Hereafter

Acquista su Ibs.it   Dvd Hereafter   Blu-Ray Hereafter  
   
   
   
lucadagostino85 giovedý 6 gennaio 2011
grazie, clint Valutazione 5 stelle su cinque
67%
No
33%

Hereafter è un film potente. Nel vero senso del termine. Porta con sé un interrogativo, forse l'unico, al quale nessuno può dare risposta, e accompagna gli occhi e il cuore dello spettatore in un viaggio silenzioso, alla lenta scoperta  di tre vite parallele destinate ad incrociarsi. Clint Eastwood ci regala un'altra, l'ennesima, dimostrazione di quanto sia grande.
Il filo conduttore della pellicola è la morte, e il modo in cui la sua presenza abbia condizionato e condizioni la vita dei protagonisti.
George è un operaio con il dono di riuscire ad entrare in contatto con chi non c'è più; Marcus un bambino che ha perso il fratello e non riesce a dimenticarlo e quindi ad andare avanti; Marie una giornalista che è letteralmente morta per qualche  minuto durante lo tsunami del 2004, ed ora convive con ciò che quell'esperienza le ha lasciato. [+]

[+] grazie (di magnolia76)
[+] i'ultimo saluto di clint ? (di mazza65)
[+] mmm.. (di 19andrea19)
[+] torniamo dove eravamo quando siamo ? (di bertrand 1)
[+] un piacere di condivisione (di weach)
[+] grazie (di ambra nepi)
[+] lascia un commento a lucadagostino85 »
d'accordo?
weach domenica 6 febbraio 2011
sono pronto ad accoglierla sereno Valutazione 5 stelle su cinque
81%
No
19%

        L'uomo è allo specchio, si confronta con il suo destino  , quest'uomo è un giovane ottantenne  dal nome  Clint Eastwood  con un' integrità intellettuale ed artistca soprendente.
Questa sua   ultima opera mi ha sorpreso per l'intrinseca forza ,per la duttilità , per coraggio di proporre all'umanità un approccio di  pace, di serenità con "la soglia della morte" .
Come si conviene per un uomo di integrità intellettuale,Clint Eastwoow non propone una lettura definitiva "per Il viaggio più lungo",anzi, come si conviene a lui , "suggerisce "un dibattito , senza ipocrisie, dove ogni conclusione merita rispetto, perché la risposta è puramente individuale  , come il relativo percorso di consapevolezza. [+]

[+] lascia un commento a weach »
d'accordo?
weach giovedý 10 febbraio 2011
spiritualitÓ laica composta Valutazione 5 stelle su cinque
82%
No
18%

Molto apprezzato dalla critica  Hereafter  ha una sua impostazione di pensiero laico  ,ma con un ‘apertura “possibilista”verso soluzioni  non “strettamente in linea “  .
Clint Eastwood , fresco ottantenne , ciondola fra i curiosi che cercano di carpire il suo segreto di “fresco ottantenne  intellettualmente integro ed artisticamente ispirato “.  
Clint , detto da molti roccia con dentro dei fiori , “si sorprende  dei sorpresi e dei curiosi e da loro, corrucciando le sopracciglia la giusta risposta :”Lavorare mi fa sentire vivo ,ho sempre con me persone che  sono pronte  ad accettare nuove sfide ed è bello andare su di un nuovo set ogni mattina”
Ancora . [+]

[+] lascia un commento a weach »
d'accordo?
giovanni di giulio venerdý 7 gennaio 2011
hereafter-analisi e commento Valutazione 4 stelle su cinque
60%
No
40%

Con rigore ed estrema fascinazione  il regista Clint Eastwood da vita ad un'intensa pellicola che indaga su quanto di più ignoto vi è nella comune esperienza esistenziale di ogni uomo, ovvero la morte.
Un'attenta e lucida riflessione, a mio parere costante durante l'intera durata del film, consente al regista di porsi domande non solo su quanto ci attende al di là della vita, ma anzitutto sul ruolo di fondamentale importanza che l'idea stessa di morte ricopre all'interno della vita di ogni uomo. In tal modo la pellicola diviene una riflessione sulla miseria dell'umanità, tragicamente confinata nel suo stato di finitudine e impotenza di fronte alla forza incontrastabile della natura (lo tzunami), all'imprevedibilità del destino (l'incidente d'auto), alla degenerazione che i rapporti tra gli uomini stanno manifestando (l'attentato in metropolitana), all'impossibilità di comprendere il senso della nostra esistenza (il sensitivo incapace di accettare il proprio dono). [+]

[+] lascia un commento a giovanni di giulio »
d'accordo?
marv89 giovedý 6 gennaio 2011
quando il cinema si trasforma in arte Valutazione 5 stelle su cinque
58%
No
42%

Sergio Leone diceva di lui: " Mi piace Clint Eastwood perché è un attore che ha solo due espressioni: una con il cappello e una senza cappello" una frase che andava quasi a denigrare la figura del Clint attore sottolineando la carenza di emozione e spessore che il suo personaggio emanava. Oggi nel 2011 Eastwood è un Regista ottantenne con la R maiuscola che ci ha regalato lungometraggi indimenticabili da inserire di diritto nella storia ultracentenaria della pellicola, dei lavori che abbondano di quelle caratteristiche che Leone non vedeva nell'attore. [+]

[+] clint, ci aspettavamo di pi¨ (di cannabbal)
[+] ma quale sigaro? (di marv89)
[+] clint (di ubimario)
[+] lascia un commento a marv89 »
d'accordo?
weach domenica 6 febbraio 2011
la morte ...un dolce incontro che ci compete Valutazione 5 stelle su cinque
78%
No
22%

           Chi parla di Clint Eastwodd deve capire che quest' uomo è un giovane vecchio perché è ottantenne con un integrità intellettuale ed artistica invidiabile.
Questa sua   ultima opera mi ha sorpreso per l'intrinseca forza ,per la duttilità , per coraggio di proporre all'umanità un approccio di  pace, di serenità con "la soglia della morte" .
Come si conviene per un uomo di integrità intellettuale,Clint Eastwoow non propone una lettura definitiva "per Il viaggio più lungo",anzi, come si conviene a lui , "suggerisce "un dibattito , senza ipocrisie, dove ogni conclusione merita rispetto, perché la risposta è puramente individuale  , come il relativo percorso di consapevolezza. [+]

[+] dentro il cuore del mondo (di weach)
[+] lascia un commento a weach »
d'accordo?
writer58 giovedý 6 gennaio 2011
un buon film di un grande regista... Valutazione 4 stelle su cinque
67%
No
33%

Si vede la mano di un grande dietro la cinepresa. Le tre vicende narrate (la giornalista francese che sopravvive allo Tsunami, rappresentato in modo straordinariamente realistico ed efficace, il sensitivo che non vuole "esercitare" e che vive il suo dono come una condanna, Il ragazzino che perde il fratello e la madre tossicodipendente) sono raccontate con uno stile pulito e intenso, incatenano l'attenzione degli spettatori e  creano connessioni di senso tra i protagonisti, in bilico (fuor di metafora) tra la vita e la morte. La materia trattata è controversa (l'esistenza di un aldilà dopo la morte) e si prestava a cadute di stile o alla proposizione di un polpettone mistico-metafisico, ma Eastwood aggira brillantemente questi rischi e ci propone un esercizio filmico nitido e appassionante. [+]

[+] lascia un commento a writer58 »
d'accordo?
sergiofi sabato 8 gennaio 2011
tre storie coinvolgenti Valutazione 5 stelle su cinque
80%
No
20%

Clint Eastwood non si accontenta mai. Ci regale l’ennesima emozione, una nuova magistrale prova di cinema. Intreccia sullo schermo tre storie. La giornalista parigina bella e famosa, all’apice del successo e della carriera. Il giovane uomo americano prigioniero di un dono che vive come una condanna, nella triste solitudine di San Francisco. Il bambino londinese che perde tragicamente il gemello, con il quale condivideva una madre tossica.

Il denominatore comune che lega queste tre vite apparentemente disuguali è l’esperienza diretta e indiretta della morte, che segna ciascuno dei protagonisti. Il tema dell’aldilà è solo il pretesto per raccontarci con stile impeccabile e grande senso di partecipazione la mestizia esistenziale di Marie, George e Marcus. [+]

[+] lascia un commento a sergiofi »
d'accordo?
simone dato martedý 11 gennaio 2011
dov'Ŕ la sceneggiatura? Valutazione 3 stelle su cinque
57%
No
43%

Diciamo subito che trattandosi di un film di Clint Eastwood, non Ŕ senz'altro un film banale. E anche che trattandosi di un film di Clint Eastwood le aspettative sono sempre alte, soprattutto in questo caso in cui la critica sembrava tutta molto favorevolmente riviolta all'ultima opera del grande regista californiano. Forse proprio per questo carico di aspettative, con l'idea di trovarsi di fronte ad uno di quei capolavori assoluti che cambiano i nostri radicati giudizi sul cinema, si esce dalla sala al termine della proiezione con un misto tra perplessitÓ e delusione. PerchŔ il film di Eastwood di qualitÓ ne ha molte, e spunti interessanti anche, ma lascia un'idea di incompiuto, di ci˛ che poteva essere e non Ŕ stato, che ci accompagna anche nei giorni successivi quando lo si ripensa a mente fredda. [+]

[+] esatto (di lennon)
[+] lascia un commento a simone dato »
d'accordo?
andaland sabato 8 gennaio 2011
non Ŕ la fine Valutazione 3 stelle su cinque
56%
No
44%

Il film ricalca clichŔ sul paranormale, mostrando che esistono un sacco di ciarlatani, ma che dopo la morte esiste qualcosa di misterioso e sconosciuto che qualcuno Ŕ in grado di vedere e percepire, ma il racconto alla fine non aggiunge nulla di nuovo a ci˛ che si Ŕ sempre visto nei film e in tv. La regia Ŕ ottima, spettacolare la scena d'apertura dello tsunami, per˛ non Ŕ il capolavoro che tutti descrivono.

[+] hereafter non parla del paranormale (di samwood)
[+] lascia un commento a andaland »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 »
Hereafter | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marzia Gandolfi
Pubblico (per gradimento)
  1░ | lucadagostino85
  2░ | weach
  3░ | weach
  4░ | giovanni di giulio
  5░ | marv89
  6░ | weach
  7░ | writer58
  8░ | sergiofi
  9░ | simone dato
10░ | andaland
11░ | paolocarburi
12░ | ginofac
13░ | gabriella
14░ | filibro
15░ | filmicus
16░ | queen-lizard
17░ | sabatino
18░ | monica montanari
19░ | reservoir dogs
20░ | u˛lter
21░ | fabio2
22░ | shiningeyes
23░ | shingo tamai
24░ | xquadro
25░ | carlo vecchiarelli
26░ | ambra nepi
27░ | nalipa
28░ | cesare antonio borgia
29░ | g. romagna
30░ | dado1987
31░ | wbgraphic
32░ | angelo umana
33░ | taxidriver
34░ | lucio
35░ | toro sgualcito
36░ | gianluca bazzon
37░ | renato c.
38░ | laulilla
39░ | pipay
40░ | davidestanzione
41░ | gianmarco.diroma
42░ | farne
43░ | massimo allegri
44░ | andrea1967
45░ | bobdex
46░ | cinemalife
47░ | elibook
48░ | fabio57
49░ | inesperto
50░ | elibook
51░ | sono il signor wolf
52░ | karmaelo
53░ | pinodeluca
54░ | yoricca
55░ | volpao
56░ | paulettebouledefeu
57░ | ethan89
58░ | sincity
59░ | milore
60░ | vipera gentile
61░ | algernon
62░ | sonnycorleone
63░ | dandy
64░ | anna1
65░ | immanuel
66░ | marce84
67░ | cannabbal
68░ | brucemyhero
69░ | emilio zampieri
70░ | alby84
71░ | olgadik
72░ | jack black
73░ | catia p.
74░ | paride86
75░ | roga.g
76░ | club dei cuori solitari
77░ | federico
78░ | loriabruzzo
79░ | lucamocine
80░ | diego p.
81░ | morgana
82░ | fabio1957
83░ | theconformist
84░ | kingarras
85░ | giovanni m. di sanchirico
86░ | alice33gra
87░ | oigres62
88░ | annalisa.giu
89░ | apsara84
90░ | morpheusgm
91░ | jens80
92░ | jayan
93░ | alexia62
94░ | simon
95░ | werner
96░ | samwood
97░ | alex41
98░ | annelise
99░ | aesse
100░ | il poeta marylory
101░ | navoce
102░ | alexcross
103░ | giorgio47
104░ | tritono
105░ | marx66
106░ | giorgio castelletti
107░ | patriarchino
108░ | alberto gabrielli
109░ | stefano bruzzone
110░ | frankie
111░ | gordon pasha
112░ | redmond
113░ | cacciafilm
114░ | renato volpone
115░ | pietro viola
116░ | paoloviola
117░ | ultimoboyscout
118░ | italink
119░ | qiovanni
120░ | mimmonat
121░ | peppeanastasi
122░ | em.ina
123░ | gigieppetto
124░ | malignetto
125░ | batybaty
126░ | giacomogabrielli
127░ | weach
128░ | eldiabloaaa
Rassegna stampa
David Denby
Premio Oscar (4)
Nastri d'Argento (2)
David di Donatello (2)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 |
Shop
DVD
Uscita nelle sale
mercoledý 5 gennaio 2011
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità