Un chien andalou

Un film di Luis Buñuel. Con Simone Mareuil, Pierre Batcheff, Luis Buñuel, Salvador Dalí, Robert Hommet.
continua»
Cortometraggio, Ratings: Kids+16, b/n durata 16 min. - Francia 1929. MYMONETRO Un chien andalou * * * 1/2 - valutazione media: 3,60 su 20 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato assolutamente sì!
3,60/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * - -
 critican.d.
 pubblico * * * 1/2 -
Ideato a quattro mani con Salvator Dalì, è l'opera d'esordio del grande Buñuel. Avvenimenti legati da una sorta di relazione onirica, senza un apparente nesso. Diventato celebre per alcune sequenze chiave.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Il capolavoro del surrealismo
    * * * - -

Ideato a quattro mani con Salvator Dalì, è l'opera d'esordio del grande Buñuel. Avvenimenti legati da una sorta di relazione onirica, senza un apparente nesso. Diventato celebre per alcune sequenze chiave. L'occhio tagliato da un rasoio, la mano piena di formiche e le mani del protagonista che carezzano i seni e le natiche della donna. Viene anche trascinato un pianoforte con due asini morti e due preti legati a delle funi. Uno dei due è Dalì.

Stampa in PDF

Premi e nomination Un chien andalou MYmovies
Un chien andalou recensione dal dizionario Farinotti
* * * * -

Un cane andalusiano

martedì 13 febbraio 2007 di Stefano Franzoni

Correva l'anno 1929. Luis Bunuel e Salvador Dalì, giovani intellettuali con uno spiccato talento per le arti, si trovavano a Figueras (paese di Dalì) a discutere dei propri sogni come erano soliti. I due, che con "Un chien andalou" avrebbero creato dal nulla il primo "manifesto" del Surrealismo, avvaloravano le esperienze dell'inconscio, quali i sogni, e credevano fortemente che l'immaginazione e la fantasia fossero una realtà ben migliore della vita concreta. Seguendo un'ottica quasi romantica continua »

* * * * -

Surrealismo di celluloide

venerdì 13 aprile 2007 di Darjus

Gli incubi, le difficoltà, l’amore. Un oscuro viaggio nella mente dell’uomo, dove frammenti di terrore albergano, diacronicamente e senza costrutto, in un’alacre ricerca di un padrone, pronti a spargersi nella realtà come milioni di formiche sanguinanti. Capostipite del surrealismo di celluloide, ma non capolavoro cinematografico. Storicamente importante, perché costituisce l’avant-gard del cinema surrealista e dà il via alla carriera di un grande regista, qui aiutato nella sceneggiatura dal giovane continua »

* * * - -

Il manifesto del surrealismo

venerdì 29 ottobre 2010 di Reservoir Dogs

Definito dalla storia del cinema il film - manifesto del movimento surrealista, prodotto e diretto da Luis Buñuel assieme a Salvador Dalí. Il film si abbandona completamente al tentativo d'intrepretare i sogni (incubi) e quindi anche l'inconscio, non vi è quindi una trama ben definita...forse si può tentare di vedere un amore impossibile tra due persone, tematica riproposta nel successivo "L'age d'or". Memorabile la scena iniziale continua »

* * * - -

Un incubo provocatorio

lunedì 13 agosto 2007 di Taras Bulba

Un cortometraggio scritto da Bunuel e Dalì, girato in 15 giorni e interpretato da soli 5 o 6 attori, tra cui gli stessi Bunuel e Dalì. Ho visto questo film non sapendo nulla di questo film. Mentre lo guardavo mi chiedevo se fosse un film dove non si capiva nulla o ero io a non capire nulla. La risposta l'ho avuta dopo leggendo una intervista a Bunuel, ovvero è un film completamente senza logica e trama, una sequenza di immagini che avevano lo scopo sia di provocare, sia di creare un sogno surrealista. Sedici continua »

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Un chien andalou adesso. »

di Georges Sadoul

Un uomo (Luis Buñuel) affila il suo rasoio e taglia in due l'occhio d'una ragazza (Simone Mareuil). Otto anni dopo, un altro uomo (Pierre Batcheff) va in bicicletta nella camera della ragazza, vuole accarezzarla, si trova bizzarramente impedito, si sdoppia, si uccide con un colpo di rivoltella, e la ritrova in riva al mare. "Il cinema è l'entrata in azione del caso". Al tempo dei "cadaveri squisiti" (racconti o disegni messi insieme per caso), questa frase della Révolution surréaliste potè servire di guida ai due giovani spagnoli, che non s'erano ancora uniti al gruppo, per l'idea della loro sceneggiatura. »

di Claude Beylie

C’era una volta... un uomo che, in una stanza, taglia a metà l’occhio della sua compagna. Otto anni dopo: in un’altra stanza un giovane, eccitato dallo spettacolo della strada, desidera una donna, ma è bloccato da troppe vestigia del passata... Verso le tre del mattino suonano alba porta il giovane si è messo in penitenza dal suo doppio. Sedici anni prima era uno studente con i suoi libri, ma i libri possono uccidere. Tira sull’intruso, che muore in un giardino. Il desiderio risorge... La donna, insoddisfatta, parte però con un altro amante che l’aspetta lunga la spiaggia. »

di Massimo Magri

Un uomo affila il rasoio e taglia in due l’occhio di una ragazza. Otto anni dopo, un altro uomo va in bicicletta a trovarla: cerca di carezzarla, non ne è capace, si sdoppia, si uccide con un colpo di rivoltella, e ritrova la ragazza in riva al mare. (cc Il soggetto èla linea retta e pura di condotta di un uomo che cerca l’amore attraverso gli ignobili ideali umanitari e patriottici, e altri miserevoli meccanismi della realtà ». S. Dati). Primo film di Buñuel, ma scarsamente significativo per lui, che il peso di Dalì è preponderante. »

Il film che costò a Buñuel l’amicizia con Lorca

di Dario Pappalardo Il Venerdì di Repubblica

Torna in dvd Un cane andaluso, opera prima del regista spagnolo. Entusiasmò Picasso e Breton, ma offese il poeta Garcia Lorca. Parigi, 6 giugno 1929. Nella sala dello Studio des Ursulines, la crème della cultura francese è in fermento. Con Le Corbusier e Pablo Picasso, prende posto in platea il gruppo surrealista al gran completo. Ci sono Man Ray e André Breton, i pittori Max Ernst e René Magritte, i poeti Tristan Tzara e Paul Éluard. Tutti in attesa di vedere proiettata una pellicola di sedici minuti dal titolo misterioso: Un chien andalou. »

Un chien andalou | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Stefano Lo Verme
Pubblico (per gradimento)
  1° | stefano franzoni
  2° | great steven
  3° | fedeleto
  4° | laulilla
  5° | darjus
  6° | taras bulba
  7° | reservoir dogs
Rassegna stampa
Dario Pappalardo
Immagini
1 | 2 |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità