MYmovies.it
Advertisement
Tolkien, al cinema la storia dello scrittore più letto al mondo

Il regista Karukoski ripercorre la vita dello scrittore dagli anni giovanili a quelli degli studi letterari. Con un passaggio, importante, traumatico. Dal 12 settembre al cinema.
di Pino Farinotti

Tolkien

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Nicholas Hoult (29 anni) 7 dicembre 1989, Wokingham (Gran Bretagna) - Sagittario. Interpreta J.R.R. Tolkien nel film di Dome Karukoski Tolkien. Al cinema da giovedì 12 settembre 2019.
mercoledì 11 settembre 2019 - Focus

Il biopic su Tolkien che sarà nelle sale il 12 settembre è stato definito dalla critica "opera corretta". La costruzione del regista finlandese Dome Karukoski è quella tradizionale di quei film che vivono sulla vicende private del protagonista, soprattutto in chiave di azione se c'è azione, amori che ci sono amori, e ancora meglio se scovi uno scandalo. Infatti l'autore più raccontato nei film è stato Oscar Wilde che non si è fatto mancare niente, in tutti i sensi.

John Ronald Reuel Tolkien (1892-1973) presenta, in queste chiavi, possibilità concrete. Karukoski percorre la sua vita dagli anni giovanili a quelli degli studi letterari. Con un passaggio, importante, traumatico, in quel 1916, terzo anno della Grande Guerra, quando il sottotenente ventiquattrenne, arruolatosi volontario, si trovò in piena battaglia della Somme, che indirizzò il conflitto verso la sconfitta degli Imperi centrali. Dove il giovane fu testimone di morti e distruzioni.

Peculiarità dello scrittore inglese nato in Sudafrica era quella di ispirarsi con partecipazione e sentimento particolari - certo tutti gli scrittori si rifanno ai fatti e ai personaggi della loro vita - alle sue vicende private. Il racconto procede attraverso episodi che si legano alle invenzioni di fantasia dei personaggi.
Pino Farinotti

Così la verde campagna intorno a Birmingham, dove John Ronald visse da ragazzo, diventa la Terra di Mezzo nel film del regista Peter Jackson. Tolkien era molto attento a coltivare i rapporti umani, come fece coi suoi compagni della Scuola King Edwards che divennero gli hobbit e la compagnia dell'anello. Il suo grande amore Edith si sublimava in Galadriel, il severo professor Wright ispirava il mago Gandalf e i nemici della Somme e il terrore della battaglia davano vita alle fantasie paurose di orchi e di draghi. Ma, al di là del film di Karukoski, c'è un aspetto decisamente più importante riferito a Tolkien, che è bene raccontare.

Se si escludono testi sacri o quasi sacri come il Corano, la Bibbia il libretto di Mao e o superclassici storici, come il "don Chisciotte" di Cervantes e "Le due città" di Dickens, solo la saga di Harry Potter - 7 volumi - supera in numero di vendite "Il signore degli anelli" che, come volume unico, con 150 milioni di copie, è il testo, moderno, più letto di tutti i tempi. Ma c'è di più, nella top ten della letteratura appare un'altra opera dello scrittore "Lo Hobbit", con 100 milioni. J.R.R Tolkien (1892-1973) domina la letteratura popolare. In quella classifica nobile appaiono: Lewis Carroll ("Alice nel paese delle meraviglie"), Agatha Christie ("Dieci piccoli indiani"), C.S. Lewis ("Le cronache di Narnia").

Sì, i britannici sanno fare letteratura soprattutto quella di mercato. Naturalmente il cinema non poteva non attingere a fonti così felici e opportune. Il "Don Chisciotte", certo uno dei testi assoluti della letteratura, come spesso capita agli assoluti - opere di scrittura pura - non ha avuto rappresentazioni all'altezza. Anche se ci hanno provato in molti. Emerge la versione di Orson Welles, incompiuta, che è più un'opera di Welles che di Cervantes.

"Le due città" di Dickens ha avuto diverse versioni, a cominciare da quella, ritenuta classica, di Jack Conway e Robert Z. Leonard del 1935. La vicenda, che vive durante gli anni della rivoluzione francese ha avuto un'altra versione nel 1980. Lo scorso anno il romanzo è diventato serie televisiva americana. Sono decine i film su "Alice", a partire dal 1903 (Alice in Wonderland), a seguire con uno sponsor magico, Walt Disney, che la adottò moltiplicandone i significati soprattutto con l'animazione.


TOLKIEN: VAI ALLA SCHEDA COMPLTA CONTINUA A LEGGERE
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati