Solo per il weekend

Film 2015 | Commedia, +13 86 min.

Regia di Gianfranco Gaioni. Un film con Alessandro Roja, Stefano Fresi, Francesca Inaudi, Marina Rocco, Malik Barnhardt. Cast completo Genere Commedia, - Italia, 2015, durata 86 minuti. Uscita cinema giovedì 7 luglio 2016 distribuito da Universal Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,31 su 1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Solo per il weekend tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Succede di tutto in un solo, delirante weekend. Follia? Quasi.

Consigliato nì!
2,31/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 1,61
CONSIGLIATO NÌ
Scheda Home
News
Critica
Premi
Cinema
Trailer in italiano

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Un film che va oltre lo stereotipo dell'ipersensibilità contemporanea e mostra con sguardo paradossale uno spaccato di vita disastrata ma non per forza compromessa.
Recensione di Olivia Fanfani
Recensione di Olivia Fanfani

In una Milano psichedelica, Aldo Broggi è un copywriter frustrato e continuamente umiliato dal capo dell'azienda pubblicitaria per cui lavora. In preda a una profonda nevrosi e incapace di portare a termine il libro che ha sempre sognato di scrivere, finisce per farsi licenziare con l'obbligo legale di assumere psicofarmaci dagli effetti allucinogeni. Dopo un periodo indefinito di abbrutimento, la moglie Diana, ormai stufa degli effetti narcotizzanti delle medicine sul marito, decide di lasciarlo solo a fare i conti con lo strano universo in cui vive: un ovattato limbo diviso tra pin-up che popolano l'armadietto del bagno e pillole colorate che scandiscono il lento scorrere delle ore diurne. A ridare spirito e vita al declino dell'uomo sarà l'incontro inaspettato con un vecchio compagno di scuola, Ferruccio, traino per un vortice esilarante di riti esoterici, truffe, prostituzione e omicidi. Tutto nel giro di quarantotto ore, un indimenticabile weekend.
Versione nostrana dell'intramontabile Paura e delirio a Las Vegas, l'esordio alla regia di Gianfranco Gaioni - alias Director Kobayashi - muove sul registro suggestivo di una regia delirante destinata a un epilogo grottesco. Il ritmo altalenante è scandito da uno stile di ripresa pop, con l'ingresso d'immagini in sovrimpressione e ambientazioni eccentriche (per gamma cromatica) che proiettano in un clima fumettistico di surreale visionarietà.
Forte di una carriera negli effetti visivi, Kobayashi è in grado d'integrare perfettamente improbabili effetti speciali nel contesto urbano dell'hinterland milanese, non risultando mai strampalato o autoreferenziale. Con sguardo lucido il regista si dimostra in grado di ironizzare, trasformando le suggestioni del cinema americano in un film che è il dipinto della frenesia del capoluogo lombardo, senza che la passione per la manipolazione comprometta spirito e immediatezza espressiva.
Il talento degli interpreti aiuta più della scrittura, a volte poco chiara, a dare un senso di continuità all'ibridazione dei generi, passando dalla commedia leggera al grottesco con una certa facilità nonostante il plot risulti a tratti sconclusionato. Matilde Gioli, al suo secondo ruolo di spicco dopo Il capitale umano, conferma il proprio talento grazie alla forte presenza scenica e a una mimica che non può non affascinare lo spettatore. Affiancata da un cast di tutto rispetto, fa da spalla a un Alessandro Roja paranoide, e a uno Stefano Fresi eccezionale nel ruolo di scheggia impazzita che vive di espedienti sempre al centro di equivoci e disastri annunciati.
Ne risulta un'opera prima godibile perché spontanea, un po' sogno americano un po' frenesia italiota che Kobayashi mixa sapientemente per realizzare un film che va oltre lo stereotipo dell'ipersensibilità contemporanea, per mostrare con sguardo paradossale uno spaccato di vita disastrata ma non per forza compromessa.

Sei d'accordo con Olivia Fanfani?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 8 maggio 2017
ARISTOTELES

Se qualcuno mi chiedesse di spiegare trama e contenuti e magari fare un riassunto di quanto visto,andrei in palese difficoltà. La sceneggiatura dunque non è il punto di forza della pellicola che si muove tra commedia pura e "storiacce di quartiere" in maniera alquanto approssimativa. Ad un certo punto tutti vogliono una valigetta piena di soldi e non si capisce più [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 agosto 2016
laikavideo

Un regista italiano ma che vuole farsi chiamare Kobayashi (dovrebbe essere un personaggio de i Soliti Sospetti) mi sembrava un presagio di sventura ma leggendo alcuni segnali positivi sono convinto a guardalo su Sky. Il film nasce con l'idea di creare un racconto "picaresco" su un weekend bizzarro in cui per una serie di eventi (la valigetta da Las Vegas).

martedì 23 agosto 2016
Rivista

Un film oltre che una rappresentazione per immagini è la rielaborazione di una visione del mondo. Ci si chiede quale visione del mondo possa avere chi pensa e realizza un lavoro del genere. Di certo una visione piccolo-borghese ma veramente molto piccolo (e represso) che da un lato ha una rappresentazione assurda del mondo del lavoro (lavoro=noia) dall'altro pensa che il mondo della criminalit&ag [...] Vai alla recensione »

venerdì 15 luglio 2016
Flyanto

Commedia surreale "Solo per il Weekend" racconta tutto quello che succede nella durata, appunto, di un unico weekend, a cinque personaggi alle prese con dei malavitosi in una città di Milano completamente evanescente e per lo più notturna. I cinque personaggi in questione vivono molte avventure, alcune anche pericolose, al fine di recuperare una valigetta piena di soldi in [...] Vai alla recensione »

sabato 30 luglio 2016
renatomaz

Un polpettone di stili e di colpi di scena ammuffiti. Tutto é già visto è piazzato con compiacimento ma senza successo. Solo un velo pietoso e l'oblio potrà salvare questo film parrocchiale.

giovedì 1 settembre 2016
DonzelliSimone

Non so cosa sia peggio in questo film fatto di una scenggiatura sguaiata muna regia da videoclip senza senso e da tanti attori che recitano per busta paga. Difficilmente mi sono trovato davanti ad un altro film così turpe e senza alcun costrutto. Il fatto che questo obbrobbrio pretenda anche di fare un ritratto generazionale è l'elemento che aggiunge anche una punta di antipatia [...] Vai alla recensione »

lunedì 15 agosto 2016
Fight_Club

Non basta fare un film per definirsi attori e tantomeno registi...

sabato 31 marzo 2018
Gianni Abbiate

Una storia piena di colpi di scena e senza sosta!!!

mercoledì 25 ottobre 2017
chiarella

Il titolo esprime il tempo di permanenza che ha avuto nelle sale? Peccato per attori come Roja, Fresi e Inaudi, sembre bravi e caduti nella trappola. Gli altri protagonisti in linea con il livello del film, mediocre

sabato 6 agosto 2016
ARISTOTELES

I personaggi fanno simpatia,su tutti Ferruccio,ed in fondo il ritmo frenetico e senza sosta fa in modo di non annoiarsi. Piuttosto che buoni o cattivi ci ritroviamo con una serie di personaggi sconclusionati,non credibili,ma tutto sommato godibili con ironia. Anche perché il cast sfoggia sufficienti interpretazioni. La sceneggiatura è a dir poco confusionaria e scivola frequentemente [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati