgil nel pieno della crisi (Claire è scomparsa) si presenta ad un’asta tutto trafelato, con i capelli sconvolti; confonde le opere fra di loro tra le risate generali e lo sguardo incredulo del socio Billy.
In quella scena, che è insieme comica e tristemente dura, si coglie tutta la ‘vera’ tragedia dell’Amore. Di un amore scoppiato così per caso, nella clausura, nella misantropia, nella condivisione di un disagio.
Un amore capace di trasformarti: da battitore d'asta professionalmente impeccabile a uomo inesperto e vulnerabile, distrutto e disorientato, ottenebrato dall’Amore.
Un amore che ti rende cieco: quando il tormento di Virgil diventa carne, quando il pathos proviene da una donna reale e non più da donne immaginarie bidimensionali, quel suo occhio tanto attento a riconoscere la Bellezza non riesce però a cogliere l’enorme falso che va costruendosi intorno a lui. Proprio lui. Così esperto nel mondo dell’Arte a discernere fra verità e contraffazione. E invece, così impreparato di fronte all’Amore. Il suo nome (Virgil) in inglese suona quasi come virgin, vergine appunto.
Non c’è nessun happy ending per questo film, anzi, il protagonista rimane solo. Disperato perché ha capito (tardi) l’enormità del raggiro che ha subìto. E certamente il dolore maggiore non sta in quei ritratti di donna andati perduti, ma nella truffa da parte dell’unica donna che lo abbia mai non-amato ma ammaliato.
Va in quel bar a Praga, quel bar che Claire gli aveva descritto come l’ultimo posto in cui era stata felice prima della ‘malattia’. Constata che quel bar con gli orologi esiste davvero: forse è l’unica cosa vera che Claire gli abbia mai detto. In fondo, se Claire ha raccontato anche solo una cosa vera, allora tutto il resto è stato una reale menzogna. Compreso l’amore.
Lui entra, e fra lo smarrito e l’incredulo si siede, fa apparecchiare per due, perché “sta aspettando una persona”. E’ un’attesa impossibile ma (solo) lui lo sa.  
Perché – come diceva il assistente di Virgil: "Vivere con una donna è come partecipare ad un'asta. Non sai mai se la tua è l'offerta migliore".

[+] lascia un commento a psicosara »
Sei d'accordo con la recensione di psicosara?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
0%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di psicosara:

La migliore offerta | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | writer58
  2° | andrea giostra
  3° | miraj
  4° | sergiolino63
  5° | sirio
  6° | maopar
  7° | luciaiannotta
  8° | francesca50
  9° | marco70go
10° | tatiana micaela truffa
11° | cesare cavalli
12° | rosselana
13° | biancaspa
14° | ste alissa
15° | ruggero
16° | giuliog02
17° | luciacinefila
18° | matteo manganelli
19° | uppercut
20° | giammy cinematografico
21° | bettedavis
22° | dreamers
23° | armonica
24° | icaro
25° | riccardo tavani
26° | ciabatta
27° | pensierocivile
28° | armonica
29° | 26watt
30° | onufrio
31° | graziano.nanetti
32° | plania
33° | rosalba bilotta
34° | michael di renzo
35° | mareincrespato70
36° | luigi chierico
37° | gianleo67
38° | beppe baiocchi
39° | ritacirrincione
40° | jackie blake
41° | manganini
42° | pepito1948
43° | rocketman
44° | mauriziocasula
45° | linus2k
46° | gioygio
47° | stefano capasso
48° | giorpost
49° | riviera
50° | the thin red line
51° | mirko77
52° | august
53° | madrigal
54° | daf_ma
55° | kondor17
56° | fabio57
57° | dandy
58° | ennio
59° | greatsteven
60° | psicosara
61° | elgatoloco
62° | elgatoloco
63° | piris
64° | cinefila99
65° | valeria
66° | noir
67° | ennas
68° | armonica
69° | tiziana2013
70° | nerò77
71° | archipic
72° | mariella viavattene
73° | angelo umana
74° | dario
75° | carmy_na
76° | armonica
77° | valywally
78° | kimkiduk
79° | rubinho62
80° | weach
81° | dave san
82° | zoom e controzoom
83° | flyanto
84° | pacharan
85° | anty_capp
86° | jacktwist
87° | gabriele.vertullo
88° | mauriziocasula
89° | lo stopper
90° | ralphscott
91° | giorgio mancinelli
92° | filmicus
93° | oliver barrett
94° | lollo-brigida
95° | eliamarchesin
96° | erudith
97° | antrace
98° | tiberiano
99° | andrea lade
100° | senso78
101° | joker 91
102° | daniela macherelli
103° | diegocampetella10
104° | alice1992
105° | wounded knee
106° | olgadik
107° | jayan
108° | mimmo mollica
109° | nino pell.
110° | giurg 63
111° | mariella viavattene
112° | josephinebird
113° | bluzuc
114° | fierrrurussu80
115° | diomede917
116° | noir
117° | jacopo b98
118° | gerry56
119° | barone di firenze
120° | albi.vendrame
121° | ndkcfl
122° | maria
123° | maurizio melodia
124° | molly :)
125° | intothewild4ever
126° | michela papavassiliou
127° | graisano
128° | simianrogue
129° | jo.edwall
130° | derriev
131° | marezia
132° | filippo catani
133° | henry1964
134° | giacomo scardua
135° | giugy3000
136° | antonella scafati
137° | barone di firenze
138° | nikki schwartz
139° | eva giulia faith
140° | gpistoia39
141° | fierrrurussu80
142° | renato volpone
143° | stavanger
144° | gofishfi
145° | redeyesinthesky
Rassegna stampa
Lee Marshall
Nastri d'Argento (17)
European Film Awards (5)
David di Donatello (19)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 |
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedì 22 giugno
Cosa sarà
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità