Vizio di forma

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Vizio di forma   Dvd Vizio di forma   Blu-Ray Vizio di forma  
Un film di Paul Thomas Anderson. Con Joaquin Phoenix, Katherine Waterston, Eric Roberts, Josh Brolin, Benicio Del Toro.
continua»
Titolo originale Inherent Vice. Commedia, Ratings: Kids+16, durata 148 min. - USA 2014. - Warner Bros Italia uscita giovedý 26 febbraio 2015. - VM 14 - MYMONETRO Vizio di forma * * * 1/2 - valutazione media: 3,53 su 57 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Un'opera politica mascherata da noir. Valutazione 4 stelle su cinque

di Bruce Harper


Feedback: 1664 | altri commenti e recensioni di Bruce Harper
venerdý 11 settembre 2015

Non è facile trovare la quadra di ‘Vizio di forma’ se A) non si è letto il libro o B) non si ha un minimo di infarinatura della ‘New Hollywood’ degli anni 70 per cui gli assi cartesiani di tutta la corrente erano nostalgia & paranoia. Esattamente i due binari su cui si muove l’opera di Anderson che sotto una crosta sgangherata di eccessi farseschi e virtuosismi stilistici nasconde un cuore tragico e politico: il crollo disastroso di un’epoca in cui libertà e spontaneità cedono il passo ad autocontrollo e calcolo capitalistico. Ma il ‘vizio intrinseco’ a mio avviso (e non il ‘vizio di forma’ come erroneamente ma comprensibilmente tradotto) è la molecola di caos che giocoforza si nasconde dietro qualunque sistema basato su ordine e repressione (paranoia) e che basta da sola a far crollare lo status quo lasciando una flebile speranza per un ritorno al reale, essenziale ed autentico (nostalgia).

Il concetto stesso di contro-cultura è per definizione un vizio intrinseco ma non credo sia il movimento hippy il vero candidato alla palingenesi, non nella visone del regista almeno. Rispetto alla filosofia del libro il film di Anderson accelera sul piano dei sentimenti riducendo il conflitto politico di Pynchon ad una malinconica danza identitaria e umanista. La fuga lisergica di una generazione nasconde in realtà la ricerca di un habitat, affettivo, spirituale e familiare. E solo nei sentimenti e negli affetti veri, genuini, autentici, l’autore sembra ravvisare quei valori astorici, laici e irriducibili, non subordinabili a una dottrina, convertibili a un sistema, manipolabili da un’ideologia, da cui partire per costruire la rinascita.
La trama è ovviamente un giocattolone, un pretesto, un diversivo (al pari delle droghe) come lo è da sempre in qualsiasi noir del’età classica in cui i personaggi non sono dei costrutti funzionali a un intreccio che li alimenta e giustifica ma, al contrario, vivono di vita propria trovando peso e identità nel rapporto sotterraneo tra l’Io e gli altri, tra l’io e l’ambiente, tra l’io e la propria ricerca personale. Non meravigliamoci quindi se ci ritroviamo a fine film con il classico cerino in mano e l’amara sensazione di essere mentalmente marci e compromessi. Perché in questa partita autoreferenziale e meta-testuale Pynchon e Anderson non si limitano a giocare con gli schemi della costruzione drammaturgica ma con gli spettatori stessi, le ‘porte della percezione’ e i meccanismi sottesi alla comprensione cognitiva. Attenzione, ci ammoniscono, quello a cui state assistendo è un grande bluff, una truffa, una finzione, ma la differenza tra il nostro racconto e le narrazioni che vi propinano ogni giorno (i media, la pubblicità, le istituzioni) è che noi lo facciamo in maniera dichiarata non subdola, ci autodenunciamo, perché il nostro non è un mezzo per controllarvi, per distrarvi, ma tuttalpiù per aprire gli occhi, oltrepassare la superficie e guardare quello che c’è sotto, il fine dietro il mezzo, la tragedia dietro la farsa, la verità dietro la menzogna, e mettere questa consapevolezza al servizio della vostra causa, qualunque essa sia.
In fin dei conti si tratta di una logica politica e per certi versi militante, un richiamo alle armi, che in Pynchon si trasforma in romanzo civile e sociale e in Anderson in un nostalgico ma spassosissimo lungo addio. 

[+] lascia un commento a bruce harper »
Sei d'accordo con la recensione di Bruce Harper?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
77%
No
23%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
francesco2 mercoledý 11 novembre 2015
bravooooooooooooooooooo
0%
No
0%

........................

[+] grazie mille (di bruce harper)
[+] lascia un commento a francesco2 »
d'accordo?

Ultimi commenti e recensioni di Bruce Harper:

Vizio di forma | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Emanuele Sacchi
Pubblico (per gradimento)
  1░ | peer gynt
  2░ | adelio
  3░ | teofac
  4░ | valerypto
  5░ | andrea cmt
  6░ | bruce harper
  7░ | zarar
  8░ | jaylee
  9░ | jackiechan90
10░ | alex2044
11░ | ultimoboyscout
12░ | catcarlo
13░ | storie di cinema
14░ | killbillvol2
15░ | dhany coraucci
16░ | flyanto
17░ | alexander 1986
18░ | francirano
19░ | iuriv
20░ | cinemaniac98official
21░ | liuk!
22░ | ginger crouton
23░ | sia21
24░ | francesco2
25░ | kondor17
26░ | vincenzo ambriola
27░ | gumbus
28░ | howlingfantod
Premio Oscar (2)
Golden Globes (1)
Critics Choice Award (3)


Articoli & News
Approfondimenti
la dittatura dei seventies
Incontri
e il 1969
Libri
il libro
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 |
Link esterni
Sito ufficiale
Facebook
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedý 22 giugno
Cosa sarÓ
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità