Strange Days

Film 1995 | Fantastico +16 145 min.

Regia di Kathryn Bigelow. Un film Da vedere 1995 con Ralph Fiennes, Angela Bassett, Juliette Lewis, Tom Sizemore, Vincent D'Onofrio. Cast completo Genere Fantastico - USA, 1995, durata 145 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 3,68 su 37 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Strange Days tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Los Angeles, ultime ore del secolo. L'ultima moda è un dischetto, un "clip", che applicato col dovuto apparecchio permette di vivere qualsiasi esperierienza dal vivo. In Italia al Box Office Strange Days ha incassato 2,1 milioni di euro .

Strange Days è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
3,68/5
MYMOVIES 3,75
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,64
CONSIGLIATO SÌ
Fantascienza targata Bigelow.
Recensione di Annarita Mazzucca
Recensione di Annarita Mazzucca

James Cameron, la cui contiguità con Kathryn Bigelow andò ben oltre la breve esperienza matrimoniale, firma soggetto e sceneggiatura di Strange Days, traendo spunto dai tumulti razziali scoppiati nel 1992 negli Stati Uniti, seguiti al pestaggio di Rodney King da parte di 4 poliziotti.
Los Angeles 30 dicembre 1999, ultimi momenti del 20° secolo. La fine di un millennio di un mondo in rovina, in preda all'anarchia, duramente repressa dalle forze dell'ordine. Ambientato in un futuro metropolitano apocalittico per allora non molto lontano (evidenti i richiami con Blade Runner): un avvenire prossimo in cui una nuova droga, lo squid (che permette di vivere in prima persona esperienze altrui) soppianta quelle vecchie, con un effetto di assoluta sostituzione dell'io. L'espediente del nuovo stupefacente in circolazione offre allo spettatore cinematografico l'impressione di percepire e vedere tutto in diretta. Per ottenere questo effetto si utilizzò la soggettiva per rendere l'idea di veri e propri frammenti di vita consequenziali, stupri e omicidi, sensazioni parallele e amplificate di vittime e carnefici. Gli effetti dello squid sono mostrati fin dalla prima sequenza della morte in diretta di un rapinatore che precipita tentando di saltare da un palazzo a un altro per sfuggire alla polizia, fruita in replay da Lenny Nero (Ralph Fiennes) che testa la merce di cui è spacciatore. La meta-visione del pubblico crea un corto circuito percettivo spiazzante e disorientante: chi guarda cosa con gli occhi di chi? Questa estremizzazione del vouyerismo raggiunge l'acme nell'episodio dello stupro di una prostituta (la Bigelow è la prima regista donna a filmare una violenza sessuale).
Astratto e realistico, filosofico e carnale, estetico e mai estetizzante. È il cinema di Kathryn Bigelow, troppo dotata nella messa in immagini. Sempre adrenalinico. Tra conflitti e confronti. Sempre oltre la tranquillizzante divisione tra i generi: quella primaria (maschile/femminile) e quella secondaria che coinvolge linguaggi, generi, stili, punti di vista mai totalizzanti e sempre discutibili.

Sei d'accordo con Annarita Mazzucca?
Fantascienza targata Bigelow.

Los Angeles, ultime ore del secolo. L'ultima moda è un dischetto, un "clip", che applicato col dovuto apparecchio permette di vivere qualsiasi esperienza dal vivo. In uno di questi clip il protagonista Lenny Nero assiste all'uccisione di una prostituta. È l'inizio di un intrigo che fa risalire alla morte di un leader nero ucciso dalla polizia. Alla fine, fra tanti simbolici pronunciamenti, alcuni poliziotti bianchi sparano sui due poliziotti bianchi assassini, per salvare la "nera" che li aveva smascherati. Con la fine del secolo arriverebbe dunque la realizzazione della grande utopia. Nel frattempo abbiamo conosciuto una città che sembra un girone dell'inferno: tutto esasperato, anzi, apocalittico. Le strade sono pattugliate dai carri armati, la musica è una tortura, la droga è un giochetto scontato, i marciapiedi sono una guerra. Regia forte e onirica, superespressionista, applicata a un contenuto che vuole rappresentare troppo. Ingenuità e limite degli americani quando cadono nella tentazione di affrontare, e risolvere, i grandi temi del mondo col cinema.

Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

I giorni del titolo sono il 30 e il 31 dicembre 1999, ultimi dell'anno, del secolo e del millennio. Ambiguo il significato di Strange : strani o stranieri, sconosciuti, nuovi? La fantascienza (distopica) è il genere cui si avvicina di più questo film, diretto dalla ex moglie di James Cameron, che l'ha prodotto e sceneggiato con Jay Cocks. Nel 2000 la droga più ambita è lo Squid, un CD che attraverso una cuffia fa rivivere, a tutti i livelli sensoriali, un'esperienza già vissuta da un altro. Illegale e clandestino, lo Squid è spacciato da Lenny Nero, ex poliziotto, che si mette nei guai per aver trovato le prove dell'omicidio di un celebre cantante nero da parte di due poliziotti bianchi. Film pessimista, nonostante la lieta fine catartica, ma non disperato. Film strano che conta per quel che mostra e fa sentire, non per quel che racconta sullo sfondo di una Los Angeles che quasi non c'è e poco si vede. Musica furibonda.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
FANTAFILM
Cento anni di cinema di fantascienza

SQUID. Acronimo di "Superconducting Quantum Interference Device" (dispositivo di interferenza del superconduttore quantum). Evoluzione ultima delle microspie usate dagli agenti segreti, lo Squid è uno strumento in grado di memorizzare sensazioni, emozioni e ricordi, prelevandoli direttamente dalla corteccia cerebrale. Le clip così realizzate possono poi essere "viste" o, meglio, "vissute" da chiunque come esperienze proprie. Dichiarata illegale dal governo, questa tecnologia ha reso lo Squid la droga definitiva, e gli spacciatori di fine millennio sono in grado di offrire agli assetati di forti emozioni ogni tipo di perversione da vivere in soggettiva, fino al "black-jack", ovverosia la morte in diretta. E' il 30 dicembre 1999. In una Los Angeles cupa e ingovernabile, sull'orlo della guerra civile, con la polizia in assetto anti sommossa e i blindati dell'esercito per le strade, l'ex poliziotto Lenny Nero (Fiennes) spaccia il paradiso virtuale dello Squid ("bello quasi quanto la realtà, e molto più sicuro..."), invano biasimato e comunque sempre aiutato dalla bellissima Mace (Bassett), che lo ama in segreto. Lenny è un antieroe, uno sconfitto, e non sa rassegnarsi alla perdita di Faith (Lewis), cantante in carriera che l'ha abbandonato per legarsi al cinico impresario Philo Gant. Costui controlla tutti gli artisti della città, tra i quali c'è Jericho One, un rapper di colore che si è fatto portavoce dello scontento e del malessere delle frange più povere della popolazione. Quando Jericho viene ucciso in un misterioso attentato, Lenny si trova suo malgrado al centro di un complesso intreccio criminale e diviene un bersaglio quando Iris, una prostituta poi brutalmente assassinata, gli affida una clip che contiene la chiave del delitto...
Gli orizzonti dischiusi dalla macchina telepatica (ideata nello sfortunato Brainstorm e più tardi riproposta nel confuso Fino alla fine del mondo di Wenders) vengono qui esplorati fino alle più estreme conseguenze. Nell'uso più normale, le clip contengono ricordi da rivivere con la stessa intensità della prima volta, ma sono anche testimonianze inconfutabili di valore legale, e vivide realtà virtuali dove riassaporare sensazioni perdute (Lenny regala ad un amico privo delle gambe una registrazione che gli restituisce per un attimo la gioia di una corsa a piedi nudi sulla spiaggia). Nell'uso peggiore, quello ovviamente più gettonato, lo Squid consente le più impensabili scorribande nel porno e nella violenza e se sovraccaricato, per caso o per disegno criminoso, si rivela anche un'arma micidiale in grado di bruciare i lobi temporali del cervello, riducendo la vittima ad un vegetale senza speranza di recupero. Ottima prova della Bigelow, ex moglie di James Cameron, il quale co-produce oltre a firmare la sceneggiatura. Magistrale ed adrenalinica la sequenza dello stupro e dell'uccisione della prostituta, girata tutta in soggettiva dell'assassino. Una perfetta hard-boiled story in chiave fantascientifica, tesa, serrata e violenta, che si snoda nell'arco di 24 ore e trova, dopo il classico colpo di scena finale, la sua cruenta e liberatoria soluzione nella bolgia dei festeggiamenti di fine anno. ©

STRANGE DAYS
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Infinity
-
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 24 novembre 2010
PatrickBateman47

Film straordinario,frizzante,adrenalinico,romantico,noir,esplosivo,anni '90 allo stato puro un film che all'epoca fece flop ma come tutti i capolavori il film era troppo avanti per la sua epoca,con un Cameron che ancora funzionava prima di corrompersi alla commercialità più bieca e con una grandissima Kathryn Bigalow in stato di grazia e con un cast straordinario Strange [...] Vai alla recensione »

venerdì 24 ottobre 2014
jacopo b98

 31 dicembre 1999, Lenny Nero (Fiennes) è un ex-poliziotto che spaccia dischetti su cui vengono registrate esperienze altrui su cui vengono registrati anche gli input sensoriali. Questi dischetti sono una droga illegale, chiamata squid. Nero riceve una clip su cui è registrato il brutale omicidio di una prostituta sua conoscente. Insieme alla guardia del corpo Mace (Bassett) e all’a [...] Vai alla recensione »

martedì 6 settembre 2016
Noia1

In un fine millennio distopico la nuova droga consiste nel vivere esperienze di altri tramite un dispositivo che si collega alla testa. Uno spacciatore però ne vede uno ben più interessante ed orrendo degli altri, inizia una storia ben più grande di lui e ben più pesanti di quanto non pensasse saranno le conseguenze. La rappresentazione dell’immediato futuro, rispetto all’anno di uscita del film, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 9 marzo 2016
Danko188

Strani giorni ci hanno trovato | Strani giorni ci hanno raggiunti | Distruggeranno le nostre gioie casuali | Dovremmo andare a suonare o a cercare una nuova città. Così recita la prima strofa di Strange Days ad opera di quello che è forse il gruppo più ermeneutico e dionisiaco della storia del Rock. Il brano psichedelico dei Doors presta, oltre al nome, anche connotati [...] Vai alla recensione »

mercoledì 27 maggio 2015
LoveShock

Film che vidi in premiere Italiana il 21 Settembre 1995 mentre all'epoca mi occupavo di realtà virtuale (fondai uno studio 3D pochi mesi dopo), il tema era rovente, molto "hip" si direbbe oggi, negli ambienti creativi. Lo SQUID (Super Quantum User Interface Device) immaginato da Cameron/Bigelow non é una "droga" ma una tecnologia segreta militare "leaked" e caduta nelle mani del mercato nero e per [...] Vai alla recensione »

mercoledì 11 marzo 2015
jackiechan90

In un futuro(all'epoca) non molto lontano l'ex detective Lenny Nero(Ralph Fiennes) si prepara a festeggiare l'inizio dell'anno nuovo(il 2000 fine di un millennio, di un secolo, di un'epoca) spacciando lo squid, un'apparecchio che promette di fare vivere alle persone esperienze reali in diretta con gli occhi di chi registra queste esperienze.

domenica 8 febbraio 2015
paolp78

Notevole la sceneggiatura (trama intrecciata ed avvincente), che costituisce l'elemento di forza della pellicola, insieme all'ambientazione perfettamente riuscita, grazie ad una Los Angeles squallida e disordinata che si richiama molto a quella descritta in Blade Runner, di cui viene restituita la stessa atmosfera. I numerosi personaggi, principali e di contorno, risultano tutti accattivanti [...] Vai alla recensione »

sabato 18 marzo 2017
emanuele marchetto

Ambientato a Los Angeles durante gli ultimi giorni del 1999, il film segue le vicende di Lenny Nero, un ex-poliziotto che vive spacciando clips per il "filo-viaggio", sulle quali vengono registrate esperienze altrui come realtà virtuale, che includono tutti i loro input sensoriali, come vista, udito, tatto ed olfatto, e che, tramite un lettore SQUID (Dispositivo d'Interferenza [...] Vai alla recensione »

lunedì 14 aprile 2014
kondor17

Rivedendo questo film dopo tanti anni, devo dire che Bigelow-Cameron ci hanno quasi azzeccato. Siamo tutti, ora, chi più chi meno, dipendenti da immagini e informazioni non nostre, "indotte" e riportate. Dico quasi perchè la visione apocalittica di un mondo in rapido declino "morale" è ben lungi dal realizzarsi.

venerdì 29 ottobre 2010
the man of steel

Thriller a tratti incomprensibile perchè diventa poco interessante, Strange Days, dalla premio Oscar Kathryn Bigelow, attinge a piena mano da Blade Runner ma senza avere il fascino del vecchio cinema. Il film, nonostante una buona regia (anche se nemmeno di un pollice all'altezza di The Hurt Locker), e una sceneggiatura ben scritta (il solito James Cameron), non riesce a sfruttare a [...] Vai alla recensione »

martedì 7 luglio 2009
Jethro

Un film che mi ha lasciato inchiodato alla poltrona con il fiato sospeso dall'inizio alla fine. Ottimo sotto tutti gli aspetti.

lunedì 20 settembre 2010
luca r.

bellissimo film, l idea di poter vivere la vita degli altri e grandiosa.le scene dei trip sono bellissime e merita anche l intesa tra la basset e fiennes!!l unico difetto e che a tratti e un po caotico e confusionario ma tiene incollati alla sedia.....da vedere assolutamente

lunedì 6 settembre 2010
Gertrude

Simile a Minority Report e forse più vicino alla nostra realtà...Prende molto e non delude!

venerdì 9 novembre 2018
Onufrio

Sono davvero "Giorni strani" quelli raccontati dalla regista Bigelow, in uno scenario  apocalittico, l'America si appresta a festeggiare l'arrivo del nuovo millennio, il 2000. Ma per le strade il caos regna supremo, e le stesse forze dell'ordine sembrano essere le prime ad aver perso la trebisonda. Ottima sceneggiatura per un film di fantascienza dal quale si può trarre [...] Vai alla recensione »

martedì 17 aprile 2018
cristina

In un futuro non troppo lontano e non così irrealizzabile Lenny Nero, ex poliziotto caduto in disgrazia e incapace di rifarsi una vita dopo che la donna della sua vita lo ha lasciato per mettersi con una rock star, spaccia una nuova droga che grazie ad un meccanismo consente di registrare esperienze di vita reali per poi rivenderle...gli sono accanto il suo migliore amico, anche lui ex poliziotto [...] Vai alla recensione »

domenica 9 ottobre 2011
Oblivion7is

Veramente un ottimo film questo crudo, distopico e visionario "Strange Days", partorito dalle menti di James Cameron e moglie. Un film con veramente pochissimi difetti, quasi nulli. Anzi, potrei benissimo dire che è un assoluto capolavoro con un quarto di marcia in meno, un piccolissimo difetto: un finale che a tratti sembra troppo enfatico, non dico in quali punti, rendendo la catarsi [...] Vai alla recensione »

sabato 1 gennaio 2011
andrea3456

Il film si può vedere, anche se è un po troppo lungo e noioso all'inizio. Non è certo un capolavoro come vorrebbero farci credere quelli che danno 5 stelle. 

lunedì 13 dicembre 2010
Nalipa

questo film della Bigelow. Un ex poliziotto scopre proprio gli ultimi giorni del 2000 che un rapper nero é stato ucciso dai suoi vecchi colleghi. La scoperta avviene attraverso l'ultimo ritrovato in materia di vidogiochi capace di far vivere in diretta esperienze virtuali.

sabato 21 novembre 2009
paride86

"Strange Days" inizia come un film di fantascienza (che ricorda vagamente Blade Runner) sui moderni inetti. L'inetto è il protagonista dominante dei romanzi italiani dei primi del '900: colui che, incapace di vivere la propria vita, ha bisogno di guardare quella degli altri. Si può riassumere così il (triste) principio delo squid, ambita e proibita droga del futuro.

Frasi
I ricordi sono fatti per svanire Lenny!
Una frase di Lornette (Angela Bassett)
dal film Strange Days
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Lietta Tornabuoni
La Stampa

È il penultimo giorno del penultimo anno del millennio, il 30 dicembre 1999. A Los Angeles la gente aspetta il ventunesimo secolo soltanto come un altro spettacolo: qualcosa di nuovo e scottante da seguire subito in tv. Strange Days, strani giorni, raccontati da Kathryn Bigelow con quel misto di barbarie, eleganza, struggimento e sadismo che ne fanno la regista americana più originale del momento. Vai alla recensione »

Irene Bignardi
La Repubblica

La potenza dei simboli e dei numeri è tale che, seppure la logica e il ragionamento ci dicono che la fine del secolo e del millennio coinciderà, come la fine di tutte le centinaia e le migliaia, con il numero 0 (100 e 1000), gli umani continuano a pensare, in prospettiva, che la data da celebrare o da dimenticare debba essere il 31 dicembre 1999. Così, giustamente, Kathryn Bigelow se ne frega della [...] Vai alla recensione »

Paolo Boschi
Scanner

Ipercinetico, preveggente, cupamente millenarista: sono gli aggettivi più adatti a definire Strange Days, un film diretto nel 1995 dall'americana Kathryn Bigelow - ex moglie di un maestro del cinema d'azione di matrice fantascientifica come James Cameron - ed interpretato da un terzetto di attori del calibro di Ralph Fiennes, Angela Bassett e Juliette Lewis.

NEWS
CELEBRITIES
martedì 7 ottobre 2008
Stefano Cocci

Un inglese che passa dal sesso in aereo alle fondazioni benefiche In un'epoca in cui uomini che hanno costruito la propria carriera intorno all'immagine del padre di famiglia come Kevin Costner e Harrison Ford, lasciano la moglie conosciuta al liceo [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati