I racconti di Parvana - The Breadwinner

Film 2017 | Animazione, Film per tutti 94 min.

Titolo originaleThe Breadwinner
Anno2017
GenereAnimazione,
ProduzioneCanada, Irlanda
Durata94 minuti
Regia diNora Twomey
AttoriSaara Chaudry, Laara Sadiq, Shaista Latif, Ali Badshah, Noorin Gulamgaus Kawa Ada, Soma Chhaya, Kane Mahon, Ali Kazmi, Kanza Feris.
Uscitalunedì 25 novembre 2019
TagDa vedere 2017
DistribuzioneWanted
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti
MYmonetro 3,38 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Nora Twomey. Un film Da vedere 2017 con Saara Chaudry, Laara Sadiq, Shaista Latif, Ali Badshah, Noorin Gulamgaus. Cast completo Titolo originale: The Breadwinner. Genere Animazione, - Canada, Irlanda, 2017, durata 94 minuti. Uscita cinema lunedì 25 novembre 2019 distribuito da Wanted. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti - MYmonetro 3,38 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi I racconti di Parvana - The Breadwinner tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Prodotto da Angelina Jolie e dai creatori del candidato al premio Oscar The Secret of Kells e La canzone del mare, il film è tratto dal bestseller di Deborah Ellis. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Premi Oscar, 1 candidatura a Golden Globes, 1 candidatura agli European Film Awards, In Italia al Box Office I racconti di Parvana - The Breadwinner ha incassato 7 mila euro .

I racconti di Parvana - The Breadwinner è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING Compralo subito

Consigliato sì!
3,38/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,75
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Un film volontariamente didattico che spiega ai più giovani il dramma del conservatorismo religioso, con prudenza ma senza essere mai ingenuo.
Recensione di Marzia Gandolfi
lunedì 11 novembre 2019
Recensione di Marzia Gandolfi
lunedì 11 novembre 2019

C'era una volta Parvana, una bambina che voleva salvare suo padre, imprigionato dai talebani perché insegnava a sua figlia a leggere e a scrivere. Nel regno oscuro dei fondamentalisti islamici afghani, Parvana taglia i suoi lunghi capelli e indossa gli abiti di un ragazzo per passare inosservata, mantenere la sua famiglia e ritrovare suo padre, veterano di guerra che ha perso una gamba contro i sovietici.

Come i bambini di Vittorio De Sica, Parvana ci guarda. Guarda il mondo dritto negli occhi tenendo testa all'oscurantismo talebano col potere delle storie antiche, insensibili agli assalti del tempo presente.

Undicenne cresciuta a Kabul sotto il regime talebano, Parvana è la nuova causa di Angelina Jolie. Nata dalla penna di Deborah Ellis ("Sotto il burqa") e portata sullo schermo da Nora Twomey, è la protagonista di una trilogia, un racconto animato sull'emancipazione delle donne e sull'immaginazione contro l'oppressione. Perché i problemi per Parvana, come quelli di ogni bambina afghana, cominciano all'alba della vita. A quattro anni non giocano più con le bambole perché si occupano già dei fratelli, a sette sono considerate adulte quasi finite, casalinghe quasi esperte e mogli prossime che metteranno al mondo un figlio quando le coetanee occidentali hanno appena cominciato a sognare l'amore. D'altra parte l'Afghanistan detiene due dei record più tragici: la mortalità materna da una parte e la produzione di martiri dall'altra. Un flagello antico e una maledizione dell'epoca moderna.

Adottando idealmente un'altra figlia, che ha gli occhi verdi della 'ragazza afghana' di Steve McCurry, Angelina Jolie 'alza il velo' sulle bambine afghane e produce un film che denuncia la discriminazione di genere e l'assenza dei diritti dell'infanzia. Promuove e sostiene un cinema di animazione che trova sovente la voce giusta per dire energicamente la gravità della vita sotto i regimi estremisti, la voce di una collera fredda che combina lirismo e umanesimo.

Con Persepolis, Valzer con Bashir, Kirikù e la strega Karabà, I racconti di Parvana s'inscrive in quel cinema d'animazione politico di cui diventa la sintesi, oscillando tra immaginario e reale, tra film per adulti e favola per bambini, tra asprezza del quotidiano e slanci improvvisi verso il meraviglioso.

Il disegno in 2D sposa l'animazione di ritaglio e sposta la storia in un mondo onirico dove Parvana ripara, fuggendo la violenza e la barbarie. La rotondità del disegno, dai tratti intenzionalmente naïf, contrasta con la violenza delle situazioni vissute da Parvana. La realtà grigia di Kabul cede il posto alla magia di un'avventura immaginaria, l'animazione scivola in un mondo colorato fatto di collage di carta, di mostri e di eroi che troviamo nei libri per l'infanzia. Queste sequenze rendono il film permeabile a un pubblico più giovane semplificando la portata politica e sociale del suo intrigo. È in questi frammenti in fondo che risiede il senso del film. La favola inventata da Parvana per il suo fratellino diventa la freccia scoccata contro il nemico, le sue parole lo scudo per difendersi e l'arma per apprendere, ri-cantare il mondo, illuminarlo, ricordarlo.

Volontariamente didattico, il film disegna l'assurdità dell'oppressione patriarcale già denunciata nei Tre volti di Jafar Panahi, ma se il regista iraniano racconta la lotta delle donne in Iran contro il conservatorismo religioso al fine di accedere a delle professioni artistiche, la sorte delle donne afghane è ancora più funesta. Lavorare, parlare, comprare un sacco di riso o dei medicinali diventa un atto fuori legge, l'esterno è interdetto.

La casa per Parvana e le altre diventa una prigione. Il loro spazio si riduce a povere stanze e il loro ritmo è scandito da una ripetizione di gesti, sempre gli stessi. Anche i corpi sono (rin)chiusi dietro le maglie di un burqa. Senza uomini, i soli autorizzati a misurare la strada, a parlare e a lavorare, la sopravvivenza della famiglia è in pericolo. Ma Parvana ha una rivelazione, si guarda allo specchio e trova una faglia nella logica del totalitarismo talebano. Sospesa tra due età, le è sufficiente tagliare i capelli per cambiare genere, eludere la vigilanza, raggiungere il mondo e diventare la fonte di sostentamento della sua famiglia.

Prudente e pudico, I racconti di Parvana prende il suo soggetto sul serio e restituisce il dramma di un paese alla viglia della guerra, mantenendosi ad altezza di bambino senza essere mai ingenuo. Ed è probabilmente la gravità del suo proposito a cristallizzare il film in una messa in scena oculata che non riesce a rischiare, andare oltre la storia per sondare qualcosa di più grande e atemporale. Tranne il tempo di qualche favola dove la teatralità della mitologia sublima il dramma anonimo e terribile della guerra.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
La cultura e le tradizioni contro la brutalità talebana.
Overview di Massimiliano Carbonaro
giovedì 5 settembre 2019

La cultura rappresentata dalla capacità di leggere e scrivere e la forza dei racconti che affondano le loro radici nelle tradizioni sono le armi con cui Parvana si difende e difende la sua famiglia nel delicato film d'animazione I Racconti di Parvana. La potenza sovversiva del sapere contrapposto alla stolida brutalità del regime talebano e degli uomini che vi hanno aderito è il tema conduttore di un film che mette al centro la risoluta battaglia di una ragazzina di 11 anni a Kabul.

Il film d'animazione I Racconti di Parvana prodotto da Angelina Jolie è tratto dal romanzo 'The Breadwinner' pubblicato in Italia con il titolo 'Sotto il burqa' firmato da Deborah Ellis. Il racconto fa parte di una serie che prevede i volumi 'Il viaggio di Parvana' e 'Città di fango' tutti pubblicati da Fabbri editore per quella che è chiamata 'La trilogia del burqa'.

Le difficoltà per sopravvivere in una Kabul devastata soprattutto se non sei uomo spingono Parvana a tagliarsi i lunghi capelli e travestirsi da ragazzi per cercare di aiutare la famiglia rimasta senza una presenza maschile nel momento in cui viene arrestato il padre. La piccola incomincia, quindi, a lavorare al mercato insieme ad una sua amica, anche lei vestita da ragazzo, e per guadagnare qualche soldo impartisce anche lezioni insegnando a leggere e scrivere persino a un ragazzo talebano dimostratosi più gentile degli altri.

Per alleviare i momenti più tristi - uno degli episodi più forti del film diretto da Nora Twomey, che ha il suo principale riferimento nel gioiellino Persepolis, vede la madre picchiata dai talebani - Parvana comincia a raccontare ai presenti la storia di un ragazzo che viene derubato da alcuni mostri comandati dal Re Elefante, il più terribile dei demoni, dei semi della frutta e della verdura necessari per la coltivazione.

Così il ragazzo parte consigliato da una maga alla ricerca di tre oggetti magici che permettano di sconfiggere il Re Elefante. In questo modo la vicenda di Parvana e l'avventura del ragazzo contro i mostri si intrecciano recuperando quelle storie ricche di folklore e tradizioni che il padre, un insegnante prima dell'arrivo dei talebani, le raccontava da piccola.

Nonostante i momenti fantastici, la rappresentazione della realtà dell'Afghanistan di questi anni e delle difficoltà di crescere all'epoca dei talebani è drammaticamente realistica grazie anche ai disegni di Reza Riahi e Ciaran Duffy. Non deve, infine, stupire che la materia del film derivi da un libro scritto da un'autrice canadese. Deborah Ellis, che ha anche contribuito alla sceneggiatura, ha trovato ispirazione per il suo lavoro dopo un'esperienza in un campo di rifugiati afghani in Pakistan.

Sei d'accordo con Massimiliano Carbonaro?
I RACCONTI DI PARVANA - THE BREADWINNER
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
Rakuten tv
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 28 novembre 2019
Marina Visentin
Cult Week

A Kabul, nell'Afghanistan sotto il dominio talebano, alle donne non è permesso uscire di casa senza un uomo che le accompagni, neppure sepolte sotto un burqa, neppure per procurarsi il cibo quotidiano o comprare medicinali indispensabili. Persino una bambina come Parvana viene guardata con sospetto e punita per il solo fatto di essere nata femmina. E suo padre - un veterano di guerra, che ha perso [...] Vai alla recensione »

martedì 26 novembre 2019
Roselina Salemi
Tu Style

Parvana, undicenne afghana, si traveste da ragazzo per cercare il padre arrestato dai talebani (reato: le ha insegnato a leggere e scrivere). Parvana è la nuova causa di Angelina Jolie, produttrice di un racconto didattico animato sui diritti delle donne. Da ricordare i tristi record afghani: le morti di parto e il lungo elenco di "martiri". Da Tu Style, 26 novembre 2019

martedì 26 novembre 2019
Alice Cucchetti
Film TV

Raccontami una storia: l'irlandese Nora Twomey (in solitaria dopo la co-regia di The Secret of Kells) ne sceglie una apparentemente lontana, tratta da Sotto il burqa, primo bestseller che Deborah Ellis ha scritto raccogliendo testimonianze di rifugiati afghani. È la storia di Parvana: quella fiabesca che la bambina racconta e si racconta tra le strade della Kabul talebana e che sullo schermo prende [...] Vai alla recensione »

lunedì 25 novembre 2019
Antonio D'Onofrio
Sentieri Selvaggi

I racconti di Parvana - The Breadwinner, il film d'animazione di Nora Twomey, è tratto dal bestseller di Deborah Ellis ed è prodotto da Angelina Jolie. L'attrice a conferma del suo impegno in prima fila nella solidarietà, in passato ha rivestito la carica di inviato speciale dell'Onu per i rifugiati, sceglie di finanziare un film ambientato in Afghanistan, anno 2001, poco prima dell'inizio di una guerra [...] Vai alla recensione »

venerdì 22 novembre 2019
Peter Bradshaw
The Guardian

Questo coinvolgente film d'animazione trasmette una grande pacatezza. Parvana è una ragazza di Kabul, nell'Afghanistan che dopo l'invasione sovietica è sotto il controllo soffocante dei taliban. Dopo l'arresto del padre, nella famiglia di Parvan non ci sono più uomini in età lavorativa e così la ragazza si taglia i capelli e si finge un maschio per poter guadagnare qualche soldo.

NEWS
POSTER
lunedì 18 novembre 2019
 

C'era una volta Parvana, una bambina che voleva salvare suo padre, imprigionato dai talebani perché insegnava a sua figlia a leggere e a scrivere. Nel regno oscuro dei fondamentalisti islamici afghani, Parvana taglia i suoi lunghi capelli e indossa gli [...]

TRAILER
venerdì 15 novembre 2019
 

Il film uscirà al cinema lunedì 25 novembre, in occasione della Giornata per l’eliminazione della violenza contro le donne. Guarda il trailer »

NEWS
mercoledì 6 novembre 2019
 

Prodotto da Angelina Jolie e dai creatori del candidato al premio Oscar The Secret of Kells e La canzone del mare, il film è tratto dal bestseller di Deborah Ellis. Vai all'articolo »

OVERVIEW
giovedì 5 settembre 2019
Massimiliano Carbonaro

Prodotto da Angelina Jolie, il film è tratto dal bestseller 'Sotto il burqa' di Deborah Ellis. Dal 25 novembre al cinema. Vai all'articolo »

NETFLIX
domenica 17 giugno 2018
Francesca Ferri

A Kabul mentre l'esercito talebano e i jet statunitensi conducono una guerra ad armi impari, la piccola Parvana è costretta a fingersi maschio per prendersi cura della propria famiglia. Parvana ha solo undici anni e vive con la madre, la sorella maggiore, [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati