Il ragno rosso

Film 2015 | Thriller +13 95 min.

Titolo originaleCzerwony Pajak
Anno2015
GenereThriller
ProduzionePolonia, Slovacchia, Repubblica ceca
Durata95 minuti
Regia diMarcin Koszalka
AttoriFilip Plawiak, Julia Kijowska, Malgorzata Foremniak, Marek Kalita, Wojciech Zielinski Piotr Glowacki, Andrzej Konopka, Przemyslaw Bluszcz, Dorota Landowska, Adam Woronowicz.
Uscitagiovedì 19 gennaio 2017
DistribuzioneLab 80 Film
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 6 recensioni.

Regia di Marcin Koszalka. Un film con Filip Plawiak, Julia Kijowska, Malgorzata Foremniak, Marek Kalita, Wojciech Zielinski. Cast completo Titolo originale: Czerwony Pajak. Genere Thriller - Polonia, Slovacchia, Repubblica ceca, 2015, durata 95 minuti. Uscita cinema giovedì 19 gennaio 2017 distribuito da Lab 80 Film. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 6 recensioni.

Condividi

Aggiungi Il ragno rosso tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Il film segue un campione contestato socialmente che diventa sempre più coinvolto negli omicidi che avvengono sempre tramite un martello.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Un thriller misurato come la Cracovia rigida e spettrale nella quale si muovono i due protagonisti.
Recensione di Fabrizio Papitto
Recensione di Fabrizio Papitto

Cracovia, 1967. Le forze dell'ordine danno la caccia a un killer seriale ribattezzato Red Spider. Durante una fiera alla periferia della città, Karol Kremer, campione di tuffi appartenente ad un circolo militare, rinviene per caso il corpo insanguinato di un adolescente. Un uomo nelle immediate vicinanze attira la sua attenzione: rinunciando a denunciare il fatto, decide di mettersi sulle tracce dell'indiziato.
In una scena centrale del film, il protagonista si trova in casa quando viene richiamato dal padre: «Mick Jagger», annuncia questi davanti al televisore acceso. Nell'aprile del 1967, infatti, il tour europeo degli Stones fa tappa a Varsavia. Con espressione euforica, il giovane osserva le immagini della folla in estasi per gli idoli provenienti dal Regno Unito. Nella Polonia del regime comunista, l'occidente passa soprattutto attraverso i simboli della cultura popolare, che veicolano nel blocco sovietico un'ideologia, quella capitalista, fondata sull'autoaffermazione. Karol Kremer (Filip Plawiak), all'inizio della storia, è nulla più che una ruota dell'ingranaggio: la prima inquadratura ce lo mostra nudo, spogliato della propria individualità e senza segni distintivi, mentre prende la doccia insieme ad altri atleti. L'abilità che ha maturato come tuffista gli garantisce una discreta popolarità, ma si tratta pur sempre di un risultato ottenuto in seno all'ordine costituito - in questo senso leggiamo la sua appartenenza al mondo militare - e che non è riconosciuto oltre i confini del luogo in cui vive, come egli stesso sottolinea alla giornalista che vorrebbe ingaggiarlo per un reportage fotografico. Diciannovenne, coltiva in segreto il desiderio di raggiungere la celebrità. Possiede inoltre un'inclinazione ossessiva nei confronti della morte, non sappiamo dovuta a cosa. Non sappiamo neppure quando la curiosità morbosa nei confronti dell'assassino (Adam Woronowicz, figura impiegatizia anche nell'ufficio del male) lascia spazio all'idea che costituirà la svolta drammatica del film. Quel che è certo è che in questa idea il protagonista ripone la sua speranza di riscatto. Il direttore della fotografia e documentarista Marcin Koszałka, qui al suo primo film di finzione di cui è anche co-sceneggiatore, ci regala un thriller misurato come la Cracovia rigida e spettrale nella quale si muovono i due protagonisti. Il primo prende a modello Karol Kot, un giovane criminale realmente attivo a Cracovia negli anni '60. L'altro, di cui poco sappiamo oltre la professione veterinaria, si ispira a Lucian Staniak, un personaggio di probabile invenzione conosciuto come 'Il ragno rosso' per via dell'inchiostro scarlatto usato per comporre le sue lettere minatorie. Koszałka li fa incontrare e sviluppa un'opera inedita che sfrutta i meccanismi del genere per disattenderli in una chiave tutta politica. Quando l'agente incaricato di sorvegliarlo incomoda Kremer per chiedergli un autografo, questi è ormai a tutti gli effetti una star, ha raggiunto il suo scopo, e un sistema fondato sul modello egualitario che egli ha così sconfitto ha appena fallito esprimendo la condanna di un uomo innocente. Nell'ultima sequenza la narrazione fa un balzo in avanti: è il 1978, l'anno in cui l'elezione al papato di Karol Wojtyła segna, per l'esperienza comunista polacca, l'inizio della fine. Raffigurato su una tela, il volto di Kremer è contratto in un ghigno da Joker. Quel ghigno è, anche, la disfatta di un'epoca che sta per terminare.

Sei d'accordo con Fabrizio Papitto?
Un martello per uccidere.

Un thriller psicologico basato su una serie di omicidi accaduti alla fine degli anni sessanta. Il film segue un campione contestato socialmente che diventa sempre più coinvolto negli omicidi che avvengono sempre tramite un martello.

PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 23 gennaio 2017
Flyanto

 Il Ragno Rosso del titolo del film indica il pericoloso ed ancora sconosciuto serial killer che da tempo miete vittime nella Cracovia del 1967, non facendo alcuna distinzione tra uomini, donne e bambini che colpisce alla testa con un martello (non a caso uno dei due emblemi del partito comunista) ed a cui viene data la spietata caccia da parte della Polizia polacca.

lunedì 23 gennaio 2017
Flyanto

 Il Ragno Rosso del titolo del film indica il pericoloso ed ancora sconosciuto serial killer che da tempo miete vittime nella Cracovia del 1967, non facendo alcuna distinzione tra uomini, donne e bambini che colpisce alla testa con un martello (non a caso uno dei due emblemi del partito comunista) ed a cui viene data la spietata caccia da parte della Polizia polacca.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 20 gennaio 2017
Silvana Silvestri
Il Manifesto

Questo di Marcin Koszalka si presenta come un thriller, ambientato a Cracovia nel '67. Racconta di un caso a cui la polizia ha dato il nome di «Ragno rosso», con l'obiettivo di stanare un serial killer che ha già ucciso più volte. Karol, un giovane campione di tuffi dell'esercito scopre casualmente una vittima insanguinata abbandonata in un luogo deserto nei pressi di un luna park (luogo canonico dei [...] Vai alla recensione »

venerdì 20 gennaio 2017
Roberto Nepoti
La Repubblica

Due serial killer in un solo film è quanto offre questo thriller con cui il documentarista polacco Marcin Koszalka esordisce nel lungometraggio di finzione (ma ispirandosi in parte a fatti reali). Uno è un veterinario di mezza età; l'altro è Karol, giovane campione di tuffi affascinato dalle sue imprese criminali. Ci troviamo a Cracovia negli anni Sessanta: città fredda, brumosa e depressiva fotografata [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati