Il gusto dell'anguria

Film 2004 | Drammatico, 112 min.

Titolo originaleTian Bian Yi Duo Yun - The Wayward Cloud
Anno2004
GenereDrammatico,
ProduzioneTaiwan, Cina, Francia
Durata112 minuti
Regia diTsai Ming-liang
AttoriLee Kang-Sheng, Chen Shiang-Chyi, Lu Yi-Ching .
Uscitavenerdì 25 novembre 2005
TagDa vedere 2004
DistribuzioneBim Distribuzione
MYmonetro 2,90 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Tsai Ming-liang. Un film Da vedere 2004 con Lee Kang-Sheng, Chen Shiang-Chyi, Lu Yi-Ching. Titolo originale: Tian Bian Yi Duo Yun - The Wayward Cloud. Genere Drammatico, - Taiwan, Cina, Francia, 2004, durata 112 minuti. Uscita cinema venerdì 25 novembre 2005 distribuito da Bim Distribuzione. - MYmonetro 2,90 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il gusto dell'anguria tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento giovedì 29 gennaio 2015

Uno Tsai Ming-Liang quasi pornografico che riesce ad essere profondamente "morale": la storia di un venditore di orologi che diventa attore porno e non può amare una sua ex cliente se non col corpo. Il film è stato premiato al Festival di Berlino, In Italia al Box Office Il gusto dell'anguria ha incassato nelle prime 8 settimane di programmazione 82 mila euro e 27,5 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
2,90/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA
PUBBLICO 2,79
CONSIGLIATO SÌ
Una commedia sexy al sapore di cocomero.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Si può essere "morali" portando sullo schermo l'erotismo più estremo? Si può. Ce lo dimostra Tsai Ming-Liang con questo suo ultimo film.
In una Taiwan prosciugata da una calura improvvisa un ex venditore di orologi divenuto attore porno incontra una ex cliente che abita al piano sottostante l'appartamento in cui si girano i film. I due potrebbero e forse vorrebbero amarsi ma l'amore è impossibile per il regista taiwanese. Perché? Perché deve servirsi del corpo, un corpo che la pornografia non rende "vitale" come propaganda vorrebbe, ma riduce a carne morta, incapace di reazioni che non siano meccaniche. Se il termine surrealismo fosse ancora utilizzabile sarebbe questo il film per cui dovrebbe tornare a svolgere la propria funzione. Perché, come il Buñuel di Un chien andalou, Tsai Ming-Liang colpisce basso per poi passare ad inserti di finto musical (dal parapolitico all'esplicitamente erotico) in un film in cui i due personaggi principali hanno a disposizione una sola riga di dialogo (una domanda affidata a lei). Lo spiazzamento dello spettatore fa parte della dinamica narrativa. Una dinamica che prevede orgasmi che non possono contemplare la parola amore. L'ultimo di essi sarà un grido disperato accompagnato dal pianto. Il pianto, appunto, fatto della materia vitale primaria che scarseggia in questo film in cui si partoriscono e si masturbano cocomeri. L'acqua è fonte di vita. Una vita che, per il regista di Taiwan, si sta ineluttabilmente inaridendo.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

La giovane protagonista di Che ora è laggiù? (2001) torna da Parigi a Taipei, afflitta da una grave siccità, e incontra per caso il venditore d'orologi, suo ex innamorato, che per campare fa l'attore di pornofilm. Con lui ha un rapporto passionale, ma senza sesso, esclusa la fulminea fellatio conclusiva. Si comincia con un lungo e grottesco coito per interposta anguria, fonte del titolo italiano (BIM), che entrerà sicuramente in una futura antologia del cinerotismo. Coerente al suo passato, il malese e prolifico Ming-liang (un film all'anno in media) non perde tempo nel dare una struttura al racconto. Bifronte e ibrido, il film dovrebbe interessare a chi sostiene che nelle belle arti, specialmente audiovisive, il sesso dovrebbe essere comico o tragico, o far ridere o far tremare. Qui sconvolge, disgusta, respinge. Non a caso quasi tutte le scene erotiche spinte avvengono durante le artigianali riprese ravvicinate in pornovideo. Il regista prende le distanze dalla materia, alleggerendo la tetraggine lenta e muta delle scene realistiche con 7 siparietti musicali cantati e danzati di esibito gusto Kitsch o camp tra cui spiccano l'irriverente danza a struscio sul monumento di Chang Kai-shek, padre della patria, quella con gli ombrelli ad anguria e quella dell'orinatoio tra festoni di carta igienica che, insieme con le bottiglie di plastica, sono due ossessivi Leitmotiv plastici. Raro divieto ai minori di 18 anni in Italia.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 3 marzo 2012
marcos

Pessimismo e alienazione e' la tematica di questo film capolavoro degno di un Orso d' Argento al festival di Berlino per il contributo artistico. Film ricco di metafore. La piu' importante quella dell'acqua come sinonimo di vita. La siccita' e' la morte di ogni cosa, morte della parola e conseguentemente della comunicazione, poiche' la solitudine divora i personaggi [...] Vai alla recensione »

martedì 6 ottobre 2015
dario

Sembra fatto da un incapace. In realtà il regista gioca con la storia, inanellando immagini ferme sul compiacimento di turno. Il suo è un estetismo di maniera, ed è un a maniera presuntuosa. Linguaggio cinematografico a zero, sceneggiatura fatta di niente. Noioso, inutile. Perchè certa critica continua a premiare film indecenti perchè cervellotici? 

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Lo avevamo messo nella lista nera. Dopo The Hole, storia d’amore attraverso un buco nel pavimento, in una Taiwan apocalittica ravvivata soltanto dai cinguettanti intermezzi musicali anni Trenta: la ragazza in sottoveste al piano di sopra che sporge una gamba, e il ragazzo al piano di sotto che sbircia e timidamente accarezza. Dopo Che ora è laggiù, con l’aspirante attrice che parte per Parigi dopo [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Osceno, coloratissimo, imprevedibile, esilarante. E poetico, concettuoso, pieno di gemiti e di canzoni ma povero di parole, rutilante e insieme estenuante. Dai tempi di Vive l’amour ogni film di Tsai Ming-liang è una scommessa, ma The Wayward Cloud (“La nuvola smarrita”, concorso) è una parata di contraddizioni. I protagonisti vengono da un film casto e rarefatto del 2002, Che ora è laggiù .

Roberto Nepoti
La Repubblica

Comincia con una scena di coito per interposta anguria, finisce con una fellatio. Non si pensi però, di andare a vedere un film basato sul principio del piacere, un oggetto eccitante per lo sguardo del voyeur d’immagini: quello di Tsai Ming-Liang è cinema di un pessimismo integrale, che fa della disperazione uno stile. Inutile volerne mettere insieme i pezzi in un disegno coerente, perché Il gusto [...] Vai alla recensione »

Roberto Silvestri
Il Manifesto

Tsai Ming Liang, esteta irriducibile, creatore di un tempo sospeso e unico, affogato in liquidi amniotici più velenosi che vitali, imbastisce e cuce questa volta, con The Wayward Cloud (La nuvola capricciosa), in Italia Il gusto dell'anguria, un poema sull'apocalisse prossima ventura, una love story di fantascienza, divorata, consacrata e purificata dalle acque.

Alessandra Levantesi
La Stampa

Una donna con le cosce divaricate a stringere una mezza anguria poggiata sul pube e un giovane stallone che si accanisce sul frutto simulando un violento atto sessuale che poi approderà a un coito consumato fra gemiti incontrollati. Ripresa nel manifesto pubblicitario, la scena indurrebbe a pensare che Il gusto dell'anguria sia una (fantasiosa) pellicola porno.

Antonello Catacchio
Ciak

A Taiwan fa caldo. Molto caldo. Shiang-chyi è tornata da Parigi e cerca il venditore d’orologi della piazza, Hsiao.kang (sono i personaggi di Che ora è laggiù?). Ma tutto è cambiato, non c’è più neppure la piazza. Solo il caldo, e una crisi idrica che spinge la gente a usare il cocomero come alternativa. Si beve il succo, ci si lava e si arriva a fare altro ancora sul set di un film porno che vede [...] Vai alla recensione »

Raffaella Giancristofaro
Film Tv

Il venditore di orologi di Taipei e la ragazza in trasferta a Parigi di Che ora è laggiù? sono tornati. Di nuovo in patria, lei si aggira per una città vuota, in preda ad una siccità senza rimedio, mentre lui ora è un attore di film hard, realizzati nel palazzo in cui vivono entrambi. Ma non s’incontrano né si parlano (quasi) mai, in quest’ultimo, estremo, tableau vivant (e chantant) di Tsai Ming-Liang. [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

Arriva sempre, in un festival, il film-scandalo, la storia sessuale scostumata che dovrebbe accendere la curiosità e vivacizzare il dibattito nei giorni di stanca. Di solito sono i registi orientali i più versati nel campo, i più fantasiosi, e dunque c'era molta attesa, alla Berlinale, per il nuovo film di Tsai Ming-Liang, il venerato maestro di «Vive l'amour», «Il fiume», «Il buco».

Redazione
Il Giornale

Nei grandi festival, grande è la dimensione. Di solito il resto è piccolo. A che cosa servono, allora, i piccoli film dei grandi festival? A far lavorare registi marginali come Tsai Ming-Liang, autore di uno dei più deliranti film da festival: Il buco (Cannes, 1998). Tsai Ming-Liang ha nostalgia per la Nouvelle vague e la trapianta nella Taipeh di oggi, ideando vicende sempre strampalate, come questa [...] Vai alla recensione »

winner
menzione speciale
Festival di Berlino
2005
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati