Mosse vincenti

Film 2011 | Commedia, +16 106 min.

Regia di Tom McCarthy. Un film Da vedere 2011 con Paul Giamatti, Amy Ryan, Bobby Cannavale, Jeffrey Tambor, Burt Young, Melanie Lynskey. Cast completo Titolo originale: Win Win. Genere Commedia, - USA, 2011, durata 106 minuti. Uscita cinema venerdì 9 dicembre 2011 distribuito da 20th Century Fox Italia. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 3,00 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Mosse vincenti tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un film su come la durezza e il disprezzo per le regole cambia la vita di una famiglia di periferia del New Jersey e porta fortuna ad un team di wrestling delle superiori. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Critics Choice Award, Al Box Office Usa Mosse vincenti ha incassato nelle prime 12 settimane di programmazione 10 milioni di dollari e 154 mila dollari nel primo weekend.

Mosse vincenti è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,00/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,33
PUBBLICO 2,67
CONSIGLIATO SÌ
Un cinema 'morale' con attori capaci di rendere eccezionale la quotidianità.
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 25 novembre 2011
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 25 novembre 2011

New Providence, New Jersey. Mike Flaherty è un avvocato che assiste persone anziane. Nel tempo libero fa l'allenatore di una squadra di giovani lottatori non particolarmente brillanti. Un giorno gli si presenta il caso di un anziano cliente, Leo Poplar, il quale viene messo sotto tutela. Mike decide di diventarne il tutor per incassare la rendita mensile di 1500 dollari. Però, invece di rispettarne la volontà di rientrare nella propria abitazione, lo fa andare in una casa di riposo attribuendo la decisione al giudice. Leo ha una figlia che non si occupa di lui ma anche un nipote, Kyle, che compare davanti a casa sua in fuga dalla madre che disprezza. Mike lo ospita temporaneamente e quando scopre che è una giovane promessa della lotta, lo fa entrare nella sua squadra e se ne fa carico insieme alla moglie. La madre del ragazzo però irrompe sulla scena.
Paul Giamatti ha raggiunto ormai da tempo una tale padronanza dei propri mezzi da poter affrontare qualsiasi tipo di trama e di produzione. Questa volta ha scelto un film indipendente rischiando anche di scivolare sulla pericolosa china del filone ragazzo problematico/adulto che lo salva con in più l'additivo dell'ambito dello sport.
Probabilmente lo ha stimolato il confrontarsi con un totale (e vincente) esordiente quale è Alex Shaffer nel ruolo del tormentato e atletico Kyle. I due si confrontano, si comprendono e si scontrano alla pari come raramente succede sullo schermo (o, meglio, come talvolta accade ma con quel tanto di esibizionismo da parte dei neofiti che li rende irrimediabilmente 'falsi'). Lo deve avere anche interessato lavorare con il regista di un film attento all'incontro tra diversi come è stato il Tom McCarthy di L'ospite inatteso. Un tema che qui viene ripreso dando spazio allo sport nella fase centrale ma avendo come fil rouge il potere devastante del denaro. Perché Mike mette a rischio la propria professione per quei 1500 dollari che finiranno con il divenire oggetto del desiderio anche della madre di Kyle. L'intricato nodo di ciò che si presenta come generosità (l'accogliere il ragazzo come un figlio) ma che ha al proprio interno il motore di un interesse personale (la rendita, l'emergere della squadra grazie al campioncino) finisce con lo sciogliersi ma implica un alto prezzo da pagare. È un cinema 'morale', quello di McCarthy, che ha bisogno di attori che siano capaci di rendere eccezionale (e quindi in grado di raggiungere un pubblico adeguatamente ampio) la quotidianità e anche l'ambiguità dei rapporti umani. Giamatti e Shaffer sanno come farlo.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Di lontana origine italiana, Giamatti è uno dei migliori caratteristi del cinema USA in servizio attivo. L'ex attore McCarthy l'ha scelto come protagonista. È Mike Flaherty, indolente e mediocre avvocato di provincia (New Jersey) che nel tempo libero allena la squadra di lotta libera di un liceo finché scopre che Kyle - ragazzo introverso e problematico -, nipote di un suo vecchio cliente rimbambito (con cui si è comportato disonestamente), è un atleta di talento. Flaherty riesce con pazienza a dargli fiducia nonostante l'improvvisa comparsa di Cindy, madre del ragazzo, uscita da una clinica per tossicodipendenti. Pur essendo soltanto in parte all'altezza delle sue ambizioni, ne esce un interessante dramma esistenziale sulla "middle class" USA.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
MOSSE VINCENTI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€4,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 17 dicembre 2011
jaylee

Film selezionato al Sundance Festival, Mosse Vincenti è un buon rappresentante del cinema indipendente USA. Il regista (anche attore e sceneggiatore di Up, vincitore di un Oscar) Tom McCarthy è alla terza opera, ed era atteso al varco dopo l’ottimo L’Ospite Inatteso. Mosse Vincenti racconta la storia di Mike Flaherty, avvocato di provincia nel New Jersey, brav’uomo che fa fatica ad arrivare alla [...] Vai alla recensione »

venerdì 4 novembre 2011
astromelia

ottima prova di giamatti,dialoghi un pò elaborati e lenti,permeati di drammaticità utile al contesto,adatto anche ad un pubblico adolescente.

domenica 24 giugno 2012
Liuk

Paul Giamatti non riesce ancora a fare cinema da solo, non è a quel livello ma è possibile che lo raggiunga un pò come ha fatto il grande Clint a fine carriera. Per ora limitiamoci a dire che questa pellicola vorrebbe inserirsi tra il cinema d'autore, il moralismo, il film di denuncia, il film verità. In realtà trattasi di filmetto inutile se pur ottimamente recitato [...] Vai alla recensione »

venerdì 30 dicembre 2011
osteriacinematografo

“Win Win” e’ una commedia che non è una commedia, e non è ascrivibile ad alcun genere in particolare. E’ uno spaccato di vita americana eccezionale nella sua normalità, una piccola opera che odora di vero. Poniamo le vicende della vita, così come le conosciamo, nella loro quotidianità. Bene, questo film si inserisce fra le suddette vicende, ne segue un frammento, un “da-a”, e lo fa senza esagerare [...] Vai alla recensione »

venerdì 27 dicembre 2013
stefano bruzzone

il titolo e la locandina non rendono onore a questo film delizioso con il sempre bravo e convincente giamatti nei panni di un avvocato squattrinato con la passione per la lotta. il bisogno di denaro lo porterà a compiere azioni non proprio legali coinvolgendo un ragazzo difficile ma campione nello sport della lotta. nascerà un rapporto tra i due lungo e complicato ma molto vero e ben [...] Vai alla recensione »

sabato 26 ottobre 2013
iankenobi

Terzo film per l'attore regista Tom Mcarthy,di cui avevo apprezzato the station agent. Come ci si sente ad esserei i migliori?Iin questo caso nel wrestling,domanda mike a kyle,credo che ci senta in controllo,risponde il ragazzo. Beh mike,un paul giamatti come al solito fedele alla sua maschera di uomo normale non e' in  controllo quasi di niente ma e' un uomo buono.

venerdì 16 dicembre 2011
brian77

Altro che vincenti. Mosse perdenti. Una noia mortale.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Maurizio Acerbi
Il Giornale

L’avvocato Mike Flaherty, a tempo perso coach di lotta, ha i conti in rosso. Si fa nominare, così, tutore di un suo anziano cliente per incassare l’obolo di l500 dollari; non ha fatto i conti, però, con la figlia dell’anziano e, soprattutto, con suo nipote, Kyle, che si rivela essere un grande lottatore. Giamatti ha raggiunto una notevole dimensione di bravura, qui confermata da una prova superlativa. [...] Vai alla recensione »

David Denby
The New Yorker

Ballata blues sulla recessione nel New Jersey. Mike (Paul Giamatti), avvocato di provincia e allenatore della squadra di lotta del college locale, incontra Alex (Alex Shaffer), un ragazzo emotivamente chiuso in fuga da una madre tossicodipendente, che si rivela un ottimo lottatore. Come già in L’ospite inatteso, McCarthy è bravissimo nel catturare il ritmo irregolare di un incontro tra due persone [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Sarà uno dei pochi effetti virtuosi della crisi, ma le commedie americane stanno migliorando. Non più solo storie sentimentali di giovani e belli, ricchi e vincenti: i protagonisti diventano più scalcagnati, però anche più umani e simpatici. Come il Mike Flaherty interpretato da Paul Giamatti: avvocaticchio di provincia che, per sostenere i consumi famigliari, compie un brutto gesto.

RECENSIONI MYMOVIES
PUBBLICO
RASSEGNA STAMPA
SHOWTIME
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati