Vizio di forma

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Vizio di forma   Dvd Vizio di forma   Blu-Ray Vizio di forma  
Un film di Paul Thomas Anderson. Con Joaquin Phoenix, Katherine Waterston, Eric Roberts, Josh Brolin, Benicio Del Toro.
continua»
Titolo originale Inherent Vice. Commedia, Ratings: Kids+16, durata 148 min. - USA 2014. - Warner Bros Italia uscita giovedì 26 febbraio 2015. - VM 14 - MYMONETRO Vizio di forma * * * 1/2 - valutazione media: 3,53 su 56 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
peer gynt giovedì 26 febbraio 2015
le indagini folli del detective hippy Valutazione 2 stelle su cinque
77%
No
23%

Intendiamoci subito: a cercarle con il lanternino, potremmo anche trovare nel film tutte le tematiche tipiche della filmografia del regista Anderson. Ma in realtà siamo di fronte ad un film letterario (che nessuno puo' negare sia un genere filmico vero e prorpio), e per giunta un film letterario tratto da un romanzo di Thomas Pynchon, narratore fra i più intraducibili in pellicola. E infatti questa è la prima pellicola tratta da un'opera di Pynchon. Detto questo, chi va a vedere il film non si aspetti una vicenda chiara e lineare, facile da seguire, appassionante. La trama è labirintica e sfuggente, lo stile della sceneggiatura letterario, la pesantezza è assicurata. [+]

[+] bravo peer gynt (di lucinda)
[+] lascia un commento a peer gynt »
d'accordo?
adelio lunedì 2 marzo 2015
quando le parole diventano lessico dell'immagine Valutazione 4 stelle su cinque
82%
No
18%

Spesso il cinema si limita ad essere la mera illustrazione di una storia (tratta da un romanzo) e "Vizio di Forma" fortunatamente non lo è. In realtà Anderson usa una sceneggiatura ma al solo fine di distruggerla, sembra optare decisamente per le riprese, abbandonando l'origine letteraria della storia. Le parole sono parole, non immagini...la loro scelta lessicale non è casuale.. il testo deve servire x essere "distrutto" e guadagnare "libertà". Oh si..la stessa libertà che si respirava tra gli anni'60 e'70 in un'America semplice, sicura, certa del proprio ruolo nel mondo e dell'obiettivo da raggiungere. Quale migliore occasione se non quella di un NOIR per trasmettere questo clima, sfruttando un tipico filone cinematografico espressionista dai toni cupi e senza compromessi:Bene-Male. [+]

[+] lascia un commento a adelio »
d'accordo?
teofac sabato 28 febbraio 2015
due ore di trip Valutazione 4 stelle su cinque
77%
No
23%

Premesso che è il primo film di P.T Anderson che vado a vedere,che dire: un film psichedelico,ambientatro negli anni 70 dove la droga di ogni tipo regnava sovrana nella vita degli hippy fricchettoni. Tutta la storia si basa sulla ricerca da parte del detective privato Doc Sportello di un magnate dell'edilizio scomparso,quest'ultimo amante dell' ex di Doc ,Shasta Fey, del quale il detective è ancora innammorato. Si può dire che in linea di massima le indagini di Doc seguano un filo logico durante tutto il film,ma sono tutte le piccolezze e le informazioni in più a rendere il film un vero "casino" ,in tutti i sensi, a volte non sono riuscito a seguire certe scene. [+]

[+] lascia un commento a teofac »
d'accordo?
valerypto sabato 28 febbraio 2015
il grande lebowski secondo paul thomas anderson Valutazione 4 stelle su cinque
82%
No
18%

Vizio di Forma, titolo originale: Inherent Vice, è il tentativo di Paul Thomas Anderson di riscrivere un viaggio, di divertirsi. Anche se non abbandona mai il suo stile, la sua scrittura ponderata e ben calibrata, la sua regia fatta di primi piani. Più di una volta, prova a mettere KO lo spettatore con trovate assolutamente incredibili, degli scatti (di idee e di camera) che hanno dello psichedelico. E non si capisce mai davvero, mai cosa sia reale e cosa no. Se le voci che sentiamo sono voci di persone vere, oppure se sono solo il frutto dell’ennesimo trip di Doc. Nel 1970 quella era la realtà, mentre molte persone osservavano il sogno Californiano del ritorno alla natura che lasciava il posto agli affaristi terrieri ed ai costruttori edili. [+]

[+] lascia un commento a valerypto »
d'accordo?
andrea cmt domenica 8 marzo 2015
un mezzo passo falso Valutazione 2 stelle su cinque
83%
No
17%

Cosa rimane dei 148 minuti di Vizio di Forma? L'incertezza è tra l'abbronzatura di Joaquin Phoenix e la mascella di Josh Brolin, che ricordavamo essere meno volitiva, ma forse scegliamo la biondina che si offre in pasto al detective cannabinoide. Perchè alla resa dei conti nell'ultima opera di P.T. Anderson (che confondo spesso con l'omonimo Wes, perdonatemi) non c'è una cosa che funzioni: la sceneggiatura è ingarbugliata per usare un eufemismo, i personaggi sono delineati male e mancano di spessore, i dialoghi hanno qualche guizzo ma necessitavano di maggiore ironia (dato il contesto), il ritmo è blando e sonnacchioso (molti in sala dormivano), la regia sorprendentemente piatta e lineare, mentre anche qualche superfluo (ma non in questo caso) virtuosismo tecnico avrebbe quantomeno risollevato la diegesi di un film prolisso e sconclusionato, senza tuttavia salvare la baracca. [+]

[+] lascia un commento a andrea cmt »
d'accordo?
bruce harper venerdì 11 settembre 2015
un'opera politica mascherata da noir. Valutazione 4 stelle su cinque
77%
No
23%

Non è facile trovare la quadra di ‘Vizio di forma’ se A) non si è letto il libro o B) non si ha un minimo di infarinatura della ‘New Hollywood’ degli anni 70 per cui gli assi cartesiani di tutta la corrente erano nostalgia & paranoia. Esattamente i due binari su cui si muove l’opera di Anderson che sotto una crosta sgangherata di eccessi farseschi e virtuosismi stilistici nasconde un cuore tragico e politico: il crollo disastroso di un’epoca in cui libertà e spontaneità cedono il passo ad autocontrollo e calcolo capitalistico. Ma il ‘vizio intrinseco’ a mio avviso (e non il ‘vizio di forma’ come erroneamente ma comprensibilmente tradotto) è la molecola di caos che giocoforza si nasconde dietro qualunque sistema basato su ordine e repressione (paranoia) e che basta da sola a far crollare lo status quo lasciando una flebile speranza per un ritorno al reale, essenziale ed autentico (nostalgia). [+]

[+] bravooooooooooooooooooo (di francesco2)
[+] lascia un commento a bruce harper »
d'accordo?
zarar martedì 10 marzo 2015
ha un difetto intrinseco: è noioso Valutazione 2 stelle su cinque
75%
No
25%

Forse solo un amatore sfegatato di un genere che potremmo chiamare hippy-noir, nonché dello stile e delle paranoie di Thomas Pynchon, l’autore postmoderno americano al cui romanzo “Inherent vice” (2009) il film si ispira, è probabilmente capace di riempire con la sua dedizione e la sua buona volontà i tanti difetti di questo lungo e scombiccherato film. Ti aspetti un noir? Forget it. Nonostante i mille intrighi, la trama gialla è solo un pretesto, la cui debole tensione ti tiene sveglio a fatica per le due ore e mezza del film e non ti offre neppure un convincente scioglimento finale.  Ti aspetti che il personaggio-chiave, Doc Sportello,  il detective destinato a ricoprire – bene o male – la figura dell’eroe in un mondo di corruzione, sette criminali, droga e mafie, ecc. [+]

[+] lascia un commento a zarar »
d'accordo?
jaylee martedì 3 marzo 2015
un thriller tanto fumo (e poco arrosto) Valutazione 1 stelle su cinque
71%
No
29%

Paul Thomas Anderson, regista semi-mitologico di Boogie Nights, Magnolia e Il Petroliere porta sullo schermo Thomas Pynchon, scrittore complesso come pochi nel panorama letterario USA, con un romanzo di qualche anno fa, ambientato nei lisergico 1970. Il detective hippie Larry “Doc” Sportello viene incaricato dalla sua ex, di ritrovare la sua nuova fiamma, il ricco magnate immobiliare Wolfman. Rimane invischiato in una storia di poliziotti reazionari, cartelli della droga integrati come corporazioni, servizi segreti, sette orientali, movimenti hippie, fratellanze arianei e chi più ne ha più ne metta… In effetti il film di Anderson si presenta, in pieno stile 70s come un viaggio psichedelico lungo 2h30’, oscillando tra la farsa e il thriller. [+]

[+] lascia un commento a jaylee »
d'accordo?
jackiechan90 martedì 10 marzo 2015
il vizio di forma di anderson Valutazione 2 stelle su cinque
78%
No
22%

Ultimo film di Paul Thomas Anderson, facente parte di una possibile trilogia con i precedenti “Il petroliere” e “The Master” sulla storia e le contraddizioni degli USA, la pellicola ha decisamente diviso la critica tra detrattori e sostenitori. Il motivo sta nella demarcazione netta tra due livelli di visione del film: quello stilistico-formale e quello narrativo che non sempre sembrano coincidere all'interno della pellicola. Da un lato abbiamo una regia fatta di piani-sequenza estremamente elaborati e uniti a una colonna sonora che ben si adatta alle immagini e fa da ulteriore filtro della storia, scegliendo canzoni simbolo degli anni 70, insieme a una fotografia eccezionale saturata all'inverosimile dove colori caldi e freddi sono ben distinti tra loro. [+]

[+] lascia un commento a jackiechan90 »
d'accordo?
alex2044 lunedì 9 marzo 2015
avrebbe potuto essere un capolavoro ma ........... Valutazione 3 stelle su cinque
83%
No
17%

Queso film ha tutto per essere un gran film . E' ben girato, ben ambientato con interpreti molto bravi ed un protagonista fenomenale . Il film è simpatico ,intelligente ,spiritoso però c'è un ma che non gli permette di esserlo . Questo ma è rappresentato da un andamento a sbalzi con alcune scene strepitose ed altre modeste quasi che il regista avesse voluto che non solo la storia ed i personaggi fossero sopra le righe ma che lo fosse anche la sua regia . La durata ,forse eccessiva , non disturba più di tanto anche perchè la seconda parte è senz'altro meglio della prima . Quindi il motivo per cui il film non è stato quello che avrebbe potuto essere mi rimane misterioso. [+]

[+] lascia un commento a alex2044 »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 »
Vizio di forma | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Emanuele Sacchi
Pubblico (per gradimento)
  1° | peer gynt
  2° | adelio
  3° | teofac
  4° | valerypto
  5° | andrea cmt
  6° | bruce harper
  7° | zarar
  8° | jaylee
  9° | jackiechan90
10° | alex2044
11° | ultimoboyscout
12° | catcarlo
13° | storie di cinema
14° | killbillvol2
15° | dhany coraucci
16° | flyanto
17° | alexander 1986
18° | francirano
19° | iuriv
20° | cinemaniac98official
21° | liuk!
22° | ginger crouton
23° | sia21
24° | francesco2
25° | kondor17
26° | vincenzo ambriola
27° | gumbus
28° | howlingfantod
Premio Oscar (2)
Golden Globes (1)
Critics Choice Award (3)


Articoli & News
Approfondimenti
la dittatura dei seventies
Incontri
e il 1969
Libri
il libro
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 |
Link esterni
Sito ufficiale
Facebook
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità