Come d'incanto

Film 2007 | Commedia Film per tutti 107 min.

Titolo originaleEnchanted
Anno2007
GenereCommedia
ProduzioneUSA
Durata107 minuti
Regia diKevin Lima
AttoriAmy Adams, Patrick Dempsey, James Marsden, Timothy Spall, Idina Menzel, Rachel Covey Susan Sarandon, Julie Andrews, Jeff Bennett, Kevin Lima, Emma Rose Lima, Teala Dunn, Fred Tatasciore, Courtney Williams, William Huntley.
Uscitavenerdì 7 dicembre 2007
DistribuzioneBuena Vista International Italia
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti
MYmonetro 3,20 su -1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Kevin Lima. Un film con Amy Adams, Patrick Dempsey, James Marsden, Timothy Spall, Idina Menzel, Rachel Covey. Cast completo Titolo originale: Enchanted. Genere Commedia - USA, 2007, durata 107 minuti. Uscita cinema venerdì 7 dicembre 2007 distribuito da Buena Vista International Italia. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti - MYmonetro 3,20 su -1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Come d'incanto tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Il film segue la bellissima principessa Gisella, bandita dal suo mondo magico e musicale ad opera di una malvagia regina. Il film ha ottenuto 2 candidature a Golden Globes. In Italia al Box Office Come d'incanto ha incassato 6,9 milioni di euro .

Come d'incanto è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,20/5
MYMOVIES 2,25
CRITICA 2,92
PUBBLICO 3,65
CONSIGLIATO SÌ
Kevin Lima adatta e topoi della Disney e delle favole tradizionali per costruire una commedia sentimentale contemporanea ambientata a Manhattan.
Recensione di Marzia Gandolfi
sabato 27 ottobre 2007
Recensione di Marzia Gandolfi
sabato 27 ottobre 2007

C'era una volta in un bosco "animato" una principessa in attesa del suo principe, un principe impaziente di baciare una principessa, una matrigna determinata a impedire il loro incontro. Il destino decide altrimenti e i due giovani si trovano e si innamorano. Deciso a sposarla, Edward conduce Giselle al castello ma la regina malvagia, con un inganno, la spinge in un pozzo profondo verso un mondo senza lieto fine. Scaraventata nella realtà e spaventata dal traffico di New York, Giselle trova rifugio nel castello di un cartellone pubblicitario. In suo aiuto accorre Robert, un avvocato divorzista che non crede alle favole ma che finirà per vivere "felice e contento".
Che cosa potrebbe mai accadere se in Times Square, all'incrocio tra la Broadway e la Seventh Avenue, si materializzasse "come d'incanto" una principessa in abito nuziale? Può succedere che il cinema d'animazione si ripensi, incarnandosi e trasformandosi in una "favolosa" commedia sentimentale. Giselle non è un'eroina che arricchisce la galleria inaugurata da Biancaneve, è piuttosto un personaggio summa delle principesse disneyane. Una figlia immateriale che invade la realtà, ansiosa, come la Disney, di trovare una nuova identità. Come Belle, Ariel, Aurora o Cinderella, Giselle canta ogni volta che ne ha voglia, teatralizzando i sentimenti e omaggiando il format "musical animato" della Disney.
L'insistita autoreferenzialità non rimanda a un semplice citazionismo, Kevin Lima ripercorre, adatta e ri-contestualizza i topoi della Disney e delle favole tradizionali (l'amore impossibile, l'amicizia, l'apprendistato umano, la solidarietà animale e l'antropoformizzazione) alla luce delle nuove esigenze socio-culturali. L'effetto comico deriva così dal rovesciamento tematico dell'originale. Il principe delle fiabe di James Marsden diventa il bersaglio principale del film: la sua fraseologia fiabesca, i clichè linguistici e le parole fuori luogo, almeno a New York, inducono la principessa alla fuga invece che al bacio.
La Giselle di Amy Adams al contrario impara ad affrontare la realtà, affrancandosi da "favolosi" assunti e scoprendo la propria femminilità. La salvezza della principessa disneyana non deriva più dagli strumenti offerti (la promessa di matrimonio) dal principio maschile (il principe) ma passa attraverso l'istituzione di un nuovo equilibrio col sesso "azzurro". Qualcosa è cambiato nella fabbrica di magia per eccellenza: le principesse si arrabbiano, accettando sorprese la propria sfera istintiva e il proprio desiderio represso. Senza magia e senza incantesimi.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
COME D'INCANTO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
TIMVISION
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99 €11,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 5 agosto 2011
Lety Kant

A metà tra animazione e realtà, "Come d'Incanto" è uno dei più interessanti film musicali/commedia degli ultimi anni. La base su cui poggia è magistralmente sviluppata da un ottimo cast e il regista Kevin Lima, ha dato il meglio di sè, d'altronde è un esperto ormai nel campo "animato" (si ricordi "La carica dei 102", [...] Vai alla recensione »

giovedì 27 agosto 2009
ALESSANDRA VERDINO

"Come d'incanto", una delle ultime produzioni Disney, lascia, come é il titolo, incantati. L'idea vincente é stata quella di riunire nel film altre opere disneyane: "Biancaneve e i sette nani", "La bella addormentata nel bosco", "Pretty Woman" e "Cenerentola". Il risultato é una magnifica miscela dei temi classici di Disney. L'innocenza e la virtù in pericolo, rappresentate da una fanciulla speciale, [...] Vai alla recensione »

martedì 8 gennaio 2013
Jon Sugar

Uno di quei film che passano ogni due per tre in televisione, ma che rivedo ognuna di quelle volte. Sarà perchè in parte non me lo ricordo, ma anche perchè mi diverte sempre. Andiamo, è grandiosa la presa in giro delle menose principesse dei primi film d'animazione. La fanciulla per cui non esiste il dolore, per cui non esiste il divorzio, e la cui unica preoccupazione [...] Vai alla recensione »

giovedì 24 febbraio 2011
peppe97

Sia all'inizio che in altre parti,il film ci illustra scene a sfondo musicale in cui la protagonista,in linea di massima,improvvisa i brani da cantare,riuscendoci alla perfezione,però.Questo,devo dire che mi è abbastanza piaciuto,oltre al fatto che,sicuramente,il regista avrà trovato difficoltà nel trasformare la vicenda da un cartone ad un vero e proprio film.

giovedì 5 gennaio 2012
Yng River

salavatore ha scritto: "ridicolo, sono appena uscito dal cinema e rischio il coma diabetico!!!Sciropposo,dolce da far voltare lo stomaco,inconsistente.Ormai la contaminazione tra cartoni e realtà non interessa più nessuno e la storia è sempre la stessa,raccontata un milione di volte dal cinema amerikano.Certo in alcuni momenti fa ridere di gusto,ma credo per un ridicolo involontar [...] Vai alla recensione »

lunedì 27 dicembre 2010
Lady Libro

Non sarà all'altezza dei classici Disney, ma l'ho comunque trovato un film molto bello.

lunedì 13 febbraio 2012
arwen88

è bellissimo questo film , riesce a far ridere e a essere romantico come nessun altro film!!!

martedì 24 agosto 2010
monnnyticia

Una pellicola che tenta, riuscendoci poco, un ponte di collegamento con il grande cinema disneyano anni '60 e '70. Si riconoscono tanti personaggi delle fiabe dell'infanzia e anche, perchè no, dell'età adulta. Nel complesso il musical mi sembra riuscito anche se manca un tocco di magia..

giovedì 26 marzo 2009
adrmb

Non mi ha lasciato quello che i "vecchi" classici Disney mi lasciavano...

domenica 16 marzo 2014
Therao

Vidi "Come d'incanto" per la prima volta al cinema e lo trovai brutto. Di recente ho avuto modo di rivederlo e ho capito il perché. Il film si propone come una parodia dei film Disney fiabeschi e a lieto fine. Il problema è che, mentre, una buona parodia dovrebbe conoscere bene il genere che prende in giro (si pensi alle parodie di Mel Brooks, che quasi puntano ad emulare gli originali da cui sono [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 settembre 2011
Dragonia

 E' proprio il tipo di film ad essere un problema: volendo creare qualcosa di nuovo, si inscena un prodotto dove gli elementi di commedia demenziale, romanticismo e fantasy nella tradizione delle vecchie fiabe animate della factory (vedi la Bella Addormentata) si rovinano a vicenda e rendono l'intero film involontariamente sciapo e insipido.

FOCUS
INCONTRI
lunedì 3 dicembre 2007
Tirza Bonifazi Tognazzi

Cercasi principessa disperatamente Giunto al quarto lungometraggio per la Disney (dopo In viaggio con Pippo, Tarzan e La carica dei 102), Kevin Lima aveva le idee chiare su come realizzare Come d'incanto, esperimento - ottimamente riuscito - di "ibrido" cinematografico che mescola commedia romantica, musical, film d'avventura, animazione bidimensionale e tridimensionale. Se le prime stesure della sceneggiatura non lo avevano convinto perché troppo dark e sarcastiche, l'obiettivo principale del regista e animatore era di trovare una principessa che fosse sconosciuta al grande pubblico.

Frasi
Vivere è essere se stessi!
Una frase di Giselle (Amy Adams)
dal film Come d'incanto - a cura di marianna
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Francesco Alò
Il Messaggero

Se La leggenda di Beowulf cerca di proporre un'animazione il più realistica possibile, Come d'incanto di Kevin Lima ha l'idea opposta: realizzare una commedia dal vivo che sembri un cartone animato. E per essere ancora più precisi gli autori del film fanno cominciare questa favola moderna proprio come un cartone Disney vecchio stile, per poi passare al film dal vivo d'ambientazione newyorchese quando [...] Vai alla recensione »

Federico Pedroni
Film TV

Giselle è una bella principessa di un bel mondo animato, amica di moltissimi begli animaletti, in attesa del suo bel principe azzurro che aspetta con speranza pregustando il suo futuro. Ma la matrigna del suo principe ha progetti diversi e per non perdere il trono escogita un trucco: si tramuta in una vecchina come la strega di Biancaneve e getta la ragazza in un pozzo per spedirla in un posto in cui [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Giselle, cittadina di un regno dalle parti di Cartoonia, incontra il principe dei suoi sogni. Una strega perfida e classista separa gli innamorati, spedendo la fanciulla nell'odierna Manhattan. Giungla metropolitana dove, però, è in agguato l'amore, che s'incarna in più moderne tipologie di Principe Azzurro. Non paia un'esagerazione: Come d'incanto, il filmetto Disney che sta incantando il pubblico [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

«Come d'incanto» comincia come la parodia di una delle tante favole d'animazione prodotte dalla casa di Topolino: natura idillica, una principessa, un principe azzurro, una regina madre cattiva che spedisce con arti magiche la futura nuora nella New York dei giorni nostri. La principessa emerge da un tombino di Broadway in carne e ossa, impersonata da Amy Adams, seguita dal principe James Marsden e [...] Vai alla recensione »

Alessandra De Luca
Ciak

C’era una volta Cartoonia. Una dolce principessa si innamora del principe dei suoi sogni, ma la cosa non piace affatto alla madre del giovane, la perfida regina Narissa, che usa i suoi oscuri poteri per bandire la ragazza dal mondo animato e spedirla dopo soli undici minuti in un luogo lontano dove non esiste l’amore. E così la povera Giselle sbuca in carne e ossa (Amy Adams) da un tombino tra le strade [...] Vai alla recensione »

Brooks Barnes
The New York Times

“ENCHANTED,” a Walt Disney musical comedy that opened Wednesday, would have been labeled as treason in the Magic Kingdom just a few years ago. The grounds: mocking classic Disney characters. The lavishly filmed movie tells the story of Giselle, an animated princess who comes to life in modern-day Manhattan. Along the way, it parodies Snow White’s housekeeping and pokes fun at Sleeping Beauty’s rather [...] Vai alla recensione »

Adriano De Carlo
Il Giornale

Tra i numerosi panettoni natalizi sfornati dalla Disney Come d'incanto è tra i più fragranti. Un mix di cartoon e realtà. Non è una novità assoluta, almeno per la Disney. In questo caso l'inizio volutamente stucchevole, con uno stile grafico che si riallaccia alla stagione d'oro della premiata ditta, gli anni Quaranta e Cinquanta, è utile al racconto, e dimostra che il cartoon, visti i progressi della [...] Vai alla recensione »

Silvia Bizio
La Repubblica

Il bello di Grev's Anatomy al cinema e una favola Patrick Dempsey, dopo aver conquistato il pubblico televisivo con il dottor Stranamore della serie tv, è un principe azzurro in «Come d'incanto», film natalizio della Disney. Insomma, un momento d'oro. Come gli era già capitato vent'anni fa... Patrick Dempsey, che, con la sua disinvoltura nell'interpretare maschi sentimentalmente incasinati, ha fatto [...] Vai alla recensione »

Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Fiaba metropolitana che combina il mondo animato delle fate al mondo corrotto e incasinata occidentale. Sparata nella realtà, in mezzo alle contraddizioni di Manhattan, dalla malvagia regina Narissa, madre del bellissimo principe di cui è innamorata, Giselle è protagonista di un gioco di adeguamento tra il personaggio di cartone e il personaggio in carne ed ossa, forse la cosa più interessante di questa [...] Vai alla recensione »

Manohla Dargis
The New York Times

The movies like to promise girls and women a happily ever after, but it’s unusual that one delivers an ending that makes you feel unsullied and uncompromised, that doesn’t make you want to reach for your Simone de Beauvoir or a Taser. “Enchanted,” an unexpectedly delightful revisionist fairy tale from, of all places, Walt Disney Pictures, doesn’t radically rewrite every bummer cliché about girls [...] Vai alla recensione »

Margy Rochlin
The New York Times

ABOUT a third of the way through “Catch Me if You Can,” a 2002 film with a turbo-powered Hollywood pedigree — Steven Spielberg as director, Leonardo DiCaprio and Tom Hanks as stars — a perky, red-haired candy striper named Brenda Strong is introduced, played by an actress, then unknown, named Amy Adams. Recently Ms. Adams revealed that the way she held her own opposite her more famous colleagues [...] Vai alla recensione »

Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Da quando l'orco Shrek usava come carta igienica le pagine di un libro di fiabe illustratissimo, vergato in caratteri gotici, le favole non possono più dormire sonni tranquilli. Si abbatte su di loro la sorte che per decenni è toccata al povero Shakespeare: mai una messa in scena tranquilla, sempre qualcosa per dar scandalo, come minimo un Romeo e una Giulietta agonizzanti sul tappeto di siringhe. Vai alla recensione »

NEWS
RUBRICHE
lunedì 10 dicembre 2007
Andrea Chirichelli

Ci voleva una magia per togliere alle Winx il primo posto della top ten italiana e, come in America del resto, a riuscirci è stato un incantesimo della rinata Walt Disney: Come d'incanto acchiappa la vetta della classifica con un ottimo incasso: oltre [...]

NEWS
mercoledì 21 novembre 2007
Chiara Renda

Fiabe natalizie Si avvicina dicembre e con esso alcuni film natalizi. Ce n'è per tutti i gusti, a partire dalla favola contemporanea disneyana di Kevin Lima Come d'incanto: la principessina in abito nuziale del mondo delle fiabe Ady Adams si ritroverà [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati