Jona che visse nella balena

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Jona che visse nella balena   Dvd Jona che visse nella balena   Blu-Ray Jona che visse nella balena  
Un film di Roberto Faenza. Con Juliet Aubrey, Jean-Hugues Anglade, Jenner Del Vecchio, Francesca De Sapio Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 100 min. - Italia, Francia 1993. MYMONETRO Jona che visse nella balena * * * 1/2 - valutazione media: 3,71 su 34 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
Consigliato assolutamente sì!
3,71/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * - -
 critican.d.
 pubblico * * * * -
Juliet Aubrey
Juliet Aubrey (53 anni) 17 Dicembre 1966 Interpreta Hanna
Jean-Hugues Anglade
Jean-Hugues Anglade (64 anni) 29 Luglio 1955 Interpreta Max, il padre di Jona
Jenner Del Vecchio
Jenner Del Vecchio (35 anni) 16 Novembre 1984 Interpreta Jona, a 7 anni
Francesca De Sapio
Francesca De Sapio (74 anni) 16 Agosto 1945 Interpreta La signora Daniel
Viene narrata una storia familiare sullo sfondo della seconda guerra mondiale. Uno scienziato ebreo ricorda la sua infanzia coi genitori in un campo di concentramento.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Una storia familiare durante la guerra mondiale
    * * * - -

Viene narrata una storia familiare sullo sfondo della seconda guerra mondiale. Uno scienziato ebreo ricorda la sua infanzia coi genitori in un campo di concentramento. La psicologia del bambino protagonista e degli altri personaggi emerge in maniera molto credibile dalla sceneggiatura e dalle interpretazioni. Molto bella la sequenza in cui il bambino vede morire il padre in infermeria. Corre a cercare la madre con le scarpe del genitore, ma sbaglia più volte la strada. Poi gioca con le scarpe e si dimentica di avvertirla. Il padre è interpretato da Jean-Hughes Anglade, già apprezzato in Betty Blue e Nikita.

Stampa in PDF

Premi e nomination Jona che visse nella balena MYmovies
Premi e nomination Jona che visse nella balena

premi
nomination
David di Donatello
3
3
* * * * -

Guarda sempre il cielo e non odiare mai nessuno.

mercoledì 18 gennaio 2006 di ketizia

questa è la frase detta dalla madre di Jona una donna forte ma che a lungo amdare perde anche lei la ragione in base al dolore che aveva provato. il dolore è quello che subisce ance Jona un bambino piccolissimo quando fu deportato nel lagher tedesco e con forza e determinazione riesce a superare quegli anni che intaccano la mente piena di ricordi. nel campo di lavoro muore il padre figura per cui jona prova un grande affetto la madre invece morirà poco dopo la liberazione da parte dei russi, in continua »

* * * * -

I remember

sabato 28 marzo 2015 di Luigi Chierico

Film autobiografico, tratto dal romanzo di Jona Oberrski, un bambino esportato da Amsterdam in campo di concentramento nel 1942. L’autore ricorda con lucidità le atrocità dell’olocausto, il dolore non solo per le condizioni di vita, ma per il distacco dal padre. Il dolore non si può raccontare, lo si può interiorizzare assistendo alle scene e alle malvagità a cui sono sottoposti uomini, donne e bambini dai nazisti, per le atrocità a cui sono sottoposti nei campi di sterminio di Auschwitz, di Mathausen continua »

madre di Jona
"Guarda sempre il cielo e non odiare mai nessuno"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop

DVD | Jona che visse nella balena

Uscita in DVD

Disponibile on line da martedì 4 novembre 2014

Cover Dvd Jona che visse nella balena A partire da martedì 4 novembre 2014 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Jona che visse nella balena di Roberto Faenza con Juliet Aubrey, Jean-Hugues Anglade, Jenner Del Vecchio, Francesca De Sapio. Distribuito da Cecchi Gori Home Video. Su internet Jona che visse nella balena (DVD) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS.

Prezzo: 6,49 €
Prezzo di listino: 9,99 €
Risparmio: 3,50 €
Aquista on line il dvd del film Jona che visse nella balena

SOUNDTRACK | Jona che visse nella balena

La colonna sonora del film

Disponibile on line da giovedì 1 gennaio 2015

Cover CD Jona che visse nella balena A partire da giovedì 1 gennaio 2015 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Jona che visse nella balena del regista. Roberto Faenza Distribuita da Beat Records.

di Roberto Escobar Il Sole-24 Ore

Guarda sempre in alto e non odiare mai nessuno: così dice a Jona la madre. Glielo dice una prima volta, ad Amsterdam, quando intorno a loro il cerchio dell’odio comincia a stringersi, e glielo ripete quando quel cerchio è stato spezzato dal crollo del nazismo. A questa esortazione si mantiene fedele il cinema di Roberto Faenza: il suo “sguardo” non si lascia vincere dalla tentazione dell’odio, ha il coraggio di mantenersi ben più in alto delle cose orribili che tuttavia, con dolore, vede e mostra. »

di Luigi Paini Il Sole-24 Ore

Meditiamo che questo è Stato: Jona Otedeerski, bambino ebreo olandese, venne deportato con i genitori in un lager tedesco. Per sua “fortuna” non si trattava di un campo di sterminio, ma di un luogo in cui i carcerati erano trattati in modo meno bestiale, per poter essere eventualmente scambiati con prigionieri di guerra tedeschi. Meno bestiale non significa più umano: che cosa ci poteva essere infatti di umano nel tenere segregati, esposti al freddo, alle malattie e alle angherie dei secondini, donne, uomini e bambini deportati senza alcuna colpa? Jona vide tutto questo con i suoi occhi di ragazzino, raccontando poi la terribile esperienza nel libro Anni d’infanzia. »

di Gian Luigi Rondi Il Tempo

I campi di concentramento visti da un bambino. Sulle orme di una storia vera, vissuta da un fisico nucleare olandese, Jona Oberski, che, deportato perché ebreo durante la guerra insieme con i genitori, ha raccontato poi quelle vicende in un libro autobiografico, Anni d’infanzia, pubblicato di recente anche in Italia. Nello sfondo non ci sono le camere a gas – nel campo sono rinchiusi solo quegli ebrei che, provvisti di un visto per emigrare in Palestina, attendono lì la fine del conflitto, pronti, in qualche caso, ad essere scambiati con dei tedeschi prigionieri degli alleati – i patimenti e gli stenti, però, sono sempre in primo piano tanto che Jona, il piccolo protagonista, perde sia il padre sia la madre, l’accento, però, proprio perché è il bambino a ricordare e a narrare, è molto spesso su cose minute, il cibo, il sonno, i carcerieri visti sempre all’altezza degli stivali, le baracche, la gente pietosa, qualche rimprovero, qualche momento di solidarietà. »

di Lietta Tornabuoni La Stampa

"Ma il mio non è un film sull’Olocausto. Non lo è affatto", dice Roberto Faenza discutendo di Jona che visse nella balena, tratto dal bel libro autobiografico di Jona Obereski Anni d’infanzia (editore Giuntina) che racconta l’infanzia d’un bambino olandese ebreo nel Lager nazista che diventa per lui un ambiente quasi normale, il solo mondo che conosce e nel quale si compiono le sue prime esperienze d’amore, di dolore, di rapporti sociali, di capacità di sopravvivere. Che coincidenza, nel tempo dei naziskin e dell’anniversario del ghetto di Varsavia l’Olocausto torna ad essere materia o almeno sfondo del cinema d’autore: Andrzej Wajda col suo Dott. »

Jona che visse nella balena | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1° | ketizia
  2° | luigi chierico
David di Donatello (6)


Articoli & News
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità