Madame Claude

Film 2021 | Biografico 112 min.

Regia di Sylvie Verheyde. Un film con Karole Rocher, Roschdy Zem, Garance Marillier, Pierre Deladonchamps, Annabelle Belmondo. Cast completo Titolo originale: Madame Claude. Genere Biografico - Francia, 2021, durata 112 minuti. - MYmonetro 2,28 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Madame Claude tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Biopic dedicato a Madame Claude, a capo di una rete francese di ragazze squillo negli Anni Sessanta.

Consigliato nì!
2,28/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,05
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
L'onesto biopic di una figura femminile complessa e controversa che finì col segnare un'epoca.
Recensione di Marzia Gandolfi
domenica 4 aprile 2021
Recensione di Marzia Gandolfi
domenica 4 aprile 2021

Parigi, 1968. Fernande Grudet, per tutti Madame Claude, regna sovrana su un esercito di trecento fanciulle che recluta, forma al mestiere e prostituisce a tariffe accessibili soltanto a uomini facoltosi, colti ma non esenti da perversioni. Più di qualsiasi altra cosa, Madame Claude ama il denaro. È abituata al lusso e alle richieste eccentriche dei suoi clienti, che spesso si spingono al di là dei confini del lecito. Sono uomini senza volto ma dal portafoglio esagerato per pagare capricci e fantasie. Dietro di loro lasciano ragazze sfigurate, o coperte di lividi, e una borsa di banconote, il prezzo del loro martirio. Nata proletaria e provinciale, Fernande Grudet si sogna borghese e parigina, abbandonando la figlia e tentando con successo la scalata sociale. Ma l'affaire Marković, una sordida storia criminale che allestisce un complotto politico destinato a coinvolgere anche il futuro presidente Georges Pompidou, sconvolgerà il suo commercio fino alla caduta (per frode fiscale), al carcere e ritorno. Il ritorno a una vita dimessa a Nizza, dove finirà i suoi giorni da sola.

Non è la prima volta che il cinema francese prova a fare un 'ritratto' di "Madame Claude", mère maquerelle (pappona) della V Repubblica, senza afferrare veramente mai la complessità del suo personaggio. Dopo quello glamour di Just Jaeckin (Madame Claude, 1977), è la volta di Sylvie Verheyde che la coglie in piena ascensione alla fine degli anni Sessanta.

Figura realmente esistita che qualsiasi sceneggiatore avrebbe amato immaginare, Fernande Grudet ha vissuto una vita avventurosa che fotografa un'epoca: la Francia dei Trente Glorieuses, della crescita economica, del sesso prima della liberazione, dei papponi arricchiti e dei criminali in giacca e cravatta. Un mondo di uomini dove le donne non avevano voce in capitolo. Se il percorso di Madame Claude affascina tanto è perché racconta proprio l'evoluzione di una società in fermento.

Nata nel luglio del 1923 da una famiglia povera, suo padre vendeva panini in un chiosco davanti alla stazione, Fernande Grudet, il suo vero nome, aveva compreso tutto della sua epoca e dei suoi bisogni. Affatto dotata per l'economia domestica, era di contro una grande affabulatrice, che si inventò un'infanzia borghese, un padre industriale, un'educazione 'religiosa', un passato da resistente e una deportazione a Ravensbrück. Sbarcata a Parigi, aveva reso il vizio joli, come amava ripetere, ma dietro le fantasie dei clienti, dentro le suite dei grand hotel o nelle anticamere eleganti di appartamenti e ville, la realtà era decisamente più prosaica.

Aveva eretto la menzogna ad arte, sapendo quanto gli uomini amassero cullarsi nelle illusioni. Per loro e per fargli dimenticare di fare sesso con una puttana, inventa l'erotismo d'élite e la "call-girl", emancipando la prostituzione dai bassifondi e rispondendo ai bisogni (e ai fantasmi) di una clientela agiata che vuole divertirsi con discrezione: uomini d'affari, politici, alti funzionari, star del cinema, capi di Stato.

L'onesto biopic di Sylvie Verheyde la dipinge dura e intrattabile ma qualche volta cede alla tentazione dell'icona femminista, una donna che marca il suo territorio e afferma la sua indipendenza in un mondo di uomini che le piace dominare con la carota e col bastone. Non è certo più tenera con le filles, Madame Claude, che sovente umilia o dà in pasto agli orchi per una borsa di franchi.

La regista fa i compiti, si documenta rigorosamente e ricostruisce le tappe salienti della sua ascesa, incarnandola come una pioniera, una donna potente in anticipo sui tempi. Forse per cavalcare i nostri, nella speranza recondita di farne la figura di un'emancipazione femminile e di rendere simpatico un personaggio che non lo è affatto. Ma non chiedeva tanto Fernande, sognava soprattutto di prendere il potere e 'fotterlo' dall'interno, di fare fortuna, costi quel che costi. E aveva ragione, non proviamo mai empatia per lei, che passa da un'emozione all'altra, da una qualità a un difetto senza farsi sentire, farci sentire, condannata irrimediabilmente dall'acconciatura posticcia del suo doppio che fin dal principio rende impossibile qualsiasi sospensione dell'incredulità.

Karole Rocher, da sempre al centro del cinema di Sylvie Verheyde, fa quello che può contro una messa in scena che la spoglia di ogni mistero, contro uno script che non si attarda mai sulle ragioni della sua eroina né su quelle delle altre, risolte tutte col personaggio secondario di Garance Marillier. Nessuna chiave ci è fornita per leggere il destino fuori norma di questo mostro solitario, che odiava gli uomini e non manifestava nessuna tenerezza per le donne.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 20 aprile 2021
Tonino De Pace
Sentieri Selvaggi

Di biopic ne abbiamo visti e continuiamo a vederne, così pure di gangster movie. Poiché Madame Claude di Sylvie Verheyde è un po' tutte e due è necessario domandarsi quali siano le caratteristiche per un film diretto da una donna, che racconta l'ascesa e la caduta di Fernand Grudet, detta Madame Claude, personaggio realmente esistito, che ha lucrato nel giro del malaffare della prostituzione con inevitabili [...] Vai alla recensione »

martedì 20 aprile 2021
Davide Comotti
Nocturno

Fresco di distribuzione su Netflix, arriva Madame Claude, il controverso biopic della regista Sylvie Verheyde sulla celebre maitresse Fernande Grudet, morta nel 2015 a 92 anni e qua interpretata da Karole Rocher. E chi, se non una francese, poteva rimestare meglio nel torbido di uno tra i personaggi più discussi ed eclatanti della Francia moderna? I fatti, in sintesi, sono questi, che formano poi in [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 aprile 2021
Flavia Arcangeli
Cinemonitor.it

"Madame Claude" è il nuovo film francese disponibile su Netflix che racconta la storia di Fernand Grudet, alias Madame Claude, che fu la prostituta e maîtresse più famosa di Francia, gestendo, tra gli anni '60 e '70, una rete di più di 500 prostitute (le "claudettes", in onore della loro potente datrice di lavoro). "Madame Claude" si apre nel momento di massimo successo della protagonista: le sue [...] Vai alla recensione »

martedì 13 aprile 2021
Luca Pacilio
Film TV

Ascesa, trionfo e caduta di Madame Claude (una convincente Karole Rocher), leggendaria maîtresse che, da fine anni 50, gestisce a Parigi un bordello di lusso frequentato da politica, finanza e bel mondo. Aspetto rilevante questo del mito, premesso in didascalia: il film è un racconto di vita immaginata, tratto da un'autobiografia romanzata in cui indistinto è il confine tra fatti reali e finzionali. [...] Vai alla recensione »

domenica 11 aprile 2021
Linda Magnoni
Cineforum

Questa storia si ispira alla vita immaginaria di Fernande Grudet, alias Madame Claude, nata il 6 luglio 1923 ad Angers", recita una didascalia appena prima che un paio d'occhi truccati di mascara compaia sullo schermo. Non è la prima volta che qualcuno mette in scena la biografia della Grudet, la più importante gestrice di bordelli francese degli ultimi anni.

sabato 10 aprile 2021
Simone Emiliani
Sentieri Selvaggi

È una parabola strana, ondivaga, quella del cinema di Sylvie Verheyde. Con il suo ispiratissimo, autobiografico, terzo lungometraggio, Stella (2008), raggiunge il suo risultato migliore. A quel punto con il successivo Confession d'un enfant du siècle cambia registro e cerca di dimostrare che il suo sguardo può adattarsi a qualunqe genere. È un po' il passaggio che hanno fatto anche Jessica Hausner [...] Vai alla recensione »

venerdì 9 aprile 2021
Véronique Cauhapé
Le Monde

Ritratto di Fernande Grudet, detta Madame Claude, figura realmente esistita (1923-2015) che ogni autore avrebbe voluto inventare. Lei da sola riesce a raffigurare un'epoca, quella della Francia del glorioso trentennio del dopoguerra, della crescita e del pieno impiego, del sesso non ancora liberato, delle ricchezze facili e dei gangster in giacca e cravatta.

venerdì 9 aprile 2021
Michele Anselmi
Cinemonitor.it

Incuriosito da un articolo del "Corriere della Sera", ho provato a guardare su Netflix "Madame Claude", il film francese di Sylvie Verheyde sulla famosa maîtresse Fernande Grudet, in arte, appunto, Madame Claude (1923-2015). Dopo un'oretta ho smesso, mi sembrava davvero una puttanata, s'intende non per via del tema trattato. La sera dopo, per sincerarmi, ho voluto vedere il resto, trovando una conferma [...] Vai alla recensione »

martedì 6 aprile 2021
Marco Minniti
Asbury Movies

Racconta una figura controversa, il nuovo film di Sylvie Verheyde, un'icona femminile che tuttavia non è mai stata (e probabilmente non ha mai voluto essere) femminista. La Madame Claude del titolo, aka Fernande Grudet, è stata la più famosa maîtresse di Francia, gestrice tra gli anni '60 e '70 di una rete di oltre trecento prostitute, che formava personalmente e dava in pasto a uomini ricchi, facoltosi, [...] Vai alla recensione »

sabato 3 aprile 2021
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Gli uomini finiscono per trattarci come puttane, conviene fare la puttana e guadagnare". Parola, oltre che esperienza, di Fernande Grudet in arte Madame Claude. Nel suo momento glorioso, tra gli anni 60 e 70, gestiva un assortimento di 500 "claudettes", femmine e maschi, da affittare a clienti danarosi e di potere (da agente, il 30 per cento finiva nelle sue tasche).

NEWS
NETFLIX
domenica 4 aprile 2021
Marzia Gandolfi

Il ritratto della mère maquerelle Madame Claude. Su Netflix. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati