Harem Suare

Film 1999 | Storico 106 min.

Titolo originaleHarem suaré
Anno1999
GenereStorico
ProduzioneItalia, Francia, Turchia
Durata106 minuti
Regia diFerzan Ozpetek
AttoriValeria Golino, Marie Gillain, Alex Descas, Lucia Bosè, Malick Bowens, Christophe Aquillon Serra Yilmaz, Haluk Bilginer, Pelin Batu.
MYmonetro Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Regia di Ferzan Ozpetek. Un film con Valeria Golino, Marie Gillain, Alex Descas, Lucia Bosè, Malick Bowens, Christophe Aquillon. Cast completo Titolo originale: Harem suaré. Genere Storico - Italia, Francia, Turchia, 1999, durata 106 minuti. Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Condividi

Aggiungi Harem Suare tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Siamo all'inizio del ventesimo secolo a Instabul. Mentre la rivoluzione imperversa il sultano a teatro assiste alla Traviata, e impone un lieto fine.

Harem Suare è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,25
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,00
CONSIGLIATO NÌ
Scheda Home
Critica
Cinema
Trailer
Un affresco complesso e inusuale, imperniato sul crollo dell'Impero Ottomano.
Recensione di Marco Chiani
Recensione di Marco Chiani

Primi anni Ventesimo secolo. Mentre fuori imperversano i moti dei Giovani Turchi, all'interno del palazzo Yldiz a Istanbul, la concubina Safiyé diventa favorita e poi moglie del sultano Abdulhamit II grazie alla complicità dell'eunuco Nadir, verso il quale nutre una ricambiata attrazione. Quando il parlamento turco deciderà di sciogliere l'harem e il sultano sarà mandato in esilio, Safiyé, di origine italiana, tornerà in patria a raccontare la sua storia.
Ancora a lavoro sul rapporto tra Oriente e Occidente dopo l'esordio di Il bagno turco, Ferzan Özpetek dirige un affresco complesso e inusuale, imperniato sul crollo dell'Impero Ottomano. Con l'aiuto della pregiata fotografia di Pasquale Mari e di una cornice scenografica di indiscutibile presa perché non di rado autentica, il regista turco naturalizzato italiano ha l'ambizione di ritrarre un intero mondo l'attimo prima del suo crollo così come di analizzare una realtà avvincente proprio perché in pieno disfacimento, scegliendo di far coincidere l'aspetto politico, sociale e emotivo della vicenda. Macchinosa nel funzionamento, la doppia cornice è soltanto una forzatura, retorica in più di un passo, spesso anche pesante, l'opera seconda di Özpetek sa essere anche appassionata, sensuale, gravida di una palpabile malinconia: si pensi ad alcune finezze nel rapporto tra Safiyé e Nadir, dapprima giocato sul non detto, sulle tensioni degli sguardi e poi su una tragica fisicità, oppure al discioglimento dell'harem inteso come metafora di un'intera epoca che sta per essere fagocitata dal progresso.
Melodramma storico di ispirazione (anche) verdiana, del resto si inizia con un'esibizione di Traviata con finale appositamente cambiato dalla stessa Safiyé ad uso del sultano, Harem Suare insegue un decadentismo di alta scuola che non riesce, tuttavia, a trovare né nella descrizione della vita dell'harem né nella sovrapposizione tra i diversi piani narrativi. In buona sostanza è come se il regista, ricorrendo all'espediente di non mostrare mai il nucleo reale di ciò che accade, invece di dare vita alla sperata vertigine, crei soltanto una confusione che respinge lo spettatore.
Interessante il confronto attoriale, alla stazione, tra Valeria Golino (Anita) e Lucia Bosè (l'anziana Safiyé), due interpreti capaci in un cast purtroppo non sempre all'altezza. Scritto dal regista con Gianni Romoli, anche produttore con Tilde Corsi, musicato da Pivio e Aldo De Scalzi. Imperfetto, ma a suo modo prezioso.

Sei d'accordo con Marco Chiani?
HAREM SUARE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD

-
-
-
-
TheFilmClub
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 8 dicembre 2013
pipakuk

Ozpetek, ha voluto utilizzare in questo film i modi e il tempo del racconto tipico dell'oriente. Bella, la metafora dei due racconti della stessa storia, che vuole sottolineare come diversamente possa essere vissuto un cambiamento. Sottolineando l'aspetto "progressista" della caduta dell'Impero Ottomano, così come sottolinea l'assoluta mancanza di cambiamento tra quegli uomini che cercano di convincere [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati