Dal tramonto all'alba

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Dal tramonto all'alba   Dvd Dal tramonto all'alba   Blu-Ray Dal tramonto all'alba  
   
   
   
julien sorel domenica 2 maggio 2010
vero cult-movie Valutazione 4 stelle su cinque
81%
No
19%


Mi risulta davvero difficile comprendere parte delle critiche mosse nei confronti di questa pellicola. Una su tutte : "La violenza è solo fine a se stessa". Non vorrei deludere alcuni spettatori, ma gli intenti di Rodriguez o Tarantino non sono di certo quelli di dimostrare  l'interpretazione filosofica o concettuale della violenza umana con presupposti razionali o realistici. L'errore primordiale è questo : prendere troppo sul serio il film. Questa è una di quelle storie che non ha nessuna finalità metafisica o forzatamente simbolica. La violenza stessa appare subito "fittizia", come se volesse  prendere in giro se stessa, e anche la storia in generale, è un trionfo di assurdità e sconclusionaggine. [+]

[+] lascia un commento a julien sorel »
d'accordo?
bullythekid sabato 5 gennaio 2002
ironico, trasgressivo, sanguinoso Valutazione 4 stelle su cinque
63%
No
38%

Potrà non essere il più grande horror della storia e le orribili mutazioni dei vampiri potrebbero far rimipiangere le "ombre" di Christopher Lee o Bela Lugosi. Ma è tutto sommato un film divertente e trasgressivo con un approccio a tratti politicamente scorretto (la celebrazione in chiave trash del sentimento della famiglia o la fede cristiana) e a tratti morboso se non feticistico (danze in perizoma e insistiti primi piani dei piedi, marchio di fabbrica di Tarantino). Se non si prefigge il compito di essere un vero e proprio film d'autore, ha il merito di non prendersi sul serio e mostrare nella loro totalità le mutazioni e gli smembramenti dei vampiri, l'unica cosa che in fondo gli si chiedeva.

[+] lascia un commento a bullythekid »
d'accordo?
scarlett martedì 25 febbraio 2014
un cult allucinante e mozzafiato Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

 Nel ’96 usciva nelle sale “Dal tramonto all’alba”, terza pellicola dell’ormai celebre regista Robert Rodriguez che con un cast impressionante ci regala un qualcosa mozzafiato e allucinante, in quanto tale film che parte da principio come un thriller in stile western si trasforma, all’improvviso, in un horror mostruoso.
Si raccontano le vicende di due fratelli (George Clooney e Quentin Tarantino) che, evasi di prigione e con un’ingente refurtiva, devono attraversare il confine e giungere in Messico per poter stare al sicuro. Ma per sfuggire ai posti di blocco, i due ricercati sequestrano la famiglia di un pastore (Harvey Keiteil) la cui fede spirituale è crisi dalla morte della moglie. [+]

[+] lascia un commento a scarlett »
d'accordo?
alex41 sabato 9 febbraio 2013
da tarantino a rodriguez Valutazione 4 stelle su cinque
67%
No
33%

"Dal Tramonto All'Alba" è frutto di una collaborazione tra il genio moderno dei pulp movie Quentin Tarantino e del folle messicano Robert Rodriguez. Con una sceneggiatura scritta dallo stesso Quentin fin da prima de "Le Iene", il film inizia con una spettacolare e divertente rapina in banca dove conosciamo i due protagonisti del film, i fratelli Gecko, interpretati da un insolito ma pazzesco George Clooney (mi chiedo perché non sia andato avanti con questo genere), e da uno psicopatico e eccezionale Quentin Tarantino, in un ruolo fatto su misura per lui. Da qui in poi il film prende continuamente strade diverse: diventa un road movie, fino a sfociare nell'horror e nel trash più tamarro e folle, tra spargimenti di sangue stile Takeshi Miike e momenti epici. [+]

[+] lascia un commento a alex41 »
d'accordo?
ultimoboyscout martedì 6 marzo 2012
notte folle al titty twister. Valutazione 2 stelle su cinque
67%
No
33%

E' il film di Rodriguez che meno preferisco tra i suoi. E' un misto di noir, horror e splatter fin troppo eccessivo con punte di parodia: cinema di serie C, con un adeguato (per l'occasione) cast di contorno e un'esplosione di stupidità varie e sangue che scorre a fiumi. Ma si sa, questo è Robert Rodriguez, prendere o lasciare. Il problema semmai, è che stavolta, il regista esagera fino al prendersi davvero troppo sul serio. Va detto che a Tarantino la parte del pazzo strupratore calza a pennello e che non lo si è mai visto recitare in maniera così credibile, che Savini, Trejo e Marin (che interpreta tre personaggi) sono attori-feticci del regista e dagli stessi riesce a spremere sempre il meglio e che Rodriguez, oltre che della regia si è occupato del montaggio e si è dilettato con la macchina da presa. [+]

[+] lascia un commento a ultimoboyscout »
d'accordo?
julian90 giovedì 31 dicembre 2009
film fine a sè tarantino Valutazione 3 stelle su cinque
63%
No
38%

Geniale parto della collaborazione Tarantino/Rodriguez (e in realtà sappiamo che chi muove i fili è Quentin), fracassone, autocelebrativo, incoerente, insensato, tarantiniano nel senso puro del termine (nella prima metà perchè se ne senta la puzza fin nella punteggiatura dei discorsi, nella seconda perchè è il classico delirio citazionista del regista americano). Smontato e distrutto dalla critica, che storce il naso al solo sentir nominare il titolo, adducendo addirittura come scusa l'incompetenza degli attori. La verità è un'altra: Tarantino se ne strafrega di quattro intellettuali che lo giudicano, fa il cinema che piace a lui, come piace a lui, probabilmente come se lo immaginava fin da piccolo. [+]

[+] lascia un commento a julian90 »
d'accordo?
rambo giovedì 31 maggio 2001
il trionfo del trash Valutazione 2 stelle su cinque
51%
No
49%

Due fratelli (Clooney e il matto Tarantino) evadono dal carcere e fuggono prendendo in ostaggio il camper di Keitel (e relativa famiglia). Giunti in Messico sani e salvi vanno però a rifugiarsi in un bar che si rivelerà essere un covo di vampiri !
Non plus ultra del Pulp e della contaminazione dei generi (si va dal gangster al grottesco fino allo splatter), un fumettaccio nero che ricorda le produzioni di serie C degli anni ’70 e che non si risparmia né umorismo di cattivo gusto, né succo di pomodoro e protesi in lattice nel finale horror. Per chi sta al gioco il divertimento non dovrebbe mancare.

[+] lascia un commento a rambo »
d'accordo?
tony montana mercoledì 8 dicembre 2010
un ottimo horror on the road Valutazione 4 stelle su cinque
46%
No
54%

Dopo una sanguinosa rapina, Seth e Richard Gecko, due dei più pericolosi killer degli USA, fuggono verso la frontiera messicana, braccati dall’FBI. Durante il viaggio, prendono in ostaggio un ex prete che ha perso la fede, con i suoi due figli e giungono alla frontiera dove il misterioso Carlos, offre loro protezione in un bordello per camionisti chiamato Titti Twister, locale aperto dal tramonto all’alba. Ma il locale è il covo di un esercito di vampiri assetati di sangue. I quattro improbabili eroi, sono costretti a lottare per la loro vita contro un male di cui non sospettavano nemmeno l’esistenza…
Nove anni prima di Sin City, e undici prima di Grindhouse, Robert Rodriguez e Quentin Tarantino, i due cineasti più geniali e folli della storia del cinema, collaborarono nel lontano 1996, e il frutto di quella collaborazione fu Dal tramonto all’alba. [+]

[+] semplicemente spazzatura usa (di gionni47)
[+] lascia un commento a tony montana »
d'accordo?
karletto giovedì 5 febbraio 2009
capolavoro assoluto Valutazione 5 stelle su cinque
43%
No
57%

Uno splendido film d'azione che parte come un road movie e si tradforma istantaneamnete in un horror dai toni ironici. Fa parte di quei film che si vorrebbero sempre vedere, lo stile ricorda molto quello di Tarantino dove i contenuti tecnici sono di altissimo livello. per quanto riguarda un altro genere di contenuti, purtroppo con i film americani bisogna sempre sforzarsi di trovarne, in questo caso, come nei film di Tarantino, la violenza non ha veramente un sapore violento, è come una caricatura della violenza stessa, quasi a volerla esorcizzare. In effetti in questo genere di film non rimane addosso quella carica negativa che il ricorso alla violenza normalmente incute, tutt'altro, sembra quasi che sia stato solo un gioco e niente più. [+]

[+] lascia un commento a karletto »
d'accordo?
ale lunedì 26 maggio 2008
horror, thriller o qualcos'altro? Valutazione 5 stelle su cinque
42%
No
58%

Ennesimo capolavoro della geniale coppia Tarantino-Rodriguez, "Dal tramonto all'alba" mette in un'imbarazzante difficoltà tutti i critici e la loro azione di etichettatura del film. Thriller? Horror? Non è semplice identificare in un genere unico questo film. Due fratelli Seth (Quentin Tarantino) e Richard (Geroge Clooney) Gecko, dopo una rapina tentano di varcare il confine prendendo come ostaggio l'ennesimo reverendo che ha perduto la fede dopo la morte della moglie in vacanza con i due figli (Juliette Lewis e Ernest Liu). Fin qui il sovrannaturale non entra in gioco se non quando durante la sosta al famigerato Titty Twister, locale a metà tra il bordello e il night club, i protagonisti si ritrovano inspiegabilmente dentro un vortice di vampiri demoniaci. [+]

[+] lascia un commento a ale »
d'accordo?
pagina: 1 2 »
Dal tramonto all'alba | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1° | julien sorel
  2° | bullythekid
  3° | rambo
  4° | julian90
  5° | scarlett
  6° | alex41
  7° | ultimoboyscout
  8° | tony montana
  9° | karletto
10° | "nato per recensire"
11° | ale
12° | angelo48
13° | cianoz
14° | paolo ciarpaglini
15° | giulia
Rassegna stampa
Lietta Tornabuoni
Rassegna stampa
Paolo Boschi
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 |
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità