Kreuzweg - Le stazioni della fede

Film 2014 | Drammatico +13 107 min.

Titolo originaleKreuzweg
Anno2014
GenereDrammatico
ProduzioneGermania
Durata107 minuti
Regia diDietrich Brüggemann
AttoriLea Van Acken, Franziska Weisz, Florian Stetter, Lucie Aron, Moritz Knapp, Michael Kamp, Hanns Zischler Georg Wesch, Ramin Yazdan, Birge Schade.
Uscitagiovedì 29 ottobre 2015
TagDa vedere 2014
DistribuzioneSatine Film
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,58 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Dietrich Brüggemann. Un film Da vedere 2014 con Lea Van Acken, Franziska Weisz, Florian Stetter, Lucie Aron, Moritz Knapp, Michael Kamp, Hanns Zischler. Cast completo Titolo originale: Kreuzweg. Genere Drammatico - Germania, 2014, durata 107 minuti. Uscita cinema giovedì 29 ottobre 2015 distribuito da Satine Film. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,58 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Kreuzweg - Le stazioni della fede tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Maria ha 14 anni. La sua famiglia fa parte di una comunità cattolica fondamentalista e lei ha la ferma intenzione di diventare una Santa. Il film è stato premiato al Festival di Berlino.

Consigliato sì!
3,58/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,16
CONSIGLIATO SÌ
Uno dei più interessanti e ambigui percorsi di santificazione umana a metà tra religione e ateismo.
Recensione di Gabriele Niola
mercoledì 12 febbraio 2014
Recensione di Gabriele Niola
mercoledì 12 febbraio 2014

Maria è una quattordicenne figlia di una famiglia devota alla Società di S. Pio XII, organizzazione religiosa ortodossa che rinnega le innovazioni del Concilio Vaticano II e rivendica una dimensione stretta e oscurantista del cristianesimo. L'adolescente si trova quindi intrappolata tra le pulsioni della sua età, i corteggiamenti di alcuni ragazzi a scuola e i duri insegnamenti familiari che l'hanno convinta a mantenersi pura nel cuore per il signore. Serve a poco la presenza di una ragazza alla pari, anch'essa religiosa ma in maniera più ragionevole, Maria è convinta che i durissimi rimproveri della madre siano giusti e che il peccato sia ovunque, ad ogni angolo, in ogni parola, in ogni uomo. In armonia con tutto ciò ha infatti preso una decisione che non ha confessato ancora a nessuno.
È scandito in diversi capitoli che hanno come titolo le diverse stazioni della via crucis (come indica il titolo) questo film tedesco di rara limipidità. Si tratta di una dichiarazione d'intenti immediata.
Il cinema ci ha raccontato molto spesso percorsi di santità laica, cioè donne (meno di frequente uomini) che senza alcun interesse o spunto religioso decidono di intraprendere un percorso faticoso, immolandosi in maniere non diverse da quelle tipiche dei martiri poi diventati santi, in una sorta di purificazione laica del proprio animo che è sempre contigua in maniera interessante a quella religiosa. Dietrich Brüggemann compie il percorso opposto e mostra apertamente quel brandello di vita della protagonista di cui si occupa il film come un vero e proprio percorso di santificazione religioso, con l'obiettivo dichiarato fin dalla caratterizzazione bigotta della famiglia di smontare tutto questo, salvo poi tirare un ultimo beffardo calcio nel finale.
Station of the cross non lascia nulla intentato e sembra voler spiazzare lo spettatore ad ogni svolta (o ad ogni stazione) e, mentre lo conduce su un percorso di deduzione dei valori in campo abbastanza semplice (lo capiamo immediatamente, fin dalla prima stazione, chi è la vittima, chi il carnefice e chi l'aiutante), non rinuncia ad instillare dubbi e complicare la questione. Perchè se qualcosa ci dice sul cinema questo film colmo di insofferenza per la religione, è che esso non deve essere come la fede, non deve vivere di dogmi e non deve convincere nessuno delle proprie tesi; il regista non è un prete che evangelizza le proprie tesi ma un uomo che racconta storie con l'obiettivo di mettere in crisi (quindi far riflettere lo spettatore).
A tutto vantaggio e rispetto di Dietrich Brüggemann poi va il fatto che sebbene giri il suo Station of the cross in piccoli quadri (raramente le scene di ogni singola stazione contengono un montaggio che non sia interno), con una forma quindi austera, rispettosa delle rigide strutture rappresentate nel racconto nonchè inquadrata dentro un racconto che mette in scena l'immobilismo umano e l'unica forza (quella dell'ingenuità) in grado di scoperchiarne la violenza orrenda, riesce lo stesso a non rinunciare ad una forma peculiare di umorismo grottesco. Non rinuncia cioè alla complessità del mondo che anche quando mostra la sua faccia più tragica non riesce ad evitare il ridicolo insito nella vita di ognuno.

Sei d'accordo con Gabriele Niola?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 13 marzo 2015
gianleo67

Indottrinata secondo i precetti di un rigido cattolicesimo che rifiuta le concessioni pastorali del Concilio Vaticano Secondo e dal severo ambiente familiare animato dallo stesso spirito, la giovane Maria si accinge ad accogliere il sacramento della Conferma come un momento cruciale di una vita che ritiene di dover sacrificare per amore del Signore.

martedì 31 maggio 2016
Portiere Volante

Almeno il Marito,o Bernadette,forse anche il dottore, uno schiaffone a quella madre così intrappolata in un mondo tutto suo,doveva darglielo. A parte questo atto doveroso pragmatico mai avvenuto,in maniera più delicata volevo sottolineare il fatto che qui andiamo a cadere nel surreale. Il fanatismo religioso,perché di questo stiamo parlando, raccontato in questa lunga Via Crucis [...] Vai alla recensione »

venerdì 27 novembre 2015
NERONE BIANCHI

L'architettura del film è davvero molto bella, denota la mano profonda di chi l'ha disegnata. Le vicende di un'adolescente vittima di uno dei tanti fondamentalismi, in questo caso quello cattolico, viene raccontata attraverso le 14 stazioni della Via Crucis, e le similitudini, man mano che il film va avanti, diventano davvero inquietanti. Impressiona la bravura della protagonista, una ragazzina credo [...] Vai alla recensione »

lunedì 9 novembre 2015
Enrike B

L'argomento intorno a cui ruota il film sembra essere la religione, ma in verità è un flim che ne trae solo spunto. Il film è scandito dalle stazioni della via Crucis di Gesù e ogni titolo racchiude perfettamente il senso della situazione ricreata. Ecco così che la protagonista attraversa la propria via crucis, in cui lei si lascia guidare dai propri estremismi [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 novembre 2015
Flyanto

"Kreuzweg", che letteralmente significa "le stazioni dell via crucis", come la traduzione italiana del titolo del film, è un'opera molto cruda per ciò che riguarda la vicenda in sè ed ovviamente per la rappresentazione e la conseguente condanna di ciò che determina, appunto, la storia stessa. La protagonista è una ragazza adolescente [...] Vai alla recensione »

venerdì 29 aprile 2016
noillusions

io non l'avrei premiato mai. il regista, rabbioso contro il cattolicesimo per motivi suoi, non si rende nemmeno conto di come, sin dalla prima scena, cada assieme all'intera sua pellicola in una completa contraddizione, e che sia lui stesso a enunciarla senza capirlo. il film inizia con un prete che dice ai suoi allievi "non vedete che la chiesa non fa recitare neanche più la messa in latino? che il [...] Vai alla recensione »

martedì 20 giugno 2017
kaipy

Molto bello. molto parlato. molto lento. una via crucis di 14 stazioni. Ogni stazione un sasso lanciato contro un innocente. il peggiore di tutti? il prete. 

martedì 3 novembre 2015
goldy

L'impostazione della storia ha dell'incredibile poichè è difficile immaginare che  nel mondo cattolico  di oggi  esistano ancora   luoghi dove la religione tocca tali livelli di di integralismo  e  intransigenza  .Non mi rimane che pensare che in alcuni luoghi della Germania ci siano   giovani  educati in tale clima  [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO
venerdì 23 ottobre 2015
 

Maria è una giovane adolescente di quattordici anni che appartiene, insieme alla sua famiglia, a una comunità cattolica fondamentalista di stampo radicale. Frequenta il mondo moderno come ogni ragazza della sua età, ma il suo cuore è devoto a Gesù e [...]

winner
miglior scenegg.ra
Festival di Berlino
2014
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati