Stella

Film 2008 | Drammatico 102 min.

Regia di Sylvie Verheyde. Un film Da vedere 2008 con Leora Barbara, Karole Rocher, Benjamin Biolay, Guillaume Depardieu, Thierry Neuvic. Cast completo Genere Drammatico - Francia, 2008, durata 102 minuti. Uscita cinema venerdì 5 dicembre 2008 distribuito da Sacher. - MYmonetro 3,06 su 27 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Stella tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un anno nella vita di una ragazzina di prima media anni nella Parigi del 1977. La casa e la scuola. Le canzoni dell'epoca e i libri che Stella scopre a casa della sua sola vera amica, figlia di esuli argentini. In Italia al Box Office Stella ha incassato 424 mila euro .

Stella è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING Compralo subito

Consigliato sì!
3,06/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,00
PUBBLICO 3,17
CONSIGLIATO SÌ
La fatica e la bellezza del crescere, dal punto di vista di una giovane alunna fuori posto.
Recensione di Marianna Cappi
Recensione di Marianna Cappi

Francia, 1977. Stella, una ragazzina dei quartieri operai, viene ammessa a frequentare il primo anno di una prestigiosa scuola media, dove si trova come un pesce fuor d'acqua finché non conosce Gladys, la prima della classe, amica per errore e per fortuna.
Prima che Gladys le offra le parole che le mancano, Stella è cresciuta con i testi del juke-box, per casa un rumoroso bar di periferia e per famiglia una schiera di disadattati e alcolisti; presenze fisse (habitués) ma non propriamente mature, tra le quali spicca l'angelo buono (a nulla) di Guillaume Depardieu.
Stella, della regista Sylvie Verheyde, è dunque il racconto di ciò che avviene quando una ragazzina spensierata e trascurata comincia a prendere coscienza che il suo mondo non è l'unico possibile, non è il migliore, forse non è nemmeno più quello che la fa felice. Nessuno, fino ad ora, le aveva mai insegnato l'ortografia, nessuno le aveva mai detto che esiste una scrittura "retta" dell'esistenza e che lei, se non si trova agli antipodi, di sicuro parte quanto meno "svantaggiata". A noi spettatori, però, lo anticipa la macchina da presa, superandola regolarmente nella sua corsa verso casa, come a sottolineare il gap, la strada che le resta da fare.
Leggermente doloroso, come un cordone ombelicale che si spezza, divertente, come una lingua straniera messa in bocca ad una principiante volonterosa ma impreparata, il film in gran parte autobiografico della Verheyde, affidato all'aria fragile e misteriosa di Léora Barbara, è un racconto di formazione che non aggiunge forse nulla di nuovo alla già nutrita schiere di "Zazie" dello schermo (non ultima Little Miss Sunshine) ma riesce a raccontare un'epoca e un'età fondendole magicamente tra loro, senza mai indugiare nella nostalgia. Perché, in fondo, questo piccolo film di grandi attori (la madre e il padre della protagonista, in primis), più ancora che il tenero ed amaro diario di un'adolescente che ha saltato l'infanzia, è il racconto di un'opportunità. I francesi dicono "chance", che suona un po' "fortuna" e un po' "caso", ma è comunque un'opportunità. Dunque bando alle nostalgie (tanto italiane) e largo ai film come questo, che, come i bei romanzi, si vorrebbero veder proseguire.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
STELLA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
iTunes
-
-
-
-
Google Play
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 7 ottobre 2015
stefano capasso

Alla fine degli anni 70, Stella, una ragazzina di 11 anni, viene ammessa in una scuola di famiglie ricche di Parigi. Lei vive una vita diversa dalle coetanee, nel bar dei genitori che passano il tempo a bere e giocare dando poca attenzione ai bisogni di Stella che sta affrontando un momento delicato della sua crescita. Stella sa che dovrà farcela da sola e dopo un primo periodo conflittuale [...] Vai alla recensione »

lunedì 31 agosto 2009
Alessandra62

Una ragazzina di undici anni che proviene dalle banlieue parigine, decide di frequentare una scuola media prestigiosa della città per darsi un'opportunità: vuole sfidare se stessa e aggrapparsi con forza alla possibilità di migliorare la sua vita. Altalenando tra scuola e famiglia, Stella lentamente si distacca dal piccolo mondo abitato dai suoi particolari genitori, proprietari di un bar, sempre pieno [...] Vai alla recensione »

sabato 18 aprile 2009
giusepped88

I problemi di una giovane ragazza visti dal suo punto di vista. Fa riflettere

lunedì 8 marzo 2010
angelo umana

Una bambina di undici anni cresce “sola”, i genitori quasi assenti o in tutt’ altre faccende affaccendati, la guardano e la carezzano pure ma non sono lì con lei, o dentro di lei. Nel bar-sala da gioco-locanda della banlieu parigina dove vive con i suoi genitori, coi loro amici e amanti, ospiti e abituali frequentatori, Stella apprende molto di cocktails, sesso, parolacce [...] Vai alla recensione »

giovedì 9 luglio 2009
melania

Ho visto il film Stella ,gradevole,fresco,non annoia.offre molti spunti per la riflessione:famiglie disadattate,rapporti difficili tra genitori e figli,difficoltà nella crescita quando si è lasciati fondamentalmente soli a se stessi.....e poi il miracolo che scaturisce da un rapporto d'amicizia tra adolescenti e che per certi versi ti cambia un po' la vita.

lunedì 28 dicembre 2009
Francesco2

Erano i versi di una canzonetta, in realtà non molto mgliore di questo film così discontinuo che mi era dispiaciuto così tanto non avere visto al cinema.La morale(?) si riduce all'amore per i lbri e all'opportunità della cultura, i personaggi paiono tagliati con l'accetta, salvo-Credo-solo la protagonista e la madre e non parliamo di cme vengono affrontati(??)temi come la pedofilia, con la scena dello [...] Vai alla recensione »

sabato 25 aprile 2009
holaaa

è orrendo,noiosissimo e senza significato......che bisogno c'era di farlo? è un film scontatissimo....

Frasi
"Mi accorgo sempre di più di una cosa. Non so le cose che servono. Però so tutto sul campionato di calcio, sul..."
Una frase di Stella (Leora Barbara)
dal film Stella - a cura di Claudia
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Cristina Piccino
Il Manifesto

Stella ha undici anni, la pelliccetta finta sul collo della giacca, è cresciuta nel bar di mamma e papà, in mezzo agli adulti loro amici, musica e alcol «a rischio di cirrosi» fino a notte fonda, quando si tira giù la saracinesca e si balla. La madre adora i colori vistosi, è lei a fare tutto mentre il padre, «un po' bugiardo, un po' seduttore» (è pur sempre Benjamin Biolay, la star della canzone francese) [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Scritto e diretto da Sylvie Verheyde, forse autobiografico, Stella è uno di quei film preziosi che a raccontarli pare di tradirne la verità. Ne è protagonista (e «io» narrante) una ragazzina undicenne della banlieue parigina, capitata in una scuola borghese dove si sente l'esclusa. Cresciuta in un ambiente di alcolisti, frequentatori del bar dei suoi genitori, Stella conosce il biliardo e le trappole [...] Vai alla recensione »

Francesco Alò
Il Messaggero

Stella è una ragazzina di umili origini precipitata in una prima media parigina sofisticata del 1977. I suoi gestiscono un caffè frequentato da simpatici e chiassosi avventori. Il loro rapporto in crisi li allontana gradualmente dalla figlia. Sarà l'amicizia con la compagna di classe Gladys, figlia di colti ebrei argentini scappati dal regime militare, a far conoscere a Stella il piacere della lettura [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
Liberazione

Parigi, 1977. La classe operaia che ciondola nell'inferno di un Caffè caotico, preso da feste scatenate quanto disperate, partite del Saint Etienne di un giovanissimo Platini, sentimenti spesso brutti, sporchi e cattivi. L'alta borghesia in una scuola d'elite fa tutto questo con maggiore eleganza e forse perfidia. In mezzo a questo panorama avvilente crescono Stella e Gladys.

Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Sapessi com'è strano essere l'unica ragazzina povera (e un po' sbandata) in una scuola dei quartieri-bene di Parigi, a metà degli anni 70. Stella non è solo il titolo del delicato film di Sylvie Verheyde: è il nome della piccola protagonista, cresciuta in un bar gestito da mamma e papà (non proprio genitori-modello) e assai poco propensa a dedicarsi agli studi.

Alberto Castellano
Il Mattino

Con «Stella», il suo terzo lungometraggio, la regista francese Sylvie Verheyde, ispirandosi alla propria infanzia, vuole ricordarci che oltre all'ovattato mondo borghese del «Tempo delle mele» di Sophie Marceau, negli anni Settanta esistevano i proletari e i sottoproletari delle banlieue parigine, dove il delicato passaggio dall'infanzia all'adolescenza poteva diventare la spia di un malessere non [...] Vai alla recensione »

Maurizio Cabona
Il Giornale

I bar erano sempre fumosi. D'inverno, i loro vetri s'appannavano. Ciò li rendeva come antri. Ma qui persone diversamente colte e diversamente orientate – la politica contava ancora più che l'economia – riuscivano a eludere la solitudine. Avevano un bar, trent'anni fa, i genitori di Sylvie Verheyde, regista dell'autobiografico Stella, che racconta lo scontro col mondo borghese per lei, ormai adolescente, [...] Vai alla recensione »

Jean-Luc Douin
Le Monde

"Stella" : une adolescente perdue au lycée et incollable au bistrot Stella entre en 6ème, dans un lycée où elle ne connaît personne. Les filles qui l'entourent sont du "genre protégé", elles se couchent à huit heures et demie sans regarder la télé. Stella vit dans un café parisien du 13e arrondissement, dans les années 1970, qui fait aussi hôtel.

NEWS
NEWS
mercoledì 21 ottobre 2009
Marianna Cappi

50 Giorni di cinema internazionale a Firenze. La città divisa dei Guelfi e dei Ghibellini consocia insieme i suoi piccoli grandi festival, nell'unico spazio del cinema Odeon, in piazza Strozzi, nel cuore del centro.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati