Advertisement
XX Secolo - L’invenzione più bella, Marlene Dietrich un’icona oltre la diva

Dal 28 novembre, al cinema Quattro Fontane di Roma, una selezione dei film dell’attrice. SCOPRI IL POGRAMMA.
di Pino Farinotti

mercoledì 23 novembre 2022 - Focus

Si è inaugurata il 24 ottobre la seconda edizione della rassegna XX secolo – L’invenzione più bella, in programma fino al 4 giugno al cinema Quattro Fontane di Roma. Dopo la programmazione dedicata a Stanley Kubrick e a Yasujirô OzuJohn Ford e Jean Renoir arrivano Marlene Dietrich e Marco Ferreri, dal 28 novembre all’11dicembre.

Pino Farinotti racconta l’ascesa di un’attrice incredibile: Marlene Dietrich.
 

Marlene Dietrich (1901-1992) è un personaggio enorme. Coagula tante storie, che oltrepassano di gran lunga il suo ruolo di attrice, di diva. Vale l’immagine generale, la politica, i paesi che l’anno adottata “geografia”, vale anche la sua ambiguità, la sua provocazione di carattere. E naturalmente la sua proposta sessuale.

Nacque a Berlino e per tutta la vita si dichiarò berlinese, anche se era diventata cittadina americana. Nel 1930, quando si fece notare dal mondo per il ruolo di Lola Lola in quell’opera di arte generale che è L’angelo azzurro, divenne subito un’icona preventiva, che si sarebbe poi riaffermata in tante opere e tante storie. Il film, diretto da Josef von Sternberg, il suo mentore decisivo, fece subito parte di quel cartello nobile che derivava dalla cultura tedesca figlia della prestigiosa Scuola di Weimar, che aveva ristrutturato quasi tutte le forme d’arte. E c’era una novità, si trattava del primo titolo tedesco “parlato”. E la parola, soprattutto la musica e il canto, non erano certo roba da preistoria, possedevano un registro compiuto, avevano oltrepassato la fase pionieristica.

E c’erano delle derivazioni importanti e visibili. Certi fotogrammi sembrano grafiche di Otto Dix o di George Grosz figli dell’estetica di quella scuola. E poi il master, il film era tratto dal romanzo “Il professor Unrat” firmato da Heinrich Mann, fratello del più celebre Thomas, un gigante della letteratura, premio Nobel. La Dietrich creò un modello squisitamente tedesco ma la Paramount, che immediatamente contrattualizzò l’attrice, lo trasformò con una contaminazione delle regole hollywoodiane. La major aveva capito che Marlene possedeva le qualità per diventare antagonista della divina della Metro, Greta Garbo. E Dietrich presentava un registro in più, certo importante, la voce e il canto. Alla fine Greta decise di non prestarsi alla contesa, e lasciò le scene a trentaquattro anni.

I gerarchi nazisti avevano naturalmente intuito la rilevanza di un personaggio come la Dietrich, e la corteggiarono. Sembra che lo stesso Hitler le facesse una corte assidua, ma l’attrice non era il tipo. Odiava quel regime. Da “americana” non mancò mai di dare il suo contributo in quel senso. Dando spettacoli per i militari in varie tournée durante la guerra.


VAI ALLO SPECIALE - SCOPRI TUTTI I FILM IN PROGRAMMA CONTINUA A LEGGERE

IL PROGRAMMA

Lunedì 28 novembre
ore 18.00 Shanghai Express 

Martedì 29 novembre
ore 18.00 Marocco 

Mercoledì 30 novembre
ore 15.45 Shanghai Express 
ore 20.00 Testimone d’accusa

Domenica 4 dicembre
ore 11.00 Desiderio

Lunedì 5 dicembre
ore 18.00 Partita d’azzardo 

Martedì 6 dicembre
ore 20.00 Scandalo internazionale 

Mercoledì 7 dicembre
ore 15.45 Testimone d’accusa
ore 20.00 Angelo


{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati