Hereafter

Acquista su Ibs.it   Dvd Hereafter   Blu-Ray Hereafter  
   
   
   

Hereafter Valutazione 3 stelle su cinque

di Club dei Cuori Solitari


Feedback: 4010 | altri commenti e recensioni di Club dei Cuori Solitari
venerdý 7 gennaio 2011

"Futuro", "Avvenire", "Il mondo di là" sono i termini che escono cercando questa parola. Sebbene sia risaputo che l'ultimo film di Clint Eastwood parli dell'aldilà, trovo che tutti e tre si sposino bene con Hereafter. È ammirevole, sempre e soprattutto, nel cinema di Clint, l'essere ramingo nei vari territori sconfinati di tutti i generi. Come Howard Hawks, che poteva dirigere James Cagney così come delle marionette, anche il più classico dei registi oggi in circolazione ama variare il tema, passando dal film sportivo a quello di guerra, dal biografico al poliziesco, dalla fantascienza al thriller, mantenendo fissa soltanto l'acutezza e la delicatezza del suo sguardo. Questo gli ha dato un'esperienza unica, e la capacità di raccontare qualsiasi cosa senza trovare difficoltà. È divenuto anche molto più pessimista e drammatico negli ultimi anni, abbandonando quasi del tutto i toni da commedia in cui pur si era avventurato negli scatenati anni di gioventù (registica). È diventato oscuro come i tagli d'ombra di Tom Stern, che prima in veste di elettricista, poi di operatore, e infine di direttore della fotografia (succedendo a Bruce Surtees e Jack N. Green, che ha fatto il suo stesso percorso) è il più vecchio compagno di viaggio che abbia sul set. Le decadi passano, ne è appena terminata una, e sebbene non sembri intaccare la vitalità e la produttività di Eastwood, il tempo passa anche per lui, che giunto ad un certo punto sembra volersi dedicare non solo al passato, della guerra, della società e della sua icona; ma anche al futuro, a ciò che lo aspetta, ciò che aspetta tutti noi.
Un film spirituale insomma, metafisico, e Clint può tirare un'altra linea sulle cose da fare. Non ne restano molte. Anche considerando che si ostina a voler curare pure le musiche, generando così un effetto di già sentito ogni volta che parte la colonna sonora, che si ripete con minime variazioni sin da Million Dollar Baby.
Ha però la grande intelligenza di affidarsi sempre a dei validi sceneggiatori, e se con il sopravvalutato Paul Haggis ed il grande Brian Helgeland gli è andata bene, mentre con Nick Shenck a mio avviso è andata malissimo, questa volta è andato sul sicuro reclutando Peter Morgan, uno dei migliori sul mercato. Lo scrittore de L'ultimo Re di Scozia, nonché di tutti quei film dove compare Michael Sheen nelle vesti di Tony Blair, ambienta una delle tre storie della vicenda nella sua Londra, l'altra a Parigi e l'altra a San Francisco. Intreccia i destini di un ragazzino che ha perso l'amato fratello, un sensitivo che soffre per via del suo dono, e una giornalista che in seguito ad uno tsunami è morta per qualche istante prima di tornare in vita. Sono storie ben scritte che continuano ma non evolvono, perché in realtà non possono portare da nessuna parte. Come tutti i bravi drammaturghi Morgan ci gioca attorno, ma alla fine la domanda "Che cosa c'è nell'aldilà? Che cosa avviene dopo la morte?" non trova risposta. E del resto come potrebbe? Nell'ultima scena il sensitivo George (Matt Damon, bravo come sempre) smette di vedere i fantasmi e comincia a vedere il futuro, quello prossimo, che lo riguarda. Il suo personale avvenire, l'unica cosa che dovrebbe interessargli. Godiamocela finché si può.
Eastwood porta a casa un film rispettoso ed equilibrato, in cui spiccano un'attrice bravissima: Cécile de France, e l'incredibile scena iniziale della catastrofe naturale. Un pezzo di cinema catastrofico in cui Clint si inserisce da novellino ed in cui subito primeggia. Si dimostra tra l'altro coraggioso, usando largamente gli effetti speciali come aveva osato solo in Space Cowboys, e uscendo dai consueti confini americani per ambientare gran parte della storia in Europa, e non solo, facendo di fatto fruire un terzo del film in lingua francese sottotitolata. Ormai non dovremmo più stupirci, eppure io continuo a farlo di fronte a quest'ex straniero senza nome, quest'antico pezzo di granito del cinema americano, che più invecchia più diventa delicato e romantico.

 Hereafter è un film dove l'aldilà si scorge appena, in pochi rapidi e incerti flash, ma dove si vede e si parla della nostra vita, con partecipazione e umanità, come ama fare Clint.

[+] lascia un commento a club dei cuori solitari »
Sei d'accordo con la recensione di Club dei Cuori Solitari?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
49%
No
51%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Club dei Cuori Solitari:

Hereafter | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marzia Gandolfi
Pubblico (per gradimento)
  1░ | lucadagostino85
  2░ | weach
  3░ | weach
  4░ | giovanni di giulio
  5░ | marv89
  6░ | weach
  7░ | writer58
  8░ | sergiofi
  9░ | simone dato
10░ | andaland
11░ | paolocarburi
12░ | ginofac
13░ | gabriella
14░ | filibro
15░ | filmicus
16░ | queen-lizard
17░ | sabatino
18░ | u˛lter
19░ | reservoir dogs
20░ | fabio2
21░ | monica montanari
22░ | xquadro
23░ | carlo vecchiarelli
24░ | shiningeyes
25░ | shingo tamai
26░ | ambra nepi
27░ | nalipa
28░ | angelo umana
29░ | dado1987
30░ | taxidriver
31░ | wbgraphic
32░ | g. romagna
33░ | cesare antonio borgia
34░ | davidestanzione
35░ | massimo allegri
36░ | laulilla
37░ | andrea1967
38░ | toro sgualcito
39░ | cannabbal
40░ | pipay
41░ | gianmarco.diroma
42░ | bobdex
43░ | farne
44░ | lucio
45░ | elibook
46░ | fabio57
47░ | renato c.
48░ | cinemalife
49░ | gianluca bazzon
50░ | karmaelo
51░ | brucemyhero
52░ | vipera gentile
53░ | sono il signor wolf
54░ | elgatoloco
55░ | inesperto
56░ | elibook
57░ | dandy
58░ | ethan89
59░ | sonnycorleone
60░ | pinodeluca
61░ | marce84
62░ | volpao
63░ | yoricca
64░ | anna1
65░ | paulettebouledefeu
66░ | algernon
67░ | immanuel
68░ | sincity
69░ | milore
70░ | club dei cuori solitari
71░ | roga.g
72░ | federico
73░ | olgadik
74░ | loriabruzzo
75░ | alby84
76░ | jack black
77░ | diego p.
78░ | lucamocine
79░ | catia p.
80░ | emilio zampieri
81░ | paride86
82░ | fabio1957
83░ | morgana
84░ | kingarras
85░ | theconformist
86░ | apsara84
87░ | alex41
88░ | oigres62
89░ | annalisa.giu
90░ | alexia62
91░ | jayan
92░ | annelise
93░ | alice33gra
94░ | giorgio47
95░ | samwood
96░ | giovanni m. di sanchirico
97░ | werner
98░ | morpheusgm
99░ | jens80
100░ | simon
101░ | alberto gabrielli
102░ | giorgio castelletti
103░ | aesse
104░ | navoce
105░ | tritono
106░ | il poeta marylory
107░ | marx66
108░ | alexcross
109░ | patriarchino
110░ | stefano bruzzone
111░ | frankie
112░ | redmond
113░ | gordon pasha
114░ | cacciafilm
115░ | pietro viola
116░ | renato volpone
117░ | italink
118░ | qiovanni
119░ | paoloviola
120░ | ultimoboyscout
121░ | mimmonat
122░ | peppeanastasi
123░ | em.ina
124░ | gigieppetto
125░ | malignetto
126░ | batybaty
127░ | giacomogabrielli
128░ | weach
129░ | eldiabloaaa
Rassegna stampa
David Denby
Premio Oscar (4)
Nastri d'Argento (2)
David di Donatello (2)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 |
Shop
DVD
Uscita nelle sale
mercoledý 5 gennaio 2011
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità