Il silenzio del mare

Film 1947 | Drammatico 86 min.

Titolo originaleLe silence de la mer
Anno1947
GenereDrammatico
ProduzioneFrancia
Durata86 minuti
Regia diJean-Pierre Melville
AttoriHoward Vernon, Nicole Stéphane, Jean-Marie Robain .
TagDa vedere 1947
MYmonetro Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Regia di Jean-Pierre Melville. Un film Da vedere 1947 con Howard Vernon, Nicole Stéphane, Jean-Marie Robain. Titolo originale: Le silence de la mer. Genere Drammatico - Francia, 1947, durata 86 minuti. Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Condividi

Aggiungi Il silenzio del mare tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Uno dei primi film di Melville, la trascrizione fedele di un celebre romanzo di Vercors (scritto all'indomani della guerra).

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,00
CONSIGLIATO SÌ

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Sentito esordio dietro alla macchina da presa di Jean-Pierre Melville.
Recensione di Marco Chiani
Recensione di Marco Chiani

Durante l'occupazione nazista, l'ufficiale tedesco Werner von Ebbrennac si stanzia nella casa di campagna di un anziano signore che abita con la nipote. Costretti ad ospitarlo, i due non replicano mai alle sue disquisizioni su quella cultura francese di cui è appassionato, nelle sere del rigido inverno del 1941 in cui cerca il conforto del calore del caminetto. Sebbene si renderà conto della follia che regge la barbarie nazista, von Ebbrennac non avrà il coraggio di fare la scelta giusta.
Sentito esordio dietro alla macchina da presa di Jean-Pierre Melville, Il silenzio del mare ha aperto una nuova strada nella storia del cinema francese, nonostante le accuse di "monologo interiore illustrato" e di una certa rozzezza a livello squisitamente cinematografico mosse allora. Tratto dall'omonimo romanzo breve pubblicato nella clandestinità da Vercors, pseudonimo di Jean Marcel Adolphe Bruller, il film è un dramma da camera pervaso da rovelli esistenziali e senso della disfatta, solitudine e dolore. Con un budget minimo, pari all'incirca ad un decimo del costo di una produzione media, e una troupe di collaboratori di cui nessuno professionista, il cineasta esordiente ha inaugurato, di fatto, quella scioltezza di linguaggio che sarà recepita, una decina di anni dopo, dagli autori della Nouvelle Vague.
Come faranno i registi del venturo movimento, infatti, Melville insegue un'estrema libertà compositiva, definendosi nella maniera più stretta possibile autore primo del testo filmico, lontano dalle strettoie delle produzioni e dalle schiavitù di qualsiasi genere: non a caso, oltre alla regia, curò adattamento, produzione e montaggio. Fuori sistema, austero e angosciante, ma sempre vivo nella sua chiarezza espositiva, si fonda sulla voce off dell'anziano proprietario di casa, spesso immobile o con la pipa tra le mani per scaldarsi, che fronteggia col silenzio il simbolo di un invasore via via vacillante nelle sue stesse convinzioni. Animato da un autentico spirito corsaro, tutto interiorizzato e meditativo, apparirà in netta controtendenza a chi conosce quella riscrittura del noir scattante e "americanizzata" che coincide con la maturità artistica di Melville.
Caso isolato e irripetibile, Il silenzio del mare incontrò un grande favore di pubblico e, in parte, anche di critica. Fotografato da Henri Decaë, qui alla sua prima prova e poi abituale collaboratore del regista così come di altri nomi della nascente Nouvelle Vague. Girato nella stessa casa in cui Vercors aveva immaginato il suo racconto.

Sei d'accordo con Marco Chiani?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Nel 1941 Werner von Ebrennac, ufficiale tedesco, prende alloggio in una casa di campagna in Francia, abitata da un anziano signore e da sua nipote. Appassionato di cultura francese, cerca un dialogo con loro che gli oppongono il muro di un ostinato silenzio. 1° film di Melville che lo girò a sue spese nella stessa casa in cui Vercors aveva scritto il racconto lungo omonimo (1942), diventato uno dei testi più noti sulla Resistenza. Stampato e diffuso clandestinamente. De Gaulle ne fece lanciare migliaia di copie col paracadute nella Francia occupata. Melville lo gira nei modi di un kammerspiel , un atto unico in 12 quadri, l'ultimo dei quali registrato in totale silenzio. Poco alla volta i monologhi dell'ufficiale prendono la forma di un delirio, come delirante è la sua idea di un "matrimonio" tra la civiltà tedesca e francese tramite la guerra e l'invasione. I giovani critici/cineasti della Nouvelle Vague lo indicarono come uno dei loro precursori. Fotografia: Henri Decaë. Costato 120 000 franchi di cui 30 000 per i diritti d'autore. Vercors è uno pseudonimo resistenziale di Jean Bruller, Melville il nome di battaglia di Jean-Pierre Grumbach.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO

IL SILENZIO DEL MARE disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
Frasi
È bello che un soldato disobbedisca agli ordini criminali.
Dialogo tra Werner von Ebrennac (Howard Vernon) - (Jean-Marie Robain)
dal film Il silenzio del mare
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati