La noche de enfrente

Film 2012 | Drammatico

Regia di Raoul Ruiz. Un film Da vedere 2012 con Christian Vadim, Sergio Hernández, Valentina Vargas, Chamila Rodriguez, Pedro Vicuña. Cast completo Genere Drammatico - Francia, Cile, 2012, Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 4 recensioni.

Condividi

Aggiungi La noche de enfrente tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Ruiz incentra la storia su un uomo in pensione che, di fronte alla morte, rivive episodi della sua infanzia.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Scheda Home
News
Cinema
Trailer
L'ultima riflessione cinematografica di Ruiz, ilare e profonda, colta e surreale.
Recensione di Marianna Cappi
martedì 22 maggio 2012
Recensione di Marianna Cappi
martedì 22 maggio 2012

Don Celso sta per andare in pensione, anche se la sola idea fa piangere la segretaria. Don Celso è convinto che il tempo funzioni come un gioco di biglie. Per questo, forse, lo vediamo anche bambino, negli anni '40, mentre spende i suoi giorni parlando con gli amici immaginari Beethoven e Long John Silver. Nel presente, invece, Celso frequenta il corso di francese del professor Jean Giono e i due discutono della traduzione dei vocaboli e dei concetti in francese e in spagnolo. Ma la morte corteggia Don Celso.
Ultimo film di Raul Ruiz, primo ad uscire postumo (un altro è atteso per la fine dell'anno), La noche de enfrente è un piccolo scrigno che contiene una grande prova di libertà creativa. Ermetico ma non per forza tacciabile d'intellettualismo, nonostante le citazioni colte, il film è fedele allo stile del regista, che procede per associazioni d'idee e stratificazione dei livelli di lettura e delle immagini stesse, nel profilmico. Malgrado il piccolo budget, che inficia talvolta la qualità tecnica e fotografica, il film non risente di altri limiti, grazie ad una squadra di supporto affidabilissima, nella quale primeggiano la montatrice e compagna del regista Valeria Sarmiento e l'attore Christian Vadim. Non ne risentono, per esempio, gli ambienti, gli oggetti e i costumi, di questa Santiago ispirata dai racconti di Hernan del Solar (tra i quali lo splendido "Rododendro"), che qui hanno un valore importante perché evocativo, mentre le parole hanno un peso al tempo stesso sostanziale e ludico e rilanciano continuamente il film, per l'appunto come una biglia che ne incontra un'altra e la fa muovere verso un'altra ancora.
Attraverso Don Celso e i suoi dialoghi con l'interlocutore di turno, Ruiz orchestra una riflessione sulla vecchiaia e sulla morte che non si cura di rimare ma è una poesia dal verso libero, piena di umorismo e di umanità, ancora più sorprendente se si pensa come l'appuntamento del regista con la morte fosse imprevedibilmente vicino.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 11 luglio 2013
Rescart

Non si può fare a meno di intravvedere un certo parallelismo tra questo film e il precedente film italiano interpretato da Toni Servillo per la regia di Paolo Sorrentino. Certo l'impostazione di fondo è molto distante ma entrambi i film trattano in sotto sotto lo stesso argomento, che è appunto il titolo del film italiano. Che tu sia ciclista o pedone, sei comunque spogliato di quell'armatura di ferro [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Gabriella Gallozzi
L'Unità

«Ogni gol è un silenzio» diceva l’enigmatico personaggio sul bordo della piscina di Palombella rossa. Ed ora, proprio qui a Cannes. dove Nanni Moretti è il presidente della giuria, per un gioco di destini incrociati, di quello «strano personaggio» si è celebrata la memoria. L’altra sera, con un evento speciale della Quinzaine de réalisateur che ha mostrato in anteprima il suo film postumo: La noche [...] Vai alla recensione »

Lorenzo Esposito
Il Manifesto

È arduo incontrare il film dove sia un'avventura installare l'identità, in cui non sia cosa immediata identificarsi, né procedura automatica identificarne l'oggetto. Il film oggetto-non-identificato. Il film così personale, così del soggetto, da farsi infine oggetto principale dei desideri. Qualcosa che si smarrisca a sua volta, permettendoci di vedere un poco più chiaro nello smarrimento più grande [...] Vai alla recensione »

RECENSIONI MYMOVIES
PUBBLICO
RASSEGNA STAMPA
SHOWTIME
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati