Il cammino per Santiago

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Il cammino per Santiago  
Un film di Emilio Estevez. Con Martin Sheen, Emilio Estevez, Deborah Kara Unger, Yorick van Wageningen, James Nesbitt.
continua»
Titolo originale The Way. Azione, durata 94 min. - USA 2010. - 01 Distribution uscita mercoledì 27 giugno 2012. MYMONETRO Il cammino per Santiago * * * - - valutazione media: 3,25 su 32 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,25/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Usa)
 dizionari * * * 1/2 -
 critica * * - - -
 pubblico * * * - -
   
   
   
Un uomo porta a termine il cammino di Santiago di Compostela al posto del figlio, morto all'inizio della strada.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Un film umile e commovente. Una grande prova di Martin Sheen
Marianna Cappi     * * * 1/2 -

Tom è un medico americano di successo, che passa la sua terza età tra lo studio dove lavora e il campo da golf, dove si distrae con i colleghi. Qui un giorno viene raggiunto dalla notizia che suo figlio Daniel, quarantenne, è rimasto ucciso da un temporale sui Pirenei. Giunto in Europa per recuperare le spoglie del figlio, Tom scopre che Daniel aveva intrapreso il Cammino di Santiago de Compostela, un sentiero di 800 chilometri tra Francia e Spagna che i pellegrini percorrono a piedi, tappa dopo tappa, mossi da motivazioni personali anche molto diverse fra loro. Con la scatola delle ceneri nello zaino, Tom decide di camminare al posto di Daniel e di portare a termine il suo viaggio. Lungo la via, l'incontro con tre inattesi compagni di strada lo strapperà alla solitudine e lo costringerà all'esperienza, perché "la vita non si sceglie, si vive".
Tom è un oftalmologo e come tale si occupa dello specchio dell'anima, gli occhi. Ma ci sono cose che sfuggono all'evidenza e trovarne il senso, l'anima, richiede un percorso più lungo e faticoso, senza l'ausilio di macchine. Il film di Emilio Estevez, che vede protagonista assoluto suo padre Martin Sheen, sulla carta sembrava possedere l'evidenza del trattatello in laude del viaggio spirituale, per il quale restava solo da capire se il pragmatismo americano avrebbe spinto verso l'avventura scoutistica o se invece a primeggiare sarebbe stata la formula contemplativa, con o senza temutissima voice over filosofeggiante. Niente di tutto questo o, forse, questo è molto altro: il film in ogni caso va oltre le ipotesi pregiudiziali e ci offre tanto di più lavorando tuttavia di sottrazione.
Pur essendo scritto dalla prima scena all'ultima (ed è una scrittura che si fa sentire, l'aspetto più fragile e rischioso dell'impresa), si respira ugualmente una freschezza da documentario, al punto che, come avviene solo per i film più coinvolgenti e appassionanti, si ha l'impressione che da qualche parte debba esistere un girato molto più esteso, sul quale il regista ha operato una spietata selezione. Merito della recitazione intensa e naturalissima di Martin Sheen, che fa rimpiangere il tempo trascorso dal suo ultimo ruolo di altrettanta importanza, ma soprattutto del voto di sobrietà a cui si è sottoposta la regia. Nessuna ricerca esasperata del metafisico, nel testo, e nessuna ricerca sognante o poetica nell'immagine: Estevez sta bene attento a non fare cartoline, nemmeno dei paesaggi più belli; la fotografia si direbbe quasi dimessa e corrisponde al punto di vista di chi sperimenta la fatica ben più della beatitudine estetica.
Come il cammino per il protagonista, il film non fa miracoli e non nasconde le sue debolezze, ma è una visione che merita e commuove, anche grazie alla compagnia di un inglese di nome James Nesbitt, della canadese Deborah Kara Unger e di un pittoresco olandese (Yorik Van Wageningen).

Incassi Il cammino per Santiago
Incasso Totale* Usa: $ 4.271.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 8 gennaio 2012
Sei d'accordo con la recensione di Marianna Cappi?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
81%
No
19%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
* * * * -

Fantastico per chi lo sente.

lunedì 9 luglio 2012 di stefano73

film americano ma ben inserito nella location Spagnola. Martin Sheen protagonista e diretto dal figlio Emilio Estevez, ripercorre il celebre pellegrinaggio con fedeltà e coinvolgimento. Io nel 2010 ho fatto il cammino ma con la bicicletta...e non è soltanto una moda come certi credono! Fantastico film per chi ha vissuto o velesse percorrere o ripercorrere un'esperienza unica. NB: è una vergogna che la dispribuzione cinematografica snobbi come promozione e diffusione continua »

* - - - -

Un'insalata insipida

venerdì 6 luglio 2012 di sirio

«Una foglia di lattuga senza olio, né sale né aceto»: questo il commento mentre scorrevano i titoli di coda. Una pellicola insipida, in cui il regista vorrebbe rappresentare un uomo alla scoperta di se stesso, lungo il Camino de Santiago, la Via della Stella, quel tragitto che anche il sommo Dante indicava come l'unico Pellegrinaggio degno di tal nome. Un percorso a piedi lungo il nord della Spagna, affrontato da più di mille anni da milioni di persone: chi per sciogliere un voto, chi per ritrovare continua »

* * * - -

Un viaggio dentro se stessi emozionante e dolente

mercoledì 1 agosto 2012 di donni romani

Un toccante viaggio per rendere omaggio ad un figlio che si scopre di conoscere a malapena si trasforma in un percorso doloroso e catartico dentro se stessi, un'esperienza fisica e mentale, un'emozione che si amplifica nell'asciuttezza e nella solitudine, e un incontro con l'altro da sè, così apparentemente lontano e così misteriosamente vicino, compagno di dolore ma anche di speranza. Tutto questo lungo il sentiero che dalla Francia conduce a Santiago de Compostela continua »

* * * * -

Un padre lungo il cammino per santiago

giovedì 25 ottobre 2012 di rampante

Tom fa il medico in California, gioca a golf e non ama camminare. Daniel, suo figlio, ama  conoscere posti nuovi,  vivere da uomo libero la sua vita , girare il mondo. I rapporti con il padre non sono facili ed a malincuore accetta un passaggio all'aeroporto. Proprio all'inizio del cammino per Santiago, sul confine tra Francia e Spagna, Daniel muore.  La notizia viene comunicata per tefefono a Tom  da un poliziotto. L'anziano genitore vola in Europa per portare continua »

Daniel
Tom: "Non sarà una vita avventurosa la mia, ma è quella che ho scelto"
Daniel: "È questo il problema papà, la vita non va scelta, va vissuta!"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Joost
"God save the Queen and her fascist regime..."
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Ishmael
"I nostri figli sono il meglio e il peggio di chi li ha concepiti!"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop

SOUNDTRACK | Il cammino per Santiago

La colonna sonora del film

Disponibile on line da martedì 28 agosto 2012

Cover CD Il cammino per Santiago A partire da martedì 28 agosto 2012 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Il cammino per Santiago del regista. Emilio Estevez Distribuita da Milan Records.

FOCUS | Il cammino per Santiago: una bella mistica.

Onda&fuorionda di pino farinotti

domenica 15 luglio 2012 - Pino Farinotti

ONDA&FUORIONDA di Pino Farinotti Di tanto in tanto accade che il cinema si conceda un promemoria di se stesso. Quando non c’era il 3D, quando l’horror non era così invadente, quando gli effetti speciali non erano un alibi per giustificare la mancanza di contenuti, quando la politica e l’ideologia lasciavano spazi a storie di esseri umani, senza implicazioni. Quando il sentimento, corretto, senza iperboli, veniva considerato un contenuto buono, percorribile, di cui non vergognarsi. Santiago è certo un nome evocativo, mistico e misterioso.

   

È pieno di pericoli quel cammino dell'autocoscienza

di Paolo D'Agostini La Repubblica

È veramente molto difficile che un nordamericano riesca a parlare in modo plausibile di cose e luoghi che non appartengono al suo orizzonte di vita, cultura, esperienza, nella stragrande maggioranza dei casi limitato a casa propria identificata come centro dell’universo. Non è senza dispiacere che si dice questo anche a proposito del film Il cammino per Santiago in cui, malgrado l'esito banale e turistico, si percepisce un sincero afflato, uno sforzo di adesione e comprensione. In effetti, a quanto pare, l'’mpresa condivisa da Martin Sheen protagonista con il figlio Emilio Estevez regista (ma anche presente come interprete), affonda nel reale interesse del celebre attore che tutti ricordiamo come capitano Willard in Apocalypse now, per il significato e il valore spirituale del famoso pellegrinaggio che dai Pirenei francesi conduce al maestoso e severissimo santuario che in Galizia, estremo lembo della Spagna nord occidentale, è intitolato all'apostolo Giacomo. »

Un percorso commovente dentro se stessi

di Gian Luigi Rondi Il Tempo

Anche chi non sa molto di cose religiose ha sentito parlare almeno una volta del Cammino di Santiago, un pellegrinaggio a piedi per quasi ottocento chilometri, intrapreso da fedeli che si mettono in viaggio dai Pirenei fino a Santiago di Compostela dove si celebra da più di mille anni il culto di San Giacomo Apostolo. Il film di oggi, realizzato da Emilio Estevez, il noto regista americano con ascendenze spagnole, figlio dell’anche più noto attore Martin Sheen, ci porta lungo tutto quel cammino e prendendo spunto da alcuni racconti dello scrittore irlandese Jack Hitt (che, con altro nome, è tra i personaggi), immagina una vicenda tutta raccolta in se stessa, spesso tessuta di note intime. »

Un pellegrinaggio d'amore in ricordo del figlio perduto

di Antonello Catacchio Il Manifesto

Strane storie sono sottese alle vite degli individui. Prendete Martin Sheen, attore padre di due figli che lavorano nel cinema Charlie Sheen, testa matta e personaggio da prendersi con le molle e Emilio che ha preferito mantenere il proprio cognome vero: Estevez, attore ma anche regista, basti ricordare il corale Bobby sulla notte dell'assassinio di Bob Kennedy. Ora quell'Estevez deve fare scattare dei campanellini perché la famiglia di Martin è originaria della Galizia, nel Nord della Spagna. E Martin è cattolico. »

di Paola Casella Europa

Tom (Sheen), un vedovo americano benestante che si divide fra il suo studio di oculista e i campi da golf della Florida, si catapulta nel nord della Francia quando apprende la notizia della morte del figlio Daniel (Estevez, figlio di Martin Sheen anche nella vita e regista del film), un globetrotter in procinto di intraprendere il cammino verso Santiago de Compostela, quel viaggio che migliaia di pellegrini e di turisti dell’anima percorrono ogni anno dalla Francia alla Spagna. Il film, come il cammino, è intriso di profonda spiritualità e ha il grande pregio di mostrarci i luoghi e le situazioni reali facendoci sperimentare, almeno da spettatori, l’unicità di un’esperienza di condivisione e solidarietà. »

Il cammino per Santiago | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marianna Cappi
Pubblico (per gradimento)
  1° | stefano73
  2° | donni romani
  3° | rampante
  4° | il passatore
  5° | giorpost
  6° | brunomh
  7° | gianleo67
  8° | gianlu movie
  9° | sirio
Rassegna stampa
Roberto Escobar
Link esterni
Sito ufficiale
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità