Advertisement
La politica degli autori: Christopher Nolan

Il cineasta più controverso degli anni Zero.
di Mauro Gervasini

In foto il regista Christopher Nolan.
Christopher Nolan (Christopher Johnathan James Nolan) (50 anni) 30 luglio 1970, Londra (Gran Bretagna) - Leone.

martedì 28 agosto 2012 - Approfondimenti

Christopher Nolan (Londra, 30 luglio 1970) è l'autore più controverso degli anni Zero. Il nome che spacca pubblico e critica a metà suscitando sentimenti e passioni feroci, senza sfumature. Chi lo ama esalta l'originalità delle sue storie, la scrittura cinematografica ai limiti della sperimentazione, la frammentazione narrativa e la capacità di creare tendenze, come capita solo ai grandi cineasti. Chi non lo sopporta, invece, vede in lui il ritratto del regista ambizioso che usa i generi pretestuosamente, quasi anaffettivo nei confronti dei suoi personaggi e velleitario nella costruzione delle storie, spesso confuse senza motivo. Ciascuno può iscriversi in una delle due categorie, fan e detrattori, ma per tutti sarà impossibile restare indifferenti di fronte a uno dei suoi film. Poi, dici Nolan e intendi una factory. Anzi, una family. Il regista, infatti, scrive le sue sceneggiature insieme al fratello minore Jonathan e produce con la moglie Emma Thomas. Ha (hanno) un controllo maniacale su qualunque fase della produzione, marketing compreso; in questo è simile a un cineasta americano "totale" come Paul Thomas Anderson. Similitudini che finiscono qui. Nolan è cineasta pop, pesca a piene mani nei generi cinematografici, letterari e fumettistici avendo ormai ben metabolizzato la lezione postmoderna che prevede immersione e iperrealismo invece del distacco ludico e fantastico di certi modelli originari. Il Batman di Il cavaliere oscuro – Il ritorno, così come era nei due capitoli precedenti della trilogia Batman Begins (2005) e Il cavaliere oscuro (2008), ha un legame solo essenziale con il giustiziere mascherato creato da Bob Kane, mentre più forte è l'eredità di certe rielaborazioni recenti del Batman formato comics, a partire da quella di Frank Miller di fine anni 80 (Il ritorno del cavaliere oscuro e Batman: anno uno).
In Il cavaliere oscuro – Il ritorno Nolan porta alle estreme conseguenze un argomento tipico di altre sue storie: il caos che diventa sistema causa l'eclisse della ragione. E questa volta il sistema ha riferimenti anche politici, visto il populismo con il quale Bane, il cattivo di turno, infarcisce le sue arringhe facendo pensare all'antipolitica di questi tempi di crisi. Altre volte l'eclisse della ragione è una specie di magia, per dirla con i Queen, come nel caso di The Prestige (2006), forse il suo titolo più riuscito, dove la strabiliante e impossibile sparizione/riapparizione di un illusionista ha una spiegazione addirittura scientifica (la clonazione). In Memento, raccontato a ritroso, un detective non ricorda quel che ha fatto dieci minuti prima e per colmare il lapse of reason se lo scrive anche sul corpo. Oppure Inception (2010), il più controverso e ambizioso dei suoi film, dove un uomo è in grado di entrare nei sogni degli altri per carpire segreti ma viene travolto dalla propria abilità quando invece di estirpare qualcosa dalla mente vi deve instillare un'idea che pieghi la ragione a una scelta piuttosto che a un'altra. La struttura cinematografica stessa è ambiziosa, perché Inception è costruito su cinque diversi livelli narrativi. Intuizione? Saturazione? Presunzione? Ancora una volta questione di gusti; certo con Inception e Il cavaliere oscuro – Il ritorno Christopher Nolan pare voler mischiare le carte e stupire lo spettatore con percorsi sempre più tortuosi. Nell'ultimo Batman, ad esempio, restano confuse le motivazioni di Bane & C, praticamente incomprensibili per chi non avesse mai visto Batman Begins (dato il collegamento con il personaggio di Ra's al Ghul). Attento alle diverse forme di espressione (compresa quella dei videogame, come evidenziano i livelli di Inception) Nolan dimostra un'indiscutibile capacità di dialogare con i linguaggi del proprio tempo, e il pubblico, accorrendo in massa, lo premia ogni volta di più.

news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati