I giardini dell'Eden

Acquista su Ibs.it   Dvd I giardini dell'Eden  
Un film di Alessandro D'Alatri. Con Kim Rossi Stuart, Massimo Ghini, Saïd Taghmaoui Biografico, Ratings: Kids+16, b/n durata 0 min. - Italia 1998. MYMONETRO I giardini dell'Eden * * 1/2 - - valutazione media: 2,96 su 12 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
2,96/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * - - -
 critican.d.
 pubblico * * * 1/2 -
Kim Rossi Stuart
Kim Rossi Stuart (45 anni) 31 Ottobre 1969 Interpreta Jeoshua
Massimo Ghini
Massimo Ghini (60 anni) 12 Ottobre 1954 Interpreta L'ufficiale romano
Saïd Taghmaoui
Saïd Taghmaoui (41 anni) 19 Luglio 1973 Interpreta Aziz
   
   
   
La vita di Gesù fino all'età adulta. Gira il mondo (?), beve e balla (?), stupisce i saggi. Conosce la vita. Una buona idea per una realizzazione piat...
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi
primo piano
Stuart intenso per una via di Gesù un po' banale e ricca di citazioni
    * * - - -
Locandina I giardini dell'Eden

La vita di Gesù fino all'età adulta. Gira il mondo (?), beve e balla (?), stupisce i saggi. Conosce la vita. Una buona idea per una realizzazione piatta e povera. Luoghi comuni, una letteratura banale con grandi citazioni astratte, e invenzioni che dovrebbero stupire invece sono pallidi tentativi di demagogia. Stuart intenso ma troppo frenetico e sanguigno. Non si hanno grandi informazioni, ma Gesù era certamente molto diverso da lui.

Sei d'accordo con questa recensione?


Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
13%
No
87%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination I giardini dell'Eden

premi
nomination
Nastri d'Argento
2
0
Kim Rossi Stuart-Gesù
Più conoscevo il mondo e più mi perdevo nella sua vastità.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop

di Michele Anselmi L'Unità

È probabile che Alessandro D'Alatri si sia pentito, alla fine, di avere accettato la pressante "corte" di Laudadio. Ora la parola passa al pubblico, e chissà che le cose non vadano meglio che al Lido. Il Vaticano ha già apprezzato "il messaggio spirituale", lo stesso faranno i giovani ai quali l'"ex credente distratto" D'Alatri s'è voluto specialmente rivolgere? Una cosa è certa: non è un Cristo alternativo - s'era detto "buddista" - quello che I giardini dell'Eden reinventa sullo schermo, in parte conservando l'iconografia classica (capelli lunghi sulle spalle con la riga in mezzo, barba folta e occhi azzurri), in parte raccontando un'altra storia, quella che i Vangeli non toccano: l'infanzia e la formazione di Gesù prima di diventare "famoso". »

di Maurizio Cabona Il Giornale

Regista dei trascurabili Americano rosso (1991) e Senza pelle (1994), Alessandro D'Alatri ha egualmente partecipato - in concorso! - all'ultima Mostra di Venezia con I giardini dell'Eden, vita di Gesù prima dei trent'anni. Questo sì che è stato un miracolo. Attingendo ai vangeli gnostici, ai saggi di Robert Aron, di Brandon, di Flusser e Calimani, lo sceneggiatore di D'Alatri, Miro Silvera fa del futuro fondatore del cristianesimo non un figlio di falegname, ma un figlio di rabbino; non iI predicatore della buona novella ma l'ideologo della resistenza ai romani. »

di Roberto Nepoti La Repubblica

Ci informano le storie del cinema che, nei primi quattro anni della nuova arte, furono realizzati sette film sulla Passione e due su episodi della vita di Cristo. Da allora al 1910, il pubblico del cinema delle origini ne avrebbe visti altri diciotto. Con I giardini dell'Eden anche il nostro Alessandro D'Alatri affronta la più grande storia mai raccontata (e ripetuta): lo fa, però, ricostruendo episodi ignoti e apocrifi dell'infanzia e della giovinezza di Jeoshua. Dopo un prologo ambientato nel 1947, dove un pastorello rinviene misteriosi manoscritti del Mar Morto, vediamo Gesù ragazzo (con gli occhi scuri, che poi diventeranno azzurri come quelli di Kim Rossi Stuart) discorrere con i dottori del Tempio; quindi lo seguiamo fino alla soglia dei trent'anni, quando arruola gli Apostoli e dà inizio alla sua predicazione. »

di Silvio Danese Quotidiano.net

Il Vangelo secondo Alessandro. Il gesto di coraggio di un regista italiano che sfida la diffidenza delle istituzioni e tenta in realtà di raccontare il "suo" Gesù. Si parte dal racconto agli Esseni e si ricostruiscono fasi inedite, immaginate o reperite in documenti non ufficiali. Per Scorsese la tenrazione di Cristo fu quella di esistere. Per D'Alatri fu quella di conoscersi, prima di scoprire in sè la porta del divino. Questo viaggio interiore, che viene dalla sceneggiatura, è migliore del film che ne è venuto fuori, inficiato dal volto televisivo e impossibile da "reinventare" di Kim Rossi Stuart, pariolino con la barbetta da mistico. »

I giardini dell'Eden | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1° | walter
Nastri d'Argento (2)


Articoli & News
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Chat | Shop |
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2015 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità