Il gusto del sakè

Film 1962 | Commedia, +13 133 min.

Titolo originaleSanma no aji
Anno1962
GenereCommedia,
ProduzioneGiappone
Durata133 minuti
Regia diYasujirô Ozu
AttoriChishû Ryû, Shima Iwashita, Keiji Sada, Mariko Okada, Teruo Yoshida, Noriko Maki Shin'ichirô Mikami.
Uscitalunedì 20 luglio 2015
TagDa vedere 1962
DistribuzioneTucker Film
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 4,13 su 2 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Yasujirô Ozu. Un film Da vedere 1962 con Chishû Ryû, Shima Iwashita, Keiji Sada, Mariko Okada, Teruo Yoshida, Noriko Maki. Cast completo Titolo originale: Sanma no aji. Genere Commedia, - Giappone, 1962, durata 133 minuti. Uscita cinema lunedì 20 luglio 2015 distribuito da Tucker Film. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 4,13 su 2 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il gusto del sakè tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

L'ultimo film di Ozu è un'elegia del tempo che scorre, imperniato ancora sul tema del matrimonio.

Il gusto del sakè è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
4,13/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,83
ASSOLUTAMENTE SÌ

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Al suo ultimo film il gioco di Ozu con lo spettatore lo porta vicino a sperimentazioni ardite sul proprio stile.
Recensione di Emanuele Sacchi
Recensione di Emanuele Sacchi

Tre uomini di mezza età, Kawai, Horei e Hirayama, si ritrovano a una celebrazione a bere insieme a un loro anziano insegnante. Quest'ultimo, che vive in povertà, rivela la sua disperazione per aver impedito alla figlia di sposarsi e averla così condannata all'infelicità. Hirayama, che si trova in una situazione analoga, vedovo e accudito dalla figlia Michiko, comincia a pensare che sia tempo di trovare uno spasimante all'altezza di Michiko.
Ricordato dai più come l'ultimo film di Ozu, e di conseguenza come il suo testamento, Il gusto del saké non è mai stato pensato per essere tale, visto che il regista stava lavorando a un altro film quando il male ha avuto il sopravvento su di lui. Ma i fraintendimenti si spingono fino al titolo, visto che né quello italiano né quello internazionale - An Autumn Afternoon - si avvicinano all'originario Il sapore della costardella, dal nome di un pesce che in autunno si avvicina alle coste per riprodursi. Questioni di anagrafe cinematografica a parte, l'opera sviluppa coerentemente il discorso autoriale dei film dell'ultimo periodo del regista, quello a colori. Emancipazione femminile che lentamente guadagna conquiste, consumismo e tecnologia che crescono di pari passo, evoluzione di un'identità nazionale salvaguardata attraverso i punti fermi della società umana (matrimonio, aiuto reciproco tra genitori e figli).
Nei pochi minuti che seguono l'incipit sono condensate tutte le situazioni tipiche di Ozu. Tentativi di combinare matrimoni, anziani che indulgono in chiacchiere licenziose davanti a un bicchiere di saké, i tempi che cambiano. E le situazioni si ripetono in maniera duale: per un personaggio oggetto di un'azione ce n'è sempre un altro nella medesima situazione. Così, per il rifiuto di mogli e figlie di sbrigare faccende domestiche a comando, come per un padre vedovo con una figlia in età da matrimonio, guardare all'altro da sé aiuta a comprendere meglio la propria situazione individuale.
Mai come in Il gusto del saké Ozu Yasujiro esplicita il suo gioco con lo spettatore. Per lunghi tratti è possibile illudersi dell'importanza dei dissidi tra Koichi e la moglie su delle mazze da golf o delle memorie di guerra che accomunano Hirayama (il consueto immancabile Chishu Ryu) e Sakamoto, ma sono tutte divagazioni, riflessioni di Ozu, come se il regista pensasse a voce alta per mezzo della macchina da presa. Non è necessario che il tempo diegetico corrisponda a quello reale, come non è necessario il suo contrario. Perché nel flusso continuo e ciclico del cinema di Ozu il girovagare attorno al quibus è parte integrante del processo di esplorazione della vita e delle sue stagioni, almeno quanto affrontare l'oggetto, vero o presunto, della narrazione. Ma Ozu sembra pronto a sperimentazioni più ardite e, per un attimo, si lascia andare a un uso emotivo della macchina da presa che sembra violare la rigidità del proprio stile: anziché transitare in un nuovo scenario e in un nuovo dialogo a base di mezzi primi piani frontali, infatti, l'inquadratura si sofferma su un uomo ubriaco e sulla figlia che piange a dirotto. Uno scarto stilistico che trasmette la gravità della loro condanna eterna alla solitudine, e che scatenerà lo sviluppo della trama principale, messa in moto, fuori da ogni consuetudine, a circa metà film.
La separazione tra Hirayama e la figlia Michiko, per quanto dolorosa, diviene quindi un male necessario, un cambiamento di abitudini repentino e forse forzato, ma che va affrontato appena è possibile per evitare di pentirsene. Forse una riflessione autobiografica sulle occasioni perse dallo stesso Ozu, che scelse di rimanere accanto alla madre fino alla fine, ma sono solo congetture. Di certo resta un ultimo, e per certi versi audace, capitolo di una filmografia a cui tornare costantemente per trovare saggezza, serenità e riflessioni sull'ordinario di qualità e semplicità straordinarie.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Nella zona industriale di Kawasaki Shuhei Hirayama (Ryu), ex dirigente d'azienda e vedovo, vive tranquillamente con la ventiquattrenne figlia Michiko (Iwashita) e il minore dei figli maschi. Quando si rende conto che Michiko sta sacrificando la sua vita per lui, Shuhei decide di darla in sposa. Dopo la cerimonia, confortato da una copiosa bevuta di sakè, rientra a casa sua, malinconicamente rassegnato alla solitudine. Ultimo film di Ozu, e il sesto a colori. Vi riprende quel rapporto tra padre e figlia che già aveva analizzato in Tarda primavera (1949) e Tardo autunno (1960), ma con significative varianti: il contrappunto di commedia ironica a una narrazione di toni cupi nella rappresentazione della borghesia giapponese avviata al benessere e al consumismo e la tipizzazione dei personaggi femminili, ormai lontani dall'immagine della donna passiva proposta da molto cinema classico giapponese e dallo stesso Ozu. È un altro film in cui, più del fugace presente, contano il passato e il futuro, la frustrazione acquista i colori della serenità e il dolore di vivere si trasforma in una rassegnazione a una normalità quasi banale.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
IL GUSTO DEL SAKÈ
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
Rakuten tv
-
-
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 29 ottobre 2015
Soter25

Essere giapponesi o storicisti, questi i requisiti per apprezzare "Il gusto del sakè". Il motivo è lo stesso per cui puoi vedere Taxi Driver da ragazzino, appassionandoti a quell' atmosfera noir dallo scatto pulp, oppure, alla luce delle conoscenze sul disturbo post-traumatico da stress dei reduci del Vietnam, cogliendo i sentimenti del vuoto esistenziale e l'alienazione; [...] Vai alla recensione »

domenica 7 giugno 2020
carloalberto

 La sostituzione del titolo originale, pregno di significati, con uno banale, più commerciale perché più orecchiabile per la grossolana sensibilità occidentale, è l’estremo sgarbo del mercato all’ultimo film di Ozu, dopo essere stato censurato dagli occupanti negli anni ’50. Amara ironia della sorte per chi, con la sua opera, ha denunciato l’in [...] Vai alla recensione »

lunedì 30 marzo 2020
Volontè78

Rappresentare il sakè e il suo modo di berlo,come stile di vita rappresentare la chiusura di una pagina di storie,per volerne aprire delle nuove,ciò che avrebbe fatto se avesse continuato la sua straordinaria carriera,il regista Ozu. i piccoli sorsi,con cui si sorseggia,la tipica bevanda nipponica rappresenta per l'autore,i piccoli passi;le giuste e sagge decisioni da prendere nella [...] Vai alla recensione »

mercoledì 7 ottobre 2015
Frank76_

Con il suo stile (inquadrature lunghe e fisse, dialoghi rilassati di persone comuni, riprese di luoghi perlopiù chiusi prima con individui, poi vuoti) Ozu dipinge alla perfezione il Giappone che ricorda la guerra, perduta, che vede crescere più indipendenti le donne, che vede sempre più soli i genitori. Tra un sakè e una birra (ma quanto bevono in questo film?) il [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
venerdì 6 novembre 2015
 

"Non c'è cultura senza classici e i film di Ozu Yasujiro sono i classici dei classici del cinema giapponese e mondiale». Le parole del critico Giorgio Placereani sintetizzano perfettamente il nucleo del progetto che la friulana Tucker Film ha dedicato [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati