Il lungo addio

Film 1973 | Drammatico V.M. 14 112 min.

Titolo originaleThe Long Goodbye
Anno1973
GenereDrammatico
ProduzioneUSA
Durata112 minuti
Regia diRobert Altman
AttoriSterling Hayden, Elliott Gould, Nina Van Pallandt, Mark Rydell, David Carradine Rutanya Alda, Warren Berlinger, Henry Gibson, Jack Riley, Stephen Coit, Danny Goldman, Ken Sansom, Jack Knight, David Harkin, Jim Bouton, Jo Ann Brody, Pepe Callahan, Vince Palmieri, Arnold Strong, Tammy Shaw, Sybil Scotford, Tracy Harris, Jerry Jones, Rodney Moss.
TagDa vedere 1973
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14
MYmonetro 3,73 su 5 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Robert Altman. Un film Da vedere 1973 con Sterling Hayden, Elliott Gould, Nina Van Pallandt, Mark Rydell, David Carradine. Cast completo Titolo originale: The Long Goodbye. Genere Drammatico - USA, 1973, durata 112 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14 - MYmonetro 3,73 su 5 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il lungo addio tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Il detective Marlowe cerca di risolvere il caso di un suo amico accusato di uxoricidio. Scopre che questi ha davvero ucciso la moglie e riesce a smascherarlo.

Il lungo addio è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it e su LaFeltrinelli.it. Compra subito

Powered by  
Consigliato assolutamente sì!
3,73/5
MYMOVIES 3,67
CRITICA
PUBBLICO 3,78
CONSIGLIATO SÌ
Una lettura contemporanea del detective il cui comportamento è un misto di ironia spavalda e di profonda e malinconica solitudine esistenziale.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Il detective Philip Marlowe accetta di portare un amico, Terry, al confine con il Messico dopo che questi gli ha chiesto aiuto per sfuggire alle ire della moglie e di non meglio specificati inseguitori. Non trascorrono molte ore e Marlowe viene fermato dalla polizia che lo accusa di aver favorito la fuga di un omicida: la moglie di Terry è stata uccisa. Ma la detenzione dura poco perché dal Messico giunge la notizia che Terry si è suicidato. Ora il detective inizia ad occuparsi di un nuovo caso: la scomparsa di uno scrittore alcolizzato. Ma Terry non è del tutto uscito dalla sua vita.
Raymond Chandler creò il personaggio del detective Philip Marlowe nel romanzo "Il grande sonno" nel 1939 e nel 1946 Humphrey Bogart ne indossò i panni sul grande schermo. Da allora numerosi attori si sono confrontati con questo ruolo (da Robert Montgomery a Robert Mitchum) ma l'interpretazione di Elliott Gould sotto la guida di Altman si colloca in uno dei vertici, basandosi sul racconto in cui il personaggio esce definitivamente di scena. Con una macchina da presa costantemente in movimento e lasciando la libertà all'attore di improvvisare alcune scene (vedi quella in cui Philip si impiastriccia il volto con l'inchiostro utilizzato per le impronte digitali) Altman offre una lettura contemporanea del detective il cui comportamento è un misto di ironia spavalda e di profonda e malinconica solitudine esistenziale. Sul piano stilistico poi sono innumerevoli le invenzioni: dalla moltiplicazione di superfici, che riflettono e quindi mettono in gioco più collocazioni spaziali, agli interventi in post produzione per ammorbidire l'intensità di alcuni colori. In definitiva il film si rivela come una ricerca di senso da parte del protagonista il quale, nonostante la professione e a differenza del suo gatto, non fiuta immediatamente l'inganno ma è costretto a prenderne dolorosamente atto. Un'annotazione per i cinefili più curiosi: nel film compare, non accreditato, Arnold Schwarzenegger nel ruolo di uno dei guardaspalle del gangster Augustine.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Recensione di Stefano Lo Verme

Il detective privato Philip Marlowe riceve la visita di un vecchio amico, Terry Lennox, che gli chiede di condurlo in Messico; al suo ritorno, l'investigatore viene prelevato dalla polizia e scopre che Lennox è sospettato di aver ucciso la moglie. Nel frattempo, Marlowe viene assunto dalla ricca Eileen Wade per rintracciare suo marito Roger, un noto scrittore vittima di crisi depressive e con problemi di alcool.
Il personaggio di Philip Marlowe, creato dalla penna dello scrittore Raymond Chandler, è stato il protagonista di tanti famosi noir nel corso degli anni '40, inclusa l'indimenticabile interpretazione di Humphrey Bogart nel classico di Howard Hawks Il grande sonno. Nel 1973, il regista Robert Altman ha deciso di far rivivere l'eroe di Chandler, portando sul grande schermo il romanzo Il lungo addio, con Elliott Gould nei panni del celebre detective privato. Il copione del film, firmato da Leigh Brackett (che era già stata una delle sceneggiatrici de Il grande sonno), si distacca notevolmente dalla struttura del libro e ne modifica il finale, oltre ad ambientare l'azione in epoca contemporanea. Accolto senza troppo entusiasmo alla sua uscita nelle sale, con il tempo Il lungo addio è diventato un classico della cinematografia americana degli anni '70, ed è stato consacrato dalla critica come uno dei capolavori della produzione di Altman.
In realtà, in questa pellicola il regista di M*A*S*H non punta a ricreare un tipico hard-boiled nello stile dei vecchi film in bianco e nero; il suo intento, piuttosto, è quello di decostruire dall'interno un genere cinematografico (quale appunto il noir) rivisitandolo in chiave ironica e grottesca, come aveva già fatto due anni prima per il western con I compari. Il Marlowe di Elliott Gould non è più l'eroe impavido interpretato da Bogart, determinato e infallibile nel risolvere i casi più difficili; al contrario, è un detective beffardo e scanzonato, che si alza in piena notte per andare a comprare da mangiare alla sua gatta e scambia battute scherzose con le ragazze che sostano seminude sul terrazzo di fronte a casa sua. La trama, complessa e intricata come vuole la tradizione dei romanzi di Chandler, diventa così un puro pretesto per mettere in scena questo "splendido canto funebre di un personaggio e di un genere" (Paolo Mereghetti), un giallo crepuscolare ambientato nella torrida estate di una Los Angeles decadente e alla deriva.
Altman, dunque, capovolge gli stereotipi di Hollywood regalandoci un noir anomalo popolato da figure losche ed ambigue: Roger Wade (Sterling Hayden), scrittore alcolizzato con il complesso di Hemingway, la sua affascinante moglie Eileen (Nina Van Pallandt) e il truce gangster Marty Augustine (Mark Rydell), per concludere con un finale quanto mai amaro. Decisamente originale anche la tecnica di regia, con una serie di inquadrature effettuate attraverso vetri e finestre, quasi a sottolineare il distacco rispetto agli eventi narrati attraverso la deformazione delle immagini; efficacissima, in tal senso, la fotografia notturna e sbiadita di Vilmos Zsigmond. La canzone del titolo, The long goodbye, è stata composta da John Williams e Johnny Mercer, ed è riproposta in differenti versioni nel corso del film. Una curiosità: in ogni singola scena in cui compare, Marlowe si accende sempre un'immancabile sigaretta.

Sei d'accordo con Stefano Lo Verme?
Recensione di Stefano Lo Verme

Il detective Marlowe cerca di risolvere il caso di un suo amico accusato di uxoricidio. Scopre che questi ha davvero ucciso la moglie e riesce a smascherarlo.

Sei d'accordo con Stefano Lo Verme?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Dal romanzo (1954) di Raymond Chandler: l'investigatore Philip Marlowe è sospettato di complicità nell'omicidio di una donna, uccisa dal marito. Il suicidio di quest'ultimo, che si dichiara unico responsabile del delitto, risolve la situazione, ma Marlowe è poco convinto: c'è puzza di bruciato. Marlowe n. 8 sullo schermo: Gould è assai diverso dal Cary Grant che Chandler vedeva come interprete ideale del suo detective, ma si muove come un pesce nell'acqua di questo film originale dove contano i personaggi più dell'intrigo. Sceneggiato dall'ottima Leigh Brackett (che aveva già collaborato a Il grande sonno di Hawks), il film si distacca risolutamente dal romanzo (soprattutto nella conclusione: "il più ‘morale’ dei colpi di pistola che siano stati sparati al cinema" - R. Escobar), ma è chandleriano nello spirito: quel che lo scrittore diceva in pagine di dolente amarezza, Altman lo esprime nei modi del grottesco e dell'umorismo. Piccoli ruoli per Arnold Schwarzenegger e David Carradine.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
IL LUNGO ADDIO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
iTunes
-
-
-
-
-
-
NOW

Anche su supporto fisico

DVD

BLU-RAY
€10,99
€10,99
Powered by  
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 4 luglio 2016
Stenoir

Los Angeles, nel pieno della notte, Philip Marlowe riceve la visita di un suo grande amico, Terry Lennox; quest’ultimo chiede al detective un passaggio fino a Tijuana, al confine tra Stati Uniti e Messico. Tornato a casa, trova due poliziotti ad attenderlo e viene informato che il suo amico è accusato di aver ucciso la moglie, Sylvia Lennox, ma Marlowe non crede a questa versione dei fatti [...] Vai alla recensione »

martedì 12 aprile 2011
Dandy

Uno dei film migliori di Altman nonchè capolavori assoluti della storia del cinema.Memorabile canto funbre di un personaggio e di un genere(il noir vecchio stile)dove l'omonimo romanzo di Raymond Chandler è aggiornato con intelligenza e sagacia ai tempi di allora.La suspence nel senso tradizionale è assente,ma c'è una sottile inquietudine che diventa tensione col [...] Vai alla recensione »

martedì 15 gennaio 2019
elgatoloco

"TGe Long Goodbye"(1973, Robert Altman, da Raymond Chandler)è notoriamente un grande film: pur spostando l'ambientazione del film agli anni Seventies, ossia alla contemporaneità(allora), mantiene tutta la tematica chanleriana in pieno. L'ambiente è chandleriano, chandleriana è l'atmosfera, la "cupa solitudine esistenziale di Philip Marlowe, investigator [...] Vai alla recensione »

giovedì 17 gennaio 2013
Eugenio

Quando l’unica spiegazione, per quanto  assolutamente incredibile e straordinaria rimane da valutare,allora è l’unica possibile. Los Angeles, anni 40. Marlowe, famoso investigatore privato, antierore per eccellenza, solitario e dal carattere scontroso (interpretato da un convincente e segaligno Elliot Gould), riceve la visita notturna del suo amico Terry che gli chiede un favore,una [...] Vai alla recensione »

domenica 17 gennaio 2016
Filmtalker 98

ci troviamo, in questo Lungo Addio, di fronte a un mondo scuro, a cavallo tra gli anni '40 e '70, popolato di personaggi strani. Philip Marlowe è un "dritto", pesce fuor d'acqua. Vive a los Angeles city, ma vediamo gli spazi di appartamenti, spazi angusti e naturalmente i chandleriani centri benessere, qui in città, là sperduti nel deserto. Le macchiette sono numerose, a iniziare dal "gangster" ebreo [...] Vai alla recensione »

martedì 4 giugno 2013
Francesco2

Sarà un caso (?), ma scene come quella del funerale, o quella concitata in acqua, appaiono veramente metafore di un addio..Forse quello agli anni '60 per un nuovo decennio?

venerdì 29 maggio 2009
resi_mone

devo ammetterlo, non mi piace Altman e questo è un film alla Altman, cioè ironico ma con cautela, sconclusionato, succede tutto o niente, non è mai chiaro..certi tratti fan sorridere (tipo il gangster che fa spogliare tutti in nome della verità, l'inizio col micio,il pedinamento di Marlowe da parte dello scagnozzo del boss) spesso però non si capisce bene dove vuole andare a parare, e certi altri annoiano [...] Vai alla recensione »

Frasi
Si vede che lei non ha un gatto.
E che me ne faccio del gatto? Ho la ragazza.
Dialogo tra Philip Marlowe (Elliott Gould) - L'impiegato (Rodney Moss)
dal film Il lungo addio
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Adelio Ferrero
Cinema Nuovo

L'adozione del "genere" (fortemente connotato, del resto, attraverso il referente e la mediazione Chandler) si risolve, in realtà, in uno svuotamento: in questo, la new Hollywood di A. ribadisce i suoi legami con la old Hollywood di Huston (Key Large, a esempio). Con maggior disincanto, certo. Qui la sconfitta è totale, e la "riparazione" finale accresce soltanto la solitudine e l'amarezza di Marlowe [...] Vai alla recensione »

Terrence Rafferty
The New York Times

RAYMOND CHANDLER, the creator of the tough-but-honorable Los Angeles private detective Philip Marlowe, once wrote in a letter to a friend: “The private eye is admittedly an exaggeration – a fantasy. But at least he's an exaggeration of the possible.” When Robert Altman made a movie of the novel Chandler considered his best, The Long Goodbye, Marlowe, played by Elliott.

MULTIMEDIA
SHOWTIME
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati