Blow-up

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Blow-up   Dvd Blow-up   Blu-Ray Blow-up  
Consigliato assolutamente sì!
4,02/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * 1/2 -
 critican.d.
 pubblico * * * 1/2 -
   
   
   
A Londra, un fotografo di moda crede di aver visto (e fotografato) un omicidio. Cerca di arrivare alla soluzione del mistero, ma non ci riesce.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Un "mistery" che si rivela una fascinosa meditazione sul divario fra realtà e fantasia
    * * * * -

A Londra, un fotografo di moda crede di aver visto (e fotografato) un omicidio. Cerca di arrivare alla soluzione del mistero, ma non ci riesce. La realtà ha molte facce, persino l'evidenza, persino un'immagine impressionata su lastra possono essere negate. Il film parte come un "mistery" ma si rivela ben presto una fascinosa meditazione sul divario (ammesso che ci sia) fra realtà e fantasia. A differenza di altri film di Antonioni, Blow up è opera forse più tempista che valida. Capitò in un momento in cui il pubblico era interessato ai temi esistenziali, agli ermetismi di linguaggio, alle opere prive di trama. La portentosa fotografia di Carlo di Palma cattura gli scorci più suggestivi della Londra dei Beatles e di Carnaby Street e riprende (velocemente) le nudità della Redgrave.

Premi e nomination Blow-up MYmovies
Blow-up recensione dal dizionario Farinotti
Sei d'accordo con questa recensione?


Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
41%
No
59%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Blow-up

premi
nomination
Premio Oscar
0
4
Festival di Cannes
1
0
* * * * *

Riesci a vedere?

mercoledì 29 agosto 2007 di alessandro

C'è una frase di Proust che recita "Il vero viaggio, il vero bagno di giovinezza sarebbe poter guardare il mondo con gli occhi di un altro". Credo che in questa frase si possa racchiudere il senso di questo film di Antonioni. Hemmings alla fine si arrende. Lui abituato a fotografare, a rubare immagini, volti, sentimenti si rende conto che nè lui nè il suo strumento sono necessari per guardare e capire la realtà. La realtà è ciò che vedo? Ciò che registra la mia macchina fotografica? La fotografia continua »

* * * * -

Un capolavoro sul tema: realtà/apparenza

lunedì 6 agosto 2007 di Albert

Sono solo parzialmente d'accordo con la recensione di Grazzini. Blow-up è uno dei migliori - se non il migliore - film di Antonioni, poichè il tema che sviluppa, cioè il rapporto tra la realtà e l'apparenza e il ruolo preponderante dell'immagine nella nostra epoca, è attualissimo e di straordinaria importanza nella nostra civiltà telematica e della comunicazione "virtuale". Per questo motivo, a differenza di quanto ha scritto un altro critico (Mereghetti), il film non è affatto "datato", ma è continua »

* * * * -

Enigmatico...

mercoledì 1 aprile 2009 di

Enigmatico ma... superbo. Per fotografia e dialoghi essenziali (a volte incomprensibili, come quello sull'appendicite...). Un bellissimo documento cinematografico sulla Londra anni '60. L'immaginario si sovrappone al reale quasi spiazzando lo spettatore, preso nella morsa della curiosità per il susseguirsi di situazioni quasi irreali. Un film per sognare e immaginare. Da guardare da soli e in silenzio, per sentire il fruscio delle foglie mosse dal vento nel parco, luogo magico e misterioso, per continua »

* * - - -

Sopravvalutato

venerdì 6 aprile 2012 di brando fioravanti

Nella Londra degli anni sessanta un fotografo immortala un immagine di un omicidio. Una donna rivuole il negativo a tutti i costi. Ancor prima di svilupparla era ovvio che la fotografia nascondesse qualche scomodo particolare. Ma nell'anno in cui è ambientato il film c'era molta ostilità nei confronti della polizia e il protagonista non denuncia il fatto.  A dire la verità non si capisce neanche cosa voglia fare. Alla fine il negativo gli sarà sottratto. continua »

Thomas (David Hemmings) dopo aver fotografato Jane (V. Redgrave)
Non è colpa mia se non c'è pace. C'è chi fa il torero, il deputato. Io faccio il fotografo...
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Vanessa Redgrave e Thomas (David Hemmings)
La mia vita privata è già un tale pasticcio: sarebbe un disastro se…
E allora? Un disastro è quello che ci vuole, per vedere chiaro nelle cose.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Vanessa Redgrave e Thomas (David Hemmings)
La mia vita privata è già un tale pasticcio: sarebbe un disastro se…
E allora? Un disastro è quello che ci vuole, per vedere chiaro nelle cose.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Altre frasi celebri del film Blow-up oppure Aggiungi una frase
Shop

DVD | Blow-up

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 11 febbraio 2015

Cover Dvd Blow-up A partire da mercoledì 11 febbraio 2015 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Blow-up di Michelangelo Antonioni con David Hemmings, Sarah Miles, Vanessa Redgrave, Jane Birkin. Distribuito da Golem Video. Su internet Blow up (DVD) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS.

Prezzo: 7,99 €
Prezzo di listino: 9,99 €
Risparmio: 2,00 €
Aquista on line il dvd del film Blow-up

SOUNDTRACK | Blow-up

La colonna sonora del film

Disponibile on line da venerdì 26 febbraio 2010

Cover CD Blow-up A partire da venerdì 26 febbraio 2010 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Blow-up del regista. Michelangelo Antonioni Distribuita da Sony Classical, il cd è composto da musiche di genere Jazz. Sono inoltre disponibili altre colonne sonore del film. altre versioni »

di Gian Luigi Rondi Il Tempo

Un’opera di pensiero. Un’opera di poesia. Ma anche, in senso elevato e nobilissimo, spettacolo e poi, in primo luogo e soprattutto, cinema, cinema nuovo, purissimo, Anche un film difficile, comunque. Per raccontarvelo debbo fare quello che non si dovrebbe mai fare con un’opera d’arte, dividerlo, cioè, in sezioni: il racconto, i significati e lo stile con cui e l’uno e gli altri, sono stati espressi in immagini. Al centro del film un giovanotto di professione fotografo. Non un “paparazzo” all’italiana e nemmeno un fotografo del tipo di quello che Fellini mise a protagonista della Dolce vita, ma un esponente tipico della nuova gioventù inglese, totalmente disimpegnato, alla ricerca (per istinto, non per calcolo intellettuale) di una felicità considerata come lo scopo principale della vita, una felicità da conquistarsi con tutti i mezzi possibili, alcuni facilissimi (il sesso, la droga), altri più difficili come il lavoro, ad esempio, e non un lavoro ricercato solo come un mezzo di sostentamento, ma anche (e soprattutto) come strumento per soddisfare le proprie inquietudini. »

Analisi del divario tra realtà e fantasia

di Michelangelo Antonioni

Il mio problema per Blow up era quello di ricreare la realtà in una forma astratta. Io volevo mettere in discussione “il reale presente”: questo è un punto essenziale dell’aspetto visivo del film considerato che uno dei temi principali della pellicola è: vedere o non vedere il giusto valore delle cose. Blow up è una recita senza epilogo, paragonabile a quelle storie degli anni venti dove Scott Fitzgerald manifestava il suo disgusto della vita. Speravo, durante la lavorazione, che nessuno potesse dire, vedendo il film terminato: Blow up è un lavoro tipicamente anglosassone. »

di Michelangelo Antonioni

Blow-up è una recita senza epilogo, paragonabile a quelle storie degli anni venti dove Scott Fitzgerald manifestava il suo disgusto della vita. Speravo, durante la lavorazione, che nessuno potesse dire, vedendo il mio film terminato: Blow-up è un lavoro tipicamente anglosassone. Ma, nello stesso tempo, desideravo che nessuno lo definisse un film italiano. Originariamente la storia di Blow-up avrebbe dovuto essere ambientata in Italia, ma mi resi quasi subito conto che sarebbe stato impossibile localizzare in qualche città italiana la vicenda. »

di Lorenzo Cucco

Blow-up: , cioè letteralmente “ingrandimento”. Non soltanto perché Thomas, il personaggio principale del film, è un fotografo; ma anche, e anzi soprattutto, perché vero protagonista del decimo lungometraggio di Antonioni non è uno dei consueti personaggi-simbolo il cui contrasto con il reale significhi i processi di estraniazione cui esso costringe gli individui, ma il reale stesso nella sua polivalente indifferenza: dove oggetti uomini cose fatti scivolano senza traccia, muti ed interscambiabili, con una realtà talmente priva di spessore e di incidenza che la loro esistenza è altrettanto priva di peso della loro inesistenza. »

Blow-up | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Stefano Lo Verme
Pubblico (per gradimento)
  1° | alessandro
  2° | albert
  3° |
  4° | parravicini_stefano85
  5° | roberto
  6° | fedeleto
  7° | eugenio
  8° | eugenio
  9° | carlofei
10° | albplet
11° | paride86
12° | paolo 67
13° | brando fioravanti
Rassegna stampa
Gian Luigi Rondi
Premio Oscar (4)
Festival di Cannes (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 |
Scheda | Cast | News | Trailer | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Chat | Shop |
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità