Tigers

Film 2021 | Drammatico, +13 116 min.

Titolo originaleTiger's Nest
Anno2021
GenereDrammatico,
ProduzioneSvezia, Italia, Danimarca
Durata116 minuti
Al cinema24 sale cinematografiche
Regia diRonnie Sandahl
AttoriErik Enge, Alfred Enoch, Frida Gustavsson, Maurizio Lombardi, Lino Musella Liv Mjönes, Johannes Kuhnke, Henrik Rafaelsen, Gianluca Di Gennaro, Antonio Zavatteri, Daniele La Leggia, Antonio Bannò.
Uscitagiovedì 22 luglio 2021
DistribuzioneAdler Entertainment
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,75 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Ronnie Sandahl. Un film con Erik Enge, Alfred Enoch, Frida Gustavsson, Maurizio Lombardi, Lino Musella. Cast completo Titolo originale: Tiger's Nest. Genere Drammatico, - Svezia, Italia, Danimarca, 2021, durata 116 minuti. Uscita cinema giovedì 22 luglio 2021 distribuito da Adler Entertainment. Oggi tra i film al cinema in 24 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,75 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Tigers tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un film basato sull'esperienza di Martin Bengtsson, ex prodigio del calcio dell'Inter, nell'affrontare la malattia mentale, raccontata nella sua autobiografia. Il film è stato premiato a Roma Film Festival,

Consigliato sì!
2,75/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 3,00
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Buona prova attoriale per Erik Enge in un film ispirato alla storia di Bengtsson.
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 22 luglio 2021
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 22 luglio 2021

Martin Bengtsson è un giovane calciatore svedese che all'età di 16 anni viene acquistato dall'Inter per farlo giocare nella squadra Primavera. È il sogno che aveva dall'età di tre anni quando con suo padre, che ora si è fatto una nuova famiglia, vedeva le partite del campionato italiano. Ma la vita con i compagni di squadra e lo spaesamento causato dal non conoscere una parola di italiano lo fanno progressivamente entrare in una depressione da cui fatica a trovare una via d'uscita.

A leggere un'intervista che risale al 2017 l'ex calciatore che ha scritto un'autobiografia sulla sua esperienza in Italia non sembra aver conservato solo brutti ricordi di quei giorni ormai lontani (era il 2003).

Sicuramente sia lui sia lo staff dell'Inter non riuscirono subito a capire e ad intervenire su quello che nei titoli di coda del film viene definito come un problema di salute mentale e poteva risultare interessante una lettura dell'ambiente calcistico giovanile letta da chi arriva da un paese straniero come accade a tante speranze del football.

Il problema qui è che Martin, soprattutto nella prima parte del film, sembra essere capitato in un covo di vipere (i compagni) tutti coalizzati, con un'eccezione, contro di lui e pronti ad umiliarlo e non passargli la palla tutte le volte che è possibile. L'allenatore e lo staff tecnico non sembrano accorgersi di nulla o, peggio, sembrano considerare 'normale' lo status quo. La situazione viene un po' edulcorata grazie alla figura di un dirigente che sembra avere più chiari gli obiettivi ma per il resto viene rappresentata la Primavera come una gabbia in cui le vipere iniziali (gli 'italiani') si trasformano progressivamente in tigri pronte a sbranarsi, capaci magari di qualche sporadica solidarietà verso chi perde il controllo salvo poi abbandonarlo al suo destino.

Erik Enge offre una prestazione di tutto rispetto se si accoglie la linea di lettura di un Bengtsson vittima di un'emarginazione scientemente architettata. La regia la fa propria senza mai metterla in discussione e questo rende monodimensionale un film che si tenta di riaprire con le informazioni in chiusura. Che non sono però sufficienti.

PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 19 luglio 2021
JonnyLogan

Agli inizi del secondo millennio il sedicenne svedese MartinBengtsson venne acquistato dall’Inter che riuscì a bruciare sul tempo Ajax e Chelsea. Martin arriva a Milano convinto di poter coronare il proprio sogno ma quello che l’attende è qualche cosa che va oltre il calcio giocato e che nel volgere di pochi anni gli cambierà la vita.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
sabato 24 luglio 2021
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Dall' autobiografia di Martin Bengtsson, "All' ombra di San Siro". La storia di un sedicenne campioncino svedese, ancora con l' apparecchio ai denti, costato parecchio alla squadra italiana che lo arruola nel suo vivaio. Quanti soldi esattamente non viene detto, né viene rivelato il bonus d' ingaggio: ci fidiamo del compagno di allenamenti con cui fa amicizia, che ricava l' ammontare senza precedenti [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 luglio 2021
Stefano Giani
Il Giornale

Anche il calcio ha i suoi antidivi. Martin Bengtsson voleva diventare un campione. Acquistato dall' Inter, entra in un fatato mondo fatto di fama, denaro e... invidia, odio, ripicche per un maglia da titolare. Scopre che quel sogno non è il suo e a 19 anni si ritira, caduto in profonda depressione. Interessante biopic su un adolescente che deve fare i conti con il prezzo delle ambizioni.

giovedì 22 luglio 2021
Emiliano Morreale
La Repubblica

In questi giorni di esaltazione calcistica non ci sta male un film come Tigers, coproduzione italo-svedese che sfronda gli allori agli dèi dello stadio sulla base del libro autobiografico Nell'ombra di San Siro. Il sedicenne svedese Martin Bengtsson, grande promessa del pallone, è acquistato dall'Inter e arriva in Italia convinto di realizzare il sogno della vita.

domenica 18 ottobre 2020
Lorenzo Ciofani
La Rivista del Cinematografo

All'origine di Tigers c'è All'ombra di San Siro, l'autobiografia di Martin Bengtsson, astro nascente del calcio che, dopo aver entusiasmato i talent scout di mezza Europa, nel 2003 approdò all'Inter. Sembrava l'inizio di una carriera folgorante, punto d'arrivo di un percorso fatto di rinunce e sacrifici: invece, all'improvviso, qualcosa si ruppe e un giorno, sulle note di David Bowie, tentò il suicidio [...] Vai alla recensione »

domenica 18 ottobre 2020
Riccardo Baiocco
Sentieri Selvaggi

Tigers non è un film sul calcio, ma un film con il calcio. Al centro del film c'è la vicenda umana e vera di Martin Bengtsson, talentuoso ragazzo svedese, acquistato a soli sedici anni e portato in Italia dall'Inter. Il cuore di Tigers non è nel calcio, quanto nella solitudine di un ragazzo lontano da casa per inseguire ossessivamente il suo sogno. Un sogno che per essere realizzato non richiede solo [...] Vai alla recensione »

NEWS
GUARDA L'INIZIO
lunedì 19 luglio 2021
 

Su MYmovies i primi minuti di un'opera che mette in luce il risvolto intimista dello sport. Al cinema dal 22 luglio. Guarda l'inizio »

TRAILER
mercoledì 14 luglio 2021
 

Regia di Ronnie Sandahl. Un film con Liv Mjönes, Frida Gustavsson, Johannes Kuhnke, Henrik Rafaelsen, Maurizio Lombardi. Da giovedì 22 luglio al cinema. Guarda il trailer »

winner
alice nella città - premio rbcasting
Roma Film Festival
2020
SHOWTIME
    Oggi distribuito in 24 sale cinematografiche
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati