Battaglia nel cielo

Film 2005 | Drammatico 98 min.

Titolo originaleBatalla en el cielo
Anno2005
GenereDrammatico
ProduzioneMessico, Francia, Belgio, Germania
Durata98 minuti
Regia diCarlos Reygadas
AttoriMarcos Hernández, Anapola Mushkadiz, Bertha Ruiz, David Bornstien, Brenda Angulo El Abuelo, El Mago.
Uscitavenerdì 3 febbraio 2006
MYmonetro 2,28 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Carlos Reygadas. Un film con Marcos Hernández, Anapola Mushkadiz, Bertha Ruiz, David Bornstien, Brenda Angulo. Cast completo Titolo originale: Batalla en el cielo. Genere Drammatico - Messico, Francia, Belgio, Germania, 2005, durata 98 minuti. Uscita cinema venerdì 3 febbraio 2006 - MYmonetro 2,28 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Battaglia nel cielo tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Il film del messicano Reygadas che ha scandalizzato il Festival di Cannes 2005 per scene di sesso molto esplicite si propone come un'opera densa di misticismo mai banale. In Italia al Box Office Battaglia nel cielo ha incassato 103 mila euro .

Battaglia nel cielo è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING Compralo subito

Consigliato nì!
2,28/5
MYMOVIES 1,50
CRITICA 2,44
PUBBLICO 2,06
CONSIGLIATO NÌ
Carlos Reygadas conferma il suo stile visionario, provocatorio e spiazzante.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Carlos Reygadas conferma lo stile visionario e spiazzante che già aveva mostrato in Japon. Questa volta narra di Marcos, l'autista di un generale, sconvolto dal tragico epilogo del rapimento di un bambino perpetrato da lui e dalla moglie. Cerca conforto confessando tutto ad Ana, la figlia del suo padrone. Reygadas propone allo spettatore scene di sesso molto esplicite con lo scopo di scandalizzare. Spesso ci riesce.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Marcos, autista di un generale, rapisce con l'aiuto della moglie un bambino che muore accidentalmente. Ana, la figlia del generale, si prostituisce per suo piacere personale. Marcos e Ana hanno occasionali congressi carnali. Lui le racconta ciò che ha fatto. Poi si unisce ai pellegrini di Nostra Signora di Guadalupe dove si compirà il suo destino. Aperto e chiuso da una fellatio, farcito al centro da una sgradevolissima scena di sesso tra lo sgradevole protagonista e la sua sgradevole consorte - scene che hanno fatto scandalo al Festival di Cannes ma non hanno aiutato gli incassi - è l'opera n. 2 del regista messicano che, dopo l'affascinante Japon , "alza troppo il tiro con un film paranoico sociale che usa il grimaldello di sexy scene esplicite..." (M. Porro). Perché non basta raccontare con uno stile antispettacolare, visionario e spiazzante, prendere a pugni nello stomaco lo spettatore, essere messicani e spruzzare su tutto un misticismo esasperato per lasciare il segno. V.M. 18 anni.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
BATTAGLIA NEL CIELO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 17 ottobre 2010
mario_platonov

Un film del genere ci pone davanti ad un dubbio amletico: possono alcune sequenze magistrali salvare un film costruito sul nulla (o quasi)? Parlare di trama, per questo Battaglia nel cielo, sarebbe al limite del ridicolo. Ancor di più cercare tracce di approfondimento psicologico dei personaggi. Eppure, se per un momento dimentichiamo che dentro al barattolo non c’è niente, possiamo [...] Vai alla recensione »

lunedì 17 aprile 2017
gianleo67

Autista ed aiutante di un ricco generale messicano, Marcos confessa alla spegiudicata figlia di quest'ultimo la morte del neonato, figlio di parenti benestanti, che ha rapito con l'aiuto della moglie. Sconvolto dall'accaduto e convinto a costituirsi dalla ragazza, alla quale è legato da una morbosa dipendenza, l'uomo finirà per reagire in modo tragico ed imprevedibile.  [...] Vai alla recensione »

lunedì 1 aprile 2013
Gianni Quilici

Normal 0 14 false false false MicrosoftInternetExplorer4   E’ innanzitutto un film sul dolore, quel dolore pesante, tremendo che lascia annichiliti, che guarda senza vedere, perché vede solo quel dolore. Così il protagonista non sente la fellatio fattogli dalla bella ragazza, ne’ vede lo snodarsi [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Nepoti
La Repubblica

Capita qualche volta, tra tanto cinema prevedibile, di scoprire un film con uno "stile". Termine un po' in disuso: però vedere, per credere, come Carlos Reygadas (già fattosi notare per il suo esordio, Japon) mette in immagini questa strana storia di rapimento di bambini, coiti mistici, incomunicabilità, processioni barocche. Una delle prime sequenze, nel tunnel della metropolitana di Città del Messico, [...] Vai alla recensione »

Cristina Piccino
Il Manifesto

Col film d'esordio, era il festival di Cannes 2002, Carlos Reygadas, messicano oggi trentacinquenne aveva cortocircuitato usi e riferimenti della visione. Japon, storia in bilico tra vita e morte col deambulare interiore nella natura irriconciliata dell'Hidalgo (dove il nonno del regista aveva casa) e nella geografia del suo «eroe», un uomo che vuole suicidarsi e che rinuncia nel piacere di una sensualità [...] Vai alla recensione »

Stefano Lusardi
Ciak

Aperto e chiuso da una fellatio, praticata da una donna giovane e bella a un grassoccio uomo di mezza età, l’opera seconda (dopo Japòn, premiato nel 2002 con la Camera d’Oro) del messicano Carlos Reygadas è stata un prevedibile scandalo al Festival di Cannes. Ma più della scena incriminata - definita dallo stesso regista «sociale e sessuale, non certo pornografica» - “scandaloso” è il modo di fare [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Lui è grande, grosso, sformato, ottuso, lo sguardo opaco dietro gli occhiali, una lentezza non si sa se angelica o bestiale. Lei è giovane, magra, graziosa, disinvolta. Si conoscono da quando lei era bambina, ma sono fatti per non incontrarsi. Lei infatti è la figlia di un generale, lui il factotum di suo padre, e le differenze sociali in Messico anche più che altrove si portano scritte addosso.

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Città del Messico. Marcos, un uomo massiccio, barbuto, fa l’alza e l’ammainabandiera in una caserma agli ordini di un generale che l’ha incaricato di fare anche da autista alla figlia. La ragazza, però, è così disinibita che non solo, per il proprio piacere, va a fare sesso nei bordelli, ma lo fa, ampiamente, anche con lui che, a sua volta, lo fa, rumoroso, affannoso, ansimante, anche con la propria [...] Vai alla recensione »

Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Le cul entre deux chaises” titola Les Inrockuptibles. Che è come dire: non siamo sicuri se questo film del maestro Carlos Reygadas è una boiata pazzesca o un capolavoro assoluto, quindi pubblichiamo fianco a fianco due recensioni. Non succede quasi niente, tranne un paio di pompini: uno in apertura, uno in chiusura. L’uomo è brutto e grasso, la ragazza bella e giovane.

Mauro Gervasini
Film TV

Marcos rapisce con la moglie il figlio del suo principale. Il bimbo muore e l’uomo, devastato dal senso di colpa, si astrae sempre più dalla realtà, entrando in una zona d’ombra cripto-mistica che contempla il forte desiderio di confessarsi a qualcuno. Magari ad Ana, la giovane e bella sorella del bambino. Epilogo forte. Più che un film, un pellegrinaggio visionario nell’anima nera di un mondo e di [...] Vai alla recensione »

Adriano De Carlo
Il Giornale

Battaglia nel cielo è stato presentato al Festival di Cannes. Mah! La storia, in stile finto realista, inizia con una fellatio esplicita e termina con un'altra, che assurge a simbolo purificatore. Vi si racconta di un uomo di mezza età, Marcos (Marcos Hernandez), autista di un generale dell'esercito messicano, innamorato di Ana (Anapola Mushkadiz), figlia del suddetto ufficiale, che per puro diletto [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati