Il cammino per Santiago

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Il cammino per Santiago   Dvd Il cammino per Santiago   Blu-Ray Il cammino per Santiago  
Un film di Emilio Estevez. Con Martin Sheen, Emilio Estevez, Deborah Kara Unger, Yorick van Wageningen, James Nesbitt.
continua»
Titolo originale The Way. Azione, durata 94 min. - USA 2010. - 01 Distribution uscita mercoledì 27 giugno 2012. MYMONETRO Il cammino per Santiago * * * - - valutazione media: 3,20 su 38 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

un'insalata insipida Valutazione 1 stelle su cinque

di sirio


Feedback: 277 | altri commenti e recensioni di sirio
venerdì 6 luglio 2012

«Una foglia di lattuga senza olio, né sale né aceto»: questo il commento mentre scorrevano i titoli di coda. Una pellicola insipida, in cui il regista vorrebbe rappresentare un uomo alla scoperta di se stesso, lungo il Camino de Santiago, la Via della Stella, quel tragitto che anche il sommo Dante indicava come l'unico Pellegrinaggio degno di tal nome. Un percorso a piedi lungo il nord della Spagna, affrontato da più di mille anni da milioni di persone: chi per sciogliere un voto, chi per ritrovare la sua identità, chi per moda, chi per curiosità... Un percorso difficile e faticoso, 800 e più kilometri verso la Basilica di Santiago de Compostela, una mèta che non è una mèta, ma l'essersi messi alla prova e l'aver dimostrato a noi stessi di essere capaci di potervi arrivare. Un evento inaspettato e terribile, la morte del figlio Daniel, spinge l'oftalmologo Tom a portare le ceneri del figlio morto sul Cammino e spargerle per tutto il percorso, affinché il Cammino stesso diventi la sua tomba e la sua gloria. Un progetto tanto affascinante quanto scivoloso, col quale nemmeno indiscussi maestri dell'epopea (ad es. John Ford)o dell'introspezione (mi vengono in mente Fellini o Antonioni) si sono mai cimentati. Il Cammino di Santiago è un viaggio alla scoperta di noi, un percorso in cui devi lasciare, per citare Gaber, «le tue presunte comode poltrone» e trovarti a dormire in improvvisate camerate, a mangiare con pochi spiccioli, a lavarti in bagni di fortuna... ma anche a condividere con persone di ogni razza e colore attimi indimenticabili della tua vita. Persone che non vedrai mai più, ma che in quel momento, solo perché stanno camminando accanto a te, sono indispensabili e si fisseranno per sempre nella tua mente. E lungo il cammino s'inventa un metalinguaggio, un misto di inglese, spagnolo, italiano, francese, tedesco, gesti... quasi una lingua primigenia che sembra nata direttamente a Babele poco prima della dispersione delle lingue. Ma nel film tutti, perfino il gitano (sic!) parlano perfettamente l'inglese. Quanto sarebbe stato bello se fosse stato tutto nelle lingue dei quattro protagonisti: olandese, inglese oxfordiano, inglese con accento irlandese, slang americano (magari con i sottotitoli,) e durante il cammino tutti avessero inventato e fatto proprio un linguaggio comune... Durante il Cammino le persone cambiano, si rivelano le radici di ognuno; ma i quattro restano troppo legati a loro stessi: il bambinone olandese schiavo della sua infantile golosità, la nevrotica canadese che nasconde a se stessa il rimorso per aver abortito l'unica figlia, lo scrittore irlandese in crisi di idee e Tom, intento nel suo personale rito a spargere lungo la via le ceneri del figlio. Solo nelle ultime sequenze, alla fine del film, si capisce come siano tutti cambiati... I personaggi secondari, che dovrebbero essere un'infinità (come nella migliore epopea) si riducono a poche e frammentarie apparizioni: dal prete che indossa la kippà per nascondere una cicatrice alla testa al gitano che difende l'onore della sua gente, dall'albergatore schizofrenico al patriota basco... nessuno di loro riesce a sbocciare, rimangono solo frammenti nella mente dello sceneggiatore. E anche il "Buen Camino", quell'augurio che accompagna i pellegrini, non diventa un leitmotiv. Almeno il paesaggio poteva avere un qualche fascino, ma si presentano solo campi coltivati e anonimi boschi... Doveva affascinare? Doveva stimolare ad affrontare il "Buen Camino"?Ha solo annoiato.

[+] lascia un commento a sirio »
Sei d'accordo con la recensione di sirio?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
30%
No
70%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
semema venerdì 27 luglio 2012
assolutamente d'accordo
78%
No
22%

Il film non riesce nemmeno lontanamente a rappresentare la magia e gli infiniti mondi del Cammino. Storie che si intrecciano, incontri, allontanamenti, reincontri, "miracoli", lacrime, risate...I quattro arrivano davanti alla cattedrale di Santiago come se niente fosse: solo chi è stato davvero un mese in cammino può sapere dell'esplosione di gioia, sollievo, gratificazione, tristezza, di essere arrivati infine alla meta.Credo che il regista non abbia mai fatto davvero il Cammino per intero prima di girare il film, o forse l'ha fatto con paraocchi e ipod infilato nelle orecchie... Deludente.

[+] lascia un commento a semema »
d'accordo?
oscar71 sabato 5 gennaio 2013
per niente d'accordo
93%
No
7%

A parte l'assurdità d'immaginare un film parlato in 4 lingue,2 ore di sottotitoli..., ma immagino che per affrontare tutti i temi o tutte le sfaccettature che mancano in questa 'lattuga' ne sarebbe uscito un film di 6 ore che molto probabilmente avrebbe veramente 'solo annoiato'. Per quanto riguarda il paesaggio non c'era sicuramente d'aspettarsi autostrade o metropolitane, l'ambiente è quello.Intendo dire che a mio avviso una tale arroganza nel commentare un film del genere mi sembra totalmente fuori luogo, a meno che dimostrare di essere più bravi di quel certo Emilio Estevez... o di tutti gli altri ai quali con grande sapienza e cultura si commentano dandogli quelle 2 o 3 stelle, se non 1. [+]

[+] lascia un commento a oscar71 »
d'accordo?
lollos74 sabato 13 luglio 2013
grande film spirituale...finalmente
76%
No
24%

Il film si basa su un concetto molto ben preciso, la spiritualità. Il resto non centra niente, paesaggi e storie... Tom parte con l'idea di farlo per il figlio, ma in realtà lo fa per se stesso, come gli altri del gruppo, che insieme mettono le forze ogniuno per arrivare al proprio scopo. Io lo trovato un gran film perché in un senso mi ci ritrovo, sono un maratoneta e oltre, quando fai delle grandi prove di fatica dici sempre che questo o quello t'hanno dato la forza oppure l'hai fatto per loro....invece non è così, la forza e dentro te stesso, la concentrazione, le motivazioni e i duri sforzi...lo faccio per me, per vedere chi sono e cosa posso fare, fino a dove mi posso spingere.Finalmente un film dove non succede di tutto, dove non ci sono attori e attrici belle, non ci sono effetti speciali, odio il 3 d. [+]

[+] lascia un commento a lollos74 »
d'accordo?

Ultimi commenti e recensioni di sirio:

Il cammino per Santiago | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marianna Cappi
Pubblico (per gradimento)
  1° | stefano73
  2° | donni romani
  3° | rampante
  4° | il passatore
  5° | samanta
  6° | capitanmiki
  7° | kondor17
  8° | brunomh
  9° | giorpost
10° | gianleo67
11° | gianlu movie
12° | sirio
Rassegna stampa
Roberto Escobar
Immagini
1 | 2 |
Link esterni
Sito ufficiale
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità