Viaggio nella vertigine

Film 2010 | Biografico 110 min.

Regia di Marleen Gorris. Un film con Emily Watson, Ian Hart, Pam Ferris, Ben Miller, Ulrich Tukur, Benjamin Sadler. Cast completo Genere Biografico - Germania, Polonia, Belgio, 2010, durata 110 minuti. Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi Viaggio nella vertigine tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Scheda Home
News
Critica
Premi
Cinema
Trailer
Il regime staliniano visto con gli occhi di una donna.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Anni Trenta. Yevgenia Ginbzburg insegna letteratura nella capitale del Kazakistan. Sposata e con due figli è amata dagli studenti. Un giorno però viene accusata di simpatie per il trotzkismo e, dopo l'attentato a Kirov, viene arrestata e condannata a dieci anni di detenzione da trascorrere in un gulag siberiano. Lì verrà sottoposta ad angherie come tutte le sue compagne e la sua vita avrà una svolta quando il medico del campo, di origine tedesca, la richiederà come infermiera.
Ispirato alle memorie della Ginzburg "Gulag: molti giorni, molte vite" il film di Marleen Gorris (L'albero di Antonia) mostra ancora una volta l'attenzione che la regista ha per le storie al femminile. Questa volta non si rifà a un immaginario nordico o alla prosa di Virginia Woolf ma sceglie di narrare le vicende di una donna che solo nel 1955 venne riabilitata. Grazie all'intensa recitazione di Emily Watson, che si cala anche fisicamente (come in fondo ha sempre fatto sin dai tempi di Le onde del destino) nel ruolo deperendo a vista d'occhio e non solo grazie all'opera dei truccatori, il film ci offre uno spaccato dell'orrore del regime staliniano. Ciò che più colpisce però non sono tanto le vessazioni che vengono commesse nel gulag quanto ciò che le precede. Viene cioè resa con grande rigore la meccanica della macchina di annientamento di coloro che, da un momento all'altro e senza alcuna logica apparente, venivano dichiarati nemici del comunismo.
Genia, così la chiamavano gli amici, da compagna stimata e dalla vita agiata viene trasformata in una pericolosa controrivoluzionaria il cui unico dovere sarebbe quello di dichiararsi tale. Il marito, personaggio in vista del regime, non può fare nulla e verrà prima spinto a divorziare da lei e poi eliminato. Il tutto in un susseguirsi di accuse contro le quali non è possibile alcuna difesa. Due sequenze restano impresse nella memoria. La prima vede lo scorrere dei minuti (meno di 5) dal momento in cui i giudici si ritirano in camera di consiglio e quello in cui emettono la sentenza. La seconda ha luogo nel treno che conduce le deportate al campo di prigionia. Una di loro si ostina a cantare una canzone che glorifica Stalin "perché Lui è all'oscuro di quanto sta avvenendo e quando saprà farà giustizia". In quel momento si percepisce il potere di accecamento delle menti più deboli esercitato dai regimi. Di qualunque colore politico siano.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 26 agosto 2011
Cenox

Il film è ambientato nel periodo che precede la seconda guerra mondiale, in Russia, dove l'ideologia politica di Stalin è al culmine del suo potere. La protagonista, è una donna sposata con due figli, che insegna letteratura e da sempre appartiene al partito stalinista. Ma un giorno viene accusata di terrorismo per aver solo appoggiato le idee di nemici dello Stato, quando [...] Vai alla recensione »

RECENSIONI MYMOVIES
PUBBLICO
SHOWTIME
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati