Velvet Buzzsaw

Film 2019 | Horror, Thriller 109 min.

Titolo originaleVelvet Buzzsaw
Anno2019
GenereHorror, Thriller
ProduzioneUSA
Durata109 minuti
Regia diDan Gilroy
AttoriJake Gyllenhaal, Rene Russo, Natalia Dyer, Toni Collette, John Malkovich, Daveed Diggs Zawe Ashton, Tom Sturridge, Billy Magnussen, Peter Gadiot.
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 4 recensioni.

Regia di Dan Gilroy. Un film con Jake Gyllenhaal, Rene Russo, Natalia Dyer, Toni Collette, John Malkovich, Daveed Diggs. Cast completo Titolo originale: Velvet Buzzsaw. Genere Horror, Thriller - USA, 2019, durata 109 minuti. Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 4 recensioni.

Condividi

Aggiungi Velvet Buzzsaw tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un gruppo di artisti e collezionisti è disposto a tutto pur di difendere l'arte. Ma non tutti hanno lo stesso obiettivo.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Satira horror sul mondo dell'arte contemporanea riuscita a metà, che racconta i mostri umani meglio di quelli esoterici.
Recensione di Ilaria Ravarino
lunedì 4 febbraio 2019
Recensione di Ilaria Ravarino
lunedì 4 febbraio 2019

Morf Vandewalt è un critico d'arte tra i più temuti sulla scena delle gallerie californiane. Un giorno, quando ormai è convinto di non poter essere più sorpreso da nulla, si imbatte nei quadri di un artista sconosciuto, che la sua amica (e amante) Josephine, assistente della gallerista Rhodora, dice di aver trovato per caso abbandonati in strada. Si tratta di quadri bellissimi, ipnotici e originali, di cui Morf si innamora all'istante. Peccato che le cose non siano andate proprio come le ha raccontate Josephine: quei quadri appartengono a un artista morto, e per nessun motivo al mondo Rhodora li avrebbe dovuti mettere in commercio. Ma che senso ha l'arte, se nessuno la può vedere?

Il mondo dell'arte contemporanea, con i suoi tic e paradossi così classici, è un'arena perfetta per la satira. Ne sanno qualcosa sia Paolo Sorrentino, che su quel terreno ha giocato ne La grande bellezza, che Ruben Östlund, Palma d'Oro nel 2017 per The Square - pamphlet di rara crudeltà sull'argomento.

Dan Gilroy, girando il suo Velvet Buzzsaw (termine gergale che indica, tra le altre cose, il sesso orale praticato a una donna) fa un passo avanti nel sottogenere. E realizza il primo comedy-horror ambientato tra le pareti delle lussuose gallerie di Los Angeles: luoghi popolati da mostri in carne e ossa - galleriste senza scrupoli, assistenti vessate, critici smorfiosi, ricchissimi e snobbissimi clienti, artisti incompresi - e mostri esoterici - spiriti vendicativi dell'arte o fantasmi inquieti, a seconda di come la si voglia interpretare. L'accoppiata funziona, soprattutto quando i mostri "umani" relegano ai margini della scena quelli occulti: il set up della scena artistica californiana è infatti la parte migliore del film, resa godibile dall'interpretazione azzeccata, piacevolmente sopra le righe, di Jake Gyllenhaal (con Gilroy già in Lo sciacallo - Nightcrawler) nei panni di un critico alla moda moralmente ambiguo e sessualmente fluido.

Intonato anche il resto del cast, con una menzione speciale per la sottovalutatissima Rene Russo e l'ottimo esordio di Zawe Ashton, magnetica nella parte dell'ambiziosa Josephine che innescherà il dramma. Sempre notevole John Malkovic, che dopo Bird Box colleziona con Velvet Buzzsaw un altro ruolo Netflix da seconda linea, posizione dalla quale sa farsi (fin troppo) notare.

Meno bene il resto, ovvero la parte esplicitamente fantastica, che prende le mosse da una premessa interessante, da horror ottocentesco - la morte di un artista tormentato, il ritrovamento e la vendita dei suoi misteriosi quadri - e poi si perde in un oceano di cliché del genere, senza aggiungere nulla a quanto ci si possa ragionevolmente aspettare dal topos dell'entità maligna che possiede (qui: sculture e quadri). Stride anche la scelta di virare, in un paio di momenti, dall'horror al gore, con squartamenti e amputazioni splatter gratuite nell'economia di un film che parte in satira e finisce in carneficina.

L'impressione è quella di un'opera discontinua, non perfettamente in equilibrio, capace comunque di intrattenere senza impegno: un prodotto che il cinema avrebbe forse bocciato, ma che il piccolo schermo consegna con disinvoltura alla rosa delle oneste possibilità da divano.

Sei d'accordo con Ilaria Ravarino?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 12 febbraio 2019
Geox

Mi sono avvicinato a questo film senza avere un idea ben precisa su cosa fosse. I primi 20 minuti hanno avuto un impatto positivo, con attori di calibro, ma dopo non riesce a portare avanti. E la prima critica riguarda proprio i perssobagi, as esempio, il perssonaggio interpretato da Malkovich benché molto piacevole, non ha nessun impatto sulla trama, e se non ci fosse non penso si vedrebbe [...] Vai alla recensione »

martedì 12 febbraio 2019
no_data

Velvet Buzzsaw è un film carino ma non abbastanza, nonostante abbia un cast della madonna! Se abbiamo una cultura letteraria non possiamo non pensare che tutto andrà male quando un quadro si anima, ed è, infatti, ciò che accade. Grande prova attoriale di Jake Gyllenhaal che con niente si trasforma in un credibile critico d'arte, confuso sessualmente, per niente sexy, [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 5 febbraio 2019
Ilaria Feole
Film TV

Dopo aver messo in scena la Los Angeles putrescente delle emittenti tv pronte a sfruttare il morto del giorno (Lo sciacallo) e la Los Angeles corrotta e cinica degli studi di avvocati (End of Justice), Dan Gilroy arriva alla Los Angeles fasulla e superficiale delle gallerie d'arte. Spingendo il pedale sulla stilizzazione e l'alienazione dei film precedenti fino a ottenere un registro di farsa: Jake [...] Vai alla recensione »

giovedì 31 gennaio 2019
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Art pour l'art? Macché, arte-vita, anzi, arte -morte. Dopo il bell'esordio Nightcrawler del 2014, il regista e sceneggiatore Dan Gilroy - in mezzo il medio Roman J. Israel, Esq. (2017), con Denzel Washington - ritrova Jake Gyllenhaal e la moglie Rene Russo in Velvet Buzzsaw ("Sega circolare di velluto"), presentato in anteprima al Sundance e da domani 1° febbraio 2019 disponibile su Netflix.

RECENSIONI MYMOVIES
PUBBLICO
RASSEGNA STAMPA
SHOWTIME
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati