The Company

Film 2003 | Drammatico +13 112 min.

Anno2003
GenereDrammatico
ProduzioneUSA
Durata112 minuti
Regia diRobert Altman
AttoriNeve Campbell, Malcolm McDowell, James Franco, Barbara E. Robertson, William Dick Susie Cusack.
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,33 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Robert Altman. Un film con Neve Campbell, Malcolm McDowell, James Franco, Barbara E. Robertson, William Dick. Cast completo Genere Drammatico - USA, 2003, durata 112 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,33 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi The Company tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

I Protagonisti di Altman, questa volta, sono votati a Tersicore:sono i ballerini della prestigiosa Joffrey Ballett Company di Chicago guidati dal drugo Malcom MacDowell, improbabile direttore artistico preposto al culto secolare della danza. In Italia al Box Office The Company ha incassato 1,2 milioni di euro .

The Company è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it e su LaFeltrinelli.it. Compra subito

Powered by  
Consigliato nì!
2,33/5
MYMOVIES 2,00
CRITICA
PUBBLICO 2,67
CONSIGLIATO NÌ
L'insostenibile leggerezza di Altman.
Recensione di Marzia Gandolfi
Recensione di Marzia Gandolfi

La storia è semplice, quasi banale, e allora non la si racconta piuttosto la si danza come ha fatto il regista limitandosi e limitandola a brevi sequenze di raccordo, tra una coreografia e un'altra, decisamente anonime. Alberto Antonelli, un impacciato ed esageratamente virtuoso (della recitazione) Malcom MacDowell, dirige tra mille difficoltà, non ultime quelle economiche, il Joffrey Ballett di cui Ry, Neve Campbell, ne è la stella più promettente. Nonostante le aspettative dello spettatore si stringano presto intorno alla giovane protagonista, Altman ancora una volta confeziona un film corale, dove gli egoismi e gli eccessi di individualismo vengono piegati fin dal titolo a favore del gruppo. Solo che questa volta a supportare le immagini che mutuano la storia non c'è più la partitura di parole carveriana (America Oggi) ma quella di gesti e di passi duncaniana. Isadora Duncan, madre della danza moderna americana, ballerina che scriveva e scrittrice che danzava, come si preferisce. La convinzione profonda della Duncan che l'estetica del balletto accademico si fondasse sulla negazione di ogni spontaneità, la portò a teorizzare nella prima metà del XX secolo, pur nella piena ammirazione dei maggiori esponenti della tradizione classica russa, una nuova forma di danza basata sulla rivalutazione dell'improvvisazione, priva di schemi, scene e costumi. La compagnia del Joffrey Ballett è allora erede legittima di quella "madre", erede di quella "origine moderna" non limitando mai il proprio repertorio al solo momento classico, al solo virtuosismo della danza accademica ma allargando,al contrario, le sue evoluzioni a un'estetica meno unitaria, a una coreografia più radicale e ansiosa nel ripensare l'arte della danza. E Altman, neofita nel coro (e si vede tanto, troppo), si limita a coglierne i diversi registri:la ballettistica accademica, la "danse d'école", con i suoi severi canoni di bellezza, grazia, armonia e l'altrettanto rigorosa e regale verticalità del corpo, da una parte;la gravità, la dissonanza e l'accentuata orizzontalità del corpo, dall'altra. Ci sono storie più difficili da raccontare, senza dubbio, forse perché già interamente iscritte nei corpi di chi le agisce a tal punto che il cinema si limita a doppiare senza aggiungere. E la danza doppiata di Altman interessa ed emoziona poco coi suoi luoghi comuni e i suoi stereotipi imbarazzanti, col suo poco sudore e il suo poco dolore, con la sua ingenuità e la sua benevolenza, con la sua pateticità e i suoi buonismi. La danza è dura e crudele quanto un racconto di Carver e in questo senso pertanto in assoluta armonia con la poetica di Altman. Appuntamento mancato? Forse. Ma perdonato per quella ballerina appesa a una corda appesa in cielo dentro le pieghe vorticanti e cangianti degli ampi drappeggi che la avvolgono, rediviva Loïe Füller -precorritrice della Duncan - sottratta da un fuori campo graffiato da una scarpetta.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Alla vigilia dell'80° compleanno, Altman dedica il suo 40° film alla danza, ai ballerini che "giorno dopo giorno, e in maniera estrema, devono fare i conti con ciò che noi tutti conosciamo: l'orologio biologico e la forza di gravità che dice no" (R. Altman). Il suo è un documentario leggermente camuffato da fiction con una decina di attori e ballerini del Joffrey Ballet di Chicago. Tra loro protagonista è l'ottima N. Campbell. Scritto da Barbara Turner, fotografato da Andrew Dunn con telecamere digitali ad alta definizione, propone a frammenti 17 balletti, dal geometrico "Tensile Involvement" all'esagerato "The Blue Snake" che, nel suo delirante barocchismo postmoderno, è il clou finale dello spettacolo. Altman c'introduce in un microcosmo governato da regole intransigenti: fatica, dolore, incidenti sul lavoro; paghe basse e vivere alla giornata; individualismo subordinato al gioco di squadra; la flautata crudeltà dispotica di Mr. Antonelli (McDowell), padre-padrone della "company"; la spietata legge dello spettacolo che deve continuare. E le complicate contraddizioni della vita comuni agli altri mortali. Dice Mr. A.: "Non lasciamo nulla dietro di noi, soltanto una luce".

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
THE COMPANY
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
iTunes
-
-
-
-
-
-
Infinity

Anche su supporto fisico

DVD

BLU-RAY
€9,99
€Scopri
Powered by  
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 6 maggio 2011
Vincenzo Carboni

 Etereo, inafferrabile, dell’inconsistenza dell’aria… Eppure questo film lascia esaltato lo spettatore proprio nella mancata promessa di un trauma (o trama) intorno al quale si sviluppa il significato di una vita, il principio primo che istituisce la vita come narrazione, con al centro un evento e poi –prima e dopo- lo sviluppo di questo.

lunedì 22 novembre 2010
mirror

Non è un film per palati hollywoodiani questa magnifica opera di Altman. Ma chi sa leggere tra le righe, lasciarsi emozionare, chi vede il cinema come poesia e non come una calcolata letteratura studiata per acchiappare pesci, allora qui troverà pane per i suoi denti. Forse è il miglior film di Altman, che ha certo iniziato tardi a fare cinema ma che ha recuperato alla grande. Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

Corpi di uomini e di donne attraversano l’inquadratura leggeri, immateriali: figure astratte e assolute, forme in metamorfosi, così come i lunghi nastri che corrono tra di loro, unendoli. Sullo schermo tutto è colore e movimento, tutto è luce. Non c’è altro, nella prima sequenza di The Company (Usa, 2003, 112’). E forse niente altro “vale”, nello splendide film del grande Robert Altman.

Alessandra De Luca
Ciak

Vita, sogni, fatiche e delusioni di un gruppo di ballerini della prestigiosa compagnia Jeoffrey Ballet di Chicago. Spinto da Neve Campbell, ex ballerina, co-produttrice e interprete della pellicola nei panni della giovane Ry che si prepara a diventare una “prima donna”, uno dei più sarcastici cantori del malessere americano abbandona le storie alle quali ci ha abituato per catturare le espressioni [...] Vai alla recensione »

Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Altman danza. Lieve come una prima ballerina, la sua machina da presa si muove sul palcoscenico e dietro le quinte, raccontando la gestazione di una complessa coreografia. The Company è l’omaggio dell’anziano-giovanissimo regista al celebre Jeoffrey Ballet di Chicago: cronaca “fenomenologica” del lavoro dietro le quinte, delle difficoltà, delle ansie, delle incomprensioni, dei progetti.

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Robert Alman, con il suo cinema, ha mostrato spesso di prediligere le vicende corali. Specie se a livello di ambienti precisi. La musica pop nel suo grandissimo Nashiville il mondo di Hollywood nei Protagonisti, la moda a Parigi nel più modesto Prêt-à-porter, la borghesia americana, quella alta in Un matrimonio, quella piccola e media in «America oggi» senza dimenticare i militari, sia, alle origini, [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

The Company di Robert Altman non somiglia ad altri film di danza e di grande successo: non al classico melodramma Scarpette rosse (1948) di Michael Powell ed Emeric Pressburger, nè allo psicodramma A Chorus Line (1985) di Richard Attenborough tratto dal musical di Dante-Kirkwood, nè a Saranno famosi (1980) di Alan Parker che dette origine alla fortunata serie televisiva su sogni, lotte, fallimenti [...] Vai alla recensione »

Emanuela Martini
Film TV

Una stagione nella vita di una delle compagnie di danza più famose del mondo, il Joffrey Ballet di Chicago, che mescola tradizione e classicismo e sfida sulle punte gli incubi della modernità (c’è persino una coreografia su musiche di Angelo Badatamenti e David Lynch). Una giovane attrice, Neve Campbell, che prima di passare al cinema ha studiato danza classica ed è stata ballerina e che da tempo voleva [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati