Chi lavora è perduto

Un film di Tinto Brass. Con Pascale Audret, Tino Buazzelli, Piero Vida, Sady Rebbot, Franco Arcalli.
continua»
Drammatico, b/n durata 90 min. - Italia 1963. Acquista »
Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * - -
 critican.d.
 pubblicon.d.
Il titolo originale viene censurato per ragioni sconosciute. È il primo di Tinto Brass, vagamente autobiografico; il protagonista è un ragazzo sfaccendato, un po' anarchico, ribelle al sistema nel quale prima o poi dovrà pur inserirsi.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast
    * * * - -
Questo film è disponibile in versione digitale, scopri il miglior prezzo:
TROVASTREAMING
Locandina Chi lavora è perduto

Il titolo originale viene censurato per ragioni sconosciute. È il primo di Tinto Brass, vagamente autobiografico; il protagonista è un ragazzo sfaccendato, un po' anarchico, ribelle al sistema nel quale prima o poi dovrà pur inserirsi. Intanto passeggia per l'assolata Venezia e torna col pensiero al passato.

Stampa in PDF

TROVASTREAMING
CHI LAVORA È PERDUTO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD

-
-
-
-
CHILI
-
-
TheFilmClub
-
-
iTunes
-
-
-
-
Amazon Prime Video
Premi e nomination Chi lavora è perduto MYmovies
Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Chi lavora è perduto adesso. »

di Gian Piero dell'Acqua

Bonifacio B., un giovanotto che corre sempre, alla ricerca del suo posto nella società, ha ricevuto un’edt~cazione clericale e reazionaria, ha visto disgregarsi le amicizie e le solidarietà giovanili, ricorda ancora i colori dei funerali di un « compagno », ha fatto abortire la sua ragazza, e adesso è di fronte alla necessità di inserirsi nel « sistema ». Film di un esordiente assai scaltro, già assiduo frequentatore di cineteche, In capo al mondo (secondo il primitivo titolo, di cui gli fu imposta, per motivi ignoti, la sostituzione in sede di censura) poté apparire, esteriormente, un tentativo italiano di fare dei cinema come i giovani « arrabbiati »inglesi o americani, salvo vedervi addirittura, e insieme, i segni della tentazione anarchica e della riflessione imprudente. »

di Giuseppe Marotta

Non potevo non cercare di veder subito il film di Tinto Brass In capo al mondo ( Chi lavora è perduto), né posso trattenermi dal parlarvene immediatamente (scrivo in data 7 ottobre), ossia mentre accese polemiche divampano sui giornali e ignoriamo se il Brass verrà appeso o no per la gola a un gancio di confine tra l'odierna Italia del monocolore e quella, imminente, del Centro-Sinistra Fanfani II o Moro I che sia. In questo clima di interregno, di reggenza, è possibile, tendendo l'orecchio di notte, udire il brusio della mola che gira affilando ogni sorta di lame, e i clic dei grilletti che sì alzano (forza con l'immaginazione!) come baiadere dal guanciale, sazi cioè di languori estivi. »

Chi lavora è perduto | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedì 13 aprile
Burraco fatale
Genesis 2.0
martedì 23 marzo
Easy Living - La vita facile
giovedì 18 marzo
I predatori
martedì 9 marzo
Waiting for the Barbarians
Tuttinsieme
martedì 23 febbraio
Le sorelle Macaluso
La volta buona
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità