Franklyn

Film 2008 | Drammatico, 98 min.

Regia di Gerald McMorrow. Un film con Eva Green, Ryan Phillippe, Sam Riley, Bernard Hill, Jay Fuller, Art Malik. Cast completo Genere Drammatico, - Francia, Gran Bretagna, 2008, durata 98 minuti. Uscita cinema venerdì 17 aprile 2009 distribuito da Mediafilm . - MYmonetro 2,91 su 1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Franklyn tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento lunedì 1 giugno 2009

Ambientato simultaneamente nella Londra contemporanea e in un'ipotetica metropoli del futuro dominata dal fervore religioso, il film racconta la storia dei destini di quattro anime perdute, divise da due mondi paralleli. In Italia al Box Office Franklyn ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 510 mila euro e 265 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
2,91/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA
PUBBLICO 2,82
CONSIGLIATO SÌ
Scheda Home
Critica
Premi
Cinema
Trailer
Quattro personaggi in azione in due mondi paralleli descritti con efficacia.
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 17 aprile 2009
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 17 aprile 2009

Londra ai giorni nostri. Meanwhile City, una città gotica in cui il buio domina. È tra queste due locations che si sviluppano le vicende dei quattro protagonisti le cui vite finiscono con l'intrecciarsi. Si tratta di Philippe che, nel mondo fantastico di Meanwhile è una sorta di detective-vigilantes unico ateo in una società in cui una fede decisamente bizzarra è stata imposta a tutti dal Potere. Gli altri tre agiscono nella capitale britannica: Amelia una giovane donna esperta in performance suicide, Milo malato d'amore e Peter che è alla ricerca del figlio senzatetto.
Non è bene raccontare di più della trama di Franklyn per lasciare al pubblico il gusto di scoprire un film britannico a basso budget che è però in grado, grazie alla genialità del regista/sceneggiatore Gerald McMorrow (qui al suo esordio nel lungometraggio) e alla lungimiranza del produttore Jeremy Thomas (L'ultimo Imperatore, e quel The Dreamers che fece conoscere al mondo Eva Green), di proporre un film che si colloca degnamente in quel filone che rappresenta mondi liminari che finiscono con l'interfacciarsi.
I debiti con i predecessori (da Blade Runner a V per vendetta) ci sono e non vengono occultati. Così come il richiamo al noir di matrice chandleriana con la classica voice-over che verrà utilizzata con ampia libertà nel corso del film. C'è però anche la voglia di misurarsi con tematiche attuali come la depressione, il suicidio, la schizofrenia, la mancanza di un tetto in un contesto scenografico che non ha nulla da invidiare a film con disponibilità molto più ampie.
Il rischio/vantaggio sta nella sceneggiatura che chiede allo spettatore di 'lavorare' sul film così come lo si chiedeva agli spettatori di Matrix. Ci può essere chi non desidera farlo ma chi si lascerà prendere dal desiderio di 'scoprire' e comprendere connessioni e rinvii tra i due universi paralleli scoprirà di aver tenuto i neuroni in buon esercizio.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Sedotti dai bugiardi manifesti pubblicitari, magari prima di averlo visto, l'hanno spacciato per un thriller fantapolitico, un capitolo del filone distopico in cui si anticipa il futuro indesiderabile di un presente negativo per sviluppo tecnocratico o eccesso di controllo statale. È, invece, un'opera prima d'autore, prodotta da Jeremy Thomas, figura di primo piano del cinema eurobritannico. L'azione si svolge su 2 livelli che si alternano: la Londra contemporanea e una fantastica Città di Mezzo (in inglese Meanwhile City), dominata da un pittoresco caos stradale e da una rigida teocrazia dove i poliziotti (in costumi ottocenteschi) arrestano come presunti criminali chiunque non pratichi un rito religioso. I 4 personaggi principali del livello realistico, angosciati da drammi familiari, hanno il loro doppio (con nomi diversi) in quello di SF. Solo alla fine i piani narrativi si sovrappongono e lo spettatore apprende come stanno le cose. Sebbene abbia, come sceneggiatore, più di un intoppo nella dialettica tra i 2 piani narrativi e indulga qua e là in bellurie estetizzanti, McMorrow ha un indubbio talento. Tra gli attori lascia il segno per intensità nevrotica Eva Green, lanciata da Bertolucci in The Dreamers (2003).

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 19 aprile 2009
neanide

L'incedere apparentemente incomprensibile crea disagio e disappunto in chi lo guarda:nella sala ho visto gente che alzandosi bofonchiava qualche improperio(mai arrendersi prima della fine!).Improvvisamente qualche indizio svela un progetto non ancora comprensibile...man mano la rete degli eventi cominciano ad assumere una forma più ordinata,cominci a pensare che forse un senso c'è,si cominciano a vedere [...] Vai alla recensione »

domenica 19 aprile 2009
grendel

Viene presentato come l'ennesimo movie comic,una spece di V per vendetta ma,la gente ,seduta sulle poltrone, ben presto si accorge che non è così.Il mormorio diventa sempre più insistente e ,la frase" e adesso cosa ci aspetta?" ,rimbalza per la sala.Il regista forse usa solo il suo retaggio cinematografico per raccontare a modo suo questa storia. Tutti i personaggi colegati fra loro, ognuno da una [...] Vai alla recensione »

mercoledì 13 maggio 2009
houssy

Franklyn è un viaggio, anzi un sogno. Una rara occasione di cavalcare liberamente là dove il tempo. la materia e lo spazio cessano di essere quello che sono e si mescolano a formare qualcosa di diverso. Franklyn è un labirinto, un giro sulle montagne russe della mente umana, parla di amore, di odio, di fede, di morte, di ricerca, di fantasia e ancora di amore.

venerdì 24 aprile 2009
andreyit

dal trailer poteva sembrare un film tipo wachmen ma non è cosi', la tematica mi è sembrata abbastanza innovativa si parla di demenza, mondi paralleli, a tratti guardando la pellicola ho rievocato le immagini di un altro film "donnie darko" dove quello che vedi comincia a darti l'impressione che non è tutto come sembra. il ritmo tranne qualche scena un pò più movimentata di combattimento (che non ho [...] Vai alla recensione »

lunedì 20 aprile 2009
MattB85

Un film semi-fantastico che gioca con la psichedelia. Questo è Franklyn che si presenta come un film molto diverso dal solito. Non è un capolavoro,e non pretende di esserlo,ed ha il pregio di saper narrare una storia fantastica senza rifarsi a "signori degli anelli" e altri prodotti di genere. Anzi quello che il film non ha è proprio un genere,visto che ne miscuglia diversi,sono due mondi che si scontrano. [...] Vai alla recensione »

domenica 26 aprile 2009
mipiaceilblu

Ho visto con piacere Matrix, V per vendetta, e altri film fanta-gotici. Dalle recensioni del pubblico che ho letto mi aspettavo quasi altrattanto: sapienza nella costruzione, una critica sociale sui generis, una sorta di morale della storia. Invece, che palle! Per capirci qualcosa nell'ultimo quarto d'ora-dieci minuti lo spettatore deve sorbirsi una serie di lambiccati spot cuciti insieme solo da un [...] Vai alla recensione »

sabato 5 settembre 2009
Edaal

Fin dai primi minuti il film si presenta come un composto di varie storie sovrapposte ed apparentemente distinte. A Menwhile City (Città di Mezzo nella versione italiana) John Priest deve farsi strada in un mondo oppresso dalle fedi e dal controllo del Potere, per vendicare una giovane bambina e uccidere il suo assassino: l'Individuo. A Londra Emilia è una giovane donna che cerca disperatamente di [...] Vai alla recensione »

sabato 9 maggio 2009
dario carta

La Fede,l'Amore,la Sofferenza,la Redenzione,l'eterno conflitto fra Bene e Male fanno di "Franklyn" una classica favola con pennellate di una magia che ammanta un contesto urbano di efficace potenzialità visiva. "Franklyn" indaga nei recessi delle vicende di quattro persone molto diverse,guidate da un Fato che armonizza le loro vite in scenari lontani fra loro ma che si rincorrono,chiamandosi in continuazio [...] Vai alla recensione »

sabato 1 maggio 2010
Benoit

Guardi la locandina del film e pensi: >!Guardi il primi 5 minuti e l'impressione iniziale permane; ma trascorsi questi ti rendi conto che il vigilante-scheletro Preest, che vaga nella visionaria "Città di Mezzo", agisce in un universo che recede. Un univero unico che coinvolge tutti gli altri personaggi del film: Emily, studentessa d'arte con tenedenze suicide e con un problematico rapporto con sua [...] Vai alla recensione »

venerdì 18 febbraio 2011
ultimoboyscout

Il film gioca principalmente sui continui salti da Londra oggi alla Città di mezzo, fantasiosa e ipotetica città gotico-futuristica buia come il Potere che la controlla, da un mondo reale a uno immaginario, oltrepassando la sottilissima linea che divide verità e finzione. E l'idea poteva essere buona anche se a conti fatti il risultato è poco convincente.

sabato 30 maggio 2009
Gus da Mosca

E' un film ch si presta a diverse letture. Ci si puo' fermare all'intreccio narrativo e scoprire un'ennesimo, originale soggetto frammentato, raccontato in ordine sparso, sottoponendo lo spettatore ad una dura prova di connessione ed immedesimazione col film. Considero questo meccanismo narrativo la parte piu' logora di questo film: troppi ormai i soggetti cinematografici basati sul ribaltamento e [...] Vai alla recensione »

martedì 5 maggio 2009
pietro berti

FRANKLYN : interpreti R. Filipp, Eva Green, regia G. McMorrow. G. Prist protagonista di questo thriller miscela tra action e psicoanalisi in una intrigante storia sospesa tra la capitale londinese e la futuristica Meanwhile City. Deciso a chiudere i conti con la sua nemesi il misterioso inglese The Individual, Jonathan nella sua caccia arriverà ben presto a legare il suo destino a quelli di Nilo, [...] Vai alla recensione »

martedì 21 aprile 2009
cerry85

Non è un brutto film, però non mi ha per niente entusiasmato! Mi aspettavo qualcosa di meglio, forse anche di diverso (il trailer è un pò fuorviante!), tipo universi paralleli o eroi mascherati stile V per Vendetta, invece non c'è niente di tutto questo. Infatti il genere attribuito al film non è fantascienza, thriller o azione, ma semplicemente drammatico! Nonostante tutto ritengo che sia un film [...] Vai alla recensione »

venerdì 20 maggio 2022
signorbagheri

Quattro personaggi, in cerca di autore o di un senso della vita, cercata senza sosta, nella morte inscenata tra estetismo parossistico e auto voyeurismo, nel figlio schizofrenico scomparso, nella fanciulla evanescente compagna di giochi e primo amore infantile, fino allo stravolgimento totale della realtà in una visione gotico onirica che trasforma Londra in una plumbea Gotham City, che si ricongiungono [...] Vai alla recensione »

venerdì 12 settembre 2014
GianlucaRinaldi

Preest è un vigilante mascherato in cerca di vendetta nella distopica e spettrale Meanwhile City. Milo è un ragazzo abbandonato dalla fidanzata poco prima del matrimonio. Emilia è una giovane e bella studentessa d'arte incline al suicidio. I percorsi di questi tre personaggi sono destinati a collidere con quello di Peter Esser, padre disperato in cerca del figlio tra le strade dell'odierna Londra. Vai alla recensione »

martedì 29 giugno 2010
Kyotrix

Film molto artistico e psicologico. La prima parte del film non succede nulla rendendolo noiosetto. Unica attrazione sono le varie storie parallele che vi confonderanno le idee cercando di farvi sforzare nel capire. Lentamente si intrecceranno per unirsi nel finale un po' troppo tirato via. La storia di Franklyn, quella apparentemente piu' complicata, alla fine e' quella meglio spiegata. [...] Vai alla recensione »

venerdì 24 aprile 2009
Mimmo_Fuggetti

Passiamo la nostra vita a cercare un antagonista, la vita è fatta di confronti, di scontri e talvolta di equivoci, destini, decisioni. Il debutto di McMorrow racchiude tematiche presenti nella nostra vita quotidiana come la schizzofrenia, la fede, il suicidio e la solitudine. In un mondo apparentemente lontano dal nostro si svolgono le vicende di Franklyn, un ragazzo senza fede e per questo ricercato [...] Vai alla recensione »

lunedì 27 aprile 2009
rerum

Questa è la prima volta che scrivo su mymovies. Per poter lasciare questa recensione ho dovuto effettuare una registrazione e dopodichè sono stato portato su una pagina che mi permetteva di inserire un titolo, dare un voto al film, e scrivere il mio commento. Al momento di assegnare da uno a cinque stelle al film, campeggia un messaggio lapidario: ATTENZIONE, NON ESPRIMERE VOTI SE NON HAI VISTO IL [...] Vai alla recensione »

giovedì 7 maggio 2009
eli85

Pensi di andare al cinema per vedere l'ennesimo super-eroe(magari da 4 soldi),e invece ti trovi davanti un capolavoro come Franklin. Ottima scelta dei tempi di narrazione e d'azione,il tutto intervallato da flashback spiazzanti,intrusi,semplicemente geniali. Mai soldi per il cinema potrebbero essere meglio spesi.Buona visione.

sabato 26 dicembre 2009
Andrea Evangelisti

mi ha fatto accapponare la pelle mai visto un film cosi ben realizzato nonostante il soggetto fosse difficilissimo!!!

giovedì 18 giugno 2009
Gus da Mosca

Provo a dare una chiave di lettura "immediata" del film, senza rovinare la sorpresa a chi non l'ha ancora visto. 3 matti-da-legare vanno in giro, ognuno con le sue matte fissazioni. Uno dei matti pensa di vivere in un'altro mondo e ce l'ha con tutti, aggressivamente, ma soprattutto ce l'ha a morte con una persona. Un'altra matta pensa solo a suicidarsi, anche se non lo fa mai fino in fondo per poi [...] Vai alla recensione »

domenica 17 maggio 2009
Dr.Beaker

Se in futuro volessimo parlare di film con un trailer assolutamente fuorviante potremo benissimo fare l'esempio di Franklyn. Franklyn si presenta(almeno dal trailer) come un film di supereroi dove in questo caso il nemico da combattere è la chiesa.No!Assolutamente no,il film non parla di questo o almeno ne parla solo in superficie,quando invece la storia è tutt'altro.

lunedì 10 agosto 2009
Kerrfal

E' indubbiamente vero: recensire un film così è difficile perchè non rientra nei canoni classici di "catalogo". Ma credo che la sua forza stia proprio in questo, l'originalità e la semplicità. Mi è piaciuto molto perchè l'ho trovato diverso dal solito e con delle sfumatore gotico-psicanalitiche brillanti. E' vero, all'inizio si fa fatica a seguire la trama e a comprendere dove il film stia "andando"; [...] Vai alla recensione »

lunedì 3 agosto 2009
diego

Chi si aspetta di vedere un super eroe dai poteri illimitati, sparatorie e inseguimenti mozzafiato...rimarrà deluso (per fortuna!). Bell'idea e bel film su ciò che può succedere quando la mente umana sfugge al nostro controllo e ci mostra un mondo diverso. Io lo consiglio, ma non ai ragazzini in cerca di una alternativa a x-men o superman

martedì 9 febbraio 2010
germi86

Due mondi paralleli(Londra e Città di Mezzo) che si uniscono dando una completa e chiara spiegazione di ciò che accade e chi sono realmente i personaggi.non era facile rendersi cosi' comprensibili in un film di questo genere,complimenti al regista che non è caduto in trappole da cui poi non ne sarebbe più uscito.

giovedì 6 agosto 2009
Brizione91

Io il film l'ho trovato davvero niente male. Non è per niente soporifero cm ha scritto qualcuno, visto ke per seguire il film devi stare attento tutto il tempo senza distrarti nemmeno un secondo. Inoltre il modo in cui si intrecciano le storie è davvero laborioso e ben organizzato...io farei i complimenti a Gerald Mcmorrow per il suo esordio!

sabato 25 aprile 2009
Dado1987

Il film si snoda con la storia di 3-4 giovani in due mondi "paralleli", con un plot decisamente scialbo e poco innovatvo. Paragonare Franklyn a Matrix mi sembra un insulto, gli attori sono mediamente bravi (anche se personalmente non mi va a genio Eva Green come attrice), il problema fondamentale di questo film è che è uscito con 10 anni di ritardo, non ha nulla di originale, basti vedere Soul Survivor, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 20 gennaio 2010
Roberta Gilmore

questo film mi ha ricordato a tratti "v per vendetta" (che, però, era di un livello nettamente migliore rispetto a questo) ed è riconducibile ad una tradizione di eroi (o forse sarebbe meglio dire anti-eroi) molto diversa da quella che il termine inteso nel suo significato standard suggerisce. il film mantiene viva la suspence fino alla fine e l'alternanza tra il mondo [...] Vai alla recensione »

venerdì 17 aprile 2009
The Joker

belllloooooooooooooo

mercoledì 6 marzo 2013
Liuk

Troppo surreale questo Franklyn, la visione è veramente difficile e poco attraente. La maggior parte degli spettatori verrà annoiata drammaticamente fino quasi al sonno, a qualcuno potrebbe anche piacere e interessare, ma non sono stato tra questi. Complessivamente è un prodotto veramente da dimenticare.

sabato 28 novembre 2009
simonk92

Bel film ambientato in due mondi diversi uno surreale e futuristico e uno reale. La particolarità del film è che se uno lo guarda, all'inizio non capisce molto ma col passare del tempo si scoprono degli indizi che servono a ricostruire la storia del film che alla fine risulta ben comprensibile. Da apprezzare il coraggio e l'idea del regista.

venerdì 28 agosto 2009
astromelia

la trama si capisce, basta non distrarsi, quello che rende difficile la visione di questi intrecci è lo sforzo mentale al quale quando si vuol guardare un film si vorrebbe far riposare,cmq non male come film

martedì 10 novembre 2009
coaster

Quattro stelle a questo film che lo ritengo da vedere assolutamente per quelli che amano le trame intrigate e psicotrope.. La città di mezzo ricorda un po gli ambienti di brazil con un tocco piu gotico/steampunk molto visionario l'ambiente la grigia londra è altrettanto spettrale.. i personaggi sono sviluppati magnificamente le visioni distorte,paranoie e problemi sono visti da un punto di [...] Vai alla recensione »

venerdì 10 giugno 2011
brucemyhero

Diciamo che inizialmente, si fatica notevomente a rimettere in piedi il puzzle. A capire quale connessione c'è tra la Terra di mezzo e il mondo normale, la città dove si svolgono gli eventi. Belle le ambientazioni gotiche di una (Londra?) visionaria, in cui il nostro 'eroe' si muove. Una miscela abbastanzxa riuscita tra dark e reality, dove tutto sembra essere sconnesso. [...] Vai alla recensione »

domenica 26 aprile 2009
marta rossi

film innovativo e molto particolare. all'inizio nn lo avevo capito molto ma verso la fine quando tutto diventava chiaro mi è piaciuto

martedì 5 maggio 2009
flyjana

io non ho capito niente... ma davvero... se qualcuno me lo volesse spiegare fotogramma x fotogramma...

giovedì 7 maggio 2009
warrior180

Deludende è dire poco, lento ancora meno. Per fortuna sono andato a vederlo con la promozione cin cin cinema e i 3 euro me li sarei spesi più volentieri per un gelato.

martedì 17 novembre 2009
Vittorio

Ma che film è?? Mi spiegate che significa?? Una storia del tutto inutile per un film fasullo ed inverosimile....

sabato 30 maggio 2009
emmekappa

non mi lascia molto positivo questo film. apprezzabile il tentativo del regista di creare questi due mondi paralleli ma mi è sembrato "confezionato" male. l'idea era buona ma si doveva far meglio...anche il finale è un po pasticciato.

mercoledì 15 luglio 2009
lucepuc

alla fine il film diventa plausibile, il resto e un po noioso

venerdì 3 luglio 2009
joker1372

Mammamia non capisco tutte le spiegazioni poetiche che si possono provare a dare a un film del genere! Uno dei pochi film in cui è consigliabile leggere la trama prima di vederlo, per capirci qualcosa!!! Arrivare agli ultimi minuti per aver tutte le risposte e spiegazioni mi può anche star bene, però dopo un'oretta di film piacevole, non di questo minestrone...

lunedì 11 maggio 2009
Aigor91

Pretenzioso, soddisfa i gusti solo di quelli che vogliono dire in giro di aver visto un film dai contenuti profondi ma che in verità non è altro che un polpettone che nei suoi pochi spunti originali sa di già visto e va avanti ad un ritmo decisamente soporifero...inoltre questo film ha la colpa non poco grave di spacciarsi per una tamarrata solo per attirare più spettatori; datemi pure dell'imbecille [...] Vai alla recensione »

domenica 16 agosto 2009
donato 1964

Film sconsigliato per la trama intrecciata e contorta.La trama e' mediocre come tutto il film che non lascia nulla allo spettatore che anche dopo essere uscito dal cinema e arrivato a casa si chiede ancora il significato del film.Complessivamente un film da evitare.Voto 4

domenica 19 aprile 2009
mauro B

sinceramente non mi è piaciuto per niente,l'ho trovato molto noioso e fatto male

mercoledì 3 giugno 2009
teo88_bambu

"Film" nel complesso davvero orribile!fino a metà film sembrano 2 film in uno puoi c'è un intreccio e si capisce che sono correlati!troppa differenza tra il mondo illusorio e quello reale..IN SOSTANZA HO PERSO UN'ORA E 27!! SCONSIGLIATISSIMO!!

giovedì 23 aprile 2009
saretta88

ragazzi giuro non ho mai visto un film così fatto male,senza storia..sembrano tutti pezzi messi insieme senza un significato logico.mi aspettavo un film diverso o almeno discreto. non è un horror,nè un thriller,nè d azione e tantomeno di fantascienza.è un film senza senso,incommentabile che nn ne vale veramente la pena!pessimo!

mercoledì 3 giugno 2009
teo88_bambu

"Film" nel complesso davvero orribile!fino a metà film sembrano 2 film in uno puoi c'è un intreccio e si capisce che sono correlati!troppa differenza tra il mondo illusorio e quello reale..IN SOSTANZA HO PERSO UN'ORA E 27!! SCONSIGLIATISSIMO!!

Frasi
"Se Dio non può sconfiggere il male allora non è onnipotente,
Se può sconfiggerlo e non vuole farlo allora Dio è malvagio,
Se invece non vuole e non può farlo allora perché chiamarlo Dio???"
Una frase di Preest (Ryan Phillippe)
dal film Franklyn - a cura di Dorian
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati