Fratellanza - Brotherhood

Acquista su Ibs.it   Dvd Fratellanza - Brotherhood   Blu-Ray Fratellanza - Brotherhood  
Un film di Nicolo Donato. Con Thure Lindhardt, David Dencik, Nicolas Bro, Morten Holst, Claus Flygare.
continua»
Titolo originale Broderskab. Drammatico, durata 90 min. - Danimarca 2009. - Lucky Red uscita venerdì 2 luglio 2010. - VM 14 - MYMONETRO Fratellanza - Brotherhood * * 1/2 - - valutazione media: 2,67 su 34 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
superj lunedì 5 luglio 2010
elegantemente crudele Valutazione 4 stelle su cinque
91%
No
9%

Dovrebbero proiettarlo nelle scuole, nei cineforum, per fa vedere, per cercare di far capire ai tanti ragazzi che disegnano una svastica sullo zaino senza sapere cosa vuol dire, alle tante persone che si permettono di giudicarne altre in base al loro orientamento sessuale. Un film pieno di amore, ma soprattutto, nonostante la cattiveria che lega quelle persone, molto dolce. Bella la fotografia, riesce perfettamente a comunicare la freddezza dei luoghi e delle menti di questo gruppo di "fratelli" persi nei loro deliri storici e perversi. Commossa per l'elengaza dell'approcio fisico tra i due protagonisti, l'amore non ha categorie..

[+] intenso ed elegante (di anja1)
[+] troppo in superficie (di twoems)
[+] lascia un commento a superj »
d'accordo?
he wore blue velvet
brotherhood, un film sulla bellezza Valutazione 3 stelle su cinque
77%
No
23%

"Sei bello" dice Jimmy al ragazzo in mutande di fronte a lui. Poi inizia a pestarlo. Sembrano parole quasi vere a sentirle pronunciare così, al buio, nel silenzio più totale, poi rotto dal suono della violenza. Ciò che appare davanti agli occhi spinge a chiedersi quale sia il reale significato di tutto ciò. Che cosa sia realmente la "fratellanza" che dà nome al film, che cosa ci sia alla base di una confraternita neonazista, comunità fondata sull'odio. Il sociologo Max Weber differenziava la comunità dalla società definendola come un gruppo di individui il cui agire si basava su un sentimento di comune appartenenza. La realtà che ci appare del film si discosta però da questa teoria. Ciò che il regista ci mostra, è la vera natura di coloro che compongono una struttura malata come un gruppo neonazista. [+]

[+] lascia un commento a he wore blue velvet »
d'accordo?
zerihun
una regia sensibile e di una crudezza spiazzante Valutazione 4 stelle su cinque
83%
No
17%

Lars, un giovane sergente dell’esercito danese, decide di abbandonare la carriera militare in seguito ad una mancata promozione, ed entra in contatto con un movimento neo-nazista responsabile di una serie di raid contro stranieri e omosessuali. Nonostante il suo iniziale scetticismo, Lars sceglie comunque di diventare un membro del gruppo; qui conosce Jimmy, un ragazzo dal carattere irruento ed aggressivo… Brotherhood - FratellanzaLa storia di una passione proibita che esplode nella situazione più inaspettata ed improbabile: “Brotherhood”, primo lungometraggio del regista danese Nicolo Donato, si presenta come un atipico racconto sentimentale intrecciato con tematiche di scottante attualità, non ultima la diffusione di focolai neo-nazisti in cerca di proseliti fra i giovani del Nord Europa. [+]

[+] lascia un commento a zerihun »
d'accordo?
maxsanta domenica 18 luglio 2010
crudo, forte, maschio, semplice, vero. Valutazione 4 stelle su cinque
85%
No
15%

Crudo, forte, maschio, semplice, vero. Un film per niente intellettuale anzi oserei dire “carnale”, che colpisce allo stomaco lo spettatore quanto serve e conquista il cuore quanto può; dialoghi oltre misura semplici e minimali che lasciano a frequenti e ostentati silenzi, a corpi sempre in tensione e a sguardi vividi il compito di comunicare. Protagonista indiscusso il conflitto interiore, matrice costituente dell’omosessuale in divenire, e il conflitto sociale del rifiuto del diverso, entrambi calati in una Danimarca inaspettata, fatta di triste conformismo, ignoranza e violenza, il tutto nel quadro di contemporanee aggregazioni neonaziste. Altro contesto forse non avrebbe potuto essere trattandosi di un nord europa che ormai da tempo dovrebbe aver fatto i conti con la tematica omosessuale in sé. [+]

[+] lascia un commento a maxsanta »
d'accordo?
renato volpone venerdì 9 luglio 2010
che bel film Valutazione 4 stelle su cinque
77%
No
23%

Il film è struggente, adatto anche ad un pubblico che non ama i film violenti, è una storia d'amore e di possibilità, di speranza che non sfiorisce mai, una condanna della violenza gratuita e provocata. Gli attori esprimono con intensità il proprio personaggio calandosi perfettamente nella parte, tutti. Il finale non nasconde la possibilità che ci possa essere per tutti un mondo migliore. Assolutamente da vedere

[+] lascia un commento a renato volpone »
d'accordo?
ralphscott domenica 11 luglio 2010
gran bel film d'amore Valutazione 4 stelle su cinque
80%
No
20%

Pugni nello stomaco sullo schermo ed in pancia allo spettatore. Forti sentimenti descritti con onestà e partecipazione,per un esito riuscitissimo,emozionante,erotico,commovente. E smettiamola di cercare il pelo nell'uovo:che senso ha parlare di scelte scontate sul mondo nazi? Il regista è evidentemente interessato al phatos tra i due ragazzi,pertanto non ha senso aspettarsi approfondimenti sul gruppo di estremisti. E poi,siam sicuri che esista qualcosa sotto la superficie di quegli individui? Essi parlano di cose secondo- e contro-natura,unico modo per argomentare i "pensieri" dei loro cervellini fritti. Mi ricorda qualcuno che abita a Roma,in una torre d'avorio,zavorra per l'intera società civile italiana,e non solo.

[+] lascia un commento a ralphscott »
d'accordo?
cilicchia
un amore che vince sulla violenza e sulle paure Valutazione 3 stelle su cinque
78%
No
22%

Ho visto il film in anteprima all’Auditorium Parco della Musica di Roma il 22 giugno, alla quale era presente anche il regista. Inizialmente ero scettica, pensavo di trovarmi di fronte ad un “deja vu”, ma pian piano il film mi ha coinvolto e piacevolmente emozionato. Scene forti e non parlo di quelle di sesso, ma di violenza gratuita verso persone indifese. Brotherhood è una storia d’amore, è la ricerca della propria identità all’interno di un contesto nazista. I due uomini sono coinvolti in una segreta storia d'amore, ma un simile amore proibito non può restare impunito nei circoli fascisti, nonostante tutte le regole vietino tali relazioni, l’amore e l’attrazione fisica tra i due è così forte che non possono reprimerla. [+]

[+] lascia un commento a cilicchia »
d'accordo?
astromelia sabato 27 novembre 2010
centrato ed essenziale Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

il film riesce ad interessare laddove non ci si aspetta,e cioè su tematiche come omosessualità e neo-nazismo sulle quali si pensa di aver assimilato da tempo l'origine e l'ideologia,ben costruito ,la storia risulta essenziale senza sbavature,bravi gli attori,semmai il finale lascia tutto  sospeso,andranno o staranno?...

[+] lascia un commento a astromelia »
d'accordo?
legolas84
un sentimento che sconfigge qualsiasi ideologia Valutazione 3 stelle su cinque
67%
No
33%

Due piccole S tatuate sul collo come segno di riconoscimento, il cranio rasato, una grande aquila uncinata sulla schiena, sul tavolino il Mein Kampf di Hitler e ripiegate, pronte all'uso dei raduni, le bandiere del Terzo Reich. L'apparenza a volte può ingannare se dietro i raid punitivi al centro rifugiati o alla comunità di pachistani, dietro le parole dure - quello "sporco frocio" ossessivamente ripetuto come intercalare al pub - batte un cuore. E se il cuore batte forte da un uomo per un altro uomo, tradendo ogni regola, prima fra tutte quella di non violare 'la legge di natura', è dramma vero. Al Festival internazionale del cinema di Roma 2009, è arrivato, Brotherhood, opera prima dell'italo danese Nicolo Donato, una storia ambientata nel mondo neo-nazista in Danimarca. [+]

[+] lascia un commento a legolas84 »
d'accordo?
zampanò
racconto universale sul tema della diversità Valutazione 2 stelle su cinque
58%
No
42%

Spesso si discute dei film solo a partire dagli scottanti temi trattati (o evocati) e, molto frequentemente, chi ne parla è il primo a non aver visto l'opera al centro dell'attenzione. Neo-nazismo, omosessualità e il legame tra i due fenomeni sono tematiche presenti nel film d'esordio del regista danese di italiche origini, Nicolo Donato. Drammaturgia e messa in scena aiutano però a capire dove il giovane regista ha maggiormente riposto la propria attenzione. La relazione illecita tra due uomini e l'impossibilità di mostrarsi ed accettarsi come dei “diversi” in un mondo di “uguali” rappresentano il vero nucleo della storia. Personaggi e luoghi sono però precisamente caratterizzati e per capire ciò che il regista ha (volontariamente?) lasciato in secondo piano è necessaria una visione d'insieme. [+]

[+] lascia un commento a zampanò »
d'accordo?
pagina: 1 2 »
Fratellanza - Brotherhood | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Gabriele Niola
Pubblico (per gradimento)
  1° | superj
  2° | he wore blue velvet
  3° | zerihun
  4° | maxsanta
  5° | renato volpone
  6° | ralphscott
  7° | cilicchia
  8° | zampanò
  9° | legolas84
10° | astromelia
11° | bettyboh
12° | mark hollis
13° | paola_alioto
14° | stefanosantoli
15° | marco capraro
16° | ultimoboyscout
17° | gagnasco
18° | lukemc67
19° | brian77
Roma Film Festival (1)


Articoli & News
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 |
Link esterni
Sito italiano
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 2 luglio 2010
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità